Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come usare WhatsApp senza numero

di

Riordinando il garage di casa tua, hai ritrovato un vecchio smartphone che avevi persino dimenticato di possedere. Dopo averci pensato su per qualche giorno, hai deciso di non venderlo e di utilizzarlo come dispositivo “secondario” per navigare su Internet, ascoltare un po’ di musica e usare Whatsapp. A proposito di WhatsApp… dato che su questo device non è presente una SIM con un numero di telefono attivo, ti stai chiedendo se riuscirai effettivamente a usare la famosa app di messaggistica o meno.

Tranquillo: se mi concedi qualche istante della tua attenzione, posso suggerirti alcuni “trucchetti” su come usare WhatsApp senza numero, in modo da far fronte alla tua necessità. Non temere, non dovrai fare nulla di eccessivamente complicato o che comunque sia fuori dalla portata dei più, hai la mia parola.

Allora, si può sapere che ci fai ancora lì impalato? Coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti su quanto riportato di seguito e, cosa ancora più importante, attua le “dritte” che sto per fornirti. Vedrai che, seguendo passo dopo passo le mie indicazioni, in un modo o nell’altro riuscirai sicuramente a compiere l’operazione oggetto di questo tutorial. Non mi resta quindi altro da fare se non augurarti buona lettura e, soprattutto, buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

Come aggiornare WhatsApp su Huawei

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare come usare WhatsApp senza numero, ci sono alcune informazioni preliminari che è mio dovere fornirti per permetterti di avere le idee perfettamente chiare sul da farsi.

Partiamo da un presupposto fondamentale: WhatsApp non si può usare senza fornire e rendere noto agli altri contatti il proprio recapito telefonico. Per registrare e verificare un account WhatsApp è infatti indispensabile indicare il numero di telefono, il quale diventa fondamentale per comunicare con gli altri utenti che usufruiscono a loro volta del servizio.

Ciascun utente WhatsApp, infatti, è identificato dal relativo numero di cellulare. Inoltre, ogni account può essere su un solo dispositivo alla volta (ad esclusione delle sessioni di WhatsApp Web e per computer, le quali agiscono come una sorta di “ripetitore” dell’applicazione installata sullo smartphone).

In base a quanto detto, non è quindi possibile impiegare WhatsApp senza numero di telefono nel senso stretto del termine. Ciò che però si può fare è ricorrere all’uso di un recapito alternativo, in modo da celare quello solitamente adoperato per telefonare, mandare SMS ecc. Per farlo, basta usare una SIM alternativa oppure dei numeri di telefono temporanei messi a disposizione da appositi servizi online.

Come usare WhatsApp senza numero di telefono

A questo punto, direi che possiamo finalmente passare all’azione e andare quindi a scoprire come fare, nello specifico, per usare WhatsApp senza numero di telefono. Come anticipato, puoi riuscirci usando una SIM alternativa oppure un numero temporaneo. Trovi tutti i dettagli qui sotto.

Usare una SIM alternativa

SIM smartphone

La prima soluzione che puoi valutare di prendere in considerazione per usare WhatsApp senza numero è quella di adoperare una SIM alternativa, da usare in maniera esclusiva per il celebre servizio di messaggistica, così da rendere noto ai proprio contatti solo il numero associato alla scheda in questione e non il reale recapito telefonico.

Puoi riuscirci adoperando una SIM già attiva che non utilizzi più o che comunque non usi in maniera frequente oppure puoi acquistarne una nuova da destinare in via esclusiva alla cosa. Nel secondo caso, ti basta decidere a quale gestore telefonico rivolgerti, recarti presso uno dei suoi negozi o richiedere l’invio della scheda a casa e procedere con l’attivazione, come ti ho spiegato in dettaglio nelle mie guide dedicate a TIM, Vodafone, WINDTRE, Iliad, Fastweb, ho., Kena e PosteMobile.

Per quel che concerne l’acquisto della SIM, essendo questa desinata al solo uso di WhatsApp, ti suggerisco di optare per un piano tariffario economico, come quelli che vengono proposti dalla maggior parte degli operatori virtuali, con un buon numero di GB per il traffico Internet e una quantità più contenuta di minuti e SMS per chiamare e messaggiare. Se vuoi qualche dritta al riguardo, puoi leggere il mio articolo sulle migliori tariffe per cellulari.

A tal proposito, puoi pure decidere di comprare una SIM per WhatsApp, ovvero una di quelle schede che vengono realizzate per utilizzare i più famosi servizi di messaggistica istantanea (e quindi non solo WhatsApp) a costi relativamente contenuti e che in genere non hanno limitazioni riguardo il roaming.

Tra le soluzioni più celebri della categoria c’è ChatSim: costa 15 euro, ai quali bisogna aggiungere 5 euro una tantum per la spedizione della scheda e almeno 10 euro/anno di ricarica necessaria per ottenere i crediti necessari per utilizzare il servizio, per un totale di almeno 30 euro. Da notare che se la SIM non viene ricaricata per un periodo pari o superiore a 12 mesi si disattiva in automatico. Inoltre sono presenti delle soglie di traffico che non bisogna superare.

Usare un numero temporaneo

Leggere email da smartphone

Se vuoi usare WhatsApp senza recapito telefonico, puoi provare anche a usare un numero temporaneo tramite il quale ricevere il codice di attivazione della popolare piattaforma di messaggistica istantanea. Qualora tu non lo sapessi, esistono infatti dei servizi online che permettono di disporre di numeri telefonici “usa e getta” da impiegare proprio in sede di attivazione di servizi come WhatsApp (se vogliamo fare un paragone, funzionano più o meno come quelli che permettono di creare email temporanee).

Prima di spiegarti come utilizzare al meglio questi servizi, è doveroso da parte mia informarti del fatto che i numeri da essi forniti sono pochi e, dunque, molti di essi risultano essere già stati impiegati per altre attivazioni di WhatsApp: questo significa che è difficilissimo trovarne uno effettivamente funzionante.

Se, nonostante ciò, vuoi provarne uno, non devi fare altro che cercare su Google (o su un qualsiasi altro motore di ricerca), termini del tipo “fake phone number for verification” e, nella pagina che si apre, individuare il servizio che ti sembra più adatto alle tue esigenze, come quelli che ti ho segnalato nel mio post su come ricevere SMS online.

Dopo aver individuato uno dei servizi che permettono di ottenere un numero telefonico temporaneo, non devi fare altro che avviare WhatsApp sul tuo smartphone (se necessario, effettuane preventivamente il download) e avviane la procedura di configurazione, dopodiché recati nella pagina del servizio da cui hai preso la numerazione e attendi la ricezione del codice per verificare e attivare l’account, così come ti ho spiegato nella mia guida su come attivare WhatsApp.

Se non riesci a trovare al primo colpo un numero “libero”, puoi provare a individuarne altri: magari scegli (se possibile) un numero che abbia ricevuto pochi SMS e controlla che fra i messaggi ricevuti non ce ne sia nessuno contenente un codice di attivazione di WhatsApp.

Sempre restando in tema, sappi che esistono anche svariate app e servizi che consentono la creazione di numeri di telefono, ma non puoi servirtene perché le numerazioni che forniscono non vengono accettati da WhatsApp per effettuare la convalida dell’account.

Attenzione: i siti tramite i quali utilizzare un numero di telefono temporaneo non richiedono di inserire i propri dati personali per effettuare una registrazione. Per cui, diffida dai portali che ti chiedono di inserire i tuoi dati personali o, addirittura, quelli che richiedono del denaro. Con molta probabilità, infatti, si tratta di espedienti per perpetrare furti di identità o vere e proprie truffe. Intesi?

Soluzioni alternative all’usare WhatsApp senza numero di telefono

WhatsApp

Se la tua necessità di usare WhatsApp senza numero era motivata dal voler evitare di essere disturbato da specifici contatti, puoi prendere in considerazione l’idea di usare le funzionalità apposite del celebre servizio di messaggistica che permettono di nascondere l’ultimo accesso, le conferme di lettura e lo stato, di cui ti ho parlato in dettaglio nelle mie guide sull’argomento, così da limitare il più possibile le informazioni messe a disposizione degli altri per sapere se e quando utilizzi l’app.

Sempre al fine di evitare di farsi disturbare, può tornare utile usare la funzione di blocco dei contatti offerta da WhatsApp, che permette di interrompere praticamente qualsiasi comunicazione a mezzo app con gli utenti interessati, evitando la ricezione e l’invio di messaggi, chiamate e file e celando i dettagli relativi all’attività dell’account.

Puoi anche valutare di rivolgerti a un’app di messaggistica diversa da WhatsApp e che non prevede necessariamente l’uso del numero di telefono per funzionare o che comunque non deve necessariamente essere reso noto agli altri, come nel caso di Telegram, Facebook Messenger e Skype.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.