Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

SSD Samsung: guida all’acquisto

di

Dopo aver usato un computer su cui era stato installato un SSD Samsung, hai deciso di fare il "grande passo" e acquistarne uno anche tu. Sì, ma quale? Di SSD prodotti dal colosso coreano ce ne sono tanti, ognuno dei quali ha caratteristiche tecniche e scenari di utilizzo ben delineati. Se si vogliono evitare acquisti sbagliati e non si vogliono buttare soldi, prima di "lanciarsi" nell'acquisto di un'unità a stato solido – sia essa di Samsung o di qualsiasi altro produttore – è bene informarsi circa le caratteristiche di quest'ultima: il suo formato, la sua capacità di archiviazione e il suo grado di compatibilità con il computer su cui s'intende installarla (o meglio, con la scheda madre del computer).

Se tu hai già adocchiato qualche SSD Samsung ma non sai ancora quale acquistare per il tuo PC, lascia che ti dia una mano e ti aiuti nella scelta. Ti assicuro che dopo aver assimilato pochi (ma fondamentali) termini tecnici e aver capito come funziona il collegamento dei vari tipi di SSD sulla scheda madre, riuscirai a fare l'acquisto più azzeccato per le tue necessità.

Che tu abbia bisogno di un SSD per sostituire il vecchio hard disk meccanico del tuo PC o per affiancarlo a quest'ultimo, leggi i suggerimenti che sto per darti e troverai, in men che non si dica, l'unità a stato solido più adatta alle tue necessità (e al tuo budget). Nella parte finale del post ti proporrò anche una rassegna dei migliori SSD Samsung con relativi prezzi e caratteristiche. Sperano possano servirti per acquistare il drive di cui hai bisogno senza spendere più del dovuto.

Indice

Come scegliere un SSD Samsung

Per scegliere l'SSD Samsung più adatto alle tue esigenze devi prendere in considerazione un gran numero di caratteristiche: in primis il formato dell'unità (che deve essere compatibile con la scheda madre del computer), ma poi anche le sue prestazioni in lettura e scrittura, la capacità di archiviazione, la durata della garanzia ecc. Ecco tutto spiegato in dettaglio.

Formato e interfacce di collegamento

Gli SSD si dividono principalmente in due categorie: quelli da 2,5” e quelli M.2 che differiscono per dimensioni, prezzo e sistema di collegamento alla scheda madre. Possono differire, e di molto, anche in termini di prestazioni, ma dipende tutto dal sistema di collegamento utilizzato per installarli nel computer.

SSD Samsung

Gli SSD da 2,5” sono quelli attualmente più diffusi. Sono generalmente economici, hanno la forma di una “scatoletta” molto sottile e si collegano alla scheda madre del computer tramite interfaccia SATA. Questo significa che sono compatibili con la maggior parte dei sistemi desktop e dei notebook attualmente in circolazione e che, grazie al diffusissimo standard SATA III, possono assicurare una velocità di trasferimento dati fino a 6Gbps teorici (che si traducono in circa 550 MB/s reali). Se si utilizzano computer molto vecchi che non supportano lo standard SATA III, si possono utilizzare ugualmente, ma accettando le limitazioni dello standard SATA II, quindi una velocità di trasferimento dati praticamente dimezzata.

Gli SSD M.2 rappresentano la più recente evoluzione delle unità a stato solido. Possono avere dimensioni pari a 22x30mm, 22x42mm o 22x60mm, 22x80mm o 22x110mm e si presentano come dei piccoli banchi di memoria, simili alle RAM. Come testimoniano le loro dimensioni estremamente compatte, sono stati studiati principalmente per i computer portatili ma ormai sono supportati anche da molte schede madri per sistemi desktop. I loro prezzi sono ancora piuttosto alti, ma in termini di prestazioni possono valere la differenza di prezzo rispetto alle unità da 2,5”.

Le unità in formato M.2 si possono installare solo su computer abbastanza recenti (o meglio, su schede madri abbastanza recenti) dove sono presenti appositi connettori. Bisogna fare però attenzione al tipo di interfaccia con cui è possibile utilizzarli. Gli SSD M.2, infatti, possono essere di tipo SATA o PCIe. Gli SSD M.2 SATA (detti anche B Key) non presentano differenze di prestazioni con quelli da 2,5” in quanto devono sottostare ai limiti dello standard SATA III (quindi non possono superare i 6Gbps teorici di cui sopra), mentre gli SSD M.2 PCIe (detti anche M Key) utilizzano l’interfaccia PCI Express al posto di quella SATA e quindi assicurano velocità di trasferimento dati molto più alte.

Prima di acquistare un SSD di tipo M.2, verifica che la scheda madre del tuo PC abbia un connettore M.2 e scopri il tipo di drive supportato da quest’ultimo: se solo SATA, solo PCIe o entrambi. Puoi trovare queste informazioni cercando le specifiche della scheda madre su Internet.

Alcuni SSD M.2 PCIe, come quelli di Samsung, supportano una tecnologia denominata NVMe. Non si tratta di un tipo di connettore particolare o di un altro componente hardware, bensì di un protocollo di comunicazione che descrive le operazioni e i comandi che possono essere eseguiti dai vari dispositivi. Ove presente (e ove supportato dal sistema operativo installato sul computer, che deve essere abbastanza recente) consente di avere prestazioni di livello superiore grazie a un abbassamento della latenza e ad altre ottimizzazioni, come ad esempio quella che richiede una sola comunicazione per il trasferimento di 4KB al posto di due e la possibilità di smaltire più code di comandi contemporaneamente (addirittura 65.536 code di comandi composte da 65.536 comandi ciascuna contro la coda di 32 comandi che possono gestire i classici drive basati sul vecchio protocollo AHCI).

Ricapitolando: se hai un computer non proprio recentissimo e/o non hai bisogno di prestazioni top, orientati tranquillamente sugli SSD Samsung da 2,5” con collegamento SATA, i quali sono abbastanza economici e risultano comunque enormemente più veloci dei classici hard disk meccanici. Se invece hai bisogno di prestazioni al top e hai una scheda madre adatta, orientati verso i drive M.2 con supporto PCIe e NVMe. Spendere tanti soldi per un drive M.2 e collegarlo tramite SATA rinunciando alle sue prestazioni sarebbe abbastanza inutile.

Un capitolo a parte lo meritano, poi, i drive SSD portatili che si collegano al computer tramite cavo USB e possono assicurare velocità di scrittura e lettura variabili in base al tipo di standard USB supportato dal computer (es. USB 3.0 o USB 3.1). Consiglio il loro utilizzo solo in casi particolari, ovvero quando si ha bisogno di lavorare con file molto grandi e si desidera trasferirli ad alta velocità sul computer. Per una normale archiviazione dei file sono da preferire ancora i drive meccanici, che sono decisamente più economici (e non hanno un limite di scritture).

Prestazioni

Come abbiamo appena visto insieme, le prestazioni degli SSD variano a seconda dell’interfaccia di collegamento usata per connetterli alla scheda madre, ma le prestazioni massime teoriche assicurate dagli standard SATA III e PCIe non rispecchiano le prestazioni reali degli SSD, che possono avere velocità operative variabili.

SSD Samsung

Le specifiche a cui devi guardare per valutare le reali prestazioni di un SSD sono due: la velocità sequenziale e le IOPS. La velocità sequenziale è quella che indica la velocità massima teorica con cui vengono letti e scritti i dati in sequenza. Si calcola in MB/s (Megabyte per secondo) o GB/s (Gigabyte per secondo).

Le IOPS (acronimo di operazioni di input/output per secondo) indicano il numero di letture e scritture che si riescono a fare ogni secondo, in maniera casuale, sull’SSD. Vengono misurati usando dei file di 4KB e variano a seconda della QD (queue depth), cioè dell’intervallo di comandi utilizzato per fare il calcolo.

Nell’uso quotidiano di un’unità SSD, le IOPS ricoprono un valore più importante rispetto alle velocità sequenziali, ma è bene tenere in considerazione entrambi i valori.

Capacità di archiviazione

Prima di acquistare un SSD, per scegliere il taglio di memoria giusto, bisogna valutare attentamente le proprie esigenze (sia quelle attuali che quelle future). Si seguito trovi elencati i “tagli” degli SSD Samsung e le loro principali destinazioni di utilizzo.

SSD Samsung

  • 128GB – è la dimensione di archiviazione minima offerta dagli SSD Samsung. Ti consiglio di propendere per questa soluzione solo se devi associare questo SSD a un disco più capiente, magari per installarci sistema operativo e programmi lasciando i file su un disco meccanico.
  • 256GB – la scelta ideale se non hai bisogno di lavorare con file molto pesanti, usi i servizi cloud per la gestione di foto e video e non vuoi spendere molto.
  • 512GB – probabilmente la scelta più equilibrata in termini di spazio disponibile e prezzo. Con 512GB a propria disposizione si possono installare programmi e archiviare una grande quantità di file senza problemi.
  • 1TB/2TB/4TB – gli SSD con una capienza così alta costano molto, pertanto li consiglio solo a chi lavora con file molto grandi (es. chi fa editing video) o ha esigenze particolari legate all’archiviazione di un gran numero di file sul disco del proprio computer.

Il valore delle IOPS e delle letture/scritture sequenziali può variare leggermente a seconda del “taglio” di memoria acquistato, anche se il modello di SSD è lo stesso. Il medesimo discorso vale anche per i consumi energetici.

Durata massima e garanzia

SSD Samsung

Altri parametri che bisogna prendere seriamente in considerazione sono quelli relativi alla durata massima e alla garanzia degli SSD. Come sicuramente già saprai, le unità a stato solido supportano un determinato numero di scritture, quindi dopo un lasso di tempo (molto molto lungo) smettono di funzionare. I produttori forniscono una stima della durata di un SSD esprimendola in milioni di ore di utilizzo.

Strettamente legata alla durata di un SSD è la garanzia che viene fornita dall’azienda produttrice del drive e che può essere di 3, 5 o addirittura 10 anni, a seconda del prodotto acquistato e della sua qualità (oltre che del suo prezzo).

Altre caratteristiche da prendere in considerazione

Altre caratteristiche da prendere in considerazione prima di acquistare un SSD Samsung (o qualsiasi altro tipo di SSD) sono i consumi energetici dell’unità che possono influire sull’autonomia del proprio notebook, il supporto alla tecnologia TRIM che consente di eliminare i blocchi non più in uso sul drive a di mantenere le sue prestazioni al top e il supporto nativo alla crittografia dei dati.

Quale SSD Samsung comprare

Arrivati a questo punto, direi che possiamo mettere al bando le ciance e vedere quali sono i migliori SSD Samsung disponibili attualmente sul mercato. Non sono molto numerosi, quindi non dovresti incontrare particolari difficoltà nell’individuare quello più adatto a te.

Samsung 850 EVO

SSD Samsung

Si tratta di un SSD da 2,5” con supporto SATA III. Assicura una velocità di scrittura sequenziale fino a 520 MB/sec e una velocità di lettura sequenziale fino a 540 MB/sec. Le IOPS sono fino a 98.000 in lettura e fino a 90.000 in scrittura (valori riferiti al modello da 2TB con 32QD). La sua durata è stimata in 1,5 milioni di ore, mentre la garanzia è di 5 anni (limitata). I consumi energetici vanno da 2,1 Watt a 7,2 Watt a seconda del taglio di memoria. È disponibile nelle versioni da 120GB, 250GB, 500GB, 1TB, 2TB e 4TB.

Samsung MZ-75E250B/EU SSD 850 EVO, 250 GB, 2.5" SATA III, Nero/Grigio
Amazon.it: 121,99 € 95,84 €Compra ora
Samsung MZ-75E500B/EU SSD 850 EVO, 500 GB, 2.5", SATA III, Nero/Grigio
Amazon.it: 220,99 € 158,95 €Compra ora
Samsung MZ-75E1T0B/EU SSD 850 EVO, 1 TB, 2.5", SATA III, Nero/Grigio
Amazon.it: 428,99 € 314,97 €Compra ora
Samsung 850 EVO SSD da 2 TB, SATA, 6GB/s, 98K IOPS
Amazon.it: 899,74 € 671,99 €Compra ora
Samsung MZ-75E4T0B/EU SSD 850 EVO, 4 TB, 2.5", SATA III, Nero/Grigio
Amazon.it: 1.801,99 € 1.399,90 €Compra ora

Samsung 850 PRO

SSD Samsung

Come facilmente intuibile dal nome, si tratta della famiglia di SSD Samsung destinata agli utilizzi professionali. In poche parole si tratta di una versione “potenziata” dell’850 EVO, infatti mantiene il medesimo formato: quello da 2.5” con connettività SATA III. È disponibile nei "tagli" da 120GB, 256GB, 512GB, 1TB e 2TB con garanzia limitata da 10 anni. La velocità di lettura sequenziale è pari a 550MB/s, quella di scrittura può essere di 470MB/s o 520MB/s a seconda del modello acquistato (la velocità di scrittura più bassa è solo sul modello da 128GB). Le IOPS sono fino a 100.000 IOPS in lettura e 90.000 in scrittura (valori riferiti al modello da 2TB con una QD32). I consumi energetici vanno mediamente da 3.5 a 5.8 Watt. La durata complessiva è stimata in 1,5 milioni di ore.

Samsung MZ-7KE256BW SSD 850 PRO, 256 GB, 2.5", SATA III, Nero/Rosso
Amazon.it: 169,99 € 140,19 €Compra ora
Samsung MZ-7KE512BW SSD 850 PRO, 512 GB, 2.5", SATA III, Nero/Rosso
Amazon.it: 303,99 € 239,27 €Compra ora
Samsung MZ-7KE1T0BW SSD 850 PRO, 1 TB, 2.5", SATA III, Nero/Rosso
Amazon.it: 582,99 € 456,34 €Compra ora
Samsung 850 PRO SSD da 2 TB, 2,5", Sata III, 6 Gbit/s, 256-bit AES, Ne...
Amazon.it: 981,54 €Compra ora

Samsung 950 PRO

SSD Samsung

Si tratta dell'SSD più avanzato disponibile attualmente nel catalogo di Samsung. Come facilmente intuibile anche dalla foto qui sopra, è in formato M.2 (PCIe) e pertanto assicura velocità di scrittura e lettura molto più elevata rispetto ai drive da 2,5" collegati via SATA. Supporta anche la tecnologia NVMe. È disponibile in due versioni: una da 256GB che assicura una velocità di lettura sequenziale fino a 2.200MB/s e scrittura sequenziale fino a 900MB/s e una da 512 che, invece, assicura una velocità di lettura sequenziale fino a 2.500MB/s e scrittura sequenziale fino a 1.500MB/s. Le IOPS sono di 300.000 in lettura e 110.000 in scrittura (valore relativo al modello da 512GB con QD32). La durata complessiva è stimata in 1,5 milioni di ore, la garanzia è di 5 anni (limitata). I consumi energetici si attestano fra i 5.7 e i 7 Watt.

Samsung T3

SSD Samsung

È l'unità SSD portatile di Samsung. È disponibile nei "tagli" da 250GB, 500GB, 1TB e 2TB e si collega al computer tramite cavo USB. È compatibile con lo standard USB 3.0 ormai presente sulla stragrande maggioranza dei PC e anche con il più recente standard USB 3.1 di 1ª generazione (supportato da molti computer con porta Type-C). Supporta una velocità di trasferimento dati fino a 450MB/sec e supporta la crittografia. Misura 74 x 58 x 10,5 mm per 51 grammi di peso.

SSD, PORTABLE SSD T3, 250GB, SAMSUNG BPSCA MU-PT250B/EU - CS29545 Di S...
Amazon.it: 145,91 €Compra ora
Samsung T3 MU-PT500B/EU SSD Esterno da 500GB, USB 3.0, 450 MB/s
Amazon.it: 200,00 € 192,67 €Compra ora
SSD, PORTABLE SSD T3, 1TB, SAMSUNG BPSCA MU-PT1T0B/EU - CS29547 Di SAM...
Amazon.it: 399,78 €Compra ora
Samsung T3 MU-PT2T0B/EU SSD Esterno da 2TB, USB 3.0, 450 MB/s
Amazon.it: 793,66 €Compra ora

Maggiori info sugli SSD Samsung

Se vuoi maggiori informazioni sugli SSD Samsung, collegati al sito Internet dell’azienda coreana e seleziona l’unità di tuo interesse. Potrai così consultare la sua scheda tecnica completa e verificare valori come le IOPS e i consumi energetici per ogni taglio di memoria disponibile.