Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come entrare in una rete WiFi protetta

di

Da bravo appassionato di informatica quale sei, ami imparare cose sempre nuove e desideri cimentarti in sfide che possano accrescere la tua esperienza in tale campo. Ad esempio, adesso ti sei messo in testa di capire come entrare in una rete WiFi protetta, così da poter aggirare l'eventuale password impostata. Lo sai che non si fa, vero? Certo, io avrei anche dei consigli da darti, ma devi promettere che li userai solo per scopi “didattici” e che la rete senza fili sulla quale andrai ad agire è di tua proprietà o comunque di un tuo amico a conoscenza di tutto e al quale hai chiesto il permesso per procedere. Come dici? Ci stai? Bene, allora prenditi qualche minuto di tempo libero e concentrati sulla lettura di questo tutorial.

Prima di spiegarti quali strumenti utilizzare e quali istruzioni seguire per compiere l'operazione di tuo interesse, è però mio dovere farti presente una cosa: purtroppo le reti Wi-Fi possono ancora essere violate, questo è un dato di fatto, ma diversamente da quanto deducibile guardando film e serie TV non è così semplice e veloce, almeno non se il network di riferimento risulta adeguatamente protetto, vale a dire se ad esso è stata applicata una password particolarmente complessa e diversa da quella predefinita per il modem/router utilizzato e se viene impiegato un algoritmo di cifratura sicuro. Chiarito ciò, se vuoi saperne di più prosegui anche nella lettura.

ATTENZIONE: accedere a una rete Wi-Fi protetta senza esplicito consenso del legittimo proprietario della stessa va contro tutte le leggi sulla privacy e può fare incorrere chi lo fa in pene molto severe. Io non mi assumo alcuna responsabilità circa l'uso improprio che potresti fare degli strumenti e delle istruzioni menzionati in questo tutorial a puro scopo informativo.

Indice

Come entrare in una rete WiFi protetta da computer

Se quello che ti interessa fare è capire come entrare in una rete WiFi protetta agendo da computer, le indicazioni da prendere in considerazione sono quelle riportate qui sotto.

Entrare in una rete WiFi protetta da Kali Linux

Come hackerare password WiFi

Quando si parla di come entrare in una rete WiFi protette è praticamente d'obbligo citare Kali Linux, una particolare distribuzione di Linux pensata per gli esperti di sicurezza informatica che, se usata ad arte, permette di accedere alle reti senza fili con password usate da chi si trova nelle vicinanze. Non è una soluzione molto semplice da adoperare (si deve fare quasi tutto da linea di comando) ma rappresenta, di fatto, una delle poche soluzioni effettivamente in grado di attaccare le reti protette con algoritmi di cifratura avanzati.

Kali Linux si può scaricare dal sito Internet del progetto e si può installare sul computer come qualsiasi altro sistema operativo oppure può essere eseguito in modalità “live” da una chiavetta USB o da un dischetto. Si può altresì adoperare in una macchina virtuale (usando un software di virtualizzazione come VirtualBox), ma in tal caso è indispensabile l'acquisto di una scheda di rete Wi-Fi USB, come quelle che si possono trovare in vendita su Amazon.

Tp-Link Chiavetta Wifi Ac1300Mbps Archer T3U Plus, Antenna Wifi Usb Pe...
Vedi offerta su Amazon
TP-Link Archer T3U Adattatore USB Scheda Di Rete, Wireless Dual-Band 1...
Vedi offerta su Amazon

Una volta in esecuzione Kali Linux, per individuare la password di una rete wireless occorre avviare il Terminale e impartire i seguenti comandi, anteponendo sudo (per ottenere i permessi di amministrazione) e digitando poi la password da amministratore (quando richiesto).

  • airmon-ng — server per scoprire il nome della scheda di rete (viene indicato sotto la dicitura Interface, ma se la propria scheda non è elencata significa che non supporta la modalità monitor e quindi non è possibile usarla per monitorare le reti wireless);
  • airmon-ng start wlan0 — serve per attivare la funzione di monitoraggio sulla scheda di rete (al posto di wlan0 bisogna digitare il nome della propria scheda scheda di rete);
  • airodump-ng mon0 — serve per avviare il monitoraggio delle reti wireless circostanti (al posto di mon0 bisogna digitare il nome dell'interfaccia monitor indicato nell'output del comando precedente).

Dopo aver scovato la rete wireless da “bucare”, bisogna interrompere il monitoraggio di Kali Linux usando la combinazione di tasti Ctrl+C sulla tastiera del computer e copiare il BSSID della rete di riferimento.

Successivamente, bisogna digitare il comando airodump-ng -c [canale Wi-Fi] –bssid [BSSID della rete] -w /root/Desktop/ [interfaccia monitor] (al posto dei valori tra parentesi vanno inseriti i valori relativi alla rete da “bucare”) e aspettare che venga eseguito il cosiddetto four-way handshake, cioè il processo mediante il quale il modem/router permette a un dispositivo di accedere alla propria rete.

Se dopo aver atteso diverso tempo, Kali Linux non riesce a intercettare l'handshake del modem/router, si può forzare il processo aprendo una nuova finestra del Terminale e impartendo il comando aireplay-ng -0 100 -a [BSSID router) -c [BSSID client] mon0.

Al termine della procedura, se tutto è andato per il verso giusto, si ottengono dei file sul desktop che, analizzandoli sempre tramite il Terminale, riescono a mostrare la password per accedere alla rete.

Se desideri approfondire maggiormente il discorso, puoi consultare le mie guide specifiche su come installare e usare Kali Linux e puoi anche fare qualche ricerca per tuo conto su Internet, ad esempio tramite Google, leggendo i vari tutorial sull'argomento (nella maggior parte dei casi pubblicati su siti stranieri e in inglese).

Ti faccio presente che esiste anche una versione di Kali Linux mobile, funzionante per Android e che consente di accedere a molteplici feature che non sono disponibili su altre piattaforme.

Entrare in una rete WiFi protetta da Windows

Applicazione per trovare password Wi-Fi: Windows

Vediamo, adesso, come entrare in una rete WiFi protetta andando ad agire da Windows. Forse non tutti lo sanno, ma i sistemi operativi di casa Microsoft integrano una funzione per memorizzare le password delle reti senza fili a cui è stato eseguito almeno una volta l'accesso dal dispositivo di riferimento, la quale è utile per evitare di dover digitare ogni volta le credenziali e potersi collegare in automatico. Può altresì fare comodo per compiere l'operazione oggetto di questa guida in quanto consente di visionare in chiaro la password della rete in uso.

Per poterti avvalere della funzione in questione, se stai usando Windows 10 o Windows 11, fai clic destro con il mouse sull'icona della Rete (quella con le tacchette del Wi-Fi) situata nell'angolo in basso a destra della barra delle applicazioni di Windows e seleziona la voce Apri Centro connessioni di rete e condivisioni dal menu proposto.

Nella nuova finestra che ti viene mostrata sul desktop, fai clic sul nome della rete wireless relativamente alla quale desideri intervenire che trovi in corrispondenza della voce Internet e, nell'ulteriore finestra che compare, premi sul pulsante Dettagli e seleziona la scheda Sicurezza.

Successivamente, potrai visualizzare la password della rete wireless a cui sei attualmente connesso in corrispondenza della dicitura Chiave di sicurezza di rete. Se la password non è leggibile, seleziona l'opzione Mostra caratteri per risolvere.

Se stai usando Windows 8 o procedenti, puoi raggiungere la medesima sezione del sistema operativo di cui sopra dalla quale è possibile visualizzare la password del Wi-Fi, facendo clic sull'icona della Rete in fondo a destra sulla barra delle applicazioni, cliccando sul nome della connessione wireless di riferimento dal menu proposto, poi sulla dicitura Proprietà e sulla scheda Sicurezza nella finestra che compare sul desktop.

Puoi scoprire la password della rete Wi-Fi anche tramite il Prompt dei comandi. Per riuscirci, richiama quest'ultimo con la combinazione di tasti Win+R e, nella finestra mostrata sul desktop, impartisci il comando netsh wlan show profile name=NOMEWIFI key=clear (al posto di NOMEWIFI devi digitare il nome della connessione wireless che ti interessa), dopodiché premi il tasto Invio sulla tastiera e vedrai comparire tutta una serie di informazioni relative alla rete wireless indicata: la password è quella accanto alla voce Contenuto chiave.

Entrare in una rete WiFi protetta da Mac

Accesso Portachiavi macOS

Se vuoi entrare in una rete WiFi protetta, puoi farlo anche da Mac, usando Accesso Portachiavi. Si tratta dell'applicazione predefinita di macOS tramite cui è possibile archiviare le password e le informazioni sensibili salvate sul computer e sugli altri dispositivi associati al medesimo account iCloud su cui risulta attivo il Portachiavi di iCloud. Considerando le sue caratteristiche, puoi servirtene per raggiungere il tuo scopo.

Per avviare l'applicazione, recati sulla scrivania di macOS, fai clic sul menu Vai in alto a sinistra e scegli la voce Utility in esso presente, dunque fai clic sull'icona di Accesso Portachiavi (quella con il mazzo di chiavi) nella finestra comparsa sullo schermo.

Nella nuova finestra proposta, seleziona la voce Sistema sita nel menu Portachiavi di sistema presente a sinistra, dopodiché scegli la scheda Password situata in alto.

Successivamente, fai doppio clic sul nome della rete wireless di tuo interesse che trovi nell'elenco a destra, seleziona la scheda Attributi nell'ulteriore finestra che si apre e spunta l'opzione Mostra la password.

In seguito, digita la password del tuo account su Mac oppure effettua lo sblocco tramite Touch ID o Apple Watch, immetti nuovamente nome utente e password di macOS (se necessario) e fai clic sul bottone Consenti. Fatto ciò, ti sarà finalmente mostrata la password della rete wireless nel campo Mostra password.

Puoi scoprire la password della rete wireless anche da riga di comando, adoperando il Terminale. Per riuscirci, avvia quest'ultimo selezionando la relativa icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) nella cartella Utility di macOS, impartisci il comando security find-generic-password -ga nome_rete | grep password (avendo cura di sostituire a nome_rete il nome della rete Wi-Fi di riferimento) e premi il tasto Invio sulla tastiera, dopodiché inserisci i dati di login del tuo account su Mac: la password sarà visibile nel rispettivo campo.

Come entrare in una rete WiFi protetta da cellulare

Entrare in una rete WiFi protetta è cosa fattibile anche da cellulare (oltre che da tablet, no fa differenza). Trovi maggiori dettagli al riguardo qui sotto.

Entrare in una rete WiFi protetta da Android

Wifi Password

Se stai usando Android, per entrare in una rete WiFi protetta ti consiglio di usare un'apposita app denominata Wifi Password. Offre infatti la possibilità di visualizzare l'elenco delle password impiegate e memorizzate per stabilire il collegamento alle reti Wi-Fi note. È a costo zero e non richiede configurazioni, ma per poterla usare senza problemi bisogna aver effettuato il root sul dispositivo.

Per scaricare e installare Wifi Password sul tuo device, accedi alla relativa sezione del Play Store e premi sul pulsante Installa (se sono disponibili i servizi di Google, puoi scaricare l'app tramite uno store alternativo). In seguito, avvia l'applicazione sfiorando la relativa icona che è stata aggiunta alla home screen e/o al drawer di Android.

Una volta visualizzata la schermata principale di Wifi Password, concedi all'app i permessi di root e aspetta che compaiano le credenziali relative alle reti Wi-Fi salvate sul dispositivo. Se può esserti utile, aiutati nell'individuazione della rete Wi-Fi che ti interessa digitandone il nome nel campo di ricerca nella parte in alto della schermata.

Entrare in una rete WiFi protetta da iPhone

Portachiavi di iCloud iPhone

Se ti interessa entrare in una rete WiFi protetta andando ad agire da iPhone (oppure da iPad, non fa differenza), puoi usare Accesso Portachiavi del Mac, ma devi sincerarti che sul dispositivo impiegato sia stato abilitato il Portachiavi di iCloud, il servizio di Apple tramite cui è possibile conservare e sincronizzare sul cloud i dati di login e quelli delle carte di credito memorizzati su iOS/iPadOS e macOS.

Per assicurarti della disponibilità del Portachiavi di iCloud sull'iPhone in uso, fai tap sull'icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d'ingranaggio) che trovi nella home screen e/o nella Libreria app di iOS, seleziona il tuo nome nella parte in alto della schermata successiva, fai tap sulla voce iCloud, su quella Portachiavi e verifica che l'interruttore accanto alla dicitura Portachiavi iCloud si trovi su ON.

Se il servizio è attivo, puoi scoprire la password della rete Wi-Fi di riferimento con l'applicazione Accesso Portachiavi di macOS, procedendo in egual maniera a come ti ho spiegato nel passo dedicato a Mac.

Come rendere una rete WiFi protetta

simbolo wi-fi

Se nello usare uno o più degli strumenti per entrare in una rete WiFi protetta che ti ho segnalato in questa guida hai scoperto che la tua connessione senza fili o quella dell'amico che hai utilizzato come “cavia” è facilmente accessibile da terzi anche senza esplicito permesso, provvedi subito a sistemare la situazione andando a incrementare il livello di sicurezza del network, prendendo in considerazione i seguenti suggerimenti.

  • Utilizzare l'algoritmo di cifratura WPA3 o in sua assenza, WPA2-AES; caso di problemi di connettività con alcuni dispositivi è possibile adottare anche l'algoritmo WPA/WPA2 – TKIP/AES;
  • Impostare una password sicura, diversa da quella predefinita del modem/router utilizzato, lunga 12-16 caratteri e che non abbia un senso compiuto;
  • Cambiare la combinazione username/password necessaria ad accedere al pannello di gestione del modem/router;
  • Disattivare la funzione WPS (Wi-Fi Protected Setup) per il collegamento rapido di due dispositivi presenti all'interno della stessa rete wireless poiché presenta delle falle di sicurezza che potrebbero essere sfruttate da eventuali malintenzionati.

Per ulteriori approfondimenti, puoi consultare la mia guida specifica su come come cambiare password Wi-Fi mediante cui ho provveduto a spiegarti il tutto in maniera estremamente dettagliata.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.