Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mettere la luce quando arriva un messaggio Samsung

di

Hai acquistato recentemente uno smartphone Samsung e ti stai trovando molto bene con il tuo nuovo device. Tuttavia, hai un piccolo problema: avresti bisogno di una segnalazione dei messaggi che ti avvisi anche quando il telefono è in modalità silenziosa. Hai infatti l’esigenza di non fare troppo rumore e al contempo di rimanere comunque in contatto con le altre persone in caso di necessità. Beh, non preoccuparti, direi che sei arrivato nel posto giusto!

Nella guida di oggi, infatti, ti spiegherò come mettere la luce quando arriva un messaggio sullo smartphone Samsung. In particolare, andrò ad analizzare tutte le possibili soluzioni offerte dall’azienda sudcoreana, dall’illuminazione del bordo del dispositivo fino al LED di notifica, passando per il flash. Insomma, le possibilità a tua disposizione sono diverse e, al termine di questo tutorial, sarai perfettamente in grado di utilizzare.

Coraggio: perché sei ancora lì fermo immobile davanti allo schermo? Vuoi imparare a impostare la luce sullo smartphone? Secondo me sì, visto che sei arrivato fin qui e mi sembri pronto per proseguire. Forza allora, tutto quello che devi fare è prenderti qualche minuto di tempo libero e seguire le rapide istruzioni che trovi di seguito. Detto questo, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura!

Indice

Informazioni preliminari

Smartphone Samsung

Prima di entrare nel dettaglio della procedura su come mettere la luce quando arriva un messaggio sullo smartphone Samsung, ritengo possa interessarti saperne di più in merito alle possibilità offerte dai dispositivi dall’azienda sudcoreana.

Ebbene, devi sapere che i metodi di notifica implementati nei dispositivi Samsung sono essenzialmente tre: illuminazione del bordo, LED di notifica e flash. Il primo è utilizzato principalmente negli smartphone di ultima generazione e viene utilizzato anche per far risaltare il design del dispositivo, che fa uso di uno schermo curvo.

Il LED di notifica è invece quello classico: una luce che si attiva e lampeggia in modo alternato quando si riceve, ad esempio, un messaggio. Infine, alcune persone non possono perdersi nemmeno una comunicazione e quindi decidono di utilizzare il flash come metodo di notifica, in modo da non dover costantemente dare un’occhiata allo schermo dello smartphone.

Come mettere la luce quando arriva un messaggio Samsung

Tutti i metodi che ti ho illustrato in precedenza vengono implementati da Samsung in maniera nativa nei suoi dispositivi. Tuttavia, questo dipende a seconda del modello a tua disposizione, ma non preoccuparti: di seguito trovi tutte le indicazioni del caso.

Illuminazione del bordo

Illuminazione bordo schermo Samsung

Se disponi di uno smartphone di ultima generazione con schermo Edge (Curvo), potresti pensare di utilizzare l’illuminazione del bordo. Si tratta di un metodo di notifica personalizzabile e piacevole alla vista. Inoltre, alcune persone lo ritengono più “visibile” rispetto al classico LED di notifica.

Per attivare questa funzionalità, ti basta recarti nelle Impostazioni dello smartphone (tramite l’icona dell’ingranaggio che puoi trovare in home screen o nel drawer) e spostarti nella scheda Schermo. Dopodiché, pigia su Schermo curvo e imposta su ON la levetta legata all’opzione Illuminazione Edge.

Perfetto, ora vedrai che il bordo dello schermo si illuminerà ogni qualvolta riceverai un messaggio, una chiamata o altre notifiche. Per ulteriori informazioni su questa funzionalità, ti invito a consultare il sito ufficiale di Samsung.

LED di notifica

Samsung

Come dici? Hai a disposizione un modello “tradizionale” di smartphone Samsung senza schermo curvo? Non sai come impostare il LED di notifica? Nessun problema, ti spiego subito come fare.

Ebbene, se il tuo device possiede un LED di notifica fisico, significa che probabilmente è arrivato sul mercato diversi anni fa. Possiamo dire che il “punto di non ritorno” è stata la gamma Galaxy S10, uscita nel 2019, in cui si è deciso di rimuovere il LED di notifica fisico a favore di soluzioni software, come quella che ti ho illustrato nel capitolo precedente.

Per quanto riguarda gli smartphone usciti prima di quell’anno, ci sono diverse versioni di Android e personalizzazioni del produttore di mezzo e non è quindi semplice darti un’indicazione precisa in merito.

Inoltre, solitamente, il LED di notifica è attivo di default e non ci dovrebbero dunque essere problemi. Tuttavia, se questo componente è fisicamente presente sullo smartphone ma non si accende, potresti provare a rimediare recandoti nelle Impostazioni del dispositivo e verificando la sezione legata alle Notifiche.

Qui solitamente sono presenti tutte le opzioni del caso per impostare questo metodo di notifica. Per maggiori informazioni in merito a questa possibilità, ti consiglio di consultare la mia guida su come attivare il LED di notifica.

NotifyBuddy LED

Se proprio non riesci a fare a meno del LED di notifica e disponi di uno smartphone con pannello AMOLED, ti consiglio di provare l’applicazione NotifyBuddy, pensata proprio per ovviare a questo problema. È gratuita, ma contiene al suo interno della pubblicità (che comunque compare solo tra i menu, non nelle notifiche). Per rimuovere le pubblicità e sbloccare anche funzionalità avanzate, come l’aumento delle dimensioni del LED, è necessario acquistare la versione Premium dell’app a circa 4 euro.

Per ottenere NotifyBuddy, ti basta aprire il Play Store (‘icona del simbolo ▶︎ colorato), cercare “notifybuddy” al suo interno e pigiare sull’icona dell’app (un cellulare con una notifica) nei risultati della ricerca. Dopodiché premi sul pulsante Installa e attendi che venga effettuato il download dell’applicazione.

Una volta aperta NotifyBuddy, premi sull’icona della freccia verso destra e pigia su CONCEDI, per garantire all’app tutte le autorizzazioni del caso. Ricordati di spostare su ON le varie levette legate a NotifyBuddy e, in seguito, fai tap prima sull’icona della freccia verso destra e poi sull’icona della spunta.

NotifyBuddy Impostazioni

A questo punto, sposta su ON le levette legate alle applicazioni da cui vuoi ricevere notifiche tramite NotifyBuddy e il gioco è fatto. Da questo momento in poi noterai che, appena una delle applicazioni coinvolte ti invierà una notifica, in alto a sinistra sullo schermo comparirà una sorta di LED generato via software.

Puoi modificare colore, timer, forma e molto altro semplicemente premendo sull’icona dell’ingranaggio presente in basso a destra all’interno di NotifyBuddy e selezionando le relative opzioni.

Insomma, stiamo sicuramente parlando di un metodo che può risultare interessante per rimpiazzare il classico LED fisico.

Flash

Flash notifica Samsung

Se vuoi invece utilizzare il flash della fotocamera o dello schermo come metodo di notifica, solitamente puoi farlo direttamente tramite una funzionalità nativa.

Tutto quello che devi fare è recarti nelle Impostazioni dello smartphone e selezionare prima la voce Accessibilità e poi quella Impostazioni avanzate. Dopodiché, premi sulla voce Notifica con flash e sposta su ON le levette relative a Flash fotocamera e Flash schermo (o attiva solamente quella di tuo interesse).

In questo modo, il tuo smartphone sfrutterà il flash della fotocamera oppure visualizzerà un’immagine gialla ad alta visibilità sullo schermo e potrai accorgerti della notifica essenzialmente in qualsiasi situazione. Se non sei sicuro di come funziona questo metodo, puoi premere sul tasto Anteprima per vederlo in funzione.

Chiaramente, stiamo parlando di una funzionalità che potrebbe essere “diversa” a seconda del modello di dispositivo Samsung in tuo possesso. Tuttavia, solitamente cambiano solamente le scritte a schermo e non dovresti quindi avere problemi di sorta. Per maggiori informazioni, ti invito a dare un’occhiata alle linee guida ufficiali di Samsung (in inglese).

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.