Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come segnalare un sito a Google

di

Molti vedono Google come una fonte di conoscenza impenetrabile, di cui ci si serve tutti i giorni, ma con la quale non è possibile comunicare e interagire in alcun modo. Nulla di più falso! In realtà, Google offre diversi strumenti per interagire con il suo motore di ricerca e permette agli utenti di segnalare siti che andrebbero “premiati” (ossia aggiunti ai risultati delle ricerche qualora non fossero ancora indicizzati) oppure “penalizzati” perché protagonisti di azioni scorrette, come lo spam, la promozione di comportamenti illeciti, truffe e quant’altro.

Con la guida di oggi, voglio quindi spiegarti come segnalare un sito a Google facendoti scoprire quanto è facile compiere quest’operazione sia per i siti Internet che, per qualche ragione, non sono stati ancora indicizzati dal colosso di Mountain View, sia per quei siti da segnalare negativamente a causa di alcune presunte irregolarità. Credimi, bastano pochissimi minuti per compiere questo genere di operazioni e chiunque può riuscirci, persino tu!

Dato che ti sento già “scalpitare”, direi di non perdere altro tempo in chiacchiere e di passare subito all’azione. Mettiti bello comodo e prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti sulla lettura di questo tutorial. Soprattutto, segui le “dritte” che ti darò e vedrai che non avrai il benché minimo problema nel richiamare l’attenzione del motore di ricerca più usato al mondo. A me non resta altro da fare che augurarti buona lettura!

Indice

Come segnalare un nuovo sito a Google

Di solito, Google riconosce in automatico i siti Internet nuovi o aggiornati che si trovano in Rete e li aggiunge al suo indice (non a caso, questo processo vene definito indicizzazione). In alcuni casi relativamente rari, però, i Googlebot, ovvero i programmi che, come ti ho già spiegato in un’altra guida, si occupano di rilevare nuove pagine Web da aggiungere all’indice di Google, non svolgono appieno il loro dovere e, di conseguenza, bisogna segnalare un nuovo sito a Google “manualmente”.

Dal momento che Google aveva previsto il verificarsi di questo genere di problemi, ha fornito agli utenti uno strumento gratuito che permette di segnalare nuovi siti. Lo strumento in questione, chiamato Aggiunta/Aggiornamento di URL, è davvero semplicissimo da utilizzare. Tutto ciò che bisogna fare per adoperarlo è collegarsi alla sua pagina principale, inserire l’URL del sito Web che si desidera segnalare, aggiungervi un breve commento e pigiare sull’apposito pulsante mediane il quale inviare la segnalazione.

Per procedere, quindi, collegati alla pagina per l’aggiunta e l’aggiornamento di URL di Google e fornisci l’indirizzo dell’home page del sito Internet che vuoi segnalare al motore di ricerca scrivendolo nel campo di testo URL. Nel campo di testo Commenti, poi, inserisci una breve descrizione del sito che vuoi segnalare e clicca sul pulsante Aggiungi URL situato nella parte inferiore della pagina per inviare la segnalazione al team di “Big G”. Le altre pagine del sito verranno rilevate in automatico.


Una volta che avrai inviato la segnalazione relativa alla presenza di un nuovo sito, Google la prenderà in carico nel giro di qualche giorno e, se tutto andrà per il verso giusto, il sito Web segnalato verrà indicizzato da Google e comparirà nella SERP del motore di ricerca (la pagina che raggruppa tutti i risultati delle ricerche fatte dagli utenti).

Dopo aver segnalato un sito a Google, ovviamente non è detto che tu lo veda subito in cima alla SERP (anzi, è altamente improbabile che accada una cosa del cenere!). Il fatto che un sito sia indicizzato non garantisce di per sé che sia anche ben posizionato. Il posizionamento di un sito Internet su Google (e il discorso vale anche per tutti gli altri motori di ricerca), infatti, dipende da una pluralità di fattori (nel caso di Google, più di 200!) che vengono presi in considerazione ogni qual volta un utente effettua una ricerca: in primis la qualità dei contenuti e la correlazione che questi hanno con le ricerche fatte dagli utenti.

Se vuoi approfondire il discorso e saperne di più su come migliorare il posizionamento di un sito sul motore di ricerca più utilizzato al mondo, dai un’occhiata al tutorial in cui spiego come essere primi su Google dove ho provveduto a fornirti consigli specifici sull’argomento. Ti consiglio, inoltre, di valutare la possibilità di acquistare il libro Il Metodo Aranzulla” (edito da Mondadori Electa), dove mostro in modo ancora più approfondito come creare un sito editoriale di successo e, se ti è possibile, di frequentare il prossimo Aranzulla Day, una giornata di formazione incentrata specificatamente sulle strategie imprenditoriali ed editoriali che sono necessarie per trasformare un sito in uno strumento di business.

Come segnare un sito negativo a Google

Computer portatile

Nel caso in cui volessi segnalare un sito a Google in senso negativo, ossia volessi farlo escludere dai risultati delle ricerche perché è malevolo o fraudolento, devi collegarti a un’altra pagina messa a disposizione dal colosso di Mountain View, attraverso la quale è possibile inviare le segnalazioni in modo altrettanto semplice a quanto abbiamo visto per le segnalazioni “positive”.

Per procedere, quindi, collegati alla pagina relativa agli strumenti per i webmaster di Google e clicca sull’opzione relativa al tipo di scorrettezza che vuoi segnalare. Come puoi notare, ci sono vari comportamenti errati che possono essere segnalati a Google: cerca di individuare quello più consono al sito che vuoi segnalare e clicca sul link corrispondente.

  • Link a pagamento — se il sito promuove la vendita o l’acquisto di link a pagamento.
  • Contenuti discutibili — se il sito che vuoi segnalare offre contenuti ritenuti discutibili e/o offensivi (ad esempio immagini esplicite di violenza esplicite o di nudo).
  • Malware — se la pagina Web da segnalare contiene dei malware che potrebbero infettare altri computer.
  • Copyright e altre questioni legali — se il sito Internet viola in qualche modo la legge vigente sul diritto d’autore o se solleva altri dubbi dal punto di vista legale.
  • Personali/privati — se la pagina da segnalare viola la privacy di altri utenti divulgando informazioni personali, private e/o riservate.
  • Phishing — se il sito sfrutta la tecnica del phishing per ottenere informazioni riservate di altri utenti (se ricordi, ti ho parlato in modo approfondito del fenomeno del phishing in un’altra guida).
  • Rich snippet — se una pagina fornisce informazioni distorte o fuorvianti, magari perché contiene recensioni false o artefatte.
  • Altri prodotti Google — se la pagina utilizza illecitamente prodotti che sono proprietà di Google.
  • Segnala spam — se il sito è spam.
  • Il problema è un altro — se i problemi sopraccitati non corrispondono a quello che hai riscontrato nel sito che vuoi segnalare.

Dopo aver individuato l’opzione corrispondente al problema riscontrato nel sito che vuoi segnalare a Google, clicca sul relativo link e compila poi il modulo che ti viene proposto fornendo tutte le informazioni richieste.

Se, ad esempio, hai scelto l’opzione Link a pagamento, dovrai fornire l’URL del sito Web che vende il link e l’URL di quello che li acquista e, dopo aver eventualmente fornito ulteriori dettagli circa il problema riscontrato, pigiare sul bottone Invia. Se, invece, vuoi segnalare un sito spam, dopo aver pigiato sull’opzione Segnala spam, devi compilare il modulo proposto indicando l’indirizzo della pagina Web specifica che ha assunto il comportamento scorretto ed eventualmente i termini di ricerca che presentano un problema e qualche commento sulla segnalazione fatta. Dopodiché pigia sul pulsante Segnala spam per inoltrare la segnalazione a Google e il gioco è fatto.

Le procedure che ti ho indicato negli esempi presenti nelle righe precedenti sono praticamente le medesime che devi fare nel caso tu abbia scelto una qualsiasi altra opzione di segnalazione da inviare a Google. Le uniche differenze potrebbero riguardare, per ovvie ragioni, le diciture presenti nei moduli proposti. Hai visto che non è affatto complicato segnalare a Google un sito dal contenuto negativo? Ovviamente, sii parsimonioso nell’utilizzare questi moduli di segnalazione, assicurandoti che i siti segnalati violino effettivamente le condizioni d’uso di Google. Intesi?