Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona Google Analytics

di

Hai aperto il tuo primo sito Internet. Dopo un duro lavoro iniziale, durato mesi e mesi, finalmente inizi a vedere i primi risultati e il numero di utenti che lasciano un commento ai tuoi articoli è sempre maggiore. Ti sei quindi chiesto quante persone si collegano giornalmente al tuo sito Web e quante visite ricevi nel lungo periodo, ma al momento le tue domande sono rimaste senza risposta. Ho indovinato? Allora tranquillo, ho la soluzione che risponderà a tutti i tuoi quesiti: si chiama Google Analytics.

Google Analytics è uno strumento che Google mette a disposizione gratuitamente per tutti coloro che hanno la necessità (e/o la curiosità) di monitorare l’andamento di un sito Internet, sia da computer che da dispositivi mobili. Con Google Analytics, è possibile conoscere il numero di persone che accedono al proprio sito Web in un determinato periodo di tempo, avendo così la possibilità di sapere come si sono collegate, con quale dispositivo, da quale nazione e addirittura conoscere in tempo reale quanti utenti sono attivi sul sito e quali pagine stanno consultando. Interessante, vero?

Allora non perdere altro tempo e approfondisci subito il funzionamento di questo servizio grazie alle indicazioni che sto per darti. Prenditi cinque minuti di tempo libero, leggi con attenzione i prossimi paragrafi e lascia che ti spieghi in dettaglio come funziona Google Analytics in modo da poter monitorare il tuo sito Web. Ti assicuro che riuscirai ad apprendere rapidamente il funzionamento del servizio e visualizzare tutti i dati relativi al tuo sito. Buona lettura!

Indice

Registrarsi e accedere a Google Analytics

Per iniziare a utilizzare Google Analytics, collegati al sito Web del servizio e premi sul pulsante Accedi presente in alto a destra, dopodiché seleziona l’account Google che intendi utilizzare, digitane la password nel campo Inserisci la password e premi sul bottone Avanti per accedere.

Se non hai ancora un account Google, puoi crearne uno gratuitamente pigiando sul pulsante Crea un account, selezionando le voci Utilizza un altro account e Altre opzioni e premendo sull’opzione Crea un account.

Adesso, inserisci i tuoi dati personali nei campi NomeCognomeNome utentePasswordData di nascitaSessoCellulareIndirizzo email attuale e Paese, fai clic sul pulsante Passaggio successivo, premi sul pulsante Accetto per accettare i termini del servizio e clicca sul bottone Continua per completare l’iscrizione. Per la procedura dettagliata, puoi leggere la mia guida su come creare un account Google.

Aggiungere un sito a Google Analytics

Dopo aver creato il tuo account Google e aver effettuato l’accesso al sito di Google Analytics, pigia sul pulsante Registrazione presente nel box a destra sotto la voce Inizia a utilizzare Google Analytics e registra il tuo sito Web.

Individua quindi la sezione Configurazione dell’account e inserisci il nome da dare al tuo account nel campo Nome account: l’account non è altro che un “contenitore” che consente di dividere i siti Web da monitorare per categoria. Per capire meglio, facciamo un esempio pratico: se gestisci 4 siti di sport e 3 siti di musica, puoi creare un account chiamato “Siti sportivi” e aggiungere i 4 tuoi siti sportivi e creare successivamente un nuovo account chiamato “Siti musicali” e registrare i 3 siti musicali. Devi sapere che puoi creare fino a 100 account e ogni account può contenere un massimo di 50 proprietà (siti Web).

Fatta questa doverosa spiegazione, prosegui nella registrazione individuando la sezione Impostazione della proprietà. Inserisci quindi il nome del tuo sito Web nel campo Nome del sito web e digita il suo indirizzo URL nel campo URL del sito web, assicurandoti che il protocollo selezionato (Http o Https) sia corretto. Adesso, tramite il menu a tendina presente sotto la voce Categoria del settore, seleziona la categoria del tuo sito Web scegliendo tra Automobili, Finanza, Giochi, Sanità, Notizie, Scienze, Shopping, Sport e molte altre.

Come ultimo passo, seleziona Italia nel menu a tendina sotto la voce Fuso orario dei rapporti, scegli se consentire la condivisione dei tuoi dati Google Analytics apponendo il segno di spunta accanto alle voci Prodotti e servizi GoogleBenchmarking, Assistenza tecnicaEsperto dell’account e pigia sul pulsante Ottieni l’ID di monitoraggio. Nella nuova pagina aperta, seleziona la voce Italia tramite il menu a tendina, leggi i termini di servizio di Google Analytics e fai clic sul pulsante Accetto per concludere la registrazione.

Monitorare un sito con Google Analytics

Dopo esserti registrato a Google Analytics, aver creato un account e aggiunto la tua prima proprietà, devi ottenere l’ID di monitoraggio, cioè un codice alfanumerico da inserire nelle pagine del sito Internet che intendi monitorare in termini di accessi e statistiche.

Subito dopo la creazione della proprietà, verrai reindirizzato automaticamente alla sezione Codice di monitoraggio, nella quale potrai visualizzare il tuo ID di monitoraggio e il Tag globale del sito. Se così non fosse, accedi al tuo account Google Analytics, fai clic sulla voce Amministrazione presente nel menu a sinistra, seleziona l’account che contiene il sito Web da monitorare presente nella colonna Account e scegli il nome del tuo sito tramite il menu a tendina collocato nella colonna Proprietà. Adesso, pigia sulle voci Informazioni sul monitoraggio e Codice di monitoraggio e individua il tuo ID monitoraggio.

Il passaggio successivo che devi compiere è inserire il codice monitoraggio ottenuto tramite Google Analytics nella pagine del tuo sito Web. Se utilizzi un CMS come WordPress, Drupal o Joomla!, accedi quindi alla sezione di gestione dei file che compongono il sito, scegli il file nel quale inserire il codice e il gioco è fatto.

Facciamo un esempio pratico: se hai creato un sito con WordPress, per prima cosa copia il Tag globale del sito che visualizzi su Google Analytics, dopodiché accedi al tuo sito Web e nella dashboard di WordPress fai clic sulle voci Aspetto e Editor. Assicurati quindi che accanto alla voce Selezionare il tema da modificare sia selezionato il tema in uso, spostati poi nella colonna File del tema e individua il file nel quale inserire il codice.

Ti consiglio di scegliere un file presente in ogni pagina del sito, come header.php o footer.php che gestiscono la testata e il piede del tuo sito Web e che vengono caricati su tutte le pagine. Pigia quindi su uno di questi due file e incolla il Tag globale del sito che hai copiato poc’anzi, dopodiché fai clic sul pulsante Aggiorna file e il gioco è fatto.

In alternativa, puoi prendere in considerazione uno dei numerosi plugin che permettono di inserire il codice monitoraggio sul tuo sito Web senza intervenire sul codice, come Google Analytics Dashboard per WP o Google Analytics by Yoast. A tal riguardo, potresti trovare utile la mia guida su come usare WordPress.

Dopo aver inserito il tuo ID monitoraggio sul sito Web, torna nella pagina di Google Analytics e fai clic sul pulsante Invio traffico di prova: se sotto la voce Stato il traffico del sito passa da 0 utenti attivi1 utenti attivi in questo momento (compresi 1 del traffico di prova), significa che hai inserito correttamente il codice di monitoraggio e il tuo sito Web è stato correttamente collegato a Google Analytics.

Usare Google Analytics da computer

Conclusa la configurazione di Google Analytics, non ti rimane altro che iniziare a consultare i dati del tuo sito, capire quali sono le pagine più visitate, i dispositivi più usati per collegarsi ad esso e scoprire se il pubblico è esclusivamente italiano o meno: tutte queste informazioni, oltre a indicarti l’andamento del tuo sito, sono utili per capire cosa poter migliorare. Ad esempio, se dai dati emerge che un’alta percentuale di utenti si connette da dispositivi mobili, dovrai rendere assolutamente il tuo sito responsive per migliorarne la navigabilità da smartphone e tablet.

Nella schermata principale di Google Analytics, chiamata Homepage, puoi visualizzare un breve riepilogo dei principali dati del tuo sito, come gli utenti, le sessioni, la frequenza di rimbalzo degli ultimi sette giorni, gli utenti attivi in tempo reale, i canali di traffico, le pagine più visitate e molto altro. Puoi approfondire tutti questi dati nelle relative sezioni visibili nella barra laterale a sinistra, sotto la voce Rapporti.

Pigia quindi sull’opzione In tempo reale e sulla voce Panoramica per visualizzare i dati del tuo sito in tempo reale: in questa sezione puoi vedere gli utenti attivi in un preciso momento, scoprire quali pagine stanno consultando, la tipologia di connessione tra desktop, cellulare e tablet, la sorgente traffico e la località dalla quale si connettono gli utenti e altro ancora. Le informazioni più dettagliate sono visibili nelle sotto-sezioni di In tempo reale.

  • Località: permette di visualizzare una mappa e scoprire da quale paese e da quale città sono connessi gli utenti.
  • Sorgenti di traffico: per analizzare in dettaglio le sorgenti di traffico in tempo reale e scoprire da dove arrivano gli utenti (traffico diretto, social network, motori di ricerca, siti esterni etc.).
  • Eventi: se configurati, consentono di analizzare gli eventi che generano traffico.
  • Conversioni: per scoprire se una transazione su un sito di e-commerce o una registrazione a una newsletter sono andati a buon fine.

Nella sezione Pubblico puoi avere informazioni dettagliate sulla tipologia di pubblico che visita il tuo sito Web. Premi quindi sulle voci Pubblico e Panoramica per accedere a dati come Utenti, Sessioni, Nuovi utenti, Numero di sessioni per utente, Visualizzazioni di pagina e molti altri dati relativi al periodo di tempo impostato in alto a destra.

Inoltre, puoi visualizzare i dati tramite un grafico e impostare i dati e il periodo di tempo di tuo interesse: pigia quindi sulla voce Utenti e tramite il menu a tendina seleziona una delle voci tra Frequenza di rimbalzo, Sessioni, Utenti, Durata sessione media etc., mentre puoi pigiare su una delle opzioni disponibili tra Ora, Giorno, Settimana e Mese per impostare il periodo di tempo da consultare.

Anche in questo caso, pigiando su una delle sotto-sezione di Pubblico, puoi analizzare i dati nel dettaglio. Per esempio, pigiando su Dati demografici puoi consultare i dati relativi a sesso ed età del pubblico del tuo sito, mentre premendo sull’opzione Dati geografici puoi analizzare da quale paese si connettono i visitatori del sito e qual è la lingua più usata.

Sono inoltre disponibili le sezioni Comportamento, per scoprire il numero di nuovi utenti e gli affezionati lettori che ritornano sul sito con frequenza; Tecnologia, per visualizzare browser, sistema operativo e rete utilizzata per la connessione e Dispositivo mobile, per analizzare gli smartphone e i tablet più utilizzati dal pubblico per connettersi al tuo sito.

Altre sezioni per approfondire il comportamento del pubblico e l’acquisizione di utenti sono quelle che trovi elencate di seguito.

  • Acquisizione: permette di scoprire quali sono le fonti che generano più traffico, le parole chiave più utilizzate sui motori di ricerca e per arrivare sul sito e molto altro ancora.
  • Comportamento: è la sezione che approfondisce i dati relativi al comportamento del pubblico sul proprio sito. Mostra come hanno fatto gli utenti ad arrivare sul sito, da quale pagina sono entrati e da quali sono usciti, come hanno utilizzato il motore di ricerca all’interno del sito e tanto altro ancora. Inoltre, tramite la sotto-sezione Velocità del sito, è possibile visualizzare come si è comportato il proprio sito Web e consultare dati come Tempo di caricamento medio della paginaTempo medio di connessione al serverTempo di download medio della pagina.

Come accennato in precedenza, tramite la sezione Amministratore, puoi gestire account e proprietà, individuare il tuo ID monitoraggio, rimuovere dati o collegare Google Analytics a prodotti come AdSense, AdWords e Ad Exchange.

In conclusione, devi sapere che pigiando sulla voce Scopri (l’icona della lampadina) presente nella barra laterale a sinistra, puoi accedere a una serie di servizi gratuiti che Google mette a disposizione dei suoi utenti. I principianti possono approfondire l’utilizzo di Google Analytics pigiando sul box relativo ad Analytics Academy, una serie di corsi online gratuiti con i quali è possibile imparare a utilizzare Google Analytics.

Usare Google Analytics da smartphone e tablet

È possibile consultare le statistiche del proprio sito Web tramite Google Analytics anche da smartphone e tablet: basta scaricare l’app gratuita di Google Analytics per dispositivi Android e iOS.

Dopo aver scaricato l’app di Google Analytics dallo store del tuo dispositivo, avviala pigiando sulla sua icona (i rettangoli arancioni e gialli su sfondo bianco) e fai tap sul pulsante Come iniziare per configurare il tuo account. Inserisci quindi i dati del tuo account Google nel campo Indirizzo email o numero di telefono e pigia sul bottone Avanti, dopodiché inseriscine la password e premi sul pulsante Accedi.

Adesso, nella schermata Seleziona vista, pigia sulla voce Tutti i dati del sito Web relativo alla proprietà che intendi consultare e comincia ad analizzare i dati relativi al tuo sito: nella sezione Homepage, puoi visualizzare il riepilogo dei dati principali relativi al periodo selezionato in alto, come In tempo reale, Panoramica del pubblico, Panoramica comportamento, Utenti per ora del giorno e molti altri.

Per visualizzare i dati di un periodo diverso, puoi fare tap sull’icona della freccia rivolva verso sinistra, altrimenti puoi premere sul periodo di tempo visibile in alto per accedere alla schermata Impostazione dei dati e scegliere una delle opzioni disponibili tra Giorno, Settimana, Mese e Personalizzata per impostare i dati per un determinato giorno, una determinata settimana, un determinato mese o impostare un periodo di tempo personalizzato. Fatta la tua scelta e impostati i parametri, fai tap sulla voce Salva presente in alto a destra per visualizzare i dati del tuo sito sulla base dei parametri impostati.

Per accedere al menu di Google Analytics e visualizzare anche le altre sezioni, premi sul pulsante e fai tap su una delle voci disponibili.

  • Homepage: la sezione principale nella quale è visibile il riepilogo di tutti i dati.
  • Dashboard: per visualizzare e creare nuovi rapporti, utili per creare metriche personalizzate e accedere velocemente ai dati più interessanti. Se l’obiettivo è visualizzare la durata della sessione media di un utente, è possibile creare e salvare un rapporto impostando la metrica Durata della sessione media e questo sarà consultabile velocemente dalla dashboard.
  • In tempo reale: per visualizzare gli utenti attualmente attivi sul proprio sito Web, con la possibilità di consultare le pagine che stanno visualizzando, la tipologia di connessione (mobile o desktop), le parole chiave con le quali sono arrivati sul sito e la sorgente del traffico (ad esempio motori di ricerca, social network etc.).
  • Pubblico: la sezione per scoprire il tipo di pubblico che visita il proprio sito Web, con la possibilità di conoscerne dati come lingua, paese di connessione, il browser utilizzato, il dispositivo mobile usato per la connessione e molto altro.
  • Acquisizione: per sapere quali sono le fonti che portano traffico al proprio sito Web. Ad esempio, permette di scoprire e gli utenti arrivano sul sito tramite un motore di ricerca come Google o hanno cliccato su un link presente su un social network, se la propria newsletter porta traffico e così via.
  • Comportamento: per analizzare il comportamento degli utenti sul proprio sito, scoprire qual è stata la prima e l’ultima pagina che hanno visitato, la frequenza di rimbalzo, la velocità del sito e tante altre informazioni utili.
  • Obiettivi: la sezione utile per capire in che misura il proprio sito soddisfa gli obiettivi previsti. Tramite l’app di Google Analytics, però, non è possibile creare nuovi obiettivi, ma solo consultare quelli creati da computer.

In conclusione, devi sapere che tramite l’app di Google Analytics non è possibile creare nuovi account o aggiungere nuove proprietà, aggiunte che puoi mettere in pratica solo da computer come indicato in precedenza.

È comunque possibile gestire più proprietà e account. In che modo? Te lo spiego subito. Premi sul pulsante  e fai tap sulla voce Tutti i dati del sito Web, dopodiché pigia sulla scheda Tutte, individua la proprietà o l’account che intendi visualizzare e pigia sull’opzione Tutti i dati del sito Web per accedere a una proprietà o un account già esistenti. Pigiando invece sull’icona della stella posta accanto alle singole proprietà, puoi impostare queste ultime come preferite e visualizzarle rapidamente nella scheda Preferite presente in alto.

Cancellare un account e una proprietà da Google Analytics

Se hai deciso di chiudere uno dei tuoi siti o di non tenerne più traccia in termini di accessi e statistiche, puoi eliminare account e proprietà in qualsiasi momento.

Per farlo, accedi al tuo account Google Analytics, fai clic sulla voce Amministratore (l’icona della rotella di ingranaggio) nella barra laterale a sinistra e assicurati che nella colonna Account sia selezionato l’account relativo alla proprietà da cancellare. Adesso, seleziona il sito da eliminare tramite il menu a tendina posto sotto la voce Proprietà, pigia sull’opzione Impostazioni proprietà e premi sul pulsante Sposta nel cestino per eliminare la proprietà. Dopo aver eliminato la proprietà, ricordati di cancellare l’ID monitoraggio dal codice del tuo sito Web.

In alternativa, puoi scegliere di spostare una proprietà in un altro account pigiando sul bottone Sposta proprietà, selezionando l’account nel quale spostare la proprietà e pigiando sul pulsante Inizia il trasferimento.

Se, invece, vuoi eliminare un account, pigia sulla voce Amministratore, seleziona l’account da eliminare tramite il menu a tendina presente sotto la voce Account e fai clic sull’opzione Impostazioni dell’account, dopodiché pigia sul pulsante Sposta nel cestino e conferma la tua intenzione facendo clic sul bottone Metti l’account nel cestino.

Devi sapere che lo spostamento di un account o di una proprietà nel cestino, non ne comporta la cancellazione immediata: gli elementi vengono tenuti in un “limbo” per alcuni giorni e poi cancellati definitivamente. Pigia quindi sulla voce Amministrazione, seleziona il tuo account tramite il menu a tendina Account (apparirà barrato), fai clic sul pulsante Cestino e, nella schermata successiva, potrai visualizzare la data di eliminazione definitiva dei contenuti cestinati. Se hai avuto un ripensamento e vuoi ripristinare l’account o la proprietà spostata precedentemente nel cestino, apponi il segno di spunta accanto al suo nome e pigia sul pulsante rosso Ripristina. Più facile di così?!