Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come attivare la Posta Elettronica Certificata

di

Tra i più frequenti dubbi relativi alla tecnologia e all’utilizzo dei più famosi servizi Web vi sono quelli legati al funzionamento e all’attivazione della Posta Elettronica Certificata. È un argomento molto importante ed è quindi mia assoluta premura chiarire tutti i punti più ostici. Lo farò proprio in questa mia guida dove ti parlerò nel dettaglio di come sia possibile attivare la posta elettronica certificata ad un costo veramente irrisorio.

Sì, perché, devi sapere, la posta elettronica certificata, chiamata più comunemente PEC, non è gratis. Per attivare la PEC bisogna infatti acquistare il servizio di posta certificata da alcune aziende specializzate nella fornitura di servizi Web. Il costo è però piuttosto contenuto, si parla di 5/10 euro all’anno all’incirca e si tratta comunque di un abbonamento che, solitamente, non prevede vincoli contrattuali: ciò significa che se non si desidera più utilizzare la PEC è possibile interrompere il pagamento in qualsiasi momento e disdire il rinnovo per il mese di fatturazione successivo.

Queste premesse iniziali ti hanno incuriosito e ora non vedi l’ora di saperne di più sul funzionamento e sulla possibilità di attivare una casella PEC? D’accordo allora procediamo per punti ed entriamo nel vivo di quest’argomento. Ti consiglio di prenderti qualche minuto di tempo libero per leggere con calma questa mia guida; chiariremo assieme tutti i principali dubbi riguardanti il funzionamento di una PEC. Pronto per iniziare? Sì? Benissimo! Non mi resta che augurarti una buona lettura.

Che cos’è la Posta Elettronica Certificata

Chiamata più comunemente PEC, la Posta Elettronica Certificata è un servizio di Webmail che permette di inviare email certificate tramite Internet. A differenza degli altri servizi di Webmail più famosi, come per esempio Gmail o Outlook, ad esempio, la PEC si utilizza per l’invio di email con valenza legale. Le email inviate a un indirizzo PEC, tramite un indirizzo PEC, infatti, sono certificate e questo significa che hanno la stessa valenza legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

La Posta Elettronica Certificata è quindi uno strumento per l’invio e la ricezione delle email, ma si differenzia proprio per la sua integrazione di uno strumento che certifica queste comunicazioni elettroniche. Essere in possesso di una PEC ed utilizzarla per l’invio di questo tipo di email può rivelarsi quindi necessario, se per esempio bisogna inviare comunicazioni ufficiali.

Bisogna a questo punto fare una precisazione: la PEC non è obbligatoria per tutti i privati cittadini. L’obbligo di possedere un indirizzo di Posta Elettronica Certificata è infatti presente soltanto per le imprese, per i professionisti, per le ditte individuali e per le pubbliche amministrazioni.

Quest’obbligo appena citato è attivo da giugno 2013. Tutti coloro che si trovano nelle categorie appena indicate devono obbligatoriamente comunicare al Registro delle Imprese il loro indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Per quanto riguarda invece tutti i privati cittadini, come appena detto, non è obbligatorio il possesso di una PEC. Mi sento però di consigliare l’acquisto di un indirizzo PEC a chi necessita di inviare spesso raccomandate o comunicazioni ufficiali. La PEC è un’ottima alternativa per chi ha bisogno di comunicare in via ufficiale con gli enti pubblici.

Parlando più nel dettaglio del funzionamento della PEC, ci tengo a fare una rassicurazione: utilizzare la PEC non è per niente difficile; basta mettersi un po’ di impegno e si potrà imparare in poco tempo.

Non a caso, a livello di interfaccia utente, la PEC è molto simile agli altri servizi di Webmail. Sì, perché non bisogna installare alcun tipo software dedicato alla PEC per utilizzare questo tipo di email con valenza legale.

La PEC non è altro che un indirizzo di posta elettronica e, come tale, può essere utilizzato via Web. Solitamente, infatti, le aziende che fornisco la PEC indicano anche l’indirizzo Internet al quale è possibile recarti per utilizzare la PEC.

In alternativa, chi utilizza la posta elettronica in un client desktop, può configurare l’utilizzo della PEC nello stesso software. La PEC si configura con i tradizionali protocolli POP e IMAP: in questo modo si potranno ricevere e inviare email sfruttando il client che solitamente si usa per la posta tradizionale. Non bisogna dimenticare la possibilità di utilizzare la PEC su Android e iOS; alcune aziende di servizi offrono l’applicazione dedicata.

Per ultimo bisogna parlare del funzionamento pratico della PEC: la differenza con un’email tradizionale sta nel sistema di invio e ricezione di email convalidate. Dopo aver inviato un’email all’indirizzo PEC del destinatario, si riceveranno automaticamente due notifiche (assegnazione e consegna). La prima attesta l’avvenuta spedizione al destinatario, mentre la seconda certifica che l’email è stata recapitata al destinatario.

Come attivare la Posta Elettronica Certificata

Come spiegato in precedenza, la Posta Elettronica Certificata non è gratuita. Fino a qualche tempo fa esisteva il servizio Posta Certificat@ che permetteva di ottenere un indirizzo PEC gratuitamente per l’invio di email verificate agli enti della Pubblica Amministrazione. Il servizio in questione non è più attivo dal 2014; ciò significa che, ad oggi, per ottenere un indirizzo PEC bisogna pagare un abbonamento.

Il costo è comunque molto accessibile: solitamente le aziende di servizi vendono un indirizzo PEC al prezzo di 5/10 euro all’anno. Alcuni offrono anche l’utilizzo della PEC gratuitamente ma soltanto per un breve periodi di prova.

Qui di seguito ti indico le più famose aziende che forniscono l’acquisto di un’email PEC a prezzi contenuti.

PEC LegalMail

La PEC LegalMail è fornita dall’azienda InfoCert; si tratta di un servizio pensato appositamente per professionisti e aziende. I prezzi per l’acquisto della PEC sono più alti rispetto alla concorrenza ma soltanto perché si tratta di un servizio che ha come target le imprese.

La PEC LegalMail è utilizzabile gratuitamente per un periodo di prova con la durata di 6 mesi. I prezzi della PEC sono i seguenti:

  • PEC Bronze: 25 euro all’anno + IVA. Incluso nel prezzo vi è una casella PEC da 5 GB, accessibile anche da mobile.
  • PEC Silver: 39 euro all’anno + IVA. Incluso nel prezzo vi è una casella PEC da 8 GB, accessibile anche da smartphone e tablet.
  • PEC Gold: 75 euro all’anno + IVA. Incluso nel prezzo vi è una casella PEC da 15 GB. È accessibile anche da dispositivi mobili quali smartphone e tablet.

Per attivare una casella PEC da LegailMail, dovrai per prima cosa acquistarla recandoti sul suo sito Internet ufficiale.

Poste Italiane

Pensata sia per le esigenze dei privati che per quelle delle aziende, Poste Italiane offre un ottimo servizio di PEC con prezzi davvero accessibili.

I piani tariffari che è possibile sottoscrivere per attivare una PEC di Poste Italiane sono i seguenti:

  • PEC Base per privati: 5,50 euro + IVA all’anno. Si ottiene una casella PEC con spazio d’archiviazione da 100MB. Vi è però la limitazione relativa all’invio di soltanto 200 email giornaliere. La PEC acquistata può essere utilizzata per un periodo di tempo compreso tra tra 1 e 3 anni.
  • PEC Base Business: pensata per le aziende, questo piano permette di ottenere minimo 5 caselle PEC da 1GB di spazio ciascuno. Anche in questo caso vi è la limitazione di invio di 200 email al giorno. Le caselle PEC acquistate possono durare per 3 anni.
  • PEC Avanzata Business: sempre rivolto alle aziende, quest’abbonamento permette l’acquisto di minimo 5 caselle PEC, ognuna con 1GB di spazio. Il numero massimo di email inviabili giornalmente è di 200. A differenza del precedente piano, questo ti permette di ottenere il servizio di conservazione sostitutiva per tutti gli avvisi e le ricevute PEC. Le caselle PEC acquistate possono durare per un periodo di tempo compreso tra 1 a 3 anni.

I prezzi per le caselle PEC Business saranno comunicati privatamente alle aziende che ne faranno richiesta. Per l’attivazione della Base per privati bisogna recarsi sul sito Internet ufficiale di Poste Italiane ed effettuare l’acquisto.

Aruba

Azienda nota sul Web per i suoi servizi di hosting, Aruba offre l’acquisto di una casella PEC con prezzi altrettanto accessibili per i privati e per le aziende. I piani tariffari sottoscrivibili per l’attivazione della PEC sono i seguenti:

  • PEC Standard: 5 euro + IVA all’anno. La casella PEC acquistata avrà spazio da 1GB ed è accessibile anche da smartphone e tablet tramite l’app Aruba PEC Mobile, scaricabile gratuitamente per i dispositivi Android e iOS.
  • PEC Pro: 25 euro + IVA all’anno. La casella PEC acquistata potrà avere uno spazio d’archiviazione da 2GB e in più vi sono offerti 3GB come archivio. Il servizio di PEC offerto da Aruba è utilizzabile anche tramite smartphone e tablet.
  • PEC Premium: 40 euro + IVA all’anno. In questo caso si acquista una casella PEC da 2GB e 8GB di spazio per l’archiviazione. Tutti i piani tariffari offerti da Aruba includono l’utilizzo della PEC da mobile tramite l’app per Android e iOS.

Se desideri attivare una casella PEC usufruendo del servizio offerto da Aruba, devi recarti sul suo sito Internet ufficiale e acquistare il piano tariffario che più rispecchia le tue esigenze.

Tnotice

Un servizio alternativo altrettanto valido che mi sento di consigliarti è quello offerto da Tnotice. Si tratta della possibilità di registrarsi gratuitamente per poter utilizzare un sistema di Webmail che permette l’invio di una raccomandata in forma elettronica.

Questo servizio, dal funzionamento simile ad una PEC, ha pieno valore legale; inoltre, al contrario di una PEC (che richiede la sottoscrizione di un canone annuale), Tnotice permette di pagare singolarmente le email inviate. Il prezzo di un’email certificata inviata tramite questo servizio è di 1,50 euro, indipendentemente dagli allegati inviati.

Registrandosi tramite il suo sito Internet ufficiale è possibile provare il servizio: la prima email invita è gratuita. Per quanto riguarda le certificazioni, inviando un’email ad un indirizzo PEC tramite questo servizio, tNotice certificherà data e ora dell’invio, la ricezione, la firma che attesta la ricevuta e anche il contenuto della comunicazione. Ritengo quindi sia un ottimo servizio da utilizzare al bisogno.