Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per documenti

di

Hai appena scaricato un documento da Internet, ma non riesci ad aprirlo: il tuo smartphone non sembra proprio volerne sapere di leggerlo. Ti sei quindi fiondato su Google, alla ricerca di una soluzione al problema e sei finito qui, sul mio sito. È andata esattamente in questo modo, non è vero? Beh, allora sarai felice di sapere che sei arrivato nel posto giusto, al momento giusto!

Nel tutorial di oggi, infatti, ti spiegherò nel dettaglio quali sono le migliori app per documenti. In particolare, tratterò tutte le soluzioni del caso per quanto riguarda la gestione di documenti in formato Word o RTF e dei file PDF. All’interno della guida troverai, inoltre, delle indicazioni su come utilizzare le varie app e alcune suite in grado di aprire praticamente qualsiasi tipologia di documento. Insomma, sicuramente troverai quello di cui hai bisogno!

Coraggio: perché sei ancora lì fermo immobile davanti allo schermo? Vuoi trovare l’applicazione perfetta per gestire i tuoi documenti? Secondo me sì, dato che sei arrivato fin qui e stai leggendo con interesse questo tutorial. Allora ti consiglio di iniziare subito a leggere le istruzioni che trovi qui sotto e di provare a metterle in pratica. Detto questo, a me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon lavoro!

Indice

App per documenti Word

Se ti servono delle applicazioni per gestire i documenti di testo, sul Play Store di Android e sull’App Store di iOS/iPadOS troverai sicuramente tante soluzioni adatte a te: eccone alcune tra le più valide.

Microsoft Word (Android/iOS/iPadOS)

Microsoft Word

Parlando di app per documenti, non posso che iniziare da Microsoft Word: la versione mobile del celebre programma di elaborazione testi realizzato dal colosso di Redmond.

Per scaricare Microsoft Word sul tuo smartphone o tablet, ti basta semplicemente aprire il Play Store (se hai un dispositivo Android) oppure l’App Store (se disponi di un iPhone o un iPad), cercare "microsoft word" al suo interno e premere sull’icona dell’applicazione (una ‘W’ bianca su sfondo blu). Dopodiché, devi solamente premere sul pulsante Installa/Ottieni e, se usi iOS, verificare la tua identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

Se sei solito utilizzare Microsoft Word su PC, ti troverai velocemente a casa, visto che l’interfaccia dell’applicazione per dispositivi mobili, seppur diversa, è abbastanza affine a quella della controparte per computer. Su smartphone, nella parte bassa dell’editor troverai tutti i pulsanti per la formattazione del testo, dal grassetto al corsivo, passando per la sottolineatura. Per visualizzare anche gli altri strumenti, ti basta effettuare uno swipe verso destra; per accedere al menu di Word, invece, ti basta fare tap sull’icona dei tre puntini o della freccia: potrai così scegliere quale scheda visualizzare tra Home, Inserisci, Disegno, Layout, Revisione e Visualizza. Su tablet, invece, Word ha la classica interfaccia a schede che si trova anche su PC.

Per quanto riguarda l’apertura dei documenti scaricati, Microsoft Word supporta moltissime tipologie di file, dai classici .doc/docx fino ai .txt, passando per i .pdf. Insomma, stiamo parlando di una soluzione molto completa che probabilmente sarà in grado di soddisfare tutte le tue esigenze. Una volta scaricata l’app di Microsoft Word sul tuo smartphone, tutto quello che devi fare è premere su uno dei file supportati ed esso verrà aperto automaticamente nell’applicazione.

Qualora così non fosse, puoi selezionare il documento da aprire, quindi premere sul pulsante di condivisione e selezionare la voce relativa a Word dal menu che si apre.

L’applicazione è gratuita per tutti i dispositivi con dimensioni pari o inferiori a 10.1", altrimenti richiede un abbonamento a Office 365. Esistono diverse tipologie di abbonamento: Office 365 Personal (6,99 euro al mese, include una licenza di Microsoft Word da attivare su 1 PC o 1 Mac) e Office 365 Home (9,99 euro al mese, primo mese di prova gratuito, include 5 licenze Mac o PC).

Chiaramente, sottoscrivere questo abbonamento ti permette anche di ottenere le versioni complete di tutte le altre applicazioni del pacchetto Office 365. L’abbonamento consente altresì di accedere a funzioni aggiuntive di Word (ad esempio, la possibilità di inserire interruzioni di sezione) sui dispositivi su cui l’app è gratuita. Per tutti i dettagli del caso, ti invito a consultare la mia guida su come attivare Office 365.

Documenti Google (Android/iOS/iPadOS)

Documenti Google

Un’altra applicazione molto valida per gestire i propri documenti è Documenti Google. In parole povere, si tratta della controparte mobile della suite per la produttività online disponibile tramite browser, compatibile con tutti i formati di file per Word.

Se hai già utilizzato quest’ultima, ti troverai sicuramente a casa. Documenti Google è disponibile gratuitamente sia sul Play Store di Android che sull’App Store di iOS/iPadOS e non include alcun tipo di pubblicità o acquisti in-app.

Una volta avviata l’applicazione, dovrebbe esserti richiesto di eseguire il login con il tuo account Google: ti basterà dunque inserire indirizzo email e password e premere sul pulsante Avanti. In questo modo, Documenti Google ti consentirà di sincronizzare i documenti e accedere sul tuo dispositivo mobile a tutti i file che hai creato in precedenza via Web.

Per creare un nuovo documento, ti basta premere il pulsante + e troverai tutti i classici tasti. Premendo sull’icona dei tre puntini che si trova in alto a destra, puoi accedere alle impostazioni avanzate. Per farti degli esempi concreti, puoi attivare il correttore ortografico, conteggiare le parole e utilizzare lo strumento Trova e Sostituisci. Facendo tap sul pulsante + che si trova in alto a destra, puoi invece inserire link, immagini, tabelle e molto altro. Non manca poi il simbolo A, che permette di accedere a tutte le possibilità di formattazione del testo.

Essenzialmente, l’applicazione Google Documenti è l’esatta riproduzione della versione Web del servizio. Un’ottima soluzione che permette, tra le altre cose, anche di invitare una o più persone per la visualizzazione e la modifica simultanea del documento.

Una volta scaricato un documento, ti basta semplicemente premere su di esso per aprirlo in Documenti Google, se usi Android (qualora così non fosse, usa il menu che ti viene proposto per selezionare Documenti Google come app di destinazione). Su iOS/iPadOS, devi selezionare il documento da visualizzare, premere sull’icona della condivisione e scegliere Documenti Google dal menu che ti viene proposto.

Pages (iOS/iPadOS)

Pages

Pages è l’applicazione ufficiale di Apple per la gestione dei documenti. Essa è disponibile sia per iPad che per iPhone ed è preinstallata su tutti i dispositivi della "mela morsicata". In alternativa, può essere scaricata gratuitamente dall’App Store. Non contiene alcun tipo di annuncio pubblicitario o di acquisto in-app.

Una volta aperto un documento di testo in Pages, in alto troverai tutte le opzioni del caso. Premendo sull’icona del pennello accederai alle possibilità di formattazione del testo, dal grassetto al corsivo, passando per il font.

Facendo tap sull’icona + potrai, invece, aggiungere al tuo documento foto, video, audio e quant’altro. Non manca, poi, la possibilità di condividere il file con i propri collaboratori, in modo da modificarlo in più persone (ti basta premere sull’icona dell’account).

Infine, facendo tap sull’icona dei tre puntini presente in alto a destra potrai accedere alle impostazioni avanzate, che ti consentiranno, ad esempio, di esportare o stampare il documento.

Per aprire un documento in Pages, devi selezionarlo in File, Mail o altre app. In alternativa, puoi utilizzare il menu di condivisione di iOS/iPadOS e scegliere Pages come applicazione in cui aprire il file.

Per maggiori dettagli, ti consiglio di consultare il mio tutorial su come aprire file su Pages, in cui ti ho parlato anche della versione mobile dell’applicazione.

Altre app per documenti di testo

Polaris Office

Esistono ovviamente anche altre applicazioni per gestire i documenti di testo. Qui sotto puoi trovare una lista di quelle che ritengo più valide.

  • Polaris Office (Android/iOS/iPadOS): una delle migliori alternative alla suite di Microsoft. Include tutto quello di cui l’utente può aver bisogno, dalla gestione dei file doc/docx fino alla visualizzazione dei file PDF. L’app è gratuita, ma include annunci pubblicitari e acquisti in-app.
  • WPS Office (Android/iOS/iPadOS): un’altra suite molto apprezzata. Consente persino di scansionare i file PDF direttamente dalla fotocamera. L’applicazione è gratuita, ma ci sono annunci pubblicitari e acquisti in-app per sbloccare le funzioni più avanzate.
  • AndrOpen Office (Android): una trasposizione mobile di Apache OpenOffice, la celebre suite per la produttività gratuita e open source disponibile per computer. L’app è gratuita, ma include annunci pubblicitari.

App per documenti PDF

Come dici? Hai ricevuto un file PDF e non riesci proprio ad aprirlo? Nessun problema: ti dico subito quali sono le applicazioni più interessanti per gestire questa tipologia di documenti su smartphone e tablet.

Visualizzatore PDF di Google (Android)

Visualizzatore PDF di Google

Una delle applicazioni più utilizzate per visualizzare PDF su Android è quella ufficiale di Google. Essa è spesso preinstallata su molti smartphone, ma in caso non sia così puoi scaricarla gratuitamente dal Play Store. Visualizzatore PDF di Google non include alcun tipo di annuncio pubblicitario o di acquisto in-app.

Visualizzatore PDF di Google non dispone di un’icona di avvio vera e propria: semplicemente, i file PDF scaricati vengono aperti automaticamente con quest’applicazione quando l’utente preme su di essi (o, in alternativa, è possibile selezionare l’app dal menu che viene proposto automaticamente dal sistema operativo).

Le funzionalità offerte sono chiaramente quelle classiche offerte da qualsiasi lettore di file PDF che si rispetti: visualizzare file, copiare gli appunti, stampare, cercare nel testo e via discorrendo. Non ci sono quindi funzioni di editing avanzate, ma se ti serve solamente visualizzare i PDF non avrai alcun tipo di problema.

L’applicazione è molto semplice da utilizzare: nella parte superiore sono presenti il nome del file PDF che è stato aperto, l’icona della lente di ingrandimento (per effettuare una ricerca all’interno del testo, le ricorrenze della parola cercata vengono evidenziate in giallo) e l’icona dei tre puntini che consente di accedere alle impostazioni.

In particolare, le opzioni disponibili sono Invia file (per condividere un documento con altre persone), Apri con (per aprire il file con un’app di terze parti), Scarica, Stampa e Segnala un problema (per inviare un feedback al team di Google).

Libri (iOS/iPadOS)

Libri

Come dici? Possiedi un dispositivo Apple? Beh, in questo caso faresti bene a provare l’applicazione preinstallata Libri, che puoi trovare anche sull’App Store: si tratta di un’app completamente gratuita e senza alcun tipo di annuncio pubblicitario o acquisto in-app.

Libri supporta molteplici tipologie di formati di ebook e tra, questi, ci sono ovviamente anche i PDF. Da non sottovalutare la completa integrazione con il servizio iCloud: salvando un file PDF in quest’app, lo ritroverai sincronizzato automaticamente su tutti i dispositivi associati al tuo ID Apple (iPhone, iPad o Mac).

Per quanto riguarda l’apertura dei file, tutto quello che devi fare è individuare il PDF che vuoi visualizzare, selezionarlo, fare tap sull’icona della condivisione (il quadrato con la freccia all’interno), selezionare l’icona Altro e pigiare sulla voce Apri su Libri presente nel menu che si apre.

Una volta aperto un PDF in Libri, in alto a sinistra troverai l’icona della freccia: quest’ultima ti consente di condividere il file o stamparlo. Premendo, invece, sull’icona della lente d’ingrandimento puoi cercare del testo all’interno del PDF, mentre pigiando sull’icona del segnalibro potrai "salvare" la pagina a cui sei arrivato, in modo da riprendere la lettura dal punto esatto in cui l’avevi lasciata.

Adobe Acrobat Reader (Android/iOS/iPadOS)

Adobe Acrobat Reader

Se stai cercando una soluzione di terze parti che funzioni su tutte le piattaforme, ti consiglio vivamente di provare Adobe Acrobat Reader. Stiamo parlando di uno dei lettori di file PDF più famosi al mondo.

Se hai già utilizzato la sua controparte per computer, ti ritroverai sicuramente a casa. L’applicazione è disponibile gratuitamente sia sul Play Store di Android che sull’App Store di iOS/iPadOS, ma include degli acquisti in-app per sbloccare alcune funzionalità avanzate.

Adobe Acrobat Reader è perfettamente integrato con Dropbox. Questo permette di collegarsi in modo più rapido ai file salvati sulla nota piattaforma di cloud storage. Una volta aperta l’applicazione, ti basta premere sull’icona rossa della cartella (se usi Android) o sul menu a tendina che si trova in alto (se usi iOS/iPadOS), per aprire i file PDF salvati sul tuo dispositivo.

A PDF aperto, puoi fare tap sull’icona dei tre puntini per accedere ad alcune opzioni aggiuntive: Salva in Document Cloud (per salvare il file sul servizio offerto da Adobe), Stampa, Impostazioni (per scegliere alcune opzioni di visualizzazione del file) e Aiuto (per chiedere assistenza al team di Adobe).

Premendo sull’icona dei due fogli che si trova in basso a sinistra, puoi selezionare quale opzione di visualizzazione attivare: Continua (per visualizzare le pagina a scorrimento verticale), Pagina singola (per visualizzare le pagine a scorrimento orizzontale), Modalità di lettura (per aumentare la dimensione del carattere e rendere il documento più leggibile) e Modalità notte (per non affaticare gli occhi durante la lettura in condizioni di scarsa luminosità).

Per quanto riguarda l’inserimento delle note e l’evidenziazione del testo, ti basta semplicemente premere sull’icona del fumetto e della penna e selezionare una delle opzioni disponibili. Una volta terminate le modifiche, ricordati di premere sull’icona del segno di spunta o sull’opzione Salva.

Altre app per documenti PDF

ereader prestigio

Chiaramente, esistono anche altre applicazioni per leggere e modificare documenti PDF in mobilità: qui sotto puoi trovare alcune soluzioni che ritengo essere interessanti.

  • eReader Prestigio (Android): sei stanco dei soliti lettori PDF con interfacce grafiche tutte uguali? Be, allora eReader Prestigio potrebbe fare al caso tuo, visto che va a riporre i vari file in una sorta di "libreria digitale". L’applicazione è scaricabile gratuitamente, ma include annunci e acquisti in-app.
  • Foxit PDF (Android/iOS/iPadOS): una delle applicazioni più complete per gestire i PDF. Sì può fare di tutto, persino aggiungere annotazioni e timbri ai file. L’applicazione è scaricabile gratuitamente, ma per utilizzare alcune funzionalità avanzate (es. conversione dei PDF) bisogna acquistare la versione completa. Foxit PDF mette anche a disposizione una prova gratuita di 7 giorni.
  • PDF Reader di base (Android): applicazione apprezzata da molti utenti Android per via della sua leggerezza (pesa poco più di 2MB). È in grado di funzionare bene anche sui dispositivi più datati. L’applicazione è gratuita, ma include degli annunci pubblicitari.
  • PDF Expert (iOS/iPadOS): è una delle app di editing per i file PDF più completa che si possano scaricare su iOS/iPadOS. Include acquisti in app per accedere alle funzioni più avanzate.