Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Miglior drone con telecamera: guida all’acquisto

di

I droni vengono ormai impiegati in una moltitudine di campi e per questo stanno diventando una delle categorie del mondo tecnologico più rilevanti. Si rivelano particolarmente congeniali soprattutto in abbinamento a una telecamera: per cui se vuoi realizzare delle riprese o dei filmati spettacolari, indoor (per esempio in un palazzetto dello sport) o outdoor (come in aperta campagna), questo tipo di attrezzatura può toglierti delle soddisfazioni.

Prima di procedere all’acquisto del tuo drone con telecamera devi chiarire alcuni aspetti. A seconda delle dimensioni del drone, infatti, potrebbe essere più o meno efficace per le riprese interne o esterne: più è grande e più difficile sarà farlo volare al chiuso, ma sopporterà meglio il vento all’aperto. In base a queste esigenze ti guiderò attraverso varie opzioni d’acquisto in termini di risoluzione della telecamera equipaggiata e del peso dell’attrezzatura.

Valuta attentamente, inoltre, altri due fattori, ovvero la tua abilità alla guida del drone e le implicazioni legali. Per guidare opportunamente il drone e realizzare le riprese che effettivamente servono occorre, infatti, acquisire padronanza nella gestione dei vari movimenti del drone stesso. Inoltre, la legislazione vigente sui droni non è affatto chiara ed è soggetta a molte modifiche periodiche. Devi tenerti sempre aggiornato ed essere al corrente delle più recenti applicazioni della legge in materia di droni. Si tratta, infatti, di un mercato in rapidissima crescita, non ancora completamente e opportunamente regolamentato.

Indice

Come scegliere il drone

Imparare a volare

Se non hai esperienza nel pilotaggio dei droni ti consiglio come prima cosa di acquistare un drone economico e fare degli esperimenti. Questo ti permetterà di accelerare le tempistiche di apprendimento e ti farà risparmiare denaro. È molto facile, infatti, incappare in incidenti con i droni che possono tradursi in importanti costi di riparazione o addirittura nell’impossibilità a continuare a usare il drone. In questa guida ti consiglierò sia delle soluzioni economiche che droni con videocamera più professionali. Usa questi ultimi sono quando avrai acquisito sufficiente esperienza. A scopo di allenamento alcuni droni forniscono un simulatore da usare tramite lo smartphone. In questi casi, il radiocomando viene collegato allo smartphone allo scopo di simulare un volo. Sfruttando il simulatore è possibile fare esperienza di volo e con i controlli necessari per gestirlo correttamente.

Ambiti di utilizzo

Prima di acquistare il drone devi inoltre determinare con precisione in quali modalità lo utilizzerai. Come ti dicevo prima, se intendi usarlo in ambienti chiusi probabilmente ti conviene propendere per un dispositivo leggero, il quale però sarà in balia del vento quando lo porterai in ambienti aperti. Inoltre, devi stabilire se le riprese che realizzerai saranno destinate esclusivamente a scopo privato o se ti servono riprese professionali per il business. In quest’ultimo caso ti consiglio di spendere di più e propendere per un drone professionale. Sono tutte evenienze che comunque tengo in considerazione nella selezione dei prodotti sottostante.

Peso e risoluzione della telecamera

Valuta opportunamente questi due aspetti. Una telecamera che pesa più di 500 grammi è più adatta per le riprese esterne, mentre fino a 150 grammi è congeniale per gli ambienti indoor. Per poter prendere queste decisioni devi acquisire familiarità con il concetto di payload, ovvero il carico utile che è possibile installare sul drone. Consulta le specifiche tecniche del drone prima di acquistarlo e memorizza questo parametro. Molto importante è anche la risoluzione: se vuoi usare il tuo drone in ambito professionale, o semplicemente hai bisogno di immagini più gratificanti e accattivanti, opta almeno per una telecamera con risoluzione da 12 MegaPixel. Se vuoi contenere i costi, oppure vuoi semplicemente fare pratica, vanno bene anche i 5 MegaPixel. I migliori droni in circolazione consentono di registrare immagini a 1920×1080, ma se vuoi risparmiare potrebbe andarti bene anche la risoluzione di 1280×720. Lo stesso discorso vale per il frame rate: i 60 frame per secondo possono essere accattivanti in vari ambiti di utilizzo, ma è anche possibile accontentarsi di 30 frame per secondo. Sono già disponibili anche soluzioni più professionali che si spingono fino alla risoluzione 4K. Inoltre, la qualità delle tue riprese dipenderà molto anche dalla stabilità del drone, per cui puoi valutare eventualmente l’acquisto di una sospensione cardanica, che in gergo tecnico viene definita gimbal. Ovviamente questo farà lievitare verso l’alto il costo dell’attrezzatura.

Autonomia e ricarica

Prima di iniziare il volo, inoltre, devi valutare con grande attenzione l’autonomia del drone in base al lavoro che vuoi fare. È molto sgradevole, infatti, perdere il controllo del velivolo perché la batteria è completamente consumata, anche perché può cadere in un punto non proprio facilmente accessibile. Tutti i droni hanno autonomia di volo limitata perché le batterie di tecnologia attuale non garantiscono prolungate tempistiche di funzionamento. I droni più economici hanno un’autonomia inferiore ai 10 minuti, mentre i modelli avanzati possono volare anche per 20 o 25 minuti. Ti consiglio i droni per i quali è prevista la rimozione della batteria: con questi modelli sarà ad esempio possibile togliere la batteria originale per sostituirla con una carica. Prima di pilotarlo, quindi, controlla l’autonomia ed eventualmente acquista batterie più capienti. Considera che solitamente il tempo necessario alla ricarica delle batterie usualmente è superiore rispetto al tempo della durata delle batterie stesse. Valuta la distanza alla quale stai mandando il drone rispetto alla tua posizione: se supera i 500 metri non va bene.

Velocità e collegamento

Ci sono droni che possono superare i 50 chilometri orari. Per raggiungere queste velocità, però, occorre fare molta pratica, e usare il simulatore come ti ho detto prima. La portata del segnale radio è poi un elemento molto limitante nell’utilizzo dei droni: i modelli più recenti usano collegamento sulle bande di frequenza da 2,4 GHz e 5 GHz, le medesime usate dai router per erogare le reti domestiche. Si tratta di reti che difficilmente riescono a spingersi oltre i 30 metri. Se il drone va oltre la portata del radiocomando, a seconda del modello, può proseguire nella direzione precedentemente impostata oppure ritornare indietro verso il radiocomando. Questo succede, però, solamente con i modelli più evoluti dotati di modulo GPS.

Sicurezza

I droni possono provocare danni alle cose e ferire le persone se il pilota non è sufficientemente allenato. Per questo, ti consiglio di non far mai volare il drone vicino a persone o animali, e di spingerlo in lontananza solo dopo aver fatto pratica. Controlla ogni parte del drone prima del lancio al fine di assicurarti che sia perfettamente funzionante. Non essere precipitoso nelle fasi di pilotaggio e non essere intollerante se qualcuno muove degli appunti circa il tuo atteggiamento alla guida. Valuta, infine, l’assicurazione contro i danni: esistono diversi tipi di polizza utili a garantire un sufficiente livello di copertura assicurativa e indirizzate specificamente alle figure professionali come fotografi e videomaker.

Implicazioni legali

L’Enac, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, aggiorna costantemente il suo regolamento sui “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto”, categoria entro la quale ricadono ovviamente anche i droni come quello che intendi acquistare. “Il Regolamento intende fornire le risposte alle tematiche sottese allo sviluppo delle attività condotte con APR”, puoi leggere nella direttiva. Il regolamento prescrive che chi pilota droni sotto i 25 kg di peso deve sostenere una visita medica di classe LAPR. Inoltre, la distanza massima alla quale è possibile mandare il drone è di 500 metri dal pilota e 150 metri per quanto riguarda l’altezza. Viene data la possibilità di operare all’interno delle CTR (porzioni di spazio aereo attraversate da traffico controllato da Torri e radar). I droni sotto i 300 grammi di peso possono essere pilotati a una velocità non superiore ai 60 chilometri orari senza possedere alcun attestato a patto ovviamente di osservare le regole di sicurezza imposte da suddetto regolamento. Se vuoi leggere il regolamento sui droni completo clicca qui e qui.

Droni economici (meno di 100€)

Syma X5SW


Comincio la rassegna con un drone di una delle marche più conosciute quando si parla di droni a prezzi validi pur senza perdere in qualità e affidabilità. Syma X5SW è un quadricottero dotato di telecamera 0.3 MP che può volare sia indoor che outdoor. Questo drone permette di realizzare foto e video e vanta il supporto ad iOS e Android. È subito pronto a volare richiedendo semplicemente l’installazione di quattro batterie di tipo AA.

Syma X5SW 4CH 2.4G 6-Asse Giroscopio RC Wifi FPV Quadricottero Drone c...
Amazon.it: 63,34 €Compra ora

Hubsan X4 H107C


Hubsan X4 H107C è un drone decisamente completo se si considera il prezzo a cui viene venduto. Si tratta di un quadricottero mosso da quattro motori che danno la possibilità di effettuare decolli esperti e salite in verticale. Il velivolo offre due modalità di volo: Principianti, per coloro che intendono diventare abili nelle basi del volo, e Advanced, per coloro che hanno già esperienza nel manovrare un velivolo, con la possibilità di effettuare flip anche molto aggressivi. Questa nuova versione migliorata consente di attivare una modalità anti-flip premendo verso il basso la levetta sinistra. Inoltre, il nuovo Hubsan può volare anche di notte grazie alla presenza di quattro luci a LED. Viaggia sulla frequenza con banda da 2,4 GHz ed è dotato di un cavo di ricarica USB che permette di ricaricarlo anche tramite il computer. Il tempo di volo è di circa 7 minuti, mentre quello di ricarica di circa 40. Monta una videocamera RTF e contiene il modulo per la registrazione su scheda di memoria.

Hubsan X4 H107C 2.4G 4CH RC Quadricottero con videocamera RTF - nero/r...
Amazon.it: 40,93 €Compra ora

Droni di fascia media (da 200€ a 600€)

DJI Phantom 3


Il drone DJI Phantom 3 è il punto di riferimento per quanto riguarda la fascia media. Come ti ho detto prima, è consigliabile acquistarlo solo dopo aver fatto esperienza con i due droni che ti ho presentato prima, perché richiede un minimo di sensibilità per farlo volare correttamente. Si tratta di un drone che farà la felicità di qualsiasi videomaker grazie alla presenza della telecamera da 2.7K / 12 Megapixel con sistema di stabilizzazione a 3 assi. Inoltre, solo per il volo esterno, offre un sistema di posizionamento GPS. I dispositivi DJI sono poi rinomati per l’eccellente supporto app, che consentono di personalizzarne ogni aspetto come impostazione punto di ritorno, controllo del drone con Live View e cattura video/foto. Inoltre, sempre tramite app, è possibile consultare le statistiche di volo. La connettività video avviene tramite collegamento 2,4 GHz che si estende fino a un chilometro, mentre la batteria consente di mantenere il drone in volo per un massimo di 25 minuti. Il drone vanta anche quattro coppie di eliche e l’apprezzato telecomando Phantom 3 Standard.

DJI Drone Phantom 3 Standard con Videocamera 12 MP/2,7K, Bianco
Amazon.it: 599,00 € 597,88 €Compra ora

Parrot PF722000 Bebop


Insieme a DJI, Parrot è l’altro produttore con la migliore considerazione nell’ambito dei droni con telecamere. In particolare i Parrot Bebop si fanno apprezzare per la semplicità nel pilotaggio, l’affidabilità e per le ottime telecamere che montano con ampio angolo di visuale. Il modello che qui ti propongo riesce a raggiungere la velocità di 4 m/s e a girarsi su sé stesso di 90 e di 180 gradi. Ti permette inoltre sia di parlare che di ascoltare attraverso il drone. Inoltre, come ti dicevo prima, si caratterizza per un’ottima videocamera con ampio angolo di ripresa e pilotaggio coinvolgente. La risoluzione del sensore ottico raggiunge i 14 MP, mentre la lunghezza focale minima si attesta su 10 mm. Inoltre, il drone Parrot registra alla risoluzione HD 1280×720. Il peso del dispositivo è di 499 grammi.

Parrot PF722000 Bebop Drone, Rosso
Amazon.it: 272,06 €Compra ora

Parrot AR.Drone 2.0


Parrot AR.Drone 2.0 è uno dei droni con le recensioni migliori perché affidabile e semplice da usare. Questo perché offre una modalità di pilotaggio intuitivo che avviene tramite smartphone o tablet. Si tratta anche in questo caso di un quadricottero alimentato da due batterie da 1500 mAh. È capace di fare video streaming e di registrare in alta definizione in tempo reale. Gode, inoltre, di un sistema di stabilizzazione automatica per un controllo assistito in ambienti interni ed esterni e si rivela utile anche per i piloti senza esperienza grazie alla nuova modalità di pilotaggio pensata per facilitare i primi voli definita Absolute Control. All’interno della confezione, oltre alle due batterie prima menzionate, trovi 2 carene da interno e da esterno e 3 eliche colorate (rosso, turchese e arancione).

Parrot AR.Drone 2.0 Quadricottero Power Edition + 2 Batterie HD 1500 m...
Amazon.it: 349,00 € 229,62 €Compra ora

Droni semi-professionali (oltre 800€)

DJI Phantom 3 Professional


Entro in ambito professionistico con un altro drone DJI Phantom, ma stavolta con specifiche veramente molto avanzate. Ti parlo, stavolta, di un drone dotato di fotocamera 4K / 12 Megapixel e sistema di stabilizzazione a 3 assi. Offre anche un doppio sistema di posizionamento GPS + GLONASS, che si rivela molto utili per i voli esterni, e ad ultrasuoni, prezioso invece per gli ambienti chiusi. Come gli altri dispositivi DJI, inoltre, si collega all’app DJI GO per statistiche di volo, impostazione punto di ritorno, controllo del drone con Live View e cattura video/foto. La connettività è gestita tramite il protocollo Lightbridge Video Downlink che mantiene la connessione addirittura fino a 5 chilometri. La soluzione DJI offre anche il telecomando dedicato range fino a 5km in condizioni ottimali e un’ottima batteria ricaricabile agli ioni di litio che garantisce un massimo di 23 minuti di volo.

DJI Drone Phantom 3 Professional con Videocamera 12 MP/4K, Bianco
Amazon.it: 1.199,00 €Compra ora

Yuneec Typhoon Q500+


La reale alternativa al modello che ti ho appena proposto è Yuneec Typhoon Q500+ che è leggermente più costoso ma offre la videocamera 4K per immagini definite e precise cromaticamente. Questa videocamera registra ad un bitrate di 50 Mbps e garantisce una stabilità semplicemente superiore a quella di tutti gli altri dispositivi che ti ho elencato fin qui. Questo dispositivo Yuneec vanta anche la funzione Follow Me, che facilita la registrazione di video quando il dispositivo è in volo, e la funzione Watch Me, che invece resta puntata sul pilota, mantenendo inquadratura e fuoco a prescindere da dove il drone stia andando. La modalità Home Mode, invece, permette al Typhoon di tornare alla posizione del telecomando, atterrando in un raggio di 4-8 metri dal pilota. No Fly Zones, infine, garantisce il massimo della sicurezza evitando accidentali intromissioni in zone con divieto di volo come gli aeroporti. Yuneec Typhoon Q500+ offre ancora il posizionamento GPS, è capace di raccogliere dati quando è in volo, le funzionalità di Autodecollo e Groundstation, l’accesso in tempo reale al footage, e molto altro ancora. Il tutto a meno di mille Euro e con un importante sconto superiore ai 200 Euro nel momento in cui sto scrivendo.

Yuneec Typhoon Q500+ Drone con Macchina 4K Versione Completa, Bianco/N...
Amazon.it: 1.117,31 € 911,82 €Compra ora