Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come vincere a Ruzzle

di

Ormai il tuo passatempo preferito è diventato sfidare gli amici su Ruzzle ma, un po’ per inesperienza, un po’ per sfortuna, non riesci quasi mai a batterli. Ti servirebbe qualche “dritta” su come affinare le tue abilità da “cercatore di parole”, però non vorresti impegnarti troppo nello studio di strategie particolari… d’altronde è solo un gioco!

Che ne dici, allora, se provo a spiegarti come vincere a Ruzzle in cambio di cinque minuti del tuo tempo libero? Nulla di complesso o particolarmente impegnativo, promesso. Solo una serie di consigli utili che potrai mettere in pratica per aumentare i tuoi punteggi contro gli amici. Dai, cominciamo subito!

Cominciamo questa breve guida su come vincere a Ruzzle da una tecnica semplicissima ma estremamente fruttuosa in termini di punti, quella relativa alla ricerca dei termini singolari e plurali, maschili e femminili e alle coniugazioni dei verbi.

Per esempio, se nella tua partita incontri un termine come usato, è probabile che sfruttando i medesimi tasselli potrai comporre anche parole quali usati (plurale) e usata (femminile). Stesso discorso vale per i verbi.

Se in partita riesci a comporre un termine quale usare, è probabile che partendo dagli stessi tasselli riuscirai a trovare anche altre parole che hanno lo stesso verbo come base: uso, usi, usa, usato, e così via.

Altro consiglio fondamentale per vincere a Ruzzle è sfruttare sempre al massimo le lettere speciali. Come avrai notato, sul tavolo da gioco ci sono dei tasselli che hanno delle lettere colorate stampate su di essi: quelli con la sigla DL danno un punteggio doppio per la lettera usata, quelli con TL danno un punteggio triplo per la lettera usata, DW fornisce un punteggio doppio per la parola trovata, mentre TW assegna un punteggio triplo per la parola.

Cerca di usarli ogni volta che puoi, soprattutto quando devi comporre parole brevi, articoli (il, lo, la, ecc.) e preposizioni (di, per, ecc.) che si possono realizzare tramite varie combinazioni. Ricorda però che le lettere speciali sono presenti soprattutto nel terzo round, nei primi due sono decisamente più rare da trovare.

Tornando sulle parole brevi: non trascurarle mai! Quando hai un momento di “blocco” in cui non riesci a individuare termini particolarmente lunghi (es. quando sta per scadere il tempo), non restare fermo leggendo e rileggendo le lettere a tua disposizione. Agisci segnando preposizioni, articoli, sigle e monosillabi che – è vero – singolarmente danno pochi punti ma messi tutti insieme possono portarti a superare l’avversario.

Infine, visto che i tuoi amici spesso vincono le sfide contro di te, ti consiglio di imparare da loro se vuoi migliorare a Ruzzle. In che modo? Alla fine di ciascun match, il gioco ti offre la possibilità di analizzare la lista di parole trovate dal tuo sfidante. Leggila e cerca di carpire le sue tattiche di gioco in questo modo.

Inoltre, per ampliare il tuo vocabolario e scoprire sempre più parole, al termine delle partite di Ruzzle da’ sempre un’occhiata alla lista completa dei termini che si potevano comporre con i tasselli che avevi a disposizione.