Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come cambiare voce ad Alexa

di

Di recente hai sentito parlare di un interessante aggiornamento di Alexa che permette di sostituire la sua ormai familiare e inconfondibile voce femminile con una nuova maschile: ora, di conseguenza, sei molto curioso di scoprire questa novità e interagire con il suo alter ego, ma non sai bene come procedere per eseguire tale impostazione.

Voglio subito rassicurarti sul fatto che si tratta di un’operazione molto semplice, e che potrai eseguirla in autonomia seguendo le poche e semplici istruzioni che troverai esposte dettagliatamente nel prosieguo di questa guida: infatti, anche io mi sono attivato subito per capire come cambiare voce ad Alexa e ho individuato la corretta procedura per modificare le preferenze in questione in modo da poterti aiutarti a fare altrettanto.

Dunque, ti basterà solamente dedicare qualche minuto del tuo prezioso tempo alla lettura dei prossimi paragrafi, e in men che non si dica avrai modo di relazionarti con il nuovo assistente vocale. Allora, sei pronto? Alexa è lì con te, in ascolto? Perfetto, in tal caso non mi rimane che augurarti buon proseguimento!

Indice

Come cambiare voce ad Alexa

dispositivo Alexa in soggiorno

Prima di illustrarti nel dettaglio come cambiare voce ad Alexa desidero fare una breve premessa sull’aggiornamento di cui ti ho accennato nell’introduzione. Infatti, nel momento in cui scrivo, la voce maschile è disponibile solo per gli utenti che utilizzano l’assistente vocale in inglese (sia nella versione UK che USA) e, dunque, occorre necessariamente impostare tale lingua nelle preferenze del dispositivo mediante l’app Alexa per poter successivamente modificare anche la voce.

Ad ogni modo sarà mia cura adeguare la presente guida non appena l’aggiornamento verrà esteso anche all’italiano. Tutto chiaro? Perfetto, in tal caso possiamo partire con la spiegazione del procedimento!

Cambiare lingua ad Alexa

modifica lingua assistente vocale Alexa da app

Come ti ho spiegato nel precedente capitolo, al momento per poter ascoltare la versione maschile del celebre assistente vocale occorre preventivamente cambiare la lingua ad Alexa impostando quella inglese. Non temere, comunque, l’operazione di per sé è molto semplice da eseguire, ma ovviamente occorre avere un minimo di dimestichezza con la lingua d’oltremanica per poter interagire correttamente con l’assistente vocale.

Per cominciare, avvia l’app Alexa sul tuo smartphone o tablet (se, per qualunque motivo, dovessi aver bisogno di supporto sull’installazione e sulla registrazione, qui puoi trovare tutte le informazioni di cui necessiti) e pigia sul pulsante Dispositivi nel menu collocato in fondo alla schermata principale.

Una volta fatto ciò, scegli l’opzione Tutti i dispositivi e, a seguire, seleziona con un tap il device sul quale desideri applicare la modifica dalla lista che ti verrà mostrata. A tal proposito, desidero informarti che non tutti gli apparati Alexa sono compatibili con la modifica della voce, ma da prove effettuate sull’altoparlante Echo Dot di 1ª generazione, uno dei device più diffusi della serie in questione, è stato possibile completare l’operazione senza alcun intoppo.

Nella schermata successiva relativa al dispositivo prescelto, quindi, pigia sul simbolo dell’ingranaggio collocato in alto a destra, dopodiché scorri il menu seguente fino a individuare l’opzione Lingua, situata all’interno della sezione Generali, e pigia su di essa.

Ora non ti rimane altro da fare che selezionare, sotto alla dicitura Altre lingue, l’opzione English United Kingdom o English United States e confermare l’intenzione con un tap sulla voce OK nelle successive notifiche che avvertono del fatto che la lingua prescelta non è pienamente supportata nel Paese di origine, che alcune funzionalità potrebbero non essere disponibili, e che l’operazione potrebbe impiegare alcuni minuti: al termine dell’elaborazione visualizzerai il simbolo del segno di spunta a fianco della lingua selezionata.

Ci tengo a precisare che la modifica appena esposta non viene applicata ai menu dell’applicazione, i quali, dunque, rimarranno nella lingua selezionata in fase di registrazione del profilo.

Cambiare voce e nome ad Alexa

funzione cambio voce app Alexa

Hai seguito alla lettera le istruzioni per cambiare lingua riportate al capitolo precedente e sei riuscito senza problemi a modificare l’impostazione in questione? Perfetto! Ora è venuto il momento di cambiare voce e nome ad Alexa. Come dici? non sapevi che fosse possibile modificare anche la cosiddetta wake word, ossia la parola di attivazione? Ebbene, in realtà la cosa è assolutamente fattibile: con l’aggiornamento in questione potrai utilizzare anche Ziggy al posto di Alexa per chiamare l’assistente vocale.

Ora, però, andiamo per gradi, e per cominciare vediamo come modificare la voce: innanzitutto, pigia sulla voce Dispositivi dal menu principale collocato in fondo alla schermata iniziale dell’app Alexa, quindi premi sull’opzione Tutti i dispositivi e seleziona dalla lista che ti verrà mostrata il device sul quale intendi applicare la variazione.

A seguire, sfiora il simbolo dell’ingranaggio collocato in alto a destra e fai tap sulla nuova impostazione La voce di Alexa all’interno della sezione Generali: di default è selezionata la modalità Originale, ma ti basterà premere sulla voce Nuova per applicare la modifica: ascolterai contestualmente una notifica dell’avvenuto cambiamento pronunciata da una voce maschile.

A questo punto puoi già cominciare a interagire con il nuovo assistente vocale rivolgendo le consuete domande (ovviamente tradotte nella lingua prescelta) al dispositivo per il quale hai scelto di applicare la preferenza in questione.

funzione cambio nome Alexa da app

Per quanto riguarda il nome, invece, accedi nuovamente alla schermata delle Impostazioni del device come illustrato nei paragrafi precedenti (o torna indietro pigiando il simbolo della freccia situato in alto a sinistra se ti trovi ancora all’interno della funzione per il cambio della voce) e premi l’opzione Parola di attivazione.

Nella schermata seguente avrai la possibilità di selezionare una parola diversa per richiamare l’attenzione dell’assistente vocale e sostituire, così, il classico nome Alexa impostato di default: oltre alle impersonali opzioni Amazon, Computer ed Echo, se hai impostato la lingua Inglese USA troverai, come ti ho accennato all’inizio del capitolo, anche il nome Ziggy.

Per applicarlo, dunque, non dovrai fare altro che pigiare su di esso e confermare la scelta premendo sulla dicitura OK nella successiva notifica. Sarà necessario attendere alcuni istanti affinché la richiesta venga elaborata, dopodiché visualizzerai il simbolo del segno di spunta accanto alla parola prescelta: a partire da questo momento potrai utilizzarla per attivare l’assistente vocale ogni volta che lo vorrai, mentre quella precedentemente impostata non produrrà più alcune effetto fin quando non verrà nuovamente configurata come predefinita.

Ti segnalo anche la presenza, nella schermata in questione, della funzione Hey Santa, collocata all’interno della sezione Parole di attivazione VIP. Quest’ultima ti permetterà di interagire con un assistente avente la voce di Babbo Natale: si tratta di una particolare e simpatica skill configurata all’interno delle impostazioni, grazie alla quale potrai porre al personaggio in questione un numero limitato di domande, inerenti soprattutto la sua “attività”. Devo avvisarti, però, che questa integrazione non è compatibile con dispositivi Echo di prima generazione.

Per concludere, ci tengo a precisare che, ovviamente, puoi tornare in qualsiasi momento alle impostazioni precedenti: ti basterà seguire le stesse istruzioni che ti ho fornito nei paragrafi precedenti applicando, ovviamente, le preferenze che risultavano in essere prima delle modifiche.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.