Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Amazon Black Friday 2017
Scopri le migliori offerte della settimana dell'Amazon Black Friday 2017. Vedi le offerte Amazon

Come fare un’email

di

Hai deciso di “traslocare” verso un altro servizio di posta elettronica ma non sai quale scegliere? Sei in procinto di aprire una casella di posta certificata e ti piacerebbe avere qualche “dritta” sulle offerte più interessanti disponibili attualmente sul mercato PEC? Credo proprio che tu sia capitato nel posto giusto al momento giusto.

Con la guida di oggi, vedremo infatti come fare un’email facendo una panoramica completa su tutti i principali servizi di posta elettronica tradizionali e le offerte per la posta certificata. Vedremo anche come realizzare un indirizzo di posta temporaneo per registrarci ai servizi online senza rivelare la nostra email reale, ma cerchiamo di andare con ordine.

Cominciamo vedendo quali sono i migliori servizi per aprire una casella di posta elettronica standard. Tutti quelli elencati di seguito sono gratuiti, forniscono svariati GB per l’archiviazione dei messaggi (con relativi allegati) e si possono utilizzare direttamente via browser. Inoltre supportano i protocolli IMAP e POP3 per l’utilizzo nei client email tradizionali (come Outlook, Apple Mail e Thunderbird) e si possono gestire da smartphone e tablet tramite apposite app per Android, iOS e Windows Phone.

Caselle di posta elettronica standard

Gmail

Gmail è il celeberrimo servizio email di Google. Offre 15GB di archiviazione per i dati e consente di accedere a tutti i servizi dell’universo Google: YouTube, Google Drive, Google Calendar ecc. Per iscriverti ad esso, collegati alla sua pagina principale e clicca sulla voce Crea un account.

Compila quindi il modulo che ti viene proposto con tutti i tuoi dati anagrafici (nome, cognome, data di nascita, Paese e sesso d’appartenenza), scegli un nome utente e una password per accedere Gmail (il nome utente sarà anche il tuo indirizzo email) e apponi il segno di spunta accanto alla voce Accetto i termini di servizio e le norme sulla privacy di Google.

L’inserimento di numero di cellulare e indirizzo email secondario non è obbligatorio ma serve a recuperare i dati d’accesso a Gmail in caso di smarrimento, quindi ti consiglio di fornire lo stesso almeno una di queste informazioni.

Una volta compilati tutti i campi del prospetto, copia il codice di sicurezza nel campo di testo collocato in fondo alla pagina e clicca su  Passaggio successivo per scegliere se attivare un profilo su Google+, il social network di Google, e accedere alla tua nuova casella di posta elettronica. Se incontri delle difficoltà nel portare a termine uno dei passaggi necessari per l’apertura dell’account, leggi anche la mia guida su come creare indirizzo Gmail.

Outlook.com

Outlook.com di Microsoft è una delle più valide alternative a Gmail. Offre 15GB di archiviazione per messaggi ed allegati e consente di accedere a tutti i servizi del colosso di Redmond: Office Online, Skype, Xbox Live ecc.

Per creare il tuo indirizzo outlook.com o outlook.it (oppure ancora hotmail.com), collegati alla pagina iniziale del servizio e clicca sulla voce Iscriviti ora. Compila quindi il modulo con tutti i tuoi dati anagrafici e i tuoi recapiti attuali (nome, cognome, numero di cellulare e indirizzo email alternativo), clicca sulla voce Crea un nuovo indirizzo e-mail che si trova in corrispondenza del campo Nome utente e scegli l’indirizzo di posta elettronica da creare insieme alla password da usare per accedere a quest’ultimo.

Per finire, copia il codice di sicurezza nel campo Immetti i caratteri che vedi, pigia sul pulsante Crea account ed entro qualche secondo verrai reindirizzato sulla tua nuova casella email. Per approfondimenti, leggi il mio tutorial su come creare un account Microsoft.

Virgilio Mail

Se preferisci creare un’email su un servizio made in Italy, puoi prendere in considerazione Virgilio Mail che propone 3GB di spazio d’archiviazione e funzioni avanzate per il filtraggio dello spam e la gestione degli allegati.

Per aprire il tuo indirizzo su Virgilio Mail, collegati alla pagina iniziale del servizio e clicca sul pulsante Registrati. Compila quindi il modulo di registrazione con tutti i dati richiesti e imposta una domanda di sicurezza per il recupero della password in caso di smarrimento.

Ad operazione completata, apponi il segno di spunta accanto alle voci accetto, accetto e acconsento, ricopia il codice di sicurezza nell’apposito campo di testo e clicca su Registrati ed Entra per accedere alla tua nuova casella email. Se hai bisogno di istruzioni più dettagliate, da’ un’occhiata al mio post su come creare una mail su Virgilio.

Caselle PEC

La PEC (acronimo di posta elettronica certificata) è un servizio che permette di scambiare email aventi valore legale con altri utenti, aziende ed enti della Pubblica Amministrazione. Esistono diverse aziende che permettono di aprire una casella di PEC, e tutte richiedono il pagamento di un canone annuale. Ecco le offerte più interessanti del momento.

  • Aruba con il suo piano PEC Standard al costo di 5 euro + IVA all’anno offre una casella da 1GB.
  • PosteCert di Poste Italiane ha un piano base per privati che comprende una casella PEC da 100MB con 200 invii al giorno per 5,50 euro + IVA all’anno.
  • LiberoPEC di Libero per 25 euro + IVA all’anno propone una casella PEC con spazio illimitato.
  • LegalMail è un servizio destinato principalmente ai liberi professionisti. La sua offerta più economica è PEC Bronze che per 25 euro + IVA all’anno propone una casella da 5GB con accesso mobile e archivio di sicurezza.

Se vuoi scoprire altre offerte e vuoi approfondire il funzionamento della posta elettronica certificata, consulta la mia guida su come creare PEC.

Caselle di posta elettronica temporanee

Esistono anche dei servizi che permettono di creare delle caselle di posta elettronica temporanee, cioè usa-e-getta, da utilizzare per registrarsi su siti e servizi online senza correre il rischio di ricevere spam o ricevere corrispondenza da mittenti poco fidati.

Trovi una lista con alcuni di questi servizi e le istruzioni dettagliate per utilizzarli nel mio post sulle email temporanee.