Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come diventare amministratore del PC Windows 10

di

Nella tua azienda sono state installate delle nuove postazioni con Windows 10, il sistema operativo di ultima generazione di casa Microsoft. Per questioni di sicurezza, i computer sono impostati per l’accesso tramite un account standard, cioè non dotato di privilegi amministrativi: di conseguenza, non ti è stato possibile installare un programma di cui avevi bisogno, poiché il profilo in uso non consentiva di farlo.

Nonostante il tuo superiore ti abbia comunicato la password per ottenere privilegi elevati, non hai la più pallida idea di come diventare amministratore del PC Windows 10 e ti sei messo immediatamente alla ricerca di informazioni in merito, finendo dritto su questa mia guida. Ebbene, sono felice di comunicarti che ti trovi esattamente nel posto in cui dovresti essere: seguendo alla lettera le istruzioni che sto per fornirti, infatti, riuscirai a ottenere, nel giro di un paio di clic, i privilegi d’accesso necessari per compiere sul PC le operazioni “avanzate” di cui hai bisogno.

Non preoccuparti: potrai riuscire nel tuo intento anche senza essere un esperto d’informatica: le procedure da compiere sono davvero molto semplici e non prevedono l’utilizzo di programmi particolarmente avanzati. Tutto ciò di cui hai bisogno è già integrato nel sistema operativo, dunque non avrai bisogno di installare assolutamente nulla: ti garantisco che, seguendo alla lettera le indicazioni che ti fornirò nel corso di questo tutorial, riuscirai a portare a termine brillantemente la tua missione. Provare per credere!

Indice

Informazioni preliminari

Prima di entrare nel concreto di questa guida e spiegarti come diventare amministratore del PC su Windows 10, ho da chiarirti un paio di aspetti fondamentali riguardo questa possibilità. In primo luogo, il vantaggio di questo tipo di account, rispetto a un account standard, è la possibilità di compiere particolari operazioni (ad es. installare un programma, disinstallare un programma o agire sul Pannello di Controllo) senza dover digitare ogni volta una password.

D’altro canto, un account con privilegi amministrativi può operare praticamente su qualsiasi parte del sistema operativo, anche quelle che, di norma, potrebbero mettere a rischio la stabilità dell’intero computer: pertanto, una volta ottenuti tali privilegi, bisognerebbe evitare di effettuare procedure azzardate oppure di cui non si conosce l’esatto risultato.

In altre parole, agire su parti delicate del sistema tramite un account amministrativo, senza sapere esattamente cosa si sta facendo, potrebbe avere come conseguenza diretta la necessità di adottare misure drastiche – come un un ripristino del computer, per esempio – al fine di riportare la situazione alla normalità. Non dire che non ti avevo avvisato!

Infine, tieni ben presente che, come scoprirai nel corso di questa guida, è possibile “trasformarsi” in un utente di tipo amministratore in diversi modi, ma tutti richiedono un requisito fondamentale: bisogna conoscere a priori la password di almeno un amministratore del computer, pena l’impossibilità di procedere. Al momento in cui ti scrivo questa guida, non esistono metodi validi per “bypassare” questa necessità.

Come ottenere privilegi elevati su Windows 10

Il modo più rapido per diventare amministratore del PC su Windows 10, senza effettuare l’accesso da un account di questo tipo, è quello di ottenere privilegi elevati previa inserimento della password amministrativa: in tal modo, si possono effettuare operazioni di gestione avanzate anche tramite un account limitato, senza il bisogno di disconnettersi e accedere da un profilo utente di tipo Amministratore.

Procedere è davvero semplicissimo: tutto ciò che devi fare è intraprendere l’operazione che intendi compiere, esattamente come se stessi operando da amministratore. Nel momento in cui si rivela necessaria l’acquisizione di autorizzazioni e privilegi elevati, il sistema propone a schermo un box che richiede l’inserimento della password di amministratore: effettuata quest’operazione, non devi far altro che pigiare sul pulsante  e continuare ad agire come se fossi un amministratore del computer.

Allo stesso modo, se hai bisogno di eseguire un programma (ad es. il Prompt dei comandiPowerShell, tanto per citarne un paio) con privilegi elevati dall’interno di un account limitato, senza effettuare materialmente l’accesso con un profilo di tipo Amministratore, devi semplicemente fare clic destro sulla sua icona e selezionare la voce Esegui come amministratore dal menu contestuale proposto, digitando, quando richiesto, la password necessaria. Facile, no?

Come modificare il tipo di account

Hai trovato ottima la soluzione precedente, ma hai bisogno di operare su parti del sistema operativo che non permettono l’acquisizione “al volo” dei privilegi elevati (ad es. la schermata di Gestione dispositivi)? Allora la soluzione più semplice da adottare è quella di trasformare il profilo utente limitato da cui si sta operando in un account utente di tipo Amministratore: in tal modo, oltre che sbloccare tutte le parti del sistema, non avrai più la necessità di digitare la password amministrativa per compiere operazioni che richiedono privilegi elevati.

Il metodo più semplice di portare a termine questa operazione è tramite il Pannello di controllo “classico” di Windows, che permette di operare direttamente dall’interno del proprio account, senza accedere preventivamente da un profilo di tipo Amministratore.

Per iniziare, dunque, fai clic sul menu Start (l’icona a forma di bandierina residente nell’angolo in basso a sinistra dello schermo), digita le parole Pannello di controllo all’interno della barra di ricerca inferiore e seleziona il primo risultato ricevuto.

Fatto ciò, clicca sulla voce Cambia tipo di account corrispondente alla categoria Account utente, digita la password amministrativa all’interno dell’apposita casella di testo, pigia sul pulsante , seleziona il tuo profilo personale (ad es. Salvatore), clicca ancora sulla voce Cambia tipo di account collocata a sinistra, apponi il segno di spunta accanto alla voce Administrator e pigia sul pulsante Cambia tipo di account per finalizzare il tutto.

Se non lo hai ancora fatto, onde evitare problemi di sicurezza, ti consiglio di impostare una password per il tuo account personale cliccando sul link Crea password che trovi nella finestra di gestione dell’account.

Qualora la soluzione precedente non dovesse sortire l’effetto desiderato, puoi modificare il tipo di account agendo tramite un profilo di tipo Amministratore: per procedere, salva tutti i file aperti e chiudi i programmi attivi, fai clic destro sul menu Start e seleziona la voce Esci dal menu proposto.

A questo punto, seleziona l’account Amministratore dalla schermata d’accesso e digita, se necessario, la relativa password seguita dal tasto Invio: una volta effettuato l’accesso, clicca sul menu Start, poi sull’icona  collocata al suo interno e pigia successivamente sulla voce Account annessa alla finestra che compare a schermo.

Fatto ciò, clicca sulla voce Famiglia e altre persone collocata nella parte sinistra della schermata successiva, fai clic sul nome dell’account per cui intendi abilitare i privilegi amministrativi (ad es. Salvatore) e poi sul pulsante Cambia tipo di account. Infine, imposta il menu a tendina Tipo di account sull’opzione Amministratore e clicca sul pulsante OK per confermare la modifica. La prossima volta che effettuerai l’accesso al tuo account personale, esso disporrà automaticamente dei privilegi elevati.

Come attivare l’account Administrator su Windows 10

Appartieni a quella categoria di utenza che non gradisce molto la funzionalità di controllo account utente (UAC) di Windows, quella che prevede la comparsa di tutte quelle finestre d’avviso che avvisano quando un programma potrebbe apportare modifiche al computer, comporta l’attivazione dell’account Administrator, solitamente nascosto dal sistema operativo per impostazione predefinita.

Nella fattispecie, questo account “super-admin” non serve soltanto a diventare amministratore del PC su Windows 10, ma permette all’utente di agire completamente indisturbato anche sulle parti più delicate del sistema operativo, senza ricevere i continui messaggi d’avviso e le richieste di conferma generate dal controllo account utente.

Come dici? È esattamente ciò che stavi cercando? Perfetto, allora passiamo subito all’azione: tanto per cominciare, fai clic destro sul pulsante Start di Windows e seleziona la voce Windows PowerShell (Amministratore) dal menu contestuale proposto, pigiando successivamente sul pulsante ; se necessario, indica inoltre la password di un account amministrativo nell’apposita casella di testo.

Fatto ciò, puoi attivare l’account Administrator “nascosto” digitando il comando net user administrator /active:yes nel Prompt, seguìto dal tasto Invio: se tutto è andato per il verso giusto, riceverai come risposta la frase Operazione comando riuscita e l’account dovrebbe essere operativo al successivo riavvio del computer.

Personalmente, ti consiglio di assegnare immediatamente una password al profilo appena abilitato, così da proteggerlo adeguatamente da accessi indesiderati: per farlo, digita il comando net user administrator nuovaPassword seguìto da Invio, sostituendo a nuovaPassword la parola d’ordine che desideri utilizzare per accedere al tuo account.

In alternativa, se possiedi una versione professionale di Windows 10 (e non Windows 10 Home, per esempio), puoi attivare l’account Administrator agendo dall’Editor dei criteri di sicurezza, l’interfaccia gestionale che permette di definire il comportamento del sistema operativo in determinati scenari particolarmente delicati.

Per accedervi, premi la combinazione di tasti Win+R e digita il comando secpol.msc nella finestra che si apre (Esegui…), seguìto dalla pressione del tasto Invio; una volta aperto l’Editor dei criteri di sicurezza, espandi le sezioni Criteri Locali e Opzioni di sicurezza, dopodiché fai doppio clic sulla chiave Account: stato account Administrator, imposta il valore Attivato dalla finestra che va ad aprirsi e pigia sul pulsante OK per confermare il tutto, infine riavvia il computer.

Qualora volessi tornare sui tuoi passi e nascondere nuovamente il super-admin dal computer, devi avviare ancora una volta una finestra di Windows PowerShell con modalità amministratore e digitare il comando net user administrator /active:no seguìto da Invio, oppure recarti nuovamente nell’Editor dei criteri di sicurezza, accedere alla sezione Criteri Locali > Opzioni di sicurezza e impostare lo Stato account Administrator su Disattivato, per poi riavviare il computer .