Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare video eliminati

di

Hai registrato alcuni video con il tuo smartphone o con il tuo tablet e, per errore, li hai cancellati? Non trovi più alcuni video sul tuo PC e hai il timore che siano stati erroneamente eliminati? Se queste sono le situazioni in cui ti trovi, sarai felice di sapere che forse posso darti una mano a recuperare i tuoi filmati.

Nella guida di oggi, infatti, ti illustrerò come recuperare video eliminati da smartphone, tablet e PC grazie ad alcuni strumenti adatti allo scopo, la maggior parte dei quali gratuiti. Ti spiegherò, innanzitutto, come utilizzare gli strumenti predefiniti dei sistemi operativi installati sui tuoi dispositivi per recuperare i video non cancellati ancora in via definitiva. Dopodiché ti darò alcune informazioni su app e software di terze parti che possono fare al caso tuo per ripristinare i video eliminati dai dispositivi Android, da iPhone, iPad e dal computer.

Scommetto che non vedi l’ora di cominciare, dico bene? In tal caso, non perdiamo altro tempo e mettiamoci subito al lavoro: siediti bello comodo e presta attenzione alle procedure che ti descriverò nei prossimi capitoli, in modo da essere sicuro da riuscire a recuperare i video che avevi cancellato. Sei pronto? Sì? Benissimo! A questo punto, non mi resta altro che augurarti una buona lettura e, soprattutto, una buona fortuna!

Indice

Informazioni preliminari

Computer

Prima di illustrarti in dettaglio come recuperare i video eliminati da smartphone, tablet e computer, vorrei fare un po’ di chiarezza sulle procedure che dovrai affrontare.

Se sei fortunato e non hai realmente cancellato i tuoi video, bensì li hai semplicemente spostati nel Cestino (la sezione, locale o sul cloud, in cui vengono "parcheggiati" i file cancellati prima della loro reale eliminazione), puoi ripristinarli, tramite quest’ultimo, senza il benché minimo problema e senza correre il rischio che questi si siano corrotti.

Se, invece, hai svuotato il Cestino e cancellato realmente i tuoi video, hai ancora qualche speranza di recuperarli, ma solo tramite dei software di terze parti e senza avere la certezza che questi, anche in caso di ripristino, siano interamente riproducibili. Quando si cancella un file, infatti, l’area di memoria che occupava quest’ultimo, viene segnata come libera dal sistema operativo e occupata, non appena possibile, con nuovi dati. Se agisci prima che avvenga tale sovrascrittura, puoi riuscire a recuperare i tuoi filmati, altrimenti no.

Per tale ragione, è importante limitare al minimo l’uso del dispositivo su cui era conservato il video da recuperare, in modo da scongiurare la sovrascrittura delle aree di memoria che occupavano i file cancellati e aumentare le probabilità di recuperarli nella loro interezza. Fin qui tutto chiaro? Bene, allora procediamo.

Come recuperare video eliminati su Android

Ci sono tante soluzioni che puoi utilizzare per recuperare i video eliminati su Android: nei prossimi capitoli te ne consiglierò alcune tra le migliori.

Google Foto/Galleria

Recuperare screenshot Galleria Android

Se, sul tuo smartphone o sul tuo tablet, utilizzi l’app Google Foto per la gestione di foto e video, sarai felice di sapere che esiste una sezione all’interno di quest’ultima, denominata Cestino, che permette di recuperare tutti i file multimediali (foto e video) eliminati negli ultimi 60 giorni. Purtroppo, però, decorso questo termine, i file vengono completamente rimossi dal dispositivo e bisogna, pertanto, tentare la fortuna, utilizzando i software di recupero dati, di cui ti parlerò nei prossimi capitoli.

Per ripristinare un video eliminato dall’app Google Foto, avvia quest’ultima e premi sull’icona , che trovi in alto a sinistra. Nel riquadro che a questo punto visualizzi, seleziona la voce Cestino, per accedere all’archivio dei file eliminati.

Adesso, non ti resta che individuare il video da ripristinare e fare tap sulla sua miniatura, premendo poi il tasto Ripristina, in basso a destra, per recuperarlo.

Su alcuni smartphone e tablet, come quelli Huawei, è presente l’app Galleria, che svolge una funzione simile a quella che ti ho mostrato nei paragrafi precedenti per Google Foto.

Devi, quindi, avviare l’app Galleria e selezionare l’album Eliminati di recente per accedere alla sezione contenente i video cancellati. A questo punto, pigia sulla miniatura del video e premi il tasto Ripristina, per recuperare il video precedentemente eliminato.

EaseUS MobiSaver

Recuperare video con EaseUS MobiSaver su Android

Se non hai avuto modo di recuperare il video tramite i consigli che ti ho indicato nel capitolo precedente, puoi utilizzare una soluzione di terze parti, come ad esempio l’app EaseUS MobiSaver, per smartphone e tablet Android, la cui versione gratuita permette di ripristinare i video in formato MP4. Per recuperare ulteriori formati di file, devi acquistare la sua versione a pagamento, al costo di 6,49 euro.

Puoi installare EaseUS MobiSaver sul tuo dispositivo tramite il Play Store di Android, premendo il pulsante Installa. Attendi, dunque, che la procedura di download e d’installazione giunga al termine e avvia l’app, usando il pulsante Apri o la sua icona in home screen.

All’avvio di EaseUS MobiSaver, visualizzerai un messaggio per accedere al root del dispositivo, in modo da poter effettuare una scansione approfondita della memoria. Nel caso in cui il dispositivo Android non avesse tali permessi sbloccati, l’analisi della memoria sarà limitata alla sola cache, diminuendo quindi le tue probabilità di successo.

Per recuperare un video eliminato, nella schermata principale dell’app, pigia sul pulsante Foto & Video e attendi che l’analisi della memoria venga completata. Dopo aver individuato il video da recuperare, spunta quindi la casella presente al suo fianco e premi sul tasto Recupera, che trovi in alto.

Se hai eseguito con attenzione le procedure che ti ho indicato nei paragrafi precedenti, il tuo video verrà ripristinato e potrai visualizzarlo in un’apposita sezione all’interno dell’app, raggiungibile tramite l’icona con l’occhio, in alto a destra.

Come recuperare video eliminati su iPhone e iPad

Su iPhone e iPad, puoi recuperare i video eliminati utilizzando gli strumenti disponibili su iOS oppure app di terze parti, come quelle di cui ti parlerò nei prossimi capitoli.

Foto

Recuperare screenshot Foto iOS

L’app Foto di iOS permette di gestire la galleria multimediale degli iPhone e degli iPad, con la possibilità di recuperare i video e le foto che si sono cancellati per errore. È possibile effettuare quest’operazione solo per i file multimediali che sono stati cancellati negli ultimi 40 giorni: decorso questo termine, i dati vengono eliminati dal dispositivo e, pertanto, per tentare di recuperarli, bisogna rivolgersi a soluzioni per il recupero dati.

Per ripristinare un video eliminato nell’app Foto, avvia dunque quest’ultima e seleziona la scheda Album, situata in basso. A questo punto, scorri le diverse voci, fino a individuare quella denominata Eliminati di recente: in questa sezione, dopo aver trovato il video da recuperare, fai tap sul tasto Seleziona, in alto a destra, ed evidenzia il file da ripristinare, pigiando sulla sua miniatura. Non ti resta, ora, che premere sul tasto Recupera, per effettuare il ripristino dell’elemento selezionata.

Nel caso in cui tu abbia attivato il servizio Libreria foto di iCloud sul tuo iPhone o iPad, La procedura sopra descritta può essere effettuata anche dal pannello Web di iCloud, raggiungendo la sezione Eliminati di recenti: per saperne di più, ti consiglio di leggere questa mia guida dedicata all’argomento.

Google Foto

Recuperare screenshot Google Foto iOS

Utilizzi l’app Google Foto sul tuo iPhone o iPad e hai attivato la funzione di sincronizzazione delle foto con il servizio in questione? Allora sappi che puoi recuperare un video eliminato dall’app accedendo alla sezione Cestino della stessa, raggiungibile premendo sull’icona , che trovi in alto a sinistra.

Così come ti ho già spiegato nel capitolo precedente dedicato ad Android, non devi far altro che individuare il video che vuoi recuperare e premere sulla sua miniatura, in modo da selezionarlo. A questo punto, fai tap sul tasto Ripristina, e il gioco è fatto.

EaseUS MobiSaver

Recuperare video con EaseUS MobiSaver su iOS

Se hai cancellato i filmati di tuo interesse in maniera definitiva, quindi non riesci a recuperare il video eliminato su iPhone o iPad tramite i consigli che ti ho dato nei capitoli precedenti, puoi tentare di utilizzare EaseUS MobiSaver: si tratta di un software desktop disponibile per Windows e macOS che permette il recupero dei dati eliminati dai dispositivi iOS. Nella sua versione gratuita, permette di ripristinare un file per volta ma, acquistando una licenza al costo di 69,42 euro, è possibile rimuovere questa limitazione.

Il requisito fondamentale affinché il software possa funzionare correttamente è l’installazione dell’ultima versione aggiornata di iTunes sul PC. Nel caso in cui tu agisca da Windows, puoi scaricare l’ultima versione di iTunes dal sito Web di Apple, avendo cura di non scaricare quella disponibile sul Microsoft Store di Windows 10, perché potresti incorrere in errori di funzionamento.

Per scaricare EaseUS MobiSaver, raggiungi il suo sito Web ufficiale e premi sul tasto Scarica Gratis. A questo punto, sotto la dicitura Free, fai clic sul pulsante Scarica, per prelevare il file .exe per Windows: dopo averlo scaricato, fai doppio clic su di esso e premi su , nel riquadro del Controllo dell’account utente.

Nella schermata d’installazione, fai quindi clic sul tasto OK, quindi su Avanti e accetta le condizioni d’uso del software. Fatto ciò, premi nuovamente sul tasto Avanti per due volte consecutive e rimuovi il segno di spunta sull’opzione relativa all’installazione di software aggiuntivi. Premi quindi il tasto Avanti ancora una volta e concludi il setup, cliccando sul tasto Installa e poi su Fine.

Su macOS, invece, puoi prelevare il file .dmg per l’installazione del programma tramite questa pagina, premendo sul tasto Scarica Gratis. Dopo averlo scaricato, fai doppio clic su di esso e trascina EaseUS MobiSaver nella cartella Applicazioni di macOS. A questo punto, fai clic con il tasto destro del mouse sull’icona del software e seleziona la voce Apri dal menu contestuale. Nel messaggio che ti viene mostrato a schermo, conferma l’apertura del software tramite il tasto Apri (quest’operazione è necessaria solo al primo avvio e serve a bypassare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati).

Dopo aver eseguito l’installazione di EaseUS MobiSaver, collega l’iPhone o l’iPad al PC tramite il cavo in dotazione e avvia questo software. Nella sua schermata principale, scegli poi la scheda Recupera da iOS Dispositivo e premi il tasto Scansione.

Al termine dell’analisi, metti un segno di spunta sulla miniatura del video che vuoi recuperare, che puoi trovare nella scheda Foto/Video, premi il tasto Recupera (in basso), scegli la cartella di destinazione e premi il tasto di conferma, per esportare il file selezionato.

Come recuperare video eliminati su PC

Se hai erroneamente cancellato un video presente sull’hard disk o l’SSD del tuo computer, quello che puoi fare è agire tramite le soluzioni che ti illustrerò nei prossimi capitoli, adatte sia a Windows che macOS.

Cestino

Recuperare video dal Cestino

Se hai eliminato un video sul tuo PC Windows o sul tuo Mac, molto probabilmente questo si trova ancora all’interno del Cestino. In questo caso, puoi recuperarlo facilmente tramite le indicazioni che ti darò nelle prossime righe.

Per prima cosa, apri il Cestino tramite la sua icona che trovi sul desktop (Windows) o sul Dock (macOS). Nella schermata che ti viene mostrata, individua il video che hai cancellato e fai clic con il tasto destro su di esso, se utilizzi Windows. Se utilizzi macOS, invece, devi trascinare l’icona del file in una cartella di tua scelta.

Servizi di cloud storage

recuperare screenshot da Dropbox

Utilizzi i servizi di cloud storage per conservare i tuoi dati personali, compresi i video? Ottima notizia perché, in tal caso, puoi riuscire quasi sicuramente a recuperarli tramite una sezione di tali servizi che conserva temporaneamente i file eliminati prima di cancellarli in modo definitivo.

Se utilizzi Dropbox, ad esempio, puoi recuperare i file cancellati raggiungendo il sito ufficiale del servizio ed eseguendo l’accesso con le tue credenziali. Adesso, nella barra laterale della schermata principale, seleziona le voci File > File eliminati e metti un segno di spunta sul video da recuperare, dopodiché premi il tasto Ripristina, situato in alto a sinistra, e il gioco è fatto. Il file verrà riportato nella cartella d’origine.

Le procedure di recupero di un video eliminato su Google Drive e su OneDrive sono molto simili tra loro. Raggiungi il sito Web di Google Drive o quello di OneDrive e accedi con le tue credenziali. Fatto ciò, nella barra laterale, seleziona la scheda Cestino e individua il video da recuperare. Premi, dunque, sul pulsante Ripristina (l’icona con la freccia che gira), situato in alto, e verrà avviata la procedura di ripristino del file.

Infine, puoi recuperare facilmente un video eliminato su iCloud Drive, in un modo simile a quello descritto nei paragrafi precedenti. Per prima cosa, accedi al sito Web di iCloud tramite le tue credenziali e premi sull’icona iCloud Drive. Nell’angolo in basso a destra, premi poi sulla dicitura Eliminati di recente e fai clic sulla miniatura di un video, per recuperarlo all’istante.

PhotoRec (Windows/macOS/Linux)

Recuperare video con PhotoRec

Non sei riuscito a recuperare il tuo video tramite le soluzioni che ti ho indicato nei capitoli precedenti? In questo caso, puoi tentare la fortuna utilizzando alcune soluzioni di terze parti, dedicate al recupero dei dati analizzando i settori della memoria locale. Qualche esempio? PhotoRec. Questo è un software gratuito e open source che permette il recupero di file da qualsiasi unità di memoria, come ad esempio hard disk, schede SD oppure chiavette USB. Viene fornito insieme a TestDisk, un altro software gratuito e open source dedicato in maniera specifica al recupero delle partizioni cancellate/danneggiate.

Per usare PhotoRec su Windows, macOS o Linux, effettua prima il download del file d’installazione dal sito Web ufficiale. Ti avviso che su macOS e Linux, però, il software si può utilizzare soltanto tramite linea di comando, in quanto è sprovvisto dell’interfaccia grafica, presente, invece, nella versione per Windows.

Dopo aver raggiunto il sito Web di PhotoRec, fai dunque clic sulla voce Download, che trovi nella barra laterale, e seleziona la versione del sistema operativo installata sul tuo PC. Su Windows, effettuerai il prelievo di un file .zip, che dovrai estrarre in una cartella di tua scelta.

Arrivato a questo punto, apri la cartella dove hai estratto il contenuto dell’archivio e fai doppio clic sul file qphotorec_win.exe. Dopodiché scegli l’unità di memoria da analizzare e seleziona la voce FAT/NTFS/HFS+/ReiferFS, che trovi nella sezione Tipo di file system.

Ci siamo quasi: seleziona l’estensione dei file video da recuperare, premendo il tasto Formati dei file, fai clic sul tasto OK e poi su Naviga, per scegliere la cartella di destinazione (quella in cui devono essere salvati i video recuperati). Premi, infine, il tasto Cerca, per avviare l’analisi e il ripristino di tutti i file con le estensioni che hai scelto.

Recuva (Windows)

Recuperare video con Recuva

Un altro software che può fare al caso tuo è Recuva, disponibile gratuitamente sui PC Windows. Puoi acquistare anche una versione Professional, non necessaria ai tuoi scopi, al costo di 19,95 euro, che sblocca funzionalità aggiuntive, come gli aggiornamenti automatici o strumenti avanzati di ricerca.

Se sei interessato a questo software, ti consiglio di prelevare la sua versione portatile, che non richiede alcuna installazione per poter funzionare, da questa pagina. Dopo aver scaricato il file .zip, estrai il suo contenuto in una cartella qualsiasi del PC e fai doppio clic sul file .exe che trovi a suo interno, in modo da avviare Recuva.

Nella schermata che ti viene mostrata, premi il tasto Avanti, seleziona l’opzione Video e specifica l’ultima posizione dove risiedeva il video prima di essere eliminato (ad esempio Nel cestino). Premi, dunque, il tasto Avvia, per avviare l’analisi della memoria.

Al termine della procedura, visualizzerai tutti i video individuati da Recuva. Per recuperarne uno, metti un segno di spunta sotto la sua miniatura e premi il tasto Recupero, che trovi in basso a destra. A questo punto, scegli la cartella di destinazione e fai clic sul tasto OK, per spostare il video recuperato nel percorso da te selezionato.

Per maggiori informazioni sull’uso di Recuva, consulta la mia guida dedicata al programma.

Disk Drill (Windows/macOS)

Recuperare video con Disk Drill

Oltre agli strumenti che ti ho consigliato nei capitoli precedenti, ti suggerisco di usare anche Disk Drill, scaricabile gratuitamente su Windows e macOS. Nella sua versione gratuita, permette di ripristinare soltanto 500MB di dati, ma è possibile rimuovere questa limitazione acquistando la sua versione Pro, al costo di 89 dollari.

Per scaricare questo software su Windows, raggiungi questa pagina e premi sul pulsante Scarica gratis, in modo da prelevare il suo file .msi. A questo punto, fai doppio clic sul file appena ottenuto e premi sui tasti Next (per tre volte consecutive), e Close, per concludere il setup.

Se utilizzi macOS, invece, devi scaricare Disk Drill, raggiungendo questa pagina e premendo sul pulsante Scarica gratis: così facendo, si avvierà il download del file .dmg del programma. Al termine del download, fai doppio clic sul file appena scaricato e sposta Disk Drill nella cartella Applicazioni di macOS.

A questo punto, fai clic col tasto destro sulla sua icona e, dal menu contestuale, scegli la voce Apri. Nell’avviso che visualizzi a schermo, premi poi il tasto Apri, per confermare l’avvio di questo software scavalcando le protezioni base di macOS (operazione necessaria solo al primo avvio). Dopo aver aperto Disk Drill, nella schermata che ti viene mostrata, premi sui tasti Continua e Inizia. A questo punto, immetti la password del Mac nell’apposita casella e fai clic sul tasto OK.

Per recuperare un video cancellato, nella schermata principale del software, seleziona l’unità del disco dov’era presente il file prima che venisse cancellato e premi sul pulsante Recupera. Dopo che l’analisi dell’unità giungerà al termine, individua il video da ripristinare e metti un segno di spunta accanto al suo nome. Non ti resta, poi, che premere il tasto Recupera, e il gioco è fatto.

Come recuperare video eliminati da scheda SD

Recuperare video da scheda SD

Hai per errore eliminato un video presente sulla scheda SD? In tal caso, se vuoi agire direttamente tramite il tuo smartphone Android, puoi utilizzare alcune soluzioni di terze parti, come ad esempio EaseUS MobiSaver, di cui ti ho parlato nel dettaglio in questo capitolo.

In alternativa, puoi collegare la scheda SD al tuo PC o al tuo Mac e utilizzare dei software di terze parti che analizzano la memoria, come quelli di cui ti ho parlato nei capitoli precedenti, come ad esempio PhotoRec o Recuva.

Come recuperare video eliminati da WhatsApp

Recuperare video da WhatsApp

Se hai ricevuto un video su WhatsApp e l’hai eliminato per errore, puoi tentare di recuperarlo utilizzando le soluzioni che ti ho già descritto nei capitoli precedenti.

EaseUS MobiSaver può essere un’ottima soluzione per recuperare un video dall’unità di memoria dello smartphone o tablet. A tal proposito, poi consultare quanto ti ho già illustrato nel capitolo dedicato ad Android o in quello dedicato a iOS.

Se hai abilitato il backup dei file multimediali in Google Foto per le cartelle di WhatsApp, potrai recuperare i tuoi video seguendo le istruzioni che ti ho dato in questo capitolo.

In alternativa, puoi consultare quanto ti ho spiegato in questa mia guida, per verificare se il video è presente nei vecchi backup di WhatsApp.

Come recuperare video eliminati da YouTube

Recuperare video da YouTube

Se hai rimosso un video dal tuo canale YouTube, purtroppo, devo avvisarti che non è possibile ripristinarlo in alcun modo, in quanto la procedura di eliminazione è irreversibile. A tal proposito, il mio consiglio è quello di verificare che sull’unità di memoria del tuo dispositivo sia ancora presente il video, in modo da recuperarlo da lì.

In caso contrario, se il video era presente sul tuo device ma è stato cancellato anche da lì, puoi provare a ripristinarlo utilizzando i consigli che ti ho dato nei capitoli precedenti, quelli dedicati ad Android, iOS e PC.

Non ti assicuro, però, un esito positivo nella procedura di recupero dei dati dalla memoria, nel caso sia trascorso molto tempo dalla loro eliminazione: la porzione di memoria su cui era salvato il video potrebbe essere stata sovrascritta da altri dati, rendendone impossibile il ripristino.

Come recuperare video eliminati da Facebook

Recuperare video da Facebook

Lo stesso discorso che ti ho fatto per YouTube, vale anche per Facebook: dopo che si è cancellato un video, non è più possibile recuperarlo, in quanto non è presente un archivio storico dei dati pubblicati.

Puoi riuscire a ripristinare il file solo se esso era, in precedenza, ospitato sulla memoria del tuo dispositivo Android, iOS o del tuo computer. Le procedure che devi eventualmente seguire sono quelle descritte nei capitoli precedenti del tutorial.