Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire tablet Samsung

di

Il tuo tablet Samsung ultimamente sta facendo un pò di “capricci”: ad esempio, hai notato che anche dopo un lungo ciclo di carica la batteria si esaurisce molto velocemente, oppure stai riscontrando qualche comportamento un pò strano del display che ti impedisce di fruire serenamente del dispositivo e, dunque, vorresti approfondire meglio la questione.

Magari si tratta anche di un modello un pò datato per il quale non hai intenzione di spendere soldi rivolgendoti a un centro di assistenza, anche se il mio consiglio rimane sempre quello di affidarsi a mani esperte per questo tipo di operazioni: ad ogni modo, pensi di poter gestire la cosa in autonomia per quanto riguarda interventi più semplici come la sostituzione della batteria, ma hai alcuni dubbi su come accedere ai componenti interni del device.

In effetti la scocca ti dà l’impressione di essere ben salda e incassato: prima di procedere, dunque, vorresti capire bene come aprire tablet Samsung evitando di arrecare danni alla sua superficie, allo schermo, o alle parti interne. Ebbene, ti basterà dedicare appena qualche minuto del tuo prezioso tempo alla lettura dei prossimi paragrafi per scoprire quali sono gli strumenti idonei per questa operazione e la procedura corretta da seguire. Come dici? Sei curioso di saperne di più? Perfetto, allora non mi rimane che augurarti buona lettura e buon lavoro!

Indice

Come aprire tablet Samsung

assistenza samsung

Prima di procedere alla fase pratica di questa guida è necessario fare alcune essenziali precisazioni. In particolare ti consiglio vivamente, prima di eseguire qualsiasi intervento sull’apparato, di verificare la presenza di una garanzia valida e di accertarti della sua scadenza.

Considera anche che Samsung ha previsto una distribuzione piuttosto capillare dei suoi centri di assistenza: per scoprire qual è quello più vicino alla tua abitazione ti basta collegarti a questa pagina del sito ufficiale Samsung e premere sulla voce Mappa Centri Assistenza all’interno della sezione Smartphone, Tablet, Wearable situata poco più in basso.

Nella pagina successiva, quindi, premi la dicitura Telefonia Mobile collocata in alto, quindi compila il campo che compare sulla sinistra con il tuo indirizzo, specifica il raggio chilometrico entro il quale desideri muoverti e premi il simbolo della lente di ingrandimento posto a lato.

Se non trovi nulla, ti consiglio di aumentare il raggio di ricerca e ripetere l’operazione: sempre nel pannello di sinistra ti verranno elencati i risultati partendo dal laboratorio più vicino, ma potrai anche visualizzarli graficamente nella mappa centrale.

Puoi anche procedere a un contatto online per chiedere eventuali delucidazioni sulla garanzia o sui costi dell’intervento chiamando il numero verde 800 726 7864: gli operatori per l’assistenza su prodotti mobile sono disponibili 7 giorni su 7 dalle 09.00 alle 21.00, ma ti suggerisco preventivamente di reperire il codice modello, il numero seriale o l’IMEI.

In alternativa, sul sito dell’assistenza online di Samsung puoi trovare anche altri canali di comunicazione, come la Live Chat, accessibile premendo il pulsante Avvia una chat, o l’email, compilando il modulo che viene proposto cliccando due volte sul bottone Scrivici un’email.

Fatte queste opportune premesse, ti informo che per la realizzazione di questo tutorial mi sono avvalso di un tablet Samsung della serie TAB A, modello SM-T565. L’operazione, come potrai vedere a breve, non comporta particolari difficoltà, ma è comunque necessaria una discreta perizia per evitare di arrecare danni sia alla cover che alle delicate parti interne del dispositivo.

Desidero avvertirti preventivamente, pertanto, che non mi assumo alcuna responsabilità in merito a eventuali danni che potrebbero essere arrecati al tablet durante l’esecuzione delle prossime operazioni. Se, a questo punto, sei comunque confidente sul buon esito dell’operazione e vuoi mettere alla prova la tua manualità, allora è venuto il momento di rimboccarti le maniche e cimentarti in questo nuovo lavoro.

Preparazione

spudger

La prima fase, essenziale per una buona riuscita dell’operazione, consiste nella preparazione del dispositivo, dello spazio di lavoro e degli strumenti necessari all’apertura. Il tablet, ovviamente, deve essere spento e scollegato da eventuali altri apparati e dal caricabatterie e vanno rimosse eventuali SIM e memory card presenti nei rispettivi alloggiamenti.

In secondo luogo, è importante appoggiarsi su un piano liscio e spazioso, coperto possibilmente da un telo morbido per evitare che il display si graffi durante la procedura.

A seguire, procurati due spudger, di cui uno di piccole dimensioni (ti servirà per creare la prima fessura fra il display e la cover del device e mantenerla aperta) e l’altro leggermente più grande: quest’ultimo ti sarà d’aiuto per proseguire nella separazione di tutta la restante copertura posteriore.

Se non ne hai mai sentito parlare prima, lo spudger è uno strumento simile a una spatola molto semplice e maneggevole, progettato appositamente per limitare i danni ai componenti di un dispositivo. Quelli che ho utilizzato per l’apertura del modello Samsung TAB A sono di metallo e sono dotati di un manico antiscivolo e di un’estremità piatta ma leggermente ricurva, con un’ampiezza rispettivamente di 0,5 cm e 1 cm.


Origlam, set di leve spudger in metallo a doppia estremità. Kit di rip...
Vedi offerta su Amazon


iFixit Prying & Opening Tool Assortment, Set di Strumenti per Fare Lev...
Vedi offerta su Amazon

Ti consiglio di utilizzare uno spudger in metallo per creare la prima fessura, mentre per separare la cover puoi anche optare per uno realizzato con un materiale più flessibile, come la plastica o il nylon, in modo da ridurre la possibilità di scalfire l’oggetto.

Come aprire tablet Samsung TAB A

apertura tablet

Come potrai verificare tu stesso a breve, non è assolutamente difficile realizzare come aprire un tablet Samsung TAB A, ma è molto importante seguire alla lettera le indicazioni che sto per fornirti per non danneggiare il dispositivo.

Per prima cosa individua lo slot della memory card, quindi prendi lo spudger piccolo (con la spatola larga 0,5 cm) e inseriscilo, senza forzare troppo, nella parte superiore del suddetto ingresso, facendo leva delicatamente verso destra e verso sinistra al fine di creare una prima fessura ed evitare di deformare il bordo.

Non appena riesci nell’intento, lascia lo spudger piccolo all’interno della fessura per fare da spessore ed evitare che si richiuda, quindi, tenendo saldamente il tablet con una mano, prendi lo spudger più grande (1 cm di larghezza) e fallo scorrere lungo il perimetro della cover.

meccanismo a incastro tablet

Considera che approssimativamente ogni 3 cm e agli angoli del device sono presenti degli incastri: per liberarli dovrai necessariamente fare leva verso l’alto, sempre con assoluta delicatezza e pazienza (sono ripetitivo, lo so, ma è davvero molto importante!), finché non sentirai un clic molto distinguibile, a riprova del buon esito dell’operazione.

Prosegui così per tutta la lunghezza del device, senza fretta: solo nel momento in cui ti ricongiungerai alla prima fessura potrai aprire del tutto la cover e separarla dal display e avere così accesso alla componentistica interna del tablet.

case tablet aperto

Se, a questo punto, hai bisogno di sostituire la batteria in quanto hai appurato che dopo diversi cicli di ricarica non è più sufficientemente performante, in tal caso occorre per prima cosa rimuovere i connettori che la collegano al corpo centrale con una pinzetta, agendo con movimenti lievi verso l’alto e verso l’interno. Una volta fatto ciò, occorre rimuovere anche le viti che si trovano ai bordi della stessa mediante un cacciavite a croce con misura 0.

Richiudere il tablet, invece, rappresenta la parte più facile dell’operazione: ti basterà accostare nuovamente i due elementi avendo cura di farli corrispondere correttamente (prendi eventualmente come riferimento la fotocamera), quindi premi con le dita lungo i bordi per incastrare nuovamente la cover al display.

Come aprire altri tablet Samsung

samsung note 10.1

Le indicazioni fornite nel precedente capitolo relative al tablet Samsung SM-T565 ti sono state molto utili, ma in realtà hai a disposizione un modello diverso da quello in questione? Ebbene, puoi comunque fare riferimento alle istruzioni fornite nel capitolo precedente per capire come aprire altri tablet Samsung, ad esempio la versione SM-T585: tieni conto, però, che potrebbero esserci alcune piccole differenze relative alle modalità di rimozione della batteria.

La procedura è sostanzialmente valida anche per apprendere come aprire tablet Samsung TAB 3 o come aprire tablet Samsung TAB 4, dato che l’assemblaggio delle due unità avviene allo stesso modo. Nella serie TAB E, ad esempio nel modello SM-T560, invece, i bordi potrebbero non trovarsi lateralmente ma sulla superficie piana del display: per il resto anche in questo caso la procedura è fondamentalmente la medesima.

Per quanto riguarda il modello S2 la modalità di apertura differisce leggermente rispetto a quelli sopra citati, poiché i bordi della cover sono leggermente più interni rispetto al display: ad ogni modo occorre utilizzare sempre gli spudger, ma dato che non c’è corrispondenza con lo slot della memory card ti consiglio di partire da un angolo per creare la prima fessura.

Come dici? Vorresti sapere se ho qualche consiglio da darti per aiutarti a realizzare come smontare tablet Samsung Note 10.1? Ebbene, devi sapere che questa versione dispone di un pannello aggiuntivo in corrispondenza della fotocamera che va preventivamente tolto sempre tramite uno spudger. Per approfondimenti, ti rimando a una semplice ricerca su YouTube, dove potrai trovare molti video tutorial utili allo scopo.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.