Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare l’addebito con TIM

di

Dopo aver programmato un’uscita con il tuo migliore amico, sei salito in macchina e ti sei diretto verso la meta del vostro appuntamento. Purtroppo, però, sei rimasto bloccato nel traffico e quando hai tentato di contattare telefonicamente il tuo amico per avvertirlo che saresti arrivato in ritardo, la voce registrata di TIM ti ha avvisato del fatto che non avevi più credito per effettuare la chiamata. Non avendo altre soluzioni a tua disposizione, non ti è rimasto che attendere che fosse il tuo migliore amico a mettersi in contatto con te per spiegargli l’accaduto.

Per non ritrovarti nuovamente in una situazione del genere, vorresti sapere come telefonare anche quando non hai credito a disposizione e, in particolare, come fare l’addebito con TIM in caso di emergenza. Se le cose stanno effettivamente così, lasciati dire che sei arrivato nel posto giusto al momento giusto! Nei prossimi paragrafi, infatti, non solo ti spiegherò la procedura dettagliata per effettuare una chiamata con addebito a carico del destinatario, ma ti elencherò anche quali sono i costi del servizio. Inoltre, a titolo informativo, ti indicherò una serie di soluzioni alternative per chiamare senza avere credito telefonico.

Come dici? È proprio quello che volevi sapere? Allora non perdiamo altro tempo in chiacchiere e passiamo subito all’azione. Coraggio: mettiti bello comodo, prenditi cinque minuti di tempo libero e dedicati alla lettura dei prossimi paragrafi. Ti assicuro che, leggendo attentamente le indicazioni che sto per darti e provando a metterle in pratica, riuscirai a fare tutte le chiamate con addebito che desideri. A me non resta altro che augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

Prima di entrare nel dettaglio di questa guida e spiegarti per filo e per segno come fare l’addebito con TIM, potrebbe esserti utile conoscere le condizioni e i costi di PayForMe, il servizio della celebre compagnia telefonica italiana che consente di addebitare le chiamate.

Pe prima cosa, devi sapere che con PayForMe puoi addebitare le tue chiamate ai numeri di cellulare TIM, Wind e Vodafone e ai numeri di rete fissa TIM. Il chiamante può usufruire del servizio anche con credito pari a zero: infatti, PayForMe non ha alcun costo d’attivazione e consente di far pagare la telefonata al destinatario di quest’ultima.

Chi riceve la chiamata, invece, dopo aver accettato l’addebito, pagherà circa 30 centesimi di euro per lo scatto alla risposta e una cifra che oscilla tra i 15 e i 30 centesimi di euro al minuto, a seconda della provenienza della chiamata in arrivo.

  • Da telefono fisso: per addebiti di chiamata provenienti da una linea fissa TIM, il destinatario della telefonata paga 30,50 centesimi di euro per lo scatto alla risposta e 15,25 centesimi/min per la chiamata.
  • Da telefono pubblico: lo scatto alla risposta è di 36,50 centesimi di euro con una tariffa di 21,35 centesimi/min per la chiamata. Per ulteriori dettagli, potrebbe esserti utile la mia guida su come telefonare da un telefono pubblico.
  • Da cellulare: per telefonate da cellulare, il destinatario della chiamata paga 30,50 centesimi di euro per lo scatto alla risposta e 30,50 centesimi/min per la chiamata.

Se ti stai chiedendo se il servizio è disponibile anche per chiamate dall’estero, la risposta è affermativa, a patto di chiamare da un cellulare con linea TIM (o Wind). Inoltre, devi sapere che il costo di PayForMe varia a seconda del paese dal quale si sta chiamando: per esempio, per telefonate con addebito provenienti da paesi europei (a esclusione di Bielorussia, Lettonia e Lituania), il destinatario della chiamata paga 1,01 euro per lo scatto alla risposta e una tariffa al minuto che oscilla tra 2,34 e 3,36 euro.

Fare l’addebito di chiamata con TIM

Per fare l’addebito di chiamata con TIM, devi prendere il tuo telefono o recarti presso una cabina telefonica pubblica e digitare il codice 4088 seguito dal numero di telefono che intendi chiamare.

Per esempio, se è tua intenzione usufruire di PayForMe da cellulare, prendi quest’ultimo, apri il dialer (l’app che usi per effettuare le chiamate) e, se necessario, richiama il tastierino numerico, dopodiché componi il numero da chiamare preceduto dal codice 4088 e premi sull’icona della cornetta verde (o il relativo pulsante per avviare la chiamata).

Dopo aver ascoltato il messaggio di benvenuto, rimani in attesa della risposta del destinatario della chiamata. Quest’ultimo, dopo aver risposto alla telefonata in entrata, sarà avvisato che c’è una chiamata con addebito a suo carico e sarà informato sia dei costi del servizio che del numero che sta chiamando tramite il servizio PayForMe. Pigiando sul tasto 1 del proprio telefono, potrà accettare la chiamata e stabilire immediatamente la connessione con il chiamante, altrimenti potrà rifiutare l’addebito premendo il tasto 2.

In quest’ultimo caso, non sarà addebitato alcun costo e il chiamante ascolterà il messaggio “Siamo spiacenti ma il cliente non ha accettato la chiamata a proprio carico” a indicare che il destinatario della chiamata ha rifiutato l’addebito. Se, invece, la chiamata non ha avuto alcuna risposta da parte del destinatario, il chiamante sarà avvisato dal messaggio “Il cliente da lei chiamato non risponde“.

Per fare una chiamata con addebito dall’estero, la procedura che devi seguire è pressoché identica a quella descritta nei paragrafi precedenti per le chiamate verso i numeri nazionali. Prendi, quindi, il tuo smartphone, avvia il dialer, richiama il tastierino numerico (se necessario) e componi il numero 4088 seguito dal numero di rete fissa che intendi chiamare (non è necessario digitare il prefisso internazionale 0039).

In alternativa, puoi digitare il codice *148* seguito dal numero da chiamare e dal tasto # (*148*[numero da chiamare]#). Anche in questo caso, il destinatario della chiamata, non appena risponderà alla telefonata, sarà avvisato dei costi del servizio, del numero che sta chiamando e dal paese di provenienza della richiesta.

Soluzioni alternative per chiamare senza credito

Se hai l’esigenza di effettuare una chiamata, non hai credito sufficiente e l’idea di usufruire del servizio PayForMe non ti entusiasma, ti sarà utile sapere che esistono soluzioni alternative per chiamare senza credito.

Se hai a disposizione una connessione a Internet, puoi telefonare usando le app per chiamare gratis che consentono di chiamare e videochiamare i contatti di proprio interesse. Tra le più celebri e diffuse applicazioni di questo genere, c’è sicuramente WhatsApp, che permette sia di fare che di ricevere telefonate tramite Internet. Per approfondire l’argomento, puoi leggere la mia guida su come chiamare con WhatsApp.

Se, invece, la tua intenzione è chiamare numeri fissi, puoi usare una delle applicazioni per smartphone e tablet che consentono di telefonare gratuitamente usando dei crediti da guadagnare svolgendo alcune attività, come scaricare applicazioni gratuite sul proprio dispositivo o guardare video pubblicitari. In tal caso, potrebbe esserti utile la mia guida su come chiamare numeri fissi gratis.

Infine, se non hai una connessione Internet a disposizione, non puoi chiamare gratuitamente usando le applicazioni che ti ho appena indicato e non hai la possibilità di effettuare una ricarica telefonica, puoi usufruire del servizio SOS Ricarica di TIM, che consente di ottenere un anticipo di credito (5 euro + 1,50 euro per il costo del servizio) addebitato poi alla prima ricarica successiva. Per saperne di più, puoi dare un’occhiata alla mia guida su come fare SOS Ricarica TIM.

In caso di problemi

Se hai seguito per filo e per segno le indicazioni che ti ho fornito nei paragrafi precedenti ma, nonostante ciò, non sei riuscito ad addebitare una telefonata poiché hai riscontrato problemi con il servizio PayForMe, non ti rimane altro che metterti in contatto con il servizio clienti di TIM e richiedere assistenza a un operatore in carne e ossa.

Se la problematica riscontrata riguarda l’utilizzo del servizio PayForMe da smartphone, prendi il tuo telefonino, avvia il dialer e, se necessario, richiama il tastierino numerico, dopodiché componi il numero 119 e avvia la chiamata. Se, invece, hai riscontrato difficoltà nell’addebitare una chiamata da telefono fisso, devi chiamare il numero 187.

In entrambi i casi, dopo aver ascoltato il messaggio di benvenuto, segui attentamente le indicazioni della voce guida e premi la combinazione di tasti suggerita per parlare con un addetto delle celebre compagnia telefonica italiana, al quale potrai riferire la problematica riscontrata. Per la procedura dettagliata, puoi leggere la mia guida su come chiamare operatore TIM.