Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ripristinare Windows 7

di

Hai lasciato il PC in mano a persone poco affidabili che hanno mandato quasi KO il tuo Windows 7? Ogni tanto ricevi dei messaggi di errore apparentemente senza senso? Non c’è altro tempo da perdere, devi assolutamente ripristinare il sistema operativo del tuo computer. Questo però non significa necessariamente che devi cancellare tutto e ricopiare sul PC i tuoi dati e i tuoi programmi ripartendo da zero. A seconda della “gravità” della situazione è infatti possibile ripristinare Windows 7 o facendo tornare il PC ad uno stato precedente oppure mettendo in atto una sana procedura di “reset”.

Come dici? La questione ti interessa ma non essendo molto pratico in fatto di informatica temi che le operazioni da compiere per poter ripristinare Windows 7 siano troppo difficili per te? Ma no, non hai assolutamente motivo di preoccuparti, davvero. Seguendo infatti le mie indicazioni su come ripristinare Windows 7 che sto per fornirti riuscirai ad avere un sistema operativo “nuovo”, finalmente stabile e senza errori, il tutto senza andare incontro a complicazioni.

Detto ciò, se sei realmente interessato a scoprire che cosa bisogna fare per poter ripristinare Windows 7 ti suggerisco di prenderti del tempo libero, di metterti ben comodo dinanzi al tuo computer e di concentrarti sulla lettura di questa guida. Sono sicuro che alla fine potrai dirti più che soddisfatto e che in caso di necessità sarai anche pronto e ben disponibile a spiegare ai tuoi amici bisognosi di ricevere una dritta analoga come fare. Scommettiamo?

Come ti dicevo, per poter ripristinare Windows 7 è possibile agire in due differenti modi. Un primo sistema consiste nell’utilizzare la funzione dei punti di ripristino, i quali permettono di riportare il sistema ad una data precedente lasciando inalterati i file dell’utente e andando a cancellare solo i software (o i driver) installati in una data successiva al punto di ripristino selezionato. Una seconda soluzione – un po’ più “drastica – consiste invece nell’effettuare la formattazione del computer e, in tal caso, i propri dati presenti sull’hard disk dello stesso vengono mantenuti ma il PC viene riportato allo stato di fabbrica.

La scelta di quale tra i due sistemi adottare spetta chiaramente solo e soltanto a te, in base a quelle che sono le tue esigenze ed in base allo stato in cui si trova il computer. Se però me lo permetti, personalmente ti suggerisco di provare sempre e comunque a ripristinare Windows 7 mediante punti di ripristino andando ad intervenire con la procedura di reset solo qualora le difficoltà riscontrate continuassero a persistere. Ad ogni modo non preoccuparti, provvederò a spiegarti come fare sia in un caso che nell’altro.

Nota: Prima di cominciare è sempre prudente creare una copia di sicurezza di tutti i dati più importanti. Riversali quindi su un hard disk esterno, una chiavetta USB o su DVD e mettiti all’opera seguendo le indicazioni che trovi qui sotto. Se non sai come fare puoi seguire le indicazioni che ti ho fornito nella mia guida su come eseguire un backup dei dati.

Ripristinare Windows 7 – Punti di ripristino

Se ti interessa capire che cosa fare per poter ripristinare Windows 7 tramite punti di ripristino il primo passo che devi compiere è quello di pigiare sul pulsante Start collocato sulla barra delle applicazioni, di digitare il termine ripristino nella barra di ricerca che ti viene mostrata e di fare clic sulla voce Ripristino configurazione di sistema che compare fra i risultati. Fatto ciò, si aprirà l’utility di ripristino e tu dovrai fare clic sul pulsante Avanti collocato in basso a destra e selezionare il punto di ripristino da utilizzare per “riparare” il computer.

Come ripristinare Windows 7

Puoi scegliere di ripristinare lo stato del computer al punto di ripristino immediatamente precedente a quello attuale, mantenendo selezionata l’opzione Ripristino consigliato, oppure di sfogliare tutti i punti di ripristino disponibile, mettendo il segno di spunta accanto alla voce Scegli un punto di ripristino diverso, cliccando sul pulsante Avanti. e scegliendo poi una data antecedente. Se pensi che il PC abbia cominciato a dare problemi in seguito all’installazione di un particolare programma o driver, seleziona la data immediatamente precedente all’installazione di quest’ultimo.

Una volta scelto il punto di ripristino desiderato, clicca sul pulsante Avanti e poi su Fine e il sistema si riavvierà per completare il processo di ripristino. La durata dell’operazione è abbastanza breve se scegli una data di ripristino recente (diciamo 10-15 minuti) mentre può durare molto di più se selezioni una data molto lontana nel tempo.

Come ripristinare Windows 7   

Al termine della procedura di ripristino ti ritroverai dinanzi il desktop di Windows 7 ed una finestra indicante il fatto che il ripristino ad uno stato precedente del sistema è stato effettuato.

Ripristinare Windows 7 – Formattazione

La procedura per ripristinare Windows 7 che ti ho indicato nelle precedenti righe non ha sortito l’effetto sperato? Beh, in tal caso È possibile ripristinare Windows 7 effettuando la procedura di formattazione vera e propria mediante il dischetto d’installazione del sistema operativo ma senza perdere i dati salvati sul computer.

In questo caso, il primo passo che devi compiere è accedere normalmente al sistema e inserire nel computer il disco d’installazione di Windows 7. Nella finestra dell’AutoPlay che compare, clicca prima sulla voce Esecuzione di setup.exe e poi su per avviare la procedura di installazione di Windows 7 dalla quale dovrai eseguire il ripristino del sistema. Se la finestra dell’AutoPlay non compare, pigia sul pulsante Start, clicca sulla voce Computer annessa al menu che ti viene mostrato e fai doppio clic sulla voce relativa al drive CD/DVD e avvia il programma setup.exe.

Quando si avvia la procedura guidata per l’installazione di Windows 7, clicca sul pulsante Installa e attendi che vengano copiati i file temporanei per l’installazione sul disco fisso del PC. Se sei connesso ad Internet, clicca quindi sul pulsante Accedi a Internet per scaricare i più recenti aggiornamenti per l’installazione per consentire a Windows di scaricare tutti gli aggiornamenti disponibili prima del ripristino del sistema, oppure clicca su Non scaricare i più recenti aggiornamenti per l’installazione per proseguire direttamente con l’installazione.

Adesso, seleziona l’edizione del sistema operativo che vuoi ripristinare, ossia quella che è già installata sul PC (es. Windows 7 Home Premium), e fai clic sul pulsante Avanti. Accetta quindi le condizioni di utilizzo del sistema, mettendo il segno di spunta accanto alla voce Accetto le condizioni di licenza, e clicca prima su Avanti e poi su Aggiornamento per copiare i file necessari al ripristino del sistema sul PC e riavviare il computer. Ci vorrà qualche minuto, quindi abbi pazienza.

Come ripristinare Windows 7

Alla nuova accensione del computer, non premere alcun tasto e attendi che si avvii automaticamente la procedura per ripristinare Windows 7. Attendi dunque che la procedura abbia fine (ancora qualche minuto di pazienza!) e che il computer si riavvii altre tre volte per consentirti di accedere alla configurazione iniziale del tuo “nuovo” Windows 7.

A PC riavviato, configura il sistema ripristinato attenendoti alla semplice procedura guidata che ti viene mostrata a schermo e facendo sempre clic su Avanti. Digita quindi il numero di serie che trovi stampato sulla confezione di vendita del dischetto di installazione di Windows 7, cliccando su Usa impostazioni consigliate e regolando le impostazioni relative a fuso orario e rete. Al termine della procedura, avrai un Windows 7 perfettamente funzionante con tutti i file e i programmi come li avevi lasciati. Contento?

Come ripristinare Windows 7

Se non disponi del disco d’installazione di Windows 7 ma sei stato così previdente da creare un’immagine del sistema su Windows quando il sistema operativo funzionava ancora bene, puoi tentare di ripristinare il tuo PC usando quella. Trovi tutte le indicazioni di cui hai bisogno nel mio tutorial su come effettuare backup Windows 7 dedicato proprio all’argomento.

Se invece non disponi del disco di installazione del sistema operativo e non hai neppure provveduto a crearne uno tu quando il computer era ancora “in forma smagliante” sappi che puoi comunque far fronte alla cosa sfruttando un’eventuale apposita funzionalità che potrebbe essere offerta dal produttore del tuo computer oppure mettendo in atto un semplice ma efficace escamotage grazie al quale è possibile ripristinare Windows 7 tramite una chiavetta USB. Se la cosa ti interessa puoi approfondire l’argomento consultando il mio tutorial su come ripristinare Windows 7 senza CD tramite cui ho provveduto a fornirti tutte le spiegazioni del caso.