Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come guadagnano gli youtuber

di

Quello dello youtuber è il lavoro dei tuoi sogni. Ti piacerebbe, infatti, riuscire a trasformare la tua passione per la creazione di video in una professione che ti consenta di ricevere una remunerazione adeguata e per questo motivo saresti interessato a sapere come guadagnano gli youtuber. Se le cose stanno così, sappi che sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Nei prossimi paragrafi, infatti, avrò modo di illustrarti più da vicino alcune delle principali forme di monetizzazione presenti su YouTube. Ti anticipo già che quasi tutte queste hanno a che fare con la pubblicità e, quindi, richiedono un canale ben avviato, che sia in grado di generare molte visualizzazioni e quindi molti guadagni.

Dato che ti vedo interessato, direi di non perderci in ulteriori chiacchiere e di addentrarci subito nel cuore di questo tutorial. Forza: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di attuare le “dritte” che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per la tua carriera da youtuber!

Indice

Informazioni preliminari

Come guadagnano gli youtuber

Prima di illustrarti nel dettaglio come guadagnano gli youtuber, mi sembra doveroso fornirti alcune informazioni relative alla monetizzazione di un canale YouTube. Innanzitutto, devi considerare che guadagnare tramite la realizzazione di video da pubblicare sulla piattaforma di Google non è un’attività che non implichi del lavoro.

Per realizzare video di qualità, infatti, occorre investire notevoli quantità di tempo e risorse: bisogna pensare al contenuto da inserire nel filmato, girarlo e, naturalmente, montarlo. Inoltre, i ricavi derivanti dalla propria attività su YouTube derivano principalmente dalla pubblicità, il che significa che soltanto ottenendo tante visualizzazioni è possibile percepire guadagni soddisfacenti.

Insomma, non basta aprire un canale YouTube per riuscire a guadagnare dei soldi: occorre tanto impegno e, soprattutto, tantissima pazienza prima di vedere risultati significativi. Se sei pronto ad accogliere la sfida e a metterti in gioco, continua a leggere per conoscere le principali forme di monetizzazione degli youtuber.

Partnership di YouTube

La prima opportunità di monetizzazione da prendere in considerazione, nell’attività di youtuber, è quella legata alla partnership di YouTube. Prima di illustrarti nel dettaglio come avanzare una richiesta per sottoscrivere l’accordo di partnership con il celebre servizio di video sharing, ci tengo a dirti che, per riuscire in questo intento, bisogna soddisfare alcuni requisiti ben precisi: dal 17 gennaio 2018, bisogna avere un minimo di 1.000 iscritti al proprio canale e ben 4.000 ore di watchtime nell’ultimo anno.

Se rispetti i requisiti di cui sopra e vuoi iniziare a monetizzare con YouTube tramite la partnership ufficiale del servizio, clicca qui in modo da collegarti al pannello di gestione del tuo account e assicurati che sotto alle diciture Stato copyright Stato delle Norme della community sai evidenziata la faccia sorridente. In caso contrario, mi spiace dirtelo ma non ti sarà possibile iscriverti al programma di partnership con YouTube.

A questo punto, clicca sul bottone Attiva situato in corrispondenza della scheda Monetizzazione, così da inviare la richiesta per diventare un partner di YouTube e monetizzare inserendo degli annunci sui tuoi video. Dopodiché pigia sul pulsante Avvia posto in corrispondenza della voce Registrati ad AdSense, clicca sul pulsante Avanti e segui le indicazioni che compaiono a schermo per collegare il tuo account AdSense già esistente (o per crearne uno nuovo). Se sei già registrato ad AdSense, ti basterà cliccare sul pulsante Accetta associazione per portare a termine la procedura di collegamento dell’account.

Verifica, poi, che l’URL del tuo canale YouTube presente nel campo di testo URL del sito sia quello giusto, metti il segno di spunta accanto alla voce o No, per decidere se ricevere o meno la guida personalizzata, seleziona Italia dal menu a tendina situato sotto la voce Paese o zona e leggi i termini e le condizioni d’uso del servizio. In seguito, metti il segno di spunta accanto alla voci Sì, ho letto e accettato il contratto e clicca sul pulsante Crea account.

Come guadagnano gli youtuber

Adesso, clicca sul pulsante Inizia, inserisci nell’apposito modulo tutti dati che ti vengono richiesti (es. tipo di account, nome, indirizzo, codice postale, città, etc.) e clicca sul pulsante Invia. Dopodiché seleziona il metodo di verifica necessario per effettuare la confermare della tua identità (Messaggio di testo (SMS) o Chiamata vocale), clicca sul pulsante Genera codice di verifica per ricevere il codice di verifica e, una volta ricevuto quest’ultimo (tramite SMS o chiamata telefonica, in base alla scelta fatta precedentemente), scrivilo nell’apposito campo di testo. Dopodiché clicca sui pulsante Invia Reindirizzamento, per essere reindirizzato su YouTube.

Arrivato a questo punto, completa la procedura di attivazione della monetizzazione facendo clic sul pulsante Avvia, situato in corrispondenza della dicitura Imposta le preferenze di monetizzazione, e seleziona i formati di annunci che preferisci apponendo (o rimuovendo) la spunta sulle caselle Annunci in overlaySchede sponsorizzateAnnunci video ignorabili. Ricordati di salvare le preferenze appena impostate, facendo clic sul pulsante Salva.

Come guadagnano gli youtuber

Il più è fatto! Se il tuo canale soddisfa i requisiti necessari per partecipare al programma partner di YouTube, devi semplicemente attendere che la piattaforma di video sharing di proprietà di Google analizzi il tuo canale e sperare che approvi la tua richiesta, consentendoti così di monetizzare i video che realizzi. In caso contrario, la revisione automatica e l’attivazione della monetizzazione non verrà attivata sul tuo account.

Network di terze parti

Come guadagnano gli youtuber

I network di terze parti sono un’altra importante fonte di introiti per gli youtuber. Partecipando al solo programma di affiliazione di Youtube, infatti, gli introiti derivanti dalla propria attività di creazione e condivisione di contenuti saranno alquanto ridimensionati.

Non a caso, le star di YouTube affermate, che generano decine di migliaia di visualizzazioni per ciascun video, si affidano a network esterni che fanno da tramite con il portale di Google e, in cambio di un compenso variabile che viene calcolato sulla base degli introiti pubblicitari, permettono di ricevere promozioni per aumentare le visualizzazioni e altri benefit ancora.

Se vuoi provare a trovare un network di affiliazione disposto a collaborare con te, puoi affidarti a SocialBlade, un portale che permette di individuare i servizi utilizzati dagli YouTuber più affermati. Una volta che ti sarai recato sulla pagina principale di SocialBlade, non devi far altro che scrivere il nome utente di uno youtuber nel campo di ricerca posto in alto a destra e fare clic sulla lente d’ingrandimento, per trovare le informazioni che cerchi.

A prescindere dal network di affiliazione con cui avrai modo di collaborare, tieni conto del fatto che YouTube paga i video in base al costo per mille impressioni o, più semplicemente, CPM. La somma in denaro che viene riconosciuta a chi sfrutta la pubblicità su YouTube, quindi, è variabile e dipende da quanto gli sponsor sono disposti a pagare.

Come puoi ben immaginare, quindi, gli introiti aumentano in virtù del numero di visualizzazioni che si riescono a totalizzare: con poche migliaia di visualizzazioni è possibile ottenere guadagni per poche decine di euro a video, mentre con centinaia di migliaia di visualizzazioni i guadagni aumentano esponenzialmente.

Collaborazione con aziende e brand

Come guadagnano gli youtuber

Quando si riesce a ottenere una buona visibilità su YouTube e si raggiungono numeri importanti in termini di visualizzazioni e iscritti, si può avere l’opportunità di collaborare con aziende e brand affermati, interessati a pubblicizzare i propri prodotti e servizi attraverso video sponsorizzati o partecipazioni a eventi dal vivo.

Se non sei ancora uno youtuber di successo e, quindi, non hai ricevuto proposte di collaborazioni commerciali, puoi provare ad affidarti a servizi come Famebit, che mettono content creator e aziende in comunicazione, permettendo agli youtuber di trovare aziende interessate in collaborazioni più o meno remunerative (trattenendo una percentuale di circa il 10%).

In alternativa, puoi provare a proporre tu una collaborazione a un brand che potrebbe esserne interessato. Per inviare una collaborazione commerciale a un’azienda, recati sul suo sito Web ufficiale, nella fattispecie nella pagina dei contatti, e invia un messaggio all’indirizzo email dedicato alle collaborazioni (es. business@nomeazienda.com). Nel messaggio, ricordati di includere le informazioni che riguardano te e la tua attività su YouTube: nome, cognome, recapiti, nome del canale, numero di iscritti, etc.).

Nell’accettare proposte commerciali, comunque, tieni sempre conto dei tuoi iscritti: non consigliare mai prodotti o servizi che non hai effettivamente testato o che, comunque, potrebbero non interessare al tuo pubblico, perché potresti rovinarti la tua reputazione.

Inoltre, se un video presenta contenuti sponsorizzati, dillo chiaramente fin dall’inizio del filmato: ricordati anche di segnalare la cosa apponendo il segno di spunta sulla casella Questo video contiene promozioni a pagamento, ad esempio un posizionamento, una sponsorizzazione o un’approvazione di prodotti a pagamento presente nella pagina di caricamento di un nuovo filmato (nella sezione Impostazioni avanzate).

Consigli per guadagnare su YouTube

Come guadagnano gli youtber

Come ti anticipavo a inizio articolo, per riuscire a ottenere ingenti guadagni su YouTube, bisogna necessariamente avere molte visualizzazioni e molti iscritti. Se al momento il tuo canale non è molto popolare, prova a seguire i seguenti consigli per aumentare la visibilità dei tuo contenuti e, dunque, tentare di guadagnare su YouTube.

  • Realizza contenuti di qualità — la qualità è sempre più importante per emergere su YouTube, in quanto la piattaforma è ormai satura di video che trattano le tematiche più disparate. Per riuscire a cogliere l’attenzione del pubblico e incrementare visite e iscritti, non si può lasciare nulla al caso. Per realizzare video di qualità, ti consiglio di munirti dell’attrezzatura giusta, come uno smartphone dotato di una buona fotocamera  o una videocamera professionale, un microfono e altri accessori utili (es. cavalletti, action cam, etc). Ovviamente, munisciti anche di programmi per il montaggio video (es. Adobe Premiere Pro, Final CutSony VEGAS Pro, etc.).
  • Prova a essere più originale — non necessariamente devi trattare tematiche particolari o ricercate: anche trattando argomenti apparentemente “banali”, puoi provare a essere originale, cercando di affrontare una tematica sotto più punti di vista.
  • Ottimizza i contenuti prodotti — puoi farlo inserendo le parole chiave nella descrizione del video, nei tag e, naturalmente, anche nel titolo dello stesso. Per trovare le keyword dei tuoi video, puoi avvalerti del servizio Google Trends, di cui ti ho parlato in un’altra guida.
  • Analizza le statistiche del tuo canale — puoi farlo tramite lo strumento YouTube Studio e l’app YouTube Creator Studio (disponibile per Android e iOS), così da individuare facilmente la tipologia di contenuti che vengono apprezzati maggiormente dagli utenti e anche quelli che generano più introiti.
  • Sii costante — seguire per un po’ di tempo le indicazioni che che ti ho dato nei punti precedenti non è sufficiente per avere successo su YouTube. Bisogna avere costanza e non stancarsi alle prime difficoltà o di fronte a risultati che inizialmente sono poco soddisfacenti. Intesi?

Per maggiori informazioni in merito a come avere successo su YouTube, dai pure un’occhiata alla guida che ti ho linkato, perché senz’altro ti sarà di grande aiuto.