Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona Spotify

di

Hai mai sentito parlare di Spotify? Credo proprio di sì. Si tratta del servizio di musica in streaming più famoso al mondo che permette di accedere a migliaia di brani musicali (italiani e internazionali di qualsiasi epoca) da computer, smartphone e tablet senza dover acquistare singolarmente canzoni o album. Il tutto in maniera completamente legale, è bene sottolinearlo.

Spotify è disponibile per Windows, Mac OS X e tutte le principali piattaforme mobile. La sua versione di base è completamente gratuita, grazie al supporto delle pubblicità, ma per sfruttare appieno tutte le sue funzioni (e liberarsi delle interruzioni pubblicitarie) occorre sottoscrivere un abbonamento mensile che costa 9,99 euro.

Ti piacerebbe saperne di più? Ottimo, sono qui proprio per questo! Cominciamo a scoprire come funziona Spotify analizzando le principali differenze tra la versioni free e a pagamento del servizio.

  • Spotify Free – permette di ascoltare brani, album, radio e playlist senza limiti da PC e tablet, però la riproduzione viene interrotta di tanto in tanto da messaggi promozionali relativi a Spotify e da pubblicità vere e proprie. Su smartphone aumentano le limitazioni, nel senso che non si possono scegliere singoli brani o album da ascoltare ma bisogna accettare una riproduzione shuffle (casuale) di vari brani e se ne possono “saltare” solo 5 all’ora.
  • Spotify Premium – elimina tutte le pubblicità, le limitazioni di riproduzione su smartphone e consente di salvare le playlist offline su tutti i dispositivi. Inoltre abilita alla riproduzione dei brani in alta qualità (320 kbps).

I nuovi utenti possono attivare una prova gratuita di Spotify Premium della durata di 30 giorni, basta selezionare l’apposita voce presente nel programma e fornire gli estremi di un metodo di pagamento valido (carta di credito o PayPal). Inizialmente non viene addebitata alcuna cifra ma se si lascia trascorrere il periodo di prova senza disattivare il proprio abbonamento, come ovvio che sia, scatta il rinnovo automatico e quindi vengono prelevati 9,99 euro (che danno comunque diritto a ulteriori 30 giorni di servizio Premium).

Ti segnalo inoltre l’esistenza del piano Spotify Family che consente ai familiari degli utenti Spotify Premium di aprire un account Premium di Spotify con il 50% di sconto, fino a un massimo di cinque persone.

Come funziona Spotify su PC

Come funziona Spotify

Se vuoi provare Spotify installandolo sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Scarica Spotify. Nella pagina che si apre, scegli se creare il tuo account su Spotify in maniera tradizionale, cioè inserendo i tuoi dati nel modulo che si apre e fornendo il tuo indirizzo email, oppure se autenticarti tramite Facebook (premendo sull’apposito bottone). Io ti consiglio la seconda opzione, così potrai sfruttare appieno tutte le funzionalità social del servizio e condividere le canzoni che ascolti con gli amici di Facebook. In entrambi i casi ricordati di mettere il segno di spunta accanto alla voce Accetto Termini e condizioni e Informativa sulla privacy Spotify.

Una volta effettuato l’accesso via Facebook o creato un account su Spotify usando la propria email, parte automaticamente il download del software. Attendi dunque che lo scaricamento giunga al termine, apri il pacchetto d’installazione di Spotify (SpotifySetup.exe) e fai passare qualche secondo affinché il setup venga completato in maniera automatica (è necessaria una connessione a Internet attiva).

Quando compare la finestra per eseguire l’accesso a Spotify, fai click sul pulsante Accedi con Facebook se ti sei iscritto al servizio tramite il tuo profilo social oppure digita indirizzo email e password che hai scelto in precedenza. Bene, ora sei ufficialmente in Spotify!

Al suo avvio, il software ti domanderà se è la prima volta che utilizzi Spotify e se vuoi mostrare quello che ascolti su Facebook: imposta questa opzione in base alle tue preferenze (sapendo che potrai sempre tornare sui tuoi passi in qualunque momento) e premi il bottone È la prima volta che uso Spotify per accedere alla finestra principale del programma.

Ora analizziamo in breve l’interfaccia di Spotify per scoprire le sue funzionalità principali e prendere un po’ di confidenza con esse.

  • La barra di ricerca in alto a sinistra permette di trovare album, artisti, brani e playlist da riprodurre. Una volta comparsi i risultati della ricerca basta fare doppio click sul titolo di una canzone per riprodurla o selezionare il titolo di un album per visualizzare la tracklist completa.
  • La barra laterale di destra riguarda le attività dei propri amici di Facebook e delle persone che si è deciso di seguire su Spotify, mostra cioè la musica che stanno ascoltando al momento.
  • La barra laterale di sinistra contiene i collegamenti a tutte le sezioni di Spotify più le copertine degli album riprodotti. Le principali sezioni del programma sono queste.
    • Naviga – contiene una panoramica sulle playlist tematiche più interessanti del momento, l’elenco delle nuove uscite musicali e una serie di suggerimenti basati sui propri ascolti precedenti.
    • Attività – fornisce un quadro completo delle attività dei propri amici e dei consigli sulle persone da seguire su Spotify.
    • Radio – raccoglie le radio personalizzate che si possono creare in base ai propri artisti o brani preferiti (facendo click destro su di essi e selezionando l’apposita voce dal menu che si apre).
    • Più ascoltati – la classifica di brani e album più ascoltati su Spotify Italia e non solo (la nazione di riferimento si può cambiare dal menu collocato in alto a destra).
    • Cerca app – Spotify supporta l’installazione di piccole estensioni denominate app, le quali non sono altro che interfacce molto comode attraverso le quali scoprire e ascoltare nuova musica.
  • I controlli multimediali (play, pausa ecc.) sono collocati nella parte bassa dello schermo.
  • Il proprio nome in alto a destra, se cliccato, permette di gestire l’account di Spotify e di impostare una sessione di ascolto privata, permette cioè di nascondere temporaneamente i brani che si stanno ascoltando ai propri amici di Facebook.

È tutto molto intuitivo, insomma. Ti basterà qualche minuto di utilizzo per trovarti a tuo agio e acquisire padronanza di tutte le funzioni di Spotify, ti do solo un paio di “dritte”.

  • Se hai sottoscritto un abbonamento Premium e vuoi ascoltare la musica alla massima qualità possibile (320 kbps) vai nel menu Modifica > Preferenze dell’applicazione e apponi il segno di spunta accanto alla voce Streaming ad alta qualità. Attenzione però, questa preferenza comporta un consumo importante di banda da parte dell’applicazione, è consigliata solo se hai una connessione abbastanza veloce.
  • Se il tuo PC non ha un hard disk molto capiente, dalla schermata delle preferenze regola le impostazioni relative alla Cache mettendo la spunta su Usa al massimo e impostando un numero massimo di GB da dedicare alla cache di Spotify (i dati temporanei scaricati dal programma). Altrimenti il software occuperà fino al 10% dello spazio disponibile sul disco.

Per chiudere questo capitolo ti segnalo anche la versione Web di Spotify che permette di accedere alla propria musica anche sui computer su cui non è disponibile il client ufficiale, funziona su tutti i browser dotati del supporto a Flash Player.

Come funziona Spotify su smartphone e tablet

Come funziona Spotify

Spotify è disponibile per smartphone e tablet Android, iPhone/iPad e telefoni Windows Phone. Si può scaricare gratis su tutte le piattaforme ma naturalmente eroga le funzionalità in base al tipo di sottoscrizione attiva sul proprio account.

La sua interfaccia è molto simile a quella dell’applicazione desktop, quindi non c’è molto da spiegare. Per motivi di spazio su schermo cambia un po’ la disposizione dei menu ma ti assicuro che rimane tutto molto intuitivo: ad esempio pigiando sulla classica icona ad hamburger in alto a sinistra si apre il menu principale del servizio con le funzioni di ricerca, le radio e la sezione La tua musica che contiene le playlist e i preferiti.

Per attivare la sessione privata e nascondere momentaneamente i propri ascolti agli amici di Facebook occorre selezionare la voce Impostazioni dal menu laterale, recarsi su Social e impostare su ON la levetta dell’opzione Sessione privata.

Per attivare la riproduzione di una playlist offline (funzione disponibile solo per gli account Premium) bisogna invece selezionare il titolo della playlist dal menu La tua musica e impostare su ON la levetta dell’opzione Disponibile offline. Più facile di così?

Le app mobile di Spotify dispongono inoltre di una funzione che riconosce automaticamente le sessioni di ascolto attive e permette di continuarle in mobilità. Questo significa che puoi ascoltare una canzone sul PC, aprire Spotify sullo smartphone e continuare l’ascolto proprio da dove l’avevi lasciato.