Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come entrare in una rete WiFi protetta

di

Da bravo appassionato di informatica quale sei, ami imparare cose sempre nuove e desideri cimentarti in sfide che possano accrescere la tua esperienza in questo campo. Ad esempio, adesso ti sei messo in testa di capire come fare per riuscire a “bucare” una rete WiFi in modo tale da poter accedere a quest’ultima anche se protetta con una password. Lo sai che non si fa, vero? Certo, io avrei anche qualche consiglio da darti su come fare per provare ad entrare in una rete WiFi protetta, ma devi promettere che li userai solo ed esclusivamente per scopi”didattici” e che la rete senza fili sulla quale andai ad agire sarà di tua proprietà o comunque di un tuo amico a conoscenza della cosa ed al quale hai chiesto il permesso per procedere. Come dici? Ci stai? Bene, allora prenditi qualche minuto di tempo libero e concentrati sulla lettura di questo tutorial.

Prima di spiegarti quali strumenti utilizzare e quali operazioni eseguire per provare ad entrare in una rete WiFi protetta ci tengo a farti presente una cosa. Purtroppo si, le reti WiFi possono ancora essere violate, questo è un dato di fatto, ma diversamente da quanto è possibile dedurre guardando film e serie TV non si tratta esattamente di un’operazione semplice e veloce, almeno non se la rete wireless di riferimento risulta adeguatamente protetta, vale a dire se alla rete è stata applicata una password particolarmente complessa e diversa da quella predefinita per il modem/router utilizzato e se viene impiegato un algoritmo di cifratura sicuro.

Chiarito ciò, se sei quindi effettivamente intenzionato a scoprire che cosa è possibile fare per provare ad entrare in una rete WiFi protetta ti suggerisco di prenderti una decina di minuti o poco più di tempo libero, di metterti ben comodo e di concentrati sulla lettura delle indicazioni che sto per fornirti. Non ti assicuro che alla fine avrai raggiunto il tuo obiettivo ma di certo potrai ritenerti più che soddisfatto per i tentativi eseguiti. Allora, pronto per cominciare? Si? Molto bene, rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare!

Attenzione: Entrare in una rete WiFi protetta senza esplicito consenso del legittimo proprietario della stessa va contro tutte le leggi sulla privacy e può far incorrere chi lo fa in pene molto severe. Io non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso improprio che potresti fare degli strumenti menzionati in questo post o delle istruzioni che trovi di seguito. 

Entrare in una rete WiFi protetta da computer

Se vuoi imparare come entrare in una rete WiFi protetta non posso che consigliarti di scaricare Kali Linux, una particolare distribuzione di Linux pensata per gli esperti di sicurezza informatica che, se usata ad arte, permette di accedere alle reti senza fili con password usate da chi si trova nelle vicinanze. Non è facilissima da usare (si deve fare quasi tutto da linea di comando) ma rappresenta, di fatto, uno dei pochi strumenti effettivamente in grado di attaccare le reti protette con algoritmi di cifratura avanzati.

Per provare questa distro speciale di Linux, clicca qui per collegarti al sito Internet di Kali Linux dopodiché clicca sulla voce Downloads che si trova in alto. Seleziona quindi la voce ISO collocata accanto alla dicitura Kali Linux 64 bit ISO oppure accanto alla dicitura Kali Linux 32 bit ISO e scarica l’immagine ISO del sistema operativo a 32 o 64 bit a seconda di quelle che sono le tue preferenze.

A download completato, masterizza l’immagine ISO di Kali Linux su un CD/DVD con un qualsiasi programma adatto allo scopo oppure trasferiscila su una chiavetta USB ed effettua il boot da quest’ultima. A tal proposito, se hai bisogno di consigli su come masterizzare file ISO ti consiglio di dare un’occhiata alla mia guida sull’argomento, mentre se non sai come copiare le distribuzioni Linux come Kali su una chiavetta USB puoi seguire la procedura che ti ho illustrato nel mio tutorial su come installare Ubuntu da USB. Per quanto concerne il boot, invece, puoi scoprire come impostare CD, DVD o chiavette USB come unità di avvio primarie sul tuo computer leggendo il mio post su come entrare nel BIOS.

Dopo aver inserito nel computer la chiavetta o il dischetto di Kali Linux, riavvia il sistema e scegli di avviare Kali selezionando la prima opzione disponibile nel menu di boot. Una volta comparso il desktop della distro, puoi trovare tutti gli strumenti da “hacker” per provare ad entrare in una rete WiFi protetta pigiando sul menu Applications collocato in alto a sinistra, selezionando Kali Linux e facendo poi clic su Wireless Attacks.

Kali Linux

Se invece desideri entrare in una rete WIFi protetta andando ad intervenire su una connessione senza fili alla quale ti sei già collegato in passato ma di cui non ricordi la password per effettuarvi l’accesso la procedura da seguire per riuscire “nell’impresa” è molto più semplice e le probabilità di poterti effettivamente collegare alla suddetta connessione sono decisamente più elevate.

A questo proposito, se utilizzi un PC Windows puoi provare ad entrare in una rete WiFi protetta con WirelessKeyView. Si tratta di un programma gratuito che non necessità di installazione e che una volta avviato permette di visualizzare tutte le password facenti riferimento alle reti wireless a cui si è collegato il computer e che risultano memorizzate in Windows.

Per entrare in una rete WiFi protetta con WirelessKeyView ti basta cliccare qui per collegarti al sito Internet del programma, cliccare sulla voce Download WirelessKeyView se utilizzi un sistema operativo a 32 bit oppure sulla voce Download WirelessKeyView for x64 se utilizzi un sistema operativo a 64 bit ed attendere che il download del software venga avviato e portato a termine.

A download completato apri, facendo doppio clic su di esso, l’archivio compresso appena ottenuto, estraine il contenuto in una cartella qualsiasi e fai doppio clic su WirelessKeyView.exe per far partire il software.

Nella finestra che a questo punto andrà ad aprirsi sul desktop troverai l’elenco di tutte le connessioni Wi-Fi memorizzate in Windows con relative chiavi WPA/WEP.

Screenshot di WirelessKeyView

Se invece utilizzi un Mac e ti interessa capire come fare per entrare in una rete WiFi protetta andando a recuperare la password della stessa alla quale sei già riuscito a collegarti almeno una volta dal tuo computer ti basta accedere a Accesso Portachiavi, l’app presente “di serie” su OS X che consente di visualizzare tutti i dati di accesso che sono stati salvati sul computer di casa Apple.

Per poter accedere subito a Accesso Portachiavi accedi al Launchpad, pigia sulla cartella Altro e poi fai clic su Accesso Portachiavi. In alternativa, puoi accedere rapidamente a Accesso Portachiavi anche richiamano Spotlight previo clic sulla lente di ingrandimento collocata nella parte in alto  destra della bara dei menu, digitando portachiavi nel campo dir ricerca visualizzato e facendo poi doppio clic sul primo risultato che ti viene mostrato.

Nella finestra che a questo punto andrà ad aprirsi fai clic sulla voce Sistema, collocata nella barra laterale di sinistra, e poi pigia sulla voce Password, annessa sempre nella barra laterale di sinistra nella sezione Categoria.

Adesso fai doppio clic sul nome della connessione di cui intendi scoprire la chiave di protezione, seleziona la scheda Attributi e apponi il segno di spunta accanto alla voce Mostra la password. Per finire, digita la password del tuo account utente su OS X e poi clicca sul pulsante OK. Una volta effettuati tutti questi passaggi la password della rete selezionata verrà visualizzata in chiaro nel campo Mostra la password.

Screenshot di OS X

Entrare in una rete WiFi protetta da smartphone e tablet

Se invece ti interessa capire che cosa bisogna fare per poter entrare in una rete WiFi protetta agendo da smartphone o tablet puoi ricorrere all’uso di alcune apposite app che sono in grado di calcolare le password predefinite dei router di molti provider Internet italiani. Questo significa che funzionano solo se l’utente non ha cambiato la password della propria rete wireless e solo con apparecchi non recentissimi (anche perché il loro scopo principale è testare la sicurezza delle reti, non comprometterla).

Se possiedi uno smartphone o un tablet Android e ti interessa provare ad entrare in una rete WiFi protetta puoi utilizzare WiFi Key Recovery. Quest’applicazione consente infatti di scovare le password di alcuni modelli di modem distribuiti da Telecom Italia e da Fastweb per i quali non è stata modificata la chiave d’accesso di default. Tieni però presente che per poter utilizzare questa applicazione è indispensabile che sul dispositivo in uso sia stato effettuato il root.

Puoi scaricare WiFi Key Recovery sotto forma di pacchetto APK cliccando qui direttamente dal tuo smartphone o tablet Android. In seguito, per poter installare l’app dovrai attivare il supporto alle origini sconosciute dalla sezione Sicurezza del menu Impostazioni del tuo device dopodiché dovrai procedere andando ad aprire il pacchetto APK dell’app con l’app per la gestione dei file disponibile di serie su Android e pigiare sul pulsante Installa.

Ad installazione completata potrai poi individuare la password di una specifica rete senza fili pigiando sull’icona di WiFi Key Recovery che è stata aggiunta alla schermata del dispositivo in cui sono raggruppate tutte le app disponibili, attendendo il rilevamento di tutte le connessioni disponibili e pigiando su quella di tuo interesse.

Screenshot di WiFi Key Recovery

Se invece possiedi un device iOS e ti interessa capire come fare per entrare in una rete WIFi protetta ti suggerisco di sfruttare l’app Modem-Pass. Si tratta di un’applicazione gratuita per iPhone e iPad che permette di svelare le password delle reti wireless dei modem meno recenti distribuiti da Telecom Italia e da Fastweb. Tieni presente che l’app è in grado di individuare la password di una connessione ad Internet solo ed esclusivamente nel caso in cui la chiave d’accesso originale alla rete senza fili non sia stata modificata.

Per scaricare Modem-Pass ti basta pigiare qui direttamente dal tuo iDevice per collegarti all’apposita sezione dell’App Store, fare tap sul pulsante Ottieni e poi su Installa. Attendi quindi che la procedura di download e quella di installazione dell’app vengano avviate e completate.

Successivamente, avvia Modem-Pass pigiando sulla sua icona che è stata aggiunta in home screen dopodiché digita, uno alla volta, i nomi delle reti di cui intendi trovare password WiFi protette e pigia sul pulsante Calcola. Entro qualche istante dovresti riuscire a visualizzare l’elenco delle possibili password.

Screenshot di Modem-Pass

Cosa fare per proteggere la propria rete WiFi

Se nello sfruttare uno o più degli strumenti per entrare in una rete WiFi protetta che ti ho suggerito in questa guida hai scoperto che la tua connessione wireless o quella dell’amico che hai utilizzato come “cavia” è facilmente rintracciabile, provvedi subito a sistemare la situazione prendendo in considerazione i seguenti suggerimenti.

  • Utilizzare l’algoritmo di cifratura WPA2-AES. In caso di problemi di connettività con alcuni dispositivi, è possibile adottare anche l’algoritmo WPA/WPA2 – TKIP/AES.
  • Utilizzare una password sicura, diversa da quella predefinita del modem/router utilizzato, lunga 12-16 caratteri e che non abbia un senso compiuto.
  • Cambiare la combinazione username/password necessaria ad accedere al pannello di gestione del modem/router.
  • Disattivare la funzione WPS (Wi-Fi Protected Setup) per il collegamento rapido di due dispositivi presenti all’interno della stessa rete wireless poiché presenta delle falle di sicurezza che potrebbero essere sfruttate da eventuali malintenzionati.

Come cambiare password WiFi

Per maggiori informazioni puoi consultare la mia guida su come come cambiare password Wi-Fi mediante cui ho provveduto a spiegarti il tutto in maniera estremamente dettagliata.