Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come formattare una chiavetta USB con Ubuntu

di

Ubuntu è un sistema operativo molto facile da usare, soprattutto se lo paragoniamo ad altre distro Linux o alle versioni più datate della medesima distribuzione. Tuttavia ci sono alcune operazioni che possono risultare ancora non abbastanza intuitive per chi è alle prime armi con il mondo del “pinguino”.

Una di queste è sicuramente la formattazione delle chiavette USB: ecco perché ho deciso di occuparmene in una guida passo-passo in cui scopriremo insieme come formattare una chiavetta USB con Ubuntu. Si tratta di un’operazione molto facile e veloce da portare a termine, basta solo sapere dove mettere le mani. Leggi le mie indicazioni e te ne renderai presto conto.

Solo una piccola precisazione prima di cominciare: io per realizzare il tutorial ho utilizzato Ubuntu 18.04, ma le indicazioni riportate nell’articolo dovrebbero risultare valide per tutte le versioni recenti di questa celebre distro Linux. Chiaro? Perfetto, allora direi che possiamo mettere davvero da parte le chiacchiere e passare all’azione. Trovi tutte le indicazioni sul da farsi proprio qui sotto. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Scelta del file system

Chiavetta USB

Prima di vedere come formattare una chiavetta USB usando Ubuntu, devi scegliere il file system da adoperare sull’unità. Il file system, qualora non lo sapessi, è quello che indica il modo in cui vengono gestiti i file su un’unità (in questo caso la chiavetta) e determina il grado di compatibilità della stessa con sistemi e dispositivi. Ci sono fondamentalmente tre file system che puoi utilizzare.

  • FAT è universalmente riconosciuto da tutti i sistemi operativi e dispositivi (anche se ha un limite di 4GB per file). È la scelta giusta per creare chiavette “universali”, utilizzabili liberamente su qualsiasi computer e dispositivo,
  • NTFS – viene usato principalmente sui PC Windows, è supportato da molti sistemi/dispositivi in lettura ma spesso non in scrittura, quindi va scelto solo se la chiavetta va usata prevalentemente su PC Windows (non presenta limiti per le dimensioni dei singoli file ospitati sull’unità).
  • EXT4 – è il file system di Linux e non viene “digerito” molto bene da Windows, macOS e vari dispositivi. Te lo consiglio solo se devi utilizzare la tua chiavetta prevalentemente sui sistemi del "pinguino".

Formattare le chiavette USB con Ubuntu

Come già accennato nella fase introduttiva del tutorial, formattare una chiavetta USB con Ubuntu è un’operazione che può risultare “ostica” ai neofiti del mondo Linux, ma in realtà si tratta davvero di un gioco da ragazzi, anche perché ci sono almeno tre modi per procedere: uno più rapido e altri due un po’ più complessi e lunghi, da attuare in caso di problemi con il primo. Adesso ti spiego tutto in dettaglio.

Procedura standard

Come formattare una chiavetta USB con Ubuntu

La strada più semplice per formattare una chiavetta USB con Ubuntu è aprire il gestore file della distro (l’icona della cassettiera che si trova nella barra laterale del desktop), selezionare tramite clic destro il nome della chiavetta USB presente nella barra laterale del gestore file e selezionare la voce Formatta dal menu contestuale.

Nella finestra che si apre, digita il nome che vuoi assegnare alla chiavetta nel campo Nome del volume; seleziona il file system che vuoi utilizzare per formattarla, apponendo il segno di spunta accanto a una delle opzioni disponibili nella sezione Tipo (Disco interno per un uso esclusivo con sistemi Linux (Ext4), disco per un uso con Windows (NTFS) o disco per uso con tutti i sistemi e dispositivi (FAT)); scegli se cancellare i dati presenti attualmente sull’unità in maniera sicura (rendendoli, quindi, irrecuperabili anche tramite l’uso di software per il recupero dati) spostando su ON la levetta Cancella e clicca prima sul pulsante Successivo (in alto a destra) e poi su quello Formatta (sempre in alto a destra) per avviare l’operazione.

Procedura avanzata

Se la procedura standard per la formattazione delle chiavette USB in Ubuntu non ha dato i risultati sperati o, addirittura, non riesci a visualizzare la tua chiavetta tramite il gestore file, devi ricorrere a una procedura alternativa, la quale richiede l’impiego di Dischi, un’utility integrata in Ubuntu che serve, per l’appunto, a gestire dischi e partizioni.

Il primo passo che devi compiere per formattare la tua chiavetta in maniera “avanzata” è, dunque, cliccare sull’icona con i 6 pallini bianchi collocata in fondo alla barra laterale del desktop, cercare l’utility Dischi nella schermata che viene visualizzata sul desktop e cliccare sull’icona dell’applicazione in questione, per avviarla.

Ricerca Ubuntu

Nella finestra che si apre, seleziona l’icona della chiavetta USB da formattare dalla barra laterale di sinistra, fai clic sul pulsante ☰ collocato in alto a destra e seleziona la voce Formatta disco dal menu che compare.

Come formattare una chiavetta USB con Ubuntu

A questo punto, seleziona l’opzione Compatibile con tutti i sistemi e dispositivi (MBR/DOS) dal menu a tendina Partizionamento e clicca sul pulsante Formatta due volte consecutive per avviare l’operazione.

Se intendi usare la tua chiavetta solo su computer recenti e/o hai un disco di oltre 2TB di capacità, puoi scegliere anche l’opzione Compatibile con i moderni sistemi e dischi (>2TB) (GPT), che formatta la chiavetta usando uno standard per la definizione della tabella delle partizioni del disco denominato GUID Partition Table, ottimizzato per l’appunto per i sistemi più recenti.

Se vuoi rendere i dati presenti precedentemente sulla chiavetta irrecuperabili (anche usando software per il recupero dati), espandi il menu a tendina Cancella e seleziona l’opzione Sovrascrivere i dati esistenti con zeri da quest’ultimo. Così facendo, rallenterai la procedura di formattazione dell’unità, ma renderai, per l’appunto, irrecuperabili i dati presenti attualmente al suo interno.

Come formattare una chiavetta USB con Ubuntu

Adesso dovresti aver ottenuto una chiavetta con dello spazio non allocato, quindi uno spazio vuoto non ancora partizionato, quindi non ancora utilizzabile per archiviare dati. Per completare l’opera, seleziona quindi il riquadro arancione relativo allo spazio non allocato della chiavetta, clicca sul pulsante [+] che si trova in basso a sinistra e, nella schermata che si apre, indica la dimensione della partizione da creare (presumibilmente tutto lo spazio disponibile sull'unità, se non intendi creare più di una partizione).

Clicca, quindi, sul pulsante Successivo (in alto a destra) e, nella finestra che si apre, seleziona il file system che vuoi utilizzare per formattare la tua chiavetta USB mettendo il segno di spunta accanto a una delle opzioni disponibili nella sezione Tipo: puoi scegliere tra Disco interno per un uso esclusivo con sistemi Linux (Ext4), disco per un uso con Windows (NTFS) o disco per uso con tutti i sistemi e dispositivi (FAT).

Come formattare una chiavetta USB con Ubuntu

Digita, infine, il nome che vuoi assegnare al drive nel campo Nome del volume e clicca sul pulsante Crea (in alto a destra) per completare l’operazione. Più facile di così?

Formattare una chiavetta USB con Ubuntu da Terminale

Come formattare una chiavetta USB con Ubuntu da Terminale

Se stai approfondendo il funzionamento di Ubuntu a 360 gradi e, dunque, stai cercando di capire anche come funziona il suo Terminale, ti farà piacere scoprire che puoi formattare le chiavette anche da riga di comando. La procedura da seguire, come facilmente intuibile, è un po’ più complessa e lunga rispetto a quelle tramite interfaccia grafica che abbiamo visto in precedenza, ma è comunque abbastanza accessibile. Adesso te ne parlo più in dettaglio.

Per formattare una chiavetta USB tramite il Terminale di Ubuntu, devi per prima cosa avviare quest’ultimo cercandolo nel menu del sistema (quello accessibile cliccando sull’icona con i 6 pallini bianchi situata in basso a sinistra sul desktop). Fatto ciò, dai il comando lsblk per visualizzare la lista dei dischi collegati al computer (compresi i dischi interni).

Dovresti riuscire a individuare la chiavetta tramite l’indicazione della sua capacità, nella colonna SIZE. Fai attenzione ad appuntare il nome del disco giusto: potresti rischiare di cancellare altre unità connesse al computer o addirittura l’hard disk interno del PC! Nel mio esempio, la chiavetta ha il nome sdb.

Terminale di Ubuntu

Adesso, se vuoi cancellare in maniera sicura tutti i dati presenti sull’unità, dai il seguente comando: sudo dd status=progress if=/dev/zero of=/dev/sdb bs=4k && sync (dove a sdb devi sostituire il nome della tua chiavetta). Per la corretta esecuzione della procedura, dovrai digitare la password di amministrazione di Ubuntu.

Al termine della cancellazione della chiavetta, dai il comando sudo fdisk /dev/sdb per richiamare l’utility di gestione dei dischi da Terminale. Dopodiché dai il comando o per creare una nuova tabella delle partizioni DOS (se vuoi creare una chiavetta utilizzabile su tutti i sistemi e dispositivi) oppure il comando g per creare una nuova tabella delle partizioni GPT (se vuoi creare una chiavetta utilizzabile solo su sistemi moderni).

Superato anche questo step, dai il comando n per creare una nuova partizione e poi il comando p, a indicare che vuoi ottenere una partizione primaria. Dopodiché dai il comando 1 per scegliere il numero della partizione da creare, digita il numero che ti viene suggerito come valore di default (es. 2048) per indicare il primo settore e fai la stessa cosa per il numero dell’ultimo settore (es. 2013183).

Terminale di Ubuntu

Per concludere questa fase, rispondi Y alla richiesta di conferma. Successivamente, dai il comando w per salvare i cambiamenti e nuovamente il comando lsblk per scoprire l’etichetta che è stata assegnata alla partizione principale della chiavetta: nel mio esempio è sdb1 e si trova indicata nella colonna NAME, sotto il nome dell’unità (sdb).

Adesso puoi passare alla formattazione vera e propria dell’unità dando i comandi sudo umount /dev/sdb1 (per smontare il volume) e sudo mkfs.vfat -n NOME /dev/sdb1 (per la formattazione vera e propria). A sdb1 devi sostituire, in ogni caso, il nome della partizione della chiavetta. A NOME, invece, devi sostituire il nome che desideri assegnare alla chiavetta (da scrivere in maiuscolo).

Terminale Ubuntu

Otterrai una chiavetta formattata in FAT. Per scegliere un altro file system, usa i comandi sudo mkfs.ext4 /dev/sdb1 (per formattare l’unità in EXT4) o sudo mkfs.ntfs /dev/sdb1 (per formattarla in NTFS).