Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare una tabella su WordPad

di

Tra i vari programmi che hai trovato preinstallati sul tuo PC, la tua attenzione è ricaduta su WordPad, il word processor di base presente “di serie” in tutte le versioni di Windows, e così ti sei deciso a utilizzarlo per poter scrivere velocemente qualche documento, senza dover necessariamente scomodare pesanti programmi quali Word o altre suite d’ufficio.

Dopo esserti messo al lavoro, però, hai notato che su questo programma mancano alcune funzionalità che eri abituato a utilizzare su Word, inclusa la possibilità di inserire delle tabelle all’interno del testo con la semplice pressione di un tasto sulla barra degli strumenti. Se stai già pensando di tornare su Word per la gestione delle stesse, ti invito a fermarti un attimo e leggere questo tutorial che ho realizzato apposta per te.

Nelle righe seguenti, infatti, ti mostrerò come fare una tabella su WordPad sfruttando sia dei caratteri speciali (che puoi utilizzare all’interno del documento) sia l’integrazione che il programma può avere con altri software eventualmente presenti sul tuo computer: sarai così in grado di realizzare il tuo documento senza dover importare nulla e senza distogliere lo sguardo da WordPad. Se non ci credi, provaci subito: trovi spiegato tutto qui sotto!

Indice

Informazioni preliminari

Di base, WordPad presenta un supporto alle tabelle molto elementare e, cosa che può rendere difficile il suo utilizzo, non dispone di alcun tipo di tasto funzione di menu che permetta l’aggiunta rapida di elementi di questo tipo, cosa che invece è prevista su software leggermente più articolati (es. Word o LibreOffice Writer).

Pertanto, la prima cosa che voglio dirti è di evitare di cercare tra i menu dell’applicazione funzionalità relative alla gestione delle tabelle poiché, purtroppo, sei destinato a non trovarle: l’unico modo per aggiungere semplici tabelle in WordPad è utilizzare dei caratteri speciali, di cui ti parlerò in una delle sezioni successive di questa guida.

Se necessiti di una tabella più elaborata e con elementi grafici più coerenti con il tipo di documento che stai realizzando, puoi sfruttare una funzionalità ben precisa di WordPad, che prevede l’inserimento di oggetti provenienti da altri programmi presenti sul computer.

In altre parole, se hai installato sul computer un programma di elaborazione di fogli di calcolo come Microsoft Excel, hai la possibilità di importare in WordPad una tabella creata tramite il software di Microsoft, e manipolarla dall’interno del programma stesso.

Se non hai ancora installato Microsoft Office (e, dunque, Excel) sul computer e intendi procedere quanto prima, ti consiglio di leggere la mia guida su come scaricare Microsoft Office.

Creare una tabella su WordPad

Per creare una tabella su WordPad, puoi seguire due procedure diverse, entrambe molto semplici da mettere in pratica. La prima non richiede l’utilizzo di programmi esterni e sfrutta il “rudimentale” meccanismo di gestione del programma, mentre la seconda prevede l’interazione con Microsoft Excel, come ti ho già accennato poc’anzi. Ecco tutti i dettagli.

Tabelle elementari

Se non hai bisogno di costruire una tabella particolarmente complessa, puoi inserire una combinazione di base di righe e colonne in WordPad utilizzando i caratteri + (più) e (meno) presenti sulla tastiera del computer. Essi possono essere collocati in parti diverse della tastiera, a seconda del modello in tuo possesso: in genere, il tasto (+) risiede subito accanto al tasto Invio, mentre il (–) è situato a sinistra del tasto Shift di destra. In alternativa, puoi trovarli all’interno del tastierino numerico, se presente (in tal caso, assicurati che la funzione NUM LOCK della tastiera sia attiva).

Dopo aver identificato i tasti, provvedi ad aprire WordPad sul computer richiamandolo dalla cartella Accessori/Accessori Windows collocata nel menu Start (l’icona a forma di bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo) e inizia a digitare il contenuto del documento che intendi realizzare.

Giunto alla fase in cui hai necessità di inserire la tabella, portati su di un nuovo paragrafo (premendo il tasto Invio della tastiera) e assicurati di non digitare alcun carattere: a partire da questo momento, puoi iniziare a realizzare la tabella usando i tasti (+) e (-).

Come? Te lo spiego subito: con i più devi indicare i “bordi” di ciascuna cella, cioè l’inizio e la fine, mentre con i meno devi specificare la larghezza della cella stessa (questo carattere va ripetuto finché non raggiungiamo la grandezza desiderata). Detto così potrebbe sembrarti difficile ma, te l’assicuro, all’atto pratico è molto più facile di quanto credi!

A ogni (+) corrisponde la fine e l’inizio di una cella mentre i (-) rappresentano il corpo della cella, quindi non devi far altro che ripetere la concatenazione dei caratteri finché non raggiungi la grandezza desiderata per ogni singola cella e per la tabella nel suo insieme.

Se hai difficoltà a vedere i caratteri sul documento, puoi aiutarti con la funzionalità Zoom, presente nel menu Visualizza, situato in alto: da lì, puoi sfruttare i pulsanti Zoom avanti e Zoom indietro per facilitarti nella realizzazione della tabella.

Non appena hai raggiunto la grandezza desiderata (ricorda che devi terminare la concatenazione con un (+), senza aggiungere altri simboli), schiaccia il tasto Invio sulla tastiera per veder comparire automaticamente la tabella.

A questo punto, puoi inserire i dati necessari all’interno di ogni cella, esattamente come faresti su qualsiasi altro programma dotato di tale funzionalità.

Se hai bisogno di aggiungere altre righe, devi semplicemente cliccare all’interno dell’ultima cella a destra (al termine della parola contenuta, se presente) e pigiare il tasto Invio della tastiera: se tutto è andato per il verso giusto, verrà generata un’altra riga identica in tutto e per tutto a quella immediatamente superiore. Puoi ripetere questi ultimi passaggi per tutte le righe di cui la tua tabella necessita.

Tabelle complesse

Quello che ti ho mostrato poc’anzi è un metodo per creare delle tabelle relativamente semplici, adatte esclusivamente a contenere dei dati (e senza la possibilità di manipolarli con funzionalità automatiche). Se hai bisogno di tabelle un po’ più complesse, devi invece affidarti all’integrazione con Microsoft Excel, come ti ho già accennato all’inizio di questa guida.

Per procedere, dunque, avvia WordPad sul computer, inizia a realizzare il documento inserendo il testo che ti interessa e, giunto al paragrafo in cui intendi aggiungere la tabella, clicca sul pulsante Inserisci oggetto annesso alla barra superiore della sezione Home.

Nella schermata che va ad aprirsi, apponi il segno di spunta accanto alla voce Crea nuovo, quindi seleziona la voce Foglio di lavoro di Microsoft Excel e fai clic sul pulsante OK: se tutto è filato liscio, dovrebbe aprirsi una nuova finestra di Microsoft Excel, tramite la quale creare la tabella di cui hai bisogno.

Dunque, inserisci i dati di tuo interesse nelle varie celle, selezionale utilizzando il mouse (basta “trascinare” la selezione su tutte le celle da includere nella tabella) oppure la tastiera (aiutandoti con i tasti Ctrl e Shift) e, per concludere, fai clic sul menu Inserisci e poi sul pulsante Tabella per creare una nuova tabella a partire dai dati inseriti nel foglio di lavoro. Durante questa fase, la tabella comparirà in tempo reale anche all’interno di WordPad.

Una volta terminata la creazione della tabella su Excel, non è necessario salvare il foglio di calcolo realizzato, poiché l’oggetto viene importato “al volo” in WordPad, in fase di creazione. Dunque, per finalizzare il lavoro e tornare a WordPad, devi semplicemente chiudere Excel, rifiutando di salvare il foglio di calcolo corrente, e… goderti il risultato!

Se non sei soddisfatto delle dimensioni della tabella presente nel documento (su Excel potrebbe comparire molto più grande rispetto a come compare su WordPad), puoi ridimensionarla a tuo piacere cliccando su un punto della stessa e agendo sui quadratini bianchi presenti sui bordi, fino a raggiungere le dimensioni desiderate.

Se vuoi approfondire il discorso su come creare e manipolare una tabella su Excel, ti consiglio di leggere la mia guida specifica come fare una tabella su Excel, in cui ti ho spiegato per filo e per segno come avvalerti delle funzionalità dedicate del programma di Microsoft.