Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come collegare mouse wireless senza USB

di

Hai comprato da poco un mouse wireless ma ti sei accorto solo successivamente che nella confezione di vendita non è incluso alcun adattatore USB e vorresti capire se esiste un modo per poterti comunque servire del dispositivo? Beh, certo che sì… a patto però che la periferica risponda a determinate specifiche.

Se vuoi saperne di più, ti consiglio quindi di prenderti qualche minuto libero soltanto per te e di concentrarti sulla lettura di questa mia guida incentrata sull’argomento. Nelle seguenti righe, infatti, trovi spiegato in dettaglio come collegare mouse wireless senza USB a computer, smartphone e tablet.

Ti anticipo subito che, al contrario di quel che tu possa pensare, non dovrai fare nulla di particolarmente complesso o che sia fuori dalla tua portata. Si tratta di operazioni abbastanza semplici da compiere anche per chi, un po’ come te, non si reputa propriamente un grande esperto in nuove tecnologia. Allora? Pronto per cominciare? Sì? Benissimo! Mettiamo al bando le ciance e procediamo!

Indice

Informazioni preliminari

Mouse wireless

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare come collegare un mouse wireless senza USB, ci sono alcune informazioni preliminari che è mio dovere fornirti per schiarirti al massimo le idee e per fare in modo che tutto fili per il verso giusto.

Come ti dicevo in apertura del post, per sfruttare un mouse non cablato senza dover ricorrere all’adattatore USB è necessario che questo supporti la connettività Bluetooth. Se il mouse in tuo possesso è a radiofrequenza, l’uso di un ricevitore apposito da collegare al computer o comunque al dispositivo di tuo interesse risulta indispensabile.

Per quel che concerne il Bluetooth, tieni presente che la maggior parte dei computer di più recente produzione, soprattutto portatili ma anche desktop, sono dotati di un modulo interno capace di supportare la connettività in questione.

Se il computer che possiedi non integra un modulo Bluetooth, puoi comunque ovviare facilmente alla cosa utilizzando un adattatore da collegare esternamente a una delle porte USB libere del PC.

TP-Link UB400 Adattatore Bluetooth USB 2.0 Dongle Bluetooth 4.0 Wirele...
Vedi offerta su Amazon
Asus USB-BT400 Nano Bluetooth Stick (utilizza controller PS4 e Xbox On...
Vedi offerta su Amazon
UGREEN Adattatore USB Bluetooth 4.0, Dongle Bluetooth Wireless EDR 20M...
Vedi offerta su Amazon

Per quel che concerne gli smartphone e i tablet basati su Android, il modulo Bluetooth è integrato su tutti i dispositivi, sia quelli più recenti che non, motivo per cui è sempre possibile collegare un mouse Bluetooth senza particolari difficoltà.

Nel caso dei dispositivi mobili Apple, invece, pur supportando anch’essi la connettività Bluetooth, la cosa è fattibile solo sugli iPhone e sugli iPad aggiornati ad iOS/iPadOS 13.4 o versioni successive.

Come collegare mouse wireless senza USB su computer

Fatte le dovute precisazioni, veniamo al nocciolo vero e proprio della questione e andiamo a scoprire quali sono le operazioni esatte che vanno compiute per collegare un mouse wireless senza USB al computer. Trovi spiegato tutto in dettaglio proprio qui di seguito, sia per quel che concerne Windows che per quanto riguarda macOS.

Windows

Aggiunta dispositivi Bluetooth Windows

Se desideri collegare un mouse senza fili al tuo PC sfruttando il Bluetooth, la prima cosa che devi fare è accendere il computer (se spento) e abilitare su quest’ultimo l’uso della connettività in questione.

Per fare ciò, se stai usando Windows 10, clicca sull’icona del fumetto situata accanto all’orologio di sistema (nella parte in fondo a destra della barra delle applicazioni) e poi sul pulsante Bluetooth, così che da grigio diventi colorato.

Dopo essere riuscito ad attivare il Bluetooth sul computer, accendi il mouse, spostando su ON l’apposito interruttore (solitamente è posto sulla parte inferiore dell’apparecchio). Se è presente un pulsante di accoppiamento (puoi verificare ciò consultando il manuale del mouse), provvedi altresì a premere quest’ultimo per qualche secondo, fino a quando il relativo LED non comincia a lampeggiare.

Successivamente, clicca sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) che trovi nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, seleziona l’icona delle Impostazioni (quella con la ruota d’ingranaggio) nel menu che si apre e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, seleziona la voce Dispositivi.

A questo punto, clicca sulla voce Bluetooth e altri dispositivi che si trova a sinistra, premi sul bottone Aggiungi dispositivo Bluetooth o di altro tipo, seleziona la dicitura Bluetooth e aspetta che il nome del mouse compaia nell’elenco degli apparecchi individuati. Infine, clicca sul nome del dispositivo e sul pulsante Connetti.

In alternativa al procedimento che ti ho spiegato poc’anzi oppure se stai usando Windows 8.x/8 o una versione precedente del sistema operativo, dovresti essere in grado di attivare il Bluetooth dalla tastiera del computer, premendo sul tasto apposito (quello con la “B” stilizzata), eventualmente insieme al tasto Fn, oppure spostando l’interruttore preposto alla cosa in posizione di acceso. Per maggiori dettagli, ti invito a consultare la mia guida dedicata in maniera specifica a come attivare il Bluetooth sul PC.

In seguito, fai clic sul pulsante Start presente sulla barra delle applicazioni e seleziona il collegamento relativo al Pannello di controllo in esso presente. Nella finestra che vedrai comparire sul desktop, clicca sulla voce Visualizza dispositivi e stampanti, dopodiché premi sul pulsante Aggiungi dispositivo presente in alto, clicca sul nome del mouse nella nuova finestra che si apre e sul pulsante Avanti, in modo da concludere la procedura.

Dopo essere riuscito a collegare il mouse wireless senza USB al tuo computer, potrai finalmente cominciare a servirti di quest’ultimo. Se lo ritieni necessario, puoi anche apportare eventuali regolazioni relative all’uso del dispositivo. Su Windows 10 puoi riuscirci facendo clic sul pulsante Start, selezionando l’icona delle Impostazioni nella finestra che si apre, poi la voce Dispositivi, quindi quella Mouse nel menu laterale e intervenendo sulle opzioni presenti nella parte destra della schermata.

In alternativa al procedimento che ti ho spiegato poc’anzi oppure se stai usando Windows 8.x/8 o una versione precedente del sistema operativo, puoi gestire il funzionamento del mouse cliccando sul pulsante Start, selezionando il collegamento relativo al Pannello di controllo nel menu che si apre, poi la voce Hardware e suoni e/o Mouse (a seconda del tipo di visualizzazione abilitata) e intervenendo sulle opzioni annesse all’ulteriore finestra che si apre.

Ti faccio inoltre notare che alcuni mouse, in special modo quelli da gaming, sono dotati di software dedicati tramite i quali è possibile personalizzare ulteriormente il funzionamento della periferica. Il software in questione è solitamente incluso nella confezione di vendita del mouse, sotto forma di dischetto, oppure può essere scaricato dal sito Internet del produttore.

Tieni altresì presente la procedura di abbinamento del mouse al computer va effettuata solo la prima volta che colleghi il dispositivo. In seguito, ti basterà accendere il mouse e abilitare il Bluetooth sul PC per far sì che i due dispositivi si “riconoscano” in automatico.

macOS

Configurazione mouse Bluetooth su macOS

Se stai usando macOS, per collegare un mouse wireless senza USB la prima cosa che devi fare è quella di accendere il Mac (se non hai già provveduto preventivamente) e assicurarti che la connettività Bluetooth risulti abilitata sul computer.

Per riuscirci, clicca sull’icona del Bluetooth (quella con la “B” stilizzata) presente nella parte in alto a destra della barra dei menu del Mac e, nel menu che si apre, verifica che compaia la voce Bluetooth: attivo. Qualora così non dovesse essere, puoi abilitare il Bluetooth selezionando l’opzione Attiva Bluetooth.

Se non riesci a visualizzare l’icona del Bluetooth nella barra dei menu, fa’ così: clicca sull’icona di Preferenze di sistema (quella con la ruota d’ingranaggio) sita sulla barra Dock, seleziona la voce Bluetooth nella finestra che compare sulla scrivania e clicca sul pulsante Attiva Bluetooth presente a sinistra. Per abilitare la visualizzazione dell’icona del Bluetooth nella barra dei menu, invece, spunta la casella accanto alla dicitura Mostra Bluetooth nella barra dei menu che si trova in basso.

Dopo aver compiuto i passaggi in questione, accendi il mouse spostando su ON l’interruttore apposito (in genere è posto sulla parte inferiore del dispositivo). Se è presente un pulsante di accoppiamento (puoi scoprirlo consultando il manuale del mouse), provvedi inoltre a premere quest’ultimo per qualche istante, fino a quando il relativo LED non inizia a lampeggiare.

Dopo aver compiuto i passaggi, recati nuovamente nella sezione Preferenze di Sistema > Bluetooth di macOS, procedendo in maniera analoga a come ti ho indicato poc’anzi, e attendi che il mouse compaia nell’elenco Dispositivi situato a destra. Quando lo visualizzi, selezionane il nome, clicca sul pulsante Connetti posto in sua corrispondenza e poi sul bottone Abbina.

Dopo aver stabilito il collegamento, potrai finalmente cominciare a usare il tuo mouse senza fili sul Mac. Se lo ritieni necessario, ti informo che puoi anche regolarne il funzionamento in base a quelle che sono le tue preferenze e necessità, aprendo sempre le Preferenze di Sistema, cliccando sulla voce Mouse nella relativa schermata e intervenendo sulle varie opzioni disponibili.

Se poi insieme alla confezione di vendita del mouse senza fili che hai collegato al Mac era presente un dischetto d’installazione, sappi che, molto probabilmente, su di esso è presente un software fornito dal produttore per gestire in maniera ancora più completa l’apparecchio. Ciò si verifica in special modo nel caso dei mouse da gaming. In alternativa, potresti essere in grado di scaricare il programma per personalizzare il funzionamento della periferica dal sito Internet del produttore.

Un discorso differente va fatto per quanto riguarda il Magic Mouse 2, ovvero il più recente mouse realizzata direttamente da Apple per i suoi computer. In tal caso, per stabilire la connessione è anche possibile connettere la periferica al Mac tramite il cavo da Lightning a USB fornito in dotazione a una delle porte USB libere del computer, attendere la comparsa della notifica indicante il fatto che la procedura è andata a buon fine e scollegare il cavo.

Ti faccio infine notare che le procedure descritte in questo passo per effettuare l’accoppiamento del mouse al computer vanno eseguite solo la prima volta. In tutte le altre occasioni in cui vorrai usare la periferica ti basterà accenderla, assicurarti che il Bluetooth sul Mac risulti attivo e attendere qualche istante affinché l’abbinamento avvenga in automatico.

Come collegare mouse wireless senza USB su smartphone e tablet

Vediamo ora come collegare un mouse wireless senza USB su smartphone e tablet, più precisamente su Android e su iOS/iPadOS. Trovi spiegato tutto in dettaglio proprio qui sotto.

Android

Mouse e smartphone Android

Se possiedi uno smartphone o un tablet Android e vuoi collegare a quest’ultimo il mouse wireless eventualmente in tuo possesso, la prima cosa che devi fare è accendere il dispositivo e assicurarti che il Bluetooth risulti attivo.

Per fare ciò, seleziona l’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio) presente nella home screen o nel drawer di Android, fai tap sulla dicitura Connessioni, quindi su quella Bluetooth e verifica che l’interruttore apposito risulti spostato su ON. In caso contrario, provvedi tu.

In alternativa a come ti ho indicato poc’anzi, puoi verificare che il Bluetooth risulti attivo sul tuo dispositivo Android mediante il Centro notifiche. Per cui, richiama quest’ultimo effettuando uno swipe dall’alto verso il basso sullo schermo e, nel menu che visualizzi, assicurati che l’icona del Bluetooth (quella con la “B”stilizzata) sia colorata. Se è grigia (e quindi il Bluetooth risulta disattivato), facci tap sopra per rimediare.

A questo punto, sei pronto per procedere con l’associazione del mouse al dispositivo. Per cui, accendi la periferica spostando su ON il suo interruttore (in genere è posto sulla parte inferiore del dispositivo). Se è presente un pulsante di accoppiamento (puoi verificare ciò consultando il manuale del mouse), dovrai altresì provvedere a premere quest’ultimo per qualche secondo, fino a quando il relativo LED non lampeggia.

In seguito, recati nella sezione Impostazioni > Connessioni > Bluetooth di Android e seleziona il nome del mouse dall’elenco dei dispositivi disponibili presenti in elenco. Fatto ciò, potrai finalmente cominciare a utilizzare la periferica sul tuo smartphone o tablet.

Dopo aver collegato il mouse al tuo dispositivo Android, potrai servirtene per selezionare tutti gli elementi visibili sullo schermo, in sostituzione dei comandi touch o comunque in maniera complementare a essi. Sappi inoltre che le volte successive che vorrai usare il mouse con Android non dovrai ripetere la procedura d’abbinamento ma ti basterà semplicemente accendere la periferica e abilitare il Bluetooth sul dispositivo.

Tieni presente che alcune delle voci relative alle impostazioni di Android che ti ho descritto in questo passo potrebbero differire leggermente rispetto a quanto da te visualizzato sullo schermo. La cosa dipende dalla marca e dal modello del tuo dispositivo, oltre che della versione di Android che stai utilizzando.

iOS/iPadOS

Mouse con iPad Pro

Se stai usando un iPad aggiornamento almeno ad iPadOS 13.4 o un iPhone aggiornato a iOS 13.4 o successivi, puoi collegare un mouse al tuo device Apple e servirti di quest’ultimo in sostituzione o in maniera complementare ai comandi touch (con qualche limitazione su iPhone rispetto a iPad). Per fare ciò, provvedi innanzitutto ad accendere l’iPad o l’iPhone e assicurati che il Bluetooth risulti attivo sul dispositivo.

Per verificare la cosa, seleziona l’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio) presente in home screen, sfiora la dicitura Bluetooth che trovi nel menu successivo e assicurati che l’interruttore accanto alla dicitura Bluetooth sia impostato su ON. In caso contrario, provvedi tu.

Oltre che come ti ho indicato poc’anzi, puoi assicurarti che il Bluetooth sia attivo tramite il Centro di Controllo. Per cui, scorri verso il basso dall’angolo in alto a destra dello schermo (o dal fondo dello schermo verso l’alto, sugli iPhone con tasto Home) e verifica che l’icona del Bluetooth (quella con la “B”stilizzata) sia colorata di blu. Qualora dovesse essere grigia, premici sopra.

Una volta compiuti i passaggi, accendi il mouse e porta su ON il suo interruttore (in genere è posto sulla parte inferiore del dispositivo). Se è disponibile un pulsante di accoppiamento (puoi verificare ciò consultando il manuale del mouse), dovrai inoltre premere quest’ultimo per qualche secondo, fino a quando il relativo LED non comincia a lampeggiare.

In seguito, recati nuovamente nella sezione Impostazioni > Bluetooth di iPadOS e seleziona il nome del mouse dall’elenco Altri dispositivi visibile sullo schermo. Attendi quindi qualche istante affinché la connessione venga avviata e completata (su iPhone, per usarlo, dovrai attivare la levetta relativa alla funzione AssistiveTouch nella sezione Impostazioni > Accessibilità > Tocco > AssistiveTouch). Se stai usando il Magic Mouse di Apple e ti viene chiesto di inserire un codice, digita 0000. In seguito, potrai finalmente cominciare a usare il mouse.

Qualora te lo stesso chiedendo, sappi che la procedura di abbinamento va eseguita soltanto la prima volta che intendi collegare il mouse all’iPad o all’iPhone. In futuro, potrai servirtene direttamente, semplicemente provvedendo ad accendere la periferica e abilitare il Bluetooth sul tablet.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.