Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Settimana del Black Friday
Scopri le migliori offerte dell'Amazon Black Friday. Vedi le offerte Amazon

App per parcheggio

di

Stai programmando una lunga vacanza in una città che non conosci e, intenzionato a fare un viaggio comodo, hai intenzione di raggiungere la tua meta in auto. Onde evitare di ricevere sgradite sorprese per il parcheggio, hai intenzione di giocare d’anticipo, scaricando qualche app che ti consenta innanzitutto di trovare spazi utili in cui posare la tua auto e, non da meno, di effettuare pagamenti anche in assenza di monete e/o parchimetri.

Le cose stanno esattamente in questo modo, vero? Allora sappi che ti trovi nel posto giusto, al momento giusto: nel corso di questo tutorial, infatti, ti presenterò alcune app per parcheggio che rispondono ai requisiti che stai cercando e che, nella maggior parte dei casi, possono essere utilizzate gratuitamente (escludendo, chiaramente, gli eventuali importi necessari per pagare i periodi di sosta).

Dunque, senza attendere un secondo in più, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da dirti: sono sicuro che, dopo un’attenta lettura di questo tutorial, sarai perfettamente in grado di scegliere la soluzione che più si adatta al tuo caso. Provare per credere!

Indice

App per parcheggio strisce blu

Non ami avere monete nel portafogli e, puntualmente, ti ritrovi in difficoltà ogni volta che è necessario pagare per parcheggiare nelle strisce blu? Allora credo proprio di poter venire in tuo soccorso: di seguito, mi accingo a segnalarti una serie di app che consentono di pagare per il parcheggio con carta di credito e/o conto PayPal, eliminando la necessità di rivolgersi al “classico” parchimetro.

EasyPark

App per parcheggio strisce blu

La prima app di questo tipo che ti consiglio di provare è EasyPark: si tratta di un servizio attivo in tantissime città italiane (la mappa completa è disponibile in questa pagina), oltre che in 10 altri Paesi europei, che consente di pagare il parcheggio senza dover utilizzare parchimetri, tagliandi gratta-e-sosta o altri metodi di pagamento in contanti, con la possibilità di prolungare la sosta, laddove il tempo a disposizione fosse in esaurimento. L’app è gratuita ed è disponibile per Android e iOS/iPadOS.

Per poter iniziare a utilizzare EasyPark, dopo averne scaricato l’app, è necessario creare un account gratuito sul portale del servizio: per farlo, inserisci il tuo numero di cellulare nell’apposito campo e fai tap sul pulsante a forma di freccia collocato in basso; in seguito, fai tap sul pulsante Completa la registrazione situato in alto e apponi il segno di spunta accanto alla voce Continuando accetti i Termini e Condizioni EasyPark e la Politica sulla riservatezza EasyPark.

A questo punto, tocca nuovamente il pulsante a forma di freccia e, quando richiesto, immetti la targa del veicolo con il quale intendi sostare, per poi premere nuovamente sul summenzionato pulsante. In seguito, imposta il metodo di pagamento che preferisci di più, scegliendo tra carta di credito e PayPal e segui le istruzioni che ti vengono fornite per concludere la registrazione al servizio.

Finalmente sei pronto a utilizzare l’app! Nella schermata principale, se necessario, fai tap sul pulsante della localizzazione (in basso a destra), per consentire all’app di rilevare la tua posizione attuale, concedi i permessi d’accesso ai servizi di localizzazione (se necessario), quindi fai tap sul pulsante Sono pronto, seleziona l’area di sosta nella quale ti trovi e tocca il pulsante (P) collocato in basso, per procedere con il pagamento del parcheggio.

In alternativa, se non riesci a individuare il parcheggio sulla mappa ma conosci il codice dell’area di sosta, puoi inserire quest’ultimo manualmente, all’interno del campo situato nell’angolo in alto a destra dell’app.

Per iniziare la tua sosta, ruota il disco orario visualizzato a schermo fino a raggiungere l’ora desiderata, tocca il pulsante Inizia sosta e finalizza il pagamento del parcheggio utilizzando le istruzioni che ti vengono proposte.

Tengo a segnalarti che, in alcune aree, è necessario esporre una nota scritta indicante l’avvenuto pagamento del parcheggio tramite EasyPark: ti consiglio, in tal caso, di annotare su un foglio i dati del tagliando EasyPark che ti vengono mostrati al termine della transazione. Per approfondire ulteriormente questo argomento, ti rimando alla lettura della mia guida su come funziona EasyPark.

myCicero

App per parcheggio

Altra ottima app dedicata al pagamento dei parcheggi su strisce blu è myCicero che, oltre a consentire il pagamento del parcheggio senza la necessità di usare contante, permette di programmare i propri spostamenti pianificando viaggi con metro, bus e altri mezzi pubblici. L’app è disponibile per Android e iOS/iPadOS e il relativo servizio è attivo in oltre 100 città italiane (la lista dei luoghi abilitati al pagamento è consultabile da questa pagina).

Una volta effettuato il download dell’app, è necessario creare un account gratuito per accedere al servizio: dopo aver avviato myCicero, attiva la levetta corrispondente alla voce Ho letto le condizioni d’utilizzo, tocca il pulsante Inizia e, per indicare la volontà di creare un nuovo profilo, fai tap sulla voce Iscriviti come nuovo utente.

In seguito, compila i campi proposti con le informazioni necessarie (nomecognomenumero di cellulareemail password), accetta le condizioni d’uso del servizio intervenendo sull’apposita levetta e, quando sei pronto, tocca il pulsante Procedi, per ricevere, tramite SMS, il codice di attivazione da inserire nell’apposito campo.

A registrazione completata, devi inserire la targa del tuo veicolo ed effettuare la ricarica del credito per il pagamento del parcheggio: a tal proposito, fai tap sul pulsante a forma di omino collocato in alto a destra, tocca la voce Gestione targhe, inserisci la targa del veicolo nell’apposito campo e, se lo desideri, specifica una breve descrizione dello stesso.

Quando hai finito, tocca il pulsante Conferma e provvedi alla stampa del talloncino che ti verrà inviato tramite email, che ti invito a esporre sul veicolo per facilitare le opzioni di verifica.

Per ricaricare il credito, tocca nuovamente il pulsante a forma di omino, seleziona la voce Ricarica credito e, dopo aver selezionato l’importo da aggiungere al portafogli virtuale, scegli un metodo di pagamento valido (carta di credito, masterpass, PayPal, Sisal Pay SatisPay) e inserisci i dati richiesti.

Completata la configurazione di account e veicolo, sei finalmente pronto a utilizzare myCicero: fai tap sul pulsante Sosta e ZTL, per accedere alla sezione dedicata ai pagamenti, tocca la voce Strisce blu e, quando richiesto, consenti all’app di accedere alla tua posizione, per visualizzare direttamente il parcheggio in cui ti trovi.

Laddove l’informazione non dovesse essere esatta, fai tap sull’opzione Elenco e scegli la città e il parcheggio in cui ti accingi a sostare. Fatta la tua scelta, verifica che la targa sia corretta, immetti l’orario di fine sosta e, dopo aver controllato i dati inseriti, tocca il pulsante Conferma inizio sosta per pagare il parcheggio.

Altre app per parcheggio strisce blu

Altre app per parcheggio strisce blu

Se, per un motivo o per un altro, le app che ti ho segnalato finora non dovessero essere per te funzionali, ti interesserà sapere che esistono numerosi altri servizi di questo tipo, accessibili comodamente dal proprio smartphone o tablet. Di seguito te ne segnalo alcuni.

  • Telepass Pay (Android/iOS/iPadOS) – è l’app ufficiale di Telepass, che consente di pagare la sosta su strisce blu (oltre che il carburante e diversi altri servizi) da smartphone e tablet, addebitandone gli importi sul proprio conto Telepass Pay. È gratuita.
  • ParkAppy (Android/iOS/iPadOS) – si tratta di un’app che consente il pagamento della sosta su strisce blu a Roma, Torino e Bologna. È gratuita.
  • Phonzie (Android/iOS/iPadOS) – è un’app che nasce come guida a negozi e sconti promozionali, che offre la possibilità di pagare il parcheggio e acquistare i biglietti per i mezzi pubblici. È gratuita.

Se ti interessa conoscere altre app adatte al pagamento dei parcheggi nelle strisce blu, ti rimando alla lettura della mia guida specifica sull’argomento.

App per parcheggio disabili

Trovare parcheggi privi di barriere architettoniche e facilmente accessibili alle persone diversamente abili, alle volte, può non essere facile, specie se non ci si trova nella propria città di residenza. In questa sezione del tutorial, cercherò quindi di trovare una soluzione al tuo problema, proponendoti alcune app progettate proprio per questo scopo e scaricabili gratuitamente dagli store di Android e iOS/iPadOS.

WheelMate

App per parcheggio disabili

La prima app di questo tipo che ti consiglio di provare è WheelMate: disponibile per Android e iOS/iPadOS, essa consente di trovare, con estrema facilità, parcheggi e bagni pubblici privi di barriere architettoniche. Attualmente, WheelMate conta oltre 35.000 luoghi in 45 Paesi (Italia inclusa), che vengono aggiornati giornalmente grazie al contributo degli utenti da tutto il mondo.

Mi stai chiedendo come usare WheelMate? Benissimo, te lo spiego subito. Dopo aver scaricato l’app, avviala e autorizza l’accesso alla posizione, rispondendo affermativamente ai messaggi d’avviso che ti vengono proposti. A questo punto, non ti resta che individuare sulla mappa le aree di sosta senza barriere (sono contrassegnate dall’icona (P)) e fare tap su quella di tuo interesse, per visualizzarne i dettagli.

Qualora la posizione sulla mappa dovesse essere errata, fai tap sul pulsante a forma di mirino (a destra), per effettuare una nuova localizzazione. Se lo desideri, inoltre, puoi avviare la navigazione diretta verso il parcheggio scelto (tramite Google Maps, su Android, o Mappe di Apple, su iOS/iPadOS), toccando il pulsante Get Directions. Facile, no?

Parkopedia

App per parcheggio disabili

Sebbene Parkopedia non sia un’app espressamente dedicata alle persone diversamente abili, essa può essere utilizzata per localizzare parcheggi privi di barriere architettoniche e accessibili, dunque, da tutti. L’app di Parkopedia può essere utilizzata gratuitamente, non richiede registrazione alcuna ed è disponibile per Android e iOS/iPadOS.

Dopo averla installata e avviata, consenti l’accesso ai servizi di localizzazione del dispositivo e, in seguito, fai tap sulla voce Posizione attuale, per visualizzare i parcheggi più vicini. In alternativa, puoi utilizzare il pulsante Città, luogo o codice postale per visualizzare i parcheggi disponibili in un dato luogo (utile, per esempio, se stai pianificando un viaggio).

Ora, per visualizzare i soli parcheggi per disabili, fai tap sul pulsante situato accanto al luogo impostato per la visualizzazione (ad es. Posizione attuale) e, avvalendoti del menu che ti viene proposto, seleziona il tipo di parcheggio di tuo interesse (ad es. garagein strada privato) e apponi il segno di spunta accanto alla voce Posti disabili.

Una volta identificato il parcheggio più vicino alla tua posizione, fai tap sul suo “cartello” (che in genere ne indica il costo), per visualizzarne i dettagli. Se ti interessa ottenere le indicazioni per raggiungere il luogo, fai tap sul pulsante a forma di rombo con la freccia: in tal modo, sarà avviata l’app di navigazione installata sul dispositivo (Google Maps o Mappe di Apple), con preimpostate le posizioni di partenza e di destinazione.

Altre app per parcheggio

Altre app per parcheggio

Quelle che ti ho elencato finora sono, a mio avviso, le migliori app per parcheggio al momento disponibili, ma non sono le uniche. Esistono infatti altre applicazioni di questo tipo, utilizzabili per scopi differenti, come per esempio per cercare parcheggi liberi e gratuiti nelle vicinanze, oppure per ritrovare la propria auto all’interno di un parcheggio. Di seguito te ne elenco alcune.

  • Parcheggio gratuito (Android) – è un’app che, grazie alle segnalazioni degli utenti, indica quali sono i parcheggi gratuiti (e a pagamento) nelle più importanti città italiane. È gratuita.
  • Parkopedia (Android/iOS/iPadOS) – è la medesima app di cui ti ho parlato in precedenza che, al bisogno, può essere utilizzata per individuare i parcheggi più vicini alla propria posizione. Di base è un’app gratuita, ma è possibile usufruire di alcune funzionalità extra acquistandone la versione a pagamento (costa 5,49€).
  • Google Maps (Android/iOS/iPadOS) – si tratta dell’app di navigazione di Google, che può essere utilizzata non soltanto per individuare parcheggi presenti nelle vicinanze, ma anche per “ricordare” la posizione esatta in cui si posteggia la propria auto. È gratuita.

Come dici? Sei abbastanza soddisfatto delle app che ti ho elencato, ma vorresti provarne ancora altre? In tal caso, potrebbe tornarti utile la mia guida dedicata alle app per trovare parcheggio: sono sicuro che non te ne pentirai!