Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come passare a Windows 11

di

Hai letto tutte le novità riguardanti Windows 11 e vorresti passare al nuovo sistema operativo di casa Microsoft. Questa volta, però, ti piacerebbe fare tutto da solo senza coinvolgere il solito amico esperto di informatica. Se le cose stanno in questo modo, sarai ben felice di sapere che, nella maggior parte dei casi, passare a Windows 11 è semplicissimo e praticamente indolore!

In soldoni, è sufficiente usare Windows Update oppure l’apposito strumento disponibile sul sito Web di Microsoft e seguire le indicazioni che compaiono sullo schermo; tuttavia, oltre allo scenario più “semplice”, ti spiegherò altresì come procedere con l’installazione del sistema operativo anche su macchine che non rispettano tutti i requisiti minimi necessari.

Dunque, senza attendere oltre, mettiti bello comodo e leggi attentamente tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: ti garantisco che, nel giro di poco tempo, avrai acquisito le competenze necessarie per riuscire senza problemi nell’impresa che ti eri prefissato. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Requisiti di Windows 11

Requisiti di Windows 11

Prima di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti, nel concreto, come passare a Windows 11, lascia che ti dia qualche informazione in più riguardo i requisiti minimi da soddisfare, affinché il sistema operativo venga eseguito senza intoppi.

Nella fattispecie, sul computer deve essere presente un processore oppure un SoC (System on a chip) con frequenza pari a 1 GHz e dotato di due o più unità logiche, entrambi con supporto per le applicazioni a 64 bit; la RAM deve essere pari o superiore a 4 GB e sono richiesti almeno 64 GB di spazio libero sul disco. Per quanto riguarda l’unità video, sia essa discreta oppure integrata sulla CPU, deve offrire supporto con DirectX 12/WDDM 2.x e associata a un monitor con diagonale maggiore di 9 pollici e risoluzione almeno HD (1280 x 720 pixel).

Inoltre, è richiesta la presenza di un firmware compatibile con il sistema UEFI e con l’avvio protetto, oltre che una connessione a Internet e un account Microsoft mediante il quale concludere la configurazione iniziale. Altro requisito hardware fondamentale è il controller TPM 2.0, ossia un sistema di sicurezza hardware che si occupa della crittografia delle periferiche: il sistema non è subito installabile in sua assenza, tuttavia puoi facilmente bypassare questo requisito seguendo le indicazioni che mi appresto a fornirti in uno dei capitoli successivi di questa guida. Microsoft, però, non garantisce aggiornamentistabilità del sistema, se quest’ultimo viene installato su computer che non rispettano i requisiti minimi. Io ti ho avvisato.

Ad ogni modo, per verificare rapidamente la compatibilità di Windows 11 con il tuo computer, puoi usare l’applicazione di Microsoft: apri questa pagina Web e clicca sul pulsante Scarica ora situato all’interno del riquadro Assistente per l’installazione di Windows 11. A download completato, apri il file ottenuto e clicca sul link Get PC Health app, situato al suo interno.

Ora, clicca sulla voce Scarica l’applicazione controllo integrità del PC, attendi che il file WindowsPCHealthCheckSetup.msi venga scaricato sul computer e, a download completato, eseguilo: accetta i termini del contratto di licenza apponendo il segno di spunta accanto all’apposita casella, clicca sul pulsante Installa e, a setup completato, apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Apri Controllo integrità PC Windows (se non c’è già) e clicca sul pulsante Fine.

Per finire, clicca sul pulsante Controlla ora e pazienta alcuni secondi, affinché il controllo venga effettuato. A seguito di quest’ultima operazione, visualizzerai un riquadro indicante lo stato di compatibilità del computer con Windows 11.

Edizioni e prezzi di Windows 11

Edizioni e prezzi di Windows 11

Per quanto riguarda le edizioni di Windows 11, esse sono Windows 11 Home, Windows 11 Pro, Windows 11 Pro for Workstations, Windows 11 Education, Windows 11 Pro Education, Windows 11 Enterprise e Windows 11 SE. Tuttavia, esattamente come successo con Windows 10, soltanto le prime tre sono dedicate al mercato consumer; in particolare, le differenze software tra Windows 11 Home e Windows 11 Pro riguardano principalmente la presenza o meno di specifiche applicazioni utilizzabili in ambito professionale, come il server di Desktop Remoto oppure il supporto ai controller di dominio Active Directory. Per un uso casalingo, tuttavia, Windows 10 Home dovrebbe essere più che sufficienti.

Per quanto riguarda i prezzi di Windows 11, la buona notizia è che Microsoft consente di passare gratuitamente al nuovo sistema operativo se si possiede una licenza valida per Windows 10, in base alla tipologia di quest’ultima: una licenza valida per Windows 10 Home consente di aggiornare gratuitamente a Windows 11 Home, così come una licenza valida per Windows 10 Pro consente di ottenere l’update gratuito a Windows 11 Pro.

Se non si ha diritto all’aggiornamento gratuito, bisogna invece acquistare un product key oppure una licenza digitale. Nel momento in cui scrivo, non sono ben chiari i prezzi ufficiali per le licenze Home e Pro del sistema operativo, che dovrebbero essere simili a quelli di Windows 10; l’aggiornamento a Windows 11 Pro da Windows 11 Home costa 145€ sul Microsoft Store, mentre la licenza di Windows 11 Pro per Workstation costa 199€.

Come aggiornare a Windows 11

Fatte tutte le dovute precisazioni del caso, è arrivato il momento di spiegarti come aggiornare a Windows 11 partendo da un sistema operativo precedente.

Come passare da Windows 10 a Windows 11

Come passare da Windows 10 a Windows 11

Passare da Windows 10 a Windows 11, se si è in possesso dei requisiti minimi, è semplicissimo: per prima cosa, fai clic destro sul pulsante Start (l’icona della bandierina di Windows collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo), seleziona la voce Impostazioni dal menu che va ad aprirsi e clicca sull’icona di Aggiornamento e sicurezza, collocata nella schermata successiva.

Ora, clicca sul pulsante Verifica disponibilità aggiornamenti e attendi che ti venga segnalata la disponibilità dell’aggiornamento a Windows 11; in caso affermativo, clicca sui pulsanti Scarica e installa e Accetta installa, per avviare il download del pacchetto di aggiornamento.

A download completato, clicca sul pulsante Riavvia e attendi pazientemente che l’update a Windows 11 venga portato a termine. Ti segnalo che, in questo modo, i dati, gli account e le impostazioni del sistema operativo rimarranno intatti.

Se l’aggiornamento tramite Windows Update non fosse ancora disponibile, puoi “forzarlo” usando l’Assistente per l’installazione di Windows 11, disponibile sul sito Web di Microsoft: apri quest’ultima pagina, clicca sul pulsante Scarica ora collocato sotto la voce omonima e, una volta ottenuto il file, eseguilo e clicca sul pulsante . Se ti viene richiesto, scarica e installa PC Health App, così come ti ho indicato in precedenza, dopodiché torna all’assistente per l’installazione e clicca sul pulsante Aggiorna, situato in basso.

Ora, per procedere con la verifica dei requisiti del computer, clicca sul pulsante Esegui; in caso di esito positivo, puoi procedere con l’aggiornamento da Windows 10 a Windows 11 cliccando prima sul pulsante Accetta e Installa e poi su Riavvia ora. Tutto qui!

Come passare da Windows 8.1 a Windows 11

Come passare da Windows 8.1 a Windows 11

Per passare da Windows 8.1 a Windows 11, puoi seguire due strade diverse: eseguire l’aggiornamento “intermedio” a Windows 10 (dovrai procurarti un product key valido per il sistema operativo) e poi procedere come visto poco fa, oppure avviare l’update direttamente da Windows 8.1. In entrambi i casi, i dati personali presenti sul computer resteranno inalterati.

Per procedere con l’aggiornamento diretto da Windows 8.1 a Windows 10, devi utilizzare l’ISO del sistema operativo: per ottenerla, collegati a questo sito Web, individua il riquadro Download dell’immagine del disco (ISO) di Windows 11 e imposta il menu a tendina Seleziona il download su Windows 11. Successivamente, clicca sul pulsante Scarica, seleziona la lingua del sistema operativo intervenendo sul menu a tendina dedicato e clicca sui pulsanti Conferma e 64 bit-Download, per ottenere il file ISO contenente il sistema operativo.

Una volta concluso il download dell’immagine, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Monta dal menu contestuale di Windows, per visualizzarne il contenuto all’interno dell’Esplora File. Ora, fai doppio clic sul file Setup.exe e premi poi sul pulsante , per visualizzare la schermata d’installazione di Windows 11. Seleziona la lingua, il formato data e valuta e la lingua della tastiera dai menu a tendina visibili sullo schermo, clicca sul pulsante Avanti e, se ti viene richiesto, inserisci il codice Product key da usare per registrare la copia del sistema operativo. Se non ne disponi, clicca sulla voce Non ho un codice product key, per attivare Windows in seguito.

Ora, clicca sul pulsante Avanti, scegli di voler procedere con l’aggiornamento del sistema operativo e accettane i termini e le condizioni d’uso; ora, indica se mantenere i file personali e le app, mantenere soltanto i file personali oppure se non mantenere niente, selezionando la voce più adatta alle tue esigenze.

Dopo aver confermato la tua scelta, qualora avessi optato per la cancellazione completa dei file, seleziona il disco su cui installare il sistema operativo e clicca ancora sul pulsante Avanti, in modo da avviare l’installazione di Windows 11, che dovrebbe concludersi dopo alcuni minuti (e diversi riavvii).

Al termine della stessa, se hai scelto di mantenere intatti i file del tuo vecchio sistema operativo, potrai effettuare subito il login al tuo account sul computer; in caso contrario, ti verrà chiesto di effettuare la configurazione iniziale del nuovo sistema operativo, durante la quale dovrai specificare la regione di residenza, assegnare un nome al computer e configurare un account Microsoft.

Successivamente, ti verrà chiesto di impostare un PIN di sblocco, se ripristinare o meno i file da precedenti configurazione di Windows/OneDrive e di definire le impostazioni sulla privacy e quelle di salvataggio in cloud.

Come passare da Windows 7 a Windows 11

Come passare da Windows 7 a Windows 11

Vuoi aggiornare da Windows 7 a Windows 11? In questo caso, devi procedere con un’installazione “pulita” da chiavetta USB, durante la quale dovrai eliminare (oppure spostare nella cartella Windows.old) i dati relativi al sistema operativo precedente. Non è possibile, infatti, effettuare il salto di versione tramite aggiornamento diretto.

Il drive da usare per l’installazione dovrebbe essere vuoto (i file eventualmente presenti all’interno verranno comunque eliminati durante la procedura) e avere dimensione minima pari a 8 GB.

Detto ciò, vediamo insieme come procedere: per creare la chiavetta USB per Windows 11, collegati al sito Web di Microsoft, individua il riquadro Creazione di supporti di installazione di Windows 11 e clicca sul pulsante Scarica ora, situato in sua corrispondenza, per ottenere il file MediaCreationToolW11.exe.

A download completato, apri il summenzionato file, clicca sul pulsante e attendi il completamento delle operazioni preliminari; ora, accetta le condizioni d’uso del software cliccando sull’apposito pulsante, premi sul bottone Avanti e scegli di voler utilizzare una Unità flash USB, apponendo il segno di spunta accanto all’apposita voce.

A questo punto, inserisci la chiavetta USB nel computer, clicca sul pulsante Avanti, assicurati che nella schermata successiva sia specificata la giusta lettera di unità e premi nuovamente sul pulsante Avanti, per avviare il download dell’immagine del sistema operativo e la successiva scrittura sulla chiavetta. Quando la procedura si conclude, clicca sul pulsante Fine, riavvia il computer e attendi qualche istante: se il computer riesce ad avviarsi correttamente da USB, dovresti visualizzare la schermata d’installazione di Windows 11; se ciò non dovesse succedere, devi impostare manualmente il boot da USB da UEFI, così come ti ho spiegato nella mia guida su come impostare il BIOS.

Come passare da Windows 7 a Windows 11

Giunto alla finestra d’installazione di Windows 11, seleziona la lingua d’installazione che preferisci, premi sui pulsanti Avanti e Installa e, se ti viene richiesto, inserisci il codice product key di Windows 11 in tuo possesso. Se non ce l’hai ancora, clicca sul link Non ho un codice product key, per procedere oltre e attivare il sistema operativo in un secondo momento.

Ora, scegli la versione di Windows 11 da installare tra quelle proposte e attendi che venga effettuato il controllo dei requisiti minimi; ora, apponi il segno di spunta accanto alla casella relativa all’accettazione dei termini d’uso di Windows, vai Avanti e scegli di voler effettuare un’installazione Personalizzata.

A questo punto, scegli il disco o la partizione su cui installare Windows 11 e, se lo ritieni opportuno, formattala usando l’apposito pulsante; fatta la tua scelta, clicca sul pulsante Avanti per avviare la procedura d’installazione del sistema operativo, che impiegherà un po’ di tempo e comporterà diversi riavvii. Al termine dell’installazione di Windows 11, il computer si riavvierà e ti chiederà di effettuare la procedura di prima configurazione del nuovo sistema operativo.

Come passare a Windows 11 senza i requisiti del TPM

Il tuo computer non è dotato di chip TPM ma vuoi comunque passare a Windows 11, pur non disponendo del suddetto requisito? Come ti ho anticipato poco fa, la cosa è fattibile, ma sappi che può trattarsi di un’operazione rischiosa: Microsoft, infatti, dichiara che “L’installazione di supporti per Windows 11 su un PC che non soddisfa i requisiti minimi di sistema di Windows 11 non è consigliata e potrebbe causare problemi di compatibilità. […] Tale PC non sarà più supportato né sarà più idoneo per la ricezione degli aggiornamenti. I danni al PC causati dalla mancanza di compatibilità non sono coperti dalla garanzia del produttore.”.

Come dici? Vuoi farlo comunque, a tuo rischio e pericolo? OK, hai due possibili strade da poter percorrere: effettuare una modifica di sistema per bypassare il controllo del modulo TPM, oppure creare una chiavetta USB per l’installazione di Windows 11 inserendo, al suo interno, uno specifico file.

Modifica al registro di sistema

Modifica al registro di sistema

La modifica al registro di sistema si rivela una strategia vincente, qualora volessi eseguire l’aggiornamento a Windows 11 dall’interno del sistema operativo precedente. Tuttavia, si tratta di un’operazione “delicata” che, se eseguita in maniera errata, potrebbe compromettere l’integrità del computer: tienine conto.

Detto ciò, se vuoi procedere comunque, apri il Blocco note di Windows richiamandolo dal menu Start (si trova nella cartella Accessori Windows) e scrivi il seguente testo al suo interno.

Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup\LabConfig]
“BypassTPMCheck”=dword:00000001
“BypassSecureBootCheck”=dword:00000001
“BypassRAMCheck”=dword:00000001
“BypassStorageCheck”=dword:00000001
“BypassCPUCheck”=dword:00000001
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup\MoSetup]
"AllowUpgradesWithUnsupportedTPMOrCPU"=dword:00000001

Fatto ciò, apri il menu File > Salva con nome… di Blocco Note e imposta il menu a tendina Salva come sull’opzione Tutti i file (*.*). Assegna quindi un nome a piacere al file, a patto che finisca con l’estensione .reg e salvalo in una cartella per te comoda, per esempio sul Desktop. Per finire, fai doppio clic sul file appena creato e clicca sui pulsanti e OK, per applicare la modifica al registro di sistema: a partire da questo momento, puoi effettuare l’aggiornamento seguendo gli stessi passaggi visti per Windows 8.1 (validi anche per Windows 10).

Chiavetta USB

Come passare a Windows 11

Altro metodo che puoi usare per installare Windows 11 senza averne i requisiti è quello di usare una chiavetta USB avviabile del sistema operativo: se non ce l’hai già, consulta questa sezione, per crearla.

Una volta realizzato il disco d’installazione, devi includere il file .reg da usare per bypassare i controlli sui requisiti, che puoi realizzare seguendo le stesse indicazioni fornite in precedenza. Una volta realizzato il file in questione, apri l’Esplora File di Windows (l’icona della cartella gialla residente sulla barra delle applicazioni), fai clic destro sul nome della chiavetta USB appena creata e seleziona la voce Apri, dal menu contestuale richiesto. Infine, copia il file .reg creato in precedenza all’interno della chiavetta di Windows 11.

Adesso, riavvia il computer e attendi che venga visualizzata la schermata d’installazione di Windows 11; se ciò non dovesse succedere, entra nel sistema UEFI del computer e configura l’avvio da USB, come ti ho indicato nel mio tutorial su come impostare il BIOS.

In seguito, seleziona la lingua d’installazione del sistema operativo, premi sui pulsanti Avanti e Installa e immetti il codice product key di Windows 11 in tuo possesso; se non ce l’hai ancora, clicca sul link Non ho un codice product key per procedere oltre.

Ora, scegli la versione di Windows 11 da installare, accetta la licenza del sistema operativo e attendi la comparsa del messaggio che notifica l’impossibilità di aggiornare a Windows 11: quando ciò accade, clicca sul pulsante a forma di freccia che trovi in alto a sinistra, per ritornare alla schermata precedente e schiaccia la combinazione di tasti Shift+F10 sulla tastiera, per aprire un Prompt dei comandi.

A questo punto, digita il comando regedit.exe, dai Invio e clicca sul menu File > Importa… della schermata che va ad aprirsi; per finire, seleziona il file .reg che hai salvato in precedenza sulla chiavetta e, se ti viene richiesto, conferma di voler importare le chiavi specificate, cliccando sul pulsante . Per finire, premi sul bottone OK e procedi con l’installazione di Windows, così come ti ho spiegato nei capitoli precedenti di questa guida.

Se qualche passaggio non ti è chiaro o vuoi saperne di più su come installare Windows 11 senza TPM, consulta la guida specifica che ho dedicato all’argomento.

Come passare da Windows 11 Home a Pro

Come passare da Windows 11 Home a Pro

Hai acquistato una licenza per Windows 11 Pro e vuoi usarla per aggiornare la versione Home del sistema operativo? Il tutto è molto più semplice di quanto credi: sarà proprio Windows Update, a seguito dell’immissione di un Product Key valido, a occuparsi di scaricare il necessario per portare a termine l’aggiornamento.

Dunque, fai clic destro sul pulsante Start (l’icona della bandierina visibile nella parte sinistra della barra delle applicazioni), clicca sull’icona di Sistema residente nella schermata che compare e scegli le voci Attivazione e Aggiorna l’edizione di Windows.

Ora, se possiedi già un codice Product Key, clicca sul pulsante Cambia corrispondente alla dicitura Cambia codice Product Key, inserisci la chiave di licenza nell’apposito campo e, dopo aver cliccato sul pulsante Successivo, segui le indicazioni che ricevi sullo schermo, per portare a termine l’update.

In alternativa, puoi acquistare “al volo” una licenza di Windows direttamente dallo store di Microsoft: clicca sul pulsante Apri lo Store e, quando quest’ultimo si avvia, premi sul pulsante Acquista e segui le istruzioni che ricevi sullo schermo, per completare la procedura di aggiornamento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.