Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come collegare antenna WiFi esterna al router

di

Ti sei accorto che la copertura del Wi-Fi nella tua casa arriva solo a pochi metri di distanza dal router e, se ti allontani ulteriormente, perdi il segnale in poco tempo? La configurazione dei muri della tua abitazione, molta spessa e schematica, ti impedisce di propagare il Wi-Fi nelle stanze adiacenti al router? Insomma, stai cercando un modo per migliorare la copertura della tua rete Wi-Fi in modo da servire anche le aree più distanti, ma l’idea di aggiungere degli extender in giro per la casa non ti entusiasma.

A tal proposito, hai sentito parlare di antenne Wi-Fi che si possono aggiungere al router, per aumentare la portata del segnale, e vorresti provare ad adottare questa soluzione; tuttavia non sai da dove cominciare. Beh, se le cose stanno così, lasciati dire che sei capitato proprio nel posto giusto al momento giusto! Collegare un’antenna Wi-Fi al router è un operazione semplice e veloce, a patto che si rispettino dei piccoli ma fondamentali requisiti tecnici.

Nella guida di oggi, ti spiegherò dunque come collegare antenna WiFi esterna al router per migliorare ed espandere la copertura wireless nella tua casa. Così facendo ottimizzerai la distanza di ricezione del Wi-Fi e potrai connettere i tuoi dispositivi wireless anche dalle stanze che separano il router dai muri più “ostinati”. Se sei pronto a cominciare, ti auguro una buona lettura e buon lavoro!

Indice

Requisiti minimi

sma connettore femmina

Prima di mostrarti come collegare un’antenna Wi-Fi ad alto guadagno al tuo router, ci tenevo a darti qualche informazione fondamentale in merito ai requisiti necessari per la buona riuscita di questo tutorial. Come avrai già notato, i router forniti dagli ISP (Internet Service Provider, cioè gli operatori) sono prodotti con una linea estetica sempre più semplice e minimale, apprezzati per essere installati in bella vista, piuttosto che essere nascosti.

Ti sarai accorto, quindi, che questi “scatolotti” sono privi di antenne Wi-Fi esterne poiché sono minimizzate all’interno dell’involucro in posizione fissa e quindi non rimovibili. Per collegare una nuova antenna ad alto guadagno a uno di questi router è necessario aprirli (invalidando la garanzia) e fare delle modifiche all’involucro forando uno dei lati per installare il connettore apposito.

Tuttavia, questi router sono forniti sempre più di frequente con un contratto a noleggio o di acquisto rateizzato in 2 o più anni, quindi se non sono di tua proprietà ti sconsiglio di modificarli per non andare in contro a possibili sanzioni recapitate dall’ISP nel momento della restituzione.

router senza antenne esterne

Quasi tutti i router moderni non brandizzati, invece, sono equipaggiati con una o più antenne esterne in genere rimovibili e quindi sostituibili grazie a un comodo attacco (o meglio, connettore) con filettatura: i più diffusi sono i connettori SMA (SubMiniature version A) e i connettori TNC (Threaded Neill–Concelman). Questa caratteristica ti consente di sostituire facilmente le antenne con alternative più performanti, reperibili comodamente online a prezzi veramente interessanti.

Per concludere la panoramica sui router, esistono anche modelli con antenne snodate esterne fisse, ovvero, che non puoi svitare o rimuovere poiché installate mediante un sistema meccanico proprietario. L’unico modo per sostituirle sarebbe quello di aprire l’involucro del router, rimuoverle manualmente e adattare l’involucro con un po’ di fai-da-te per installare quelle nuove, ma non è un’operazione alla portata di tutti.

Fatte le dovute premesse di cui sopra, possiamo andare al sodo. La sostituzione dell’antenna Wi-Fi esterna del router ha lo scopo di aumentare la portata di trasmissione e l’efficienza del segnale, che si traduce in una maggior velocità di navigazione sulla rete propagata. Di seguito ti illustro brevemente alcuni aspetti da valutare per scegliere l’antenna giusta per te.

  • Omnidirezionale o direzionale: esistono antenne che irradiano il segnale a 360° (le più diffuse) ma esistono anche antenne con un unica direzione di propagazione che sanno fornire ottime performance se orientate nella direzione di comune utilizzo.
  • Guadagno (dBi): è la potenza di irradiazione del segnale elettromagnetico, maggiore è il valore di guadagno espresso in dBi e maggiore sarà la direttività dell’antenna.
  • Dimensioni: esistono antenne minuscole, medie, lunghe e paraboliche ma non sempre le dimensioni sono sinonimo di prestazioni. Oltre a essere un aspetto estetico da valutare in base alla posizione di installazione, devi sempre leggere le specifiche e individuare il valore di guadagno dichiarato (dBi).
  • SMA o TNC: anche se il connettore di tipo SMA è il più diffuso, non è quello utilizzato in assoluto poiché la scelta cambia da produttore a produttore. Quindi devi fare molta attenzione al tipo di antenna che compri al fine di non ritrovarti con un attacco differente e quindi di non poterla collegare al tuo router.
  • Femmina o maschio: i connettori delle antenne sono prodotti sia con il contatto a spinotto (maschio) che senza (femmina). Questa è una scelta che devi fare sulla base dei connettori presenti sul tuo router, a meno che non voglia prendere un kit completo di antenne e connettori (composti da componenti maschio e femmina) per installarli manualmente sull’involucro.
  • Posizione del router: il router con antenne omnidirezionali dovrebbe essere collocato preferibilmente al centro della casa e distante dalle pareti che potrebbero troncare il segnale Wi-Fi. Se la posizione del router non è ottimale, cambiare le antenne non ti da la garanzia di migliorare il segnale.

Qui di seguito trovi esempi di alcune antenne omnidirezionali dual band (dunque per reti da 2.4GHz e 5.0GHz) di media lunghezza, con connettori SMA maschio, pronte per essere collegate al router.

Bingfu Antenna WiFi Mimo RP-SMA Maschio Dual Band 2,4 GHz 5,8 GHz 6dBi...
Vedi offerta su Amazon

Qui sotto, invece, ti propongo alcuni esempi di kit completi con tanto di cavo e connettori maschio e femmina per l’installazione manuale sull’involucro del router, qualora fossero completamente assenti le antenne esterne e l’involucro del router fosse assente di connettori con filettatura.

Antenna omnidirezionale 2 x 2,4 GHz 6dBi per Interno Connettore Femmin...
Vedi offerta su Amazon
Bingfu Antenna WiFi 2.4GHz 5.8GHz Dual Band Base Magnetica RP-SMA Masc...
Vedi offerta su Amazon

Come collegare antenna WiFi esterna al router

wifi antenna

Dopo aver verificato di possedere tutti i requisiti per collegare una nuova antenna Wi-Fi ad alto guadagno al router, sei pronto per passare alla pratica! In questo capitolo troverai tutti i dettagli e le spiegazioni su come collegare antenna WiFi esterna al router.

Il procedimento è molto semplice, se sei riuscito a reperire un’antenna con il connettore della stessa tipologia presente sul tuo router, non devi fare altro che spegnere il router e staccarlo dall’alimentazione elettrica, poi devi svitare le vecchie antenne per avvitare quelle ad alto guadagno che hai acquistato. Dopo aver avvitato con forza le nuove antenne, puoi ricollegare l’alimentazione del router e accenderlo.

Se il tuo router non ha le antenne rimovibili e non è più coperto da una garanzia valida, allora puoi provare a seguire questo procedimento mediante un kit di antenne comprensivo di connettori maschio e femmina. Per prima cosa, devi aprire il router rimuovendo le viti situate nella parte inferiore. Una volta tolta la scocca superiore devi identificare i due fili che si innestano nei piccoli connettori del modulo Wi-Fi 2.4GHz sulla scheda madre.

connettore modulo wifi

Ti sconsiglio di applicare le antenne al modulo del 5GHz poiché rischieresti di ottenere un risultato scarsamente soddisfacente. La banda del 5GHz non è tecnicamente adeguata alla copertura radio di lungo raggio per questo ti suggerisco di potenziare piuttosto la banda del 2.4GHz con la quale potresti ottenere ottimi risultati di stabilità e copertura del segnale più ampia.

Per fissare i connettori delle antenne, ti suggerisco di fare uno o due fori (in base al numero di antenne che devi applicare) sul lato posteriore dell’involucro. Se devi applicare due o più antenne fai i fori a distanze inferiori o superiori a 12 cm per evitare un effetto di ridondanza radio. Per fare questo puoi utilizzare un avvitatore elettrico o un trapano con una punta per legno o ferro. Esercitando una leggera pressione durante la rotazione riuscirai ad ottenere facilmente uno o più fori sulla plastica dell’involucro per poi fissare i connettori SMA femmina.

sma-femmina

Il connettore SMA femmina è composto dal corpo del connettore e da un dado di ancoraggio, per fissarlo correttamente procedi inserendo il connettore in uno dei fori dall’esterno dell’involucro verso l’interno, il dado di ancoraggio va avvivato dall’interno.

Ti suggerisco (non è indispensabile) di applicare un po’ di colla a caldo nella parte interna dell’involucro in cui stringi il dado, così da consolidare ulteriormente il corpo del connettore SMA dalla parte interna.

Ora puoi collegare i fili delle antenne ai mini connettori del modulo 2.4GHz. Infine, rimonta l’involucro avvitando le viti nella parte inferiore del router e avvita le antenne esterne.

Come configurare antenna Wi-Fi esterna

antenna esterna al router

Dopo aver collegato l’antenna Wi-Fi esterna al router, potresti provare a modificare manualmente alcuni parametri del router per ottimizzare la potenza del segnale. Se vuoi provare, in questo capitolo ti illustrerò come configurare antenna WiFi esterna.

Puoi seguire questa pratica solo se hai pieno accesso alla pagina di configurazione Web del tuo router e il firmware di gestione non è bloccato (come negli ultimi modelli di router forniti da alcuni provider, i quali consentono solo di gestire le funzioni basilari del router, nascondendo tutte le impostazioni avanzate al fine di tutelare la stabilità e quindi la piena funzionalità del router).

Se puoi accedere liberamente alla pagina di configurazione Web del router attraverso il suo indirizzo IP, vai nel menu Wireless > Radio > 802.11a/802.11b e, nella pagina centrale, modificare il valore della trasmissione radio, denominata in genere Potenza radio o TX Power level o Max tx rate. Più alto è il valore impostato e più elevata sarà la potenza di trasmissione dell’antenna o delle antenne del tuo extender. Fai attenzione, comunque, a non inserire valori superiori a quelli previsti dalla legge italiana.

Se il risultato che ottieni è una copertura soddisfacente ma instabile e lenta, ti suggerisco di leggere la mia guida sull’ottimizzazione della propagazione wireless sui canali radio: come cambiare il canale Wi-Fi.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.