Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come installare Windows 11 senza requisiti

di

Per l’installazione di Windows 11, Microsoft richiede espressamente che il computer possieda alcuni requisiti hardware ben precisi: CPU a 64 bit da 1 GHz o superiore con almeno due unità logiche, 4 GB di RAM, 64 GB di spazio su disco, firmware UEFI con Secure Boot attivo e, soprattutto, controller TPM 2.0 (un microchip integrato nella scheda madre del PC – o aggiunto successivamente – che permette di proteggere i dati a basso livello mediante la generazione e la conservazione di chiavi basate sul sistema in uso). Tuttavia, è possibile bypassare i controlli del sistema operativo e installare Windows 11 senza requisiti in maniera relativamente semplice. Microsoft, però, sconsiglia fortemente questa pratica e non garantisce aggiornamenti né stabilità per i sistemi operativi installati su computer che non rispettano i requisiti di base: questo è bene tenerlo a mente prima di procedere e compiere un’operazione del genere.

Ciò detto, se tu hai deciso di proseguire, sappi che indipendentemente dalla modalità operativa che deciderai di seguire (aggiornamento o installazione pulita “da zero), dovrai realizzare una chiavetta USB o un DVD da cui avviare l’installazione di Windows 11: per farlo, puoi servirti del Media Creation Tool di Microsoft, che puoi ottenere visitando questa pagina Web e cliccando sul pulsante Scarica ora situato nei pressi della voce Creazione di supporti di installazione di Windows 11.

A download ultimato, apri il file ottenuto e, dopo aver accettato la licenza d’uso del programma, scegli se creare una unità flash USB oppure se scaricare soltanto il File ISO; nel primo caso, dovrai collegare al computer una chiavetta USB con almeno 8 GB di spazio libero e attendere che i file del sistema operativo vengano copiati su di essa; nel secondo caso, verrà effettuato il download del file ISO contenente il sistema operativo, che dovrà essere poi masterizzato mediante un apposito programma. Per saperne di più su come scaricare Windows 11 e creare un supporto d’installazione, ti consiglio di prendere visione del tutorial specifico disponibile sul mio sito. Una volta creato il disco o la chiavetta di Windows 11, puoi procedere con l’installazione del sistema operativo, anche sei il tuo computer non possiede i requisiti minimi, seguendo le indicazioni che mi appresto a fornirti qui sotto. Ti auguro una buona lettura.

Indice

Operazioni preliminari

Mr Key Shop

Microsoft consente di installare Windows 11 gratis se si utilizza una copia di Windows 10 regolarmente attivata. L’aggiornamento tiene conto dell’edizione di Windows in uso, quindi è possibile passare gratuitamente da Windows 10 Home a Windows 11 Home, da Windows 10 Pro a Windows 11 Pro e così via.

Se, invece, si desidera passare da Windows 10 Home a Windows 11 Pro o comunque si vuole fare un upgrade a un’edizione più avanzata del sistema operativo bisogna acquistare una licenza apposita. L’acquisto della licenza è altresì necessario se si sta assemblando un PC e quindi si deve installare una copia completamente nuova di Windows.

La promozione relativa all’aggiornamento gratuito da Windows 10 a Windows 11 sarà valida almeno fino al 5 ottobre 2022; successivamente Microsoft si riserva la possibilità di revocala, ma non si sa se lo farà o meno.

Nel frattempo, se hai bisogno di una nuova licenza per Windows 11 puoi rivolgerti al Microsoft Store ufficiale, dove però vengono vendute solo licenze per Windows 10 a prezzo pieno (da usare poi per aggiornare all’equivalente edizione di Windows 11) oppure, se vuoi risparmiare, puoi rivolgerti a store esterni.

Tra i siti più affidabili e interessanti in tal senso c’è sicuramente Mr Key Shop, il quale è gestito da una società con sedi in Italia e Inghilterra e propone licenze originali al 100% per tutte le principali edizioni di Windows, tra cui proprio Windows 11 e Windows 10, ma anche Windows Server (te ne ho parlato in dettaglio in questo tutorial), a prezzi molto più convenienti di quelli “di listino”. Questo è possibile grazie al fatto che il sito rivende licenze inutilizzate da parte di aziende e società che sono passate al cloud (nel pieno rispetto delle normative europee in materia).

L’acquisto e la spedizione delle licenze avviene in modo completamente digitale e 100% Eco Friendly: dopo aver pagato con uno dei tanti metodi di pagamento sicuri supportati (es. PayPalAmazon Pay e carta), i product key vengono consegnati in pochi secondi direttamente via e-mail, comprensivi di istruzioni per l’attivazione dei prodotti acquistati (questo è positivo anche per l’ambiente, visto che si evita la spedizione di merce fisica). Inoltre, ci sono la garanzia soddisfatti o rimborsati e l’assistenza specializzata gratuita italiana (molto rara per servizi di questo tipo).

Dunque, per acquistare una licenza a prezzo scontato per Windows 11 da Mr Key Shop non devi far altro che collegarti a questa pagina e scegliere l’edizione del sistema operativo che preferisci: Windows 11 Home, Windows 11 Professional (disponibile anche in versione di aggiornamento da Windows 10) o Windows 11 Enterprise. Una volta fatta la tua scelta, clicca sul pulsante per aggiungere il prodotto al carrello e ripeti la procedura per altri eventuali prodotti di tuo interesse.

Oltre a Windows, su Mr Key Shop ci sono anche Office 2021, Office 2019 e versioni meno recenti della suite Microsoft sia per Windows che per macOS (te ne ho parlato dettagliatamente nel mio tutorial si dove e come acquistare Office 2021 per PC e Mac) e molti tra i più importanti software antivirus per Windows, macOS e dispositivi mobili.

Una volta messo tutto nel tuo carrello, vai alla cassa di Mr Key Shop e completa la transazione seguendo le semplici indicazioni su schermo. Entro pochi secondi riceverai l’e-mail con le tue licenze e le relative istruzioni di attivazione. Comodo, vero?

Qualora qualche passaggio non ti fosse chiaro, ti invito a leggere il mio tutorial su dove e come acquistare Windows 11, in cui sono sceso ancora più in dettaglio nell’illustrarti la procedura da seguire. Se, invece, sei interessato a Windows Server, consulta il mio tutorial su dove e come acquistare i Windows Server

Come installare Windows 11 senza requisiti minimi: aggiornamento

Puoi aggiornare a Windows 11 anche senza requisiti minimi, senza perdere i tuoi file personali, partendo dai sistemi operativi Windows 8.1 e Windows 10, con le modalità che trovi spiegate nelle successive sezioni di questo capitolo; se, invece, intendi effettuare l’update di un computer con Windows 7, dovrai necessariamente ripartire “da zero” con un’installazione pulita (trovi indicato come fare nel capitolo successivo di questa guida).

Procedura ufficiale

Come installare Windows 11 senza requisiti minimi: aggiornamento

Sebbene inizialmente non fosse prevista una procedura del genere, Microsoft ha pubblicato un metodo ufficiale per eludere il controllo di alcuni requisiti minimi per Windows 11: la famiglia della CPU e la presenza del controller TPM 2.0. I restanti requisiti minimi (controller TPM 1.2 e Secure Boot) devono essere invece presenti: in caso contrario, dovrai seguire una procedura un po’ più complessa, della quale mi appresto a parlarti nella sezione successiva di questo capitolo.

Ad ogni modo, per poter riuscire nell’impresa, devi avere a disposizione un supporto d’installazione per Windows 11 (ti ho spiegato come realizzarlo nella parte introduttiva di questa guida) e applicare una piccola modifica al registro di sistema, tramite l’editor integrato di Windows.

Per avviare quest’ultimo, schiaccia la combinazione di tasti Win+R sulla tastiera (il tasto Win è quello raffigurante la bandierina di Windows), digita il comando regedit.exe all’interno del pannello che compare su schermo, dai Invio e clicca sul pulsante , per autorizzare l’avvio dell’editor.

Adesso, usando la parte sinistra della finestra, raggiungi la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup\ e clicca sulla cartella MoSetup, visibile al suo interno; se non c’è, puoi crearla facendo clic destro sulla cartella Setup, selezionando le voci Nuovo > Chiave dal menu che compare e assegnando il nome MoSetup alla nuova chiave. Dai quindi OK per confermare la sua creazione.

Dopo aver selezionato la cartella MoSetup, fai clic destro su di essa, seleziona la voce Nuovo > Valore DWORD (32 bit)** dal menu contestuale che ti viene proposto e assegna a quest’ultimo il nome AllowUpgradesWithUnsupportedTPMOrCPU. Successivamente, dai Invio, fai doppio clic sul valore appena creato e imposta il valore 1 all’interno del campo Dati valore. Infine, clicca sul pulsante OK e riavvia il computer per applicare la modifica.

Adesso, non ti resta che avviare l’installazione di Windows 11 tramite il supporto realizzato in precedenza: inserisci dunque il supporto all’interno del computer e, se richiesto, scegli di voler avviare il file Setup.exe dalla schermata di Autoplay.

Se non succede nulla, avvia manualmente il file d’installazione del sistema operativo: clicca sull’icona della cartella gialla presente nella barra delle applicazioni di Windows, seleziona la voce Questo PC dalla barra laterale di sinistra, quindi fai clic destro sull’icona della chiavetta USB o del DVD di Windows 11 e seleziona la voce Apri dal menu contestuale proposto. Per avviare l’installazione di Windows 11, fai doppio clic sul file Setup.exe visibile nella nuova finestra e premi sul pulsante .

Ci siamo quasi: seleziona la lingua, il formato data e valuta e la lingua della tastiera, vai Avanti e, se ti viene richiesto, immetti il codice Product key di Windows 11 in tuo possesso (se non ce l’hai, fai clic sulla voce Non ho un codice product key, per attivare il sistema operativo successivamente). Adesso, indica di voler effettuare l’aggiornamento di Windows e specifica se mantenere file personali e app, se conservare solo i file personali oppure se non mantenere nulla, cliccando sulla voce apposita. In quest’ultimo caso, dovrai altresì indicare il disco su cui installare la nuova copia di Windows.

Dopo aver confermato tutte le tue scelte, l’aggiornamento a Windows 11 dovrebbe avviarsi e concludersi in maniera automatica; al login successivo, se hai scelto di mantenere intatti sia i dati che le app e le impostazioni, potrai effettuare il login con l’account precedentemente configurato nel computer, altrimenti ti verrà chiesto di effettuare la configurazione iniziale del sistema operativo. Per approfondimenti, dà uno sguardo alla mia guida su come aggiornare a Windows 11, nella quale ti ho fornito tutti i dettagli del caso.

Software di terze parti

Software di terze parti

Se non ti è possibile procedere con l’aggiornamento tramite la procedura appena vista, in quanto sul tuo computer è assente qualsiasi tipo di controller TPM, poi far fronte alla cosa usando un programma di terze parti, denominato Universal Media Creation Tool, in grado di eludere qualsiasi tipo di controllo.

Per ottenere il software, che è gratuito e open source (quindi sicuro, almeno nel momento in cui scrivo), collegati a questo sito Web, clicca sulle voci Code e Download ZIP e, una volta scaricato l’archivio contenente il programma, estrailo in una cartella a piacere. Successivamente, apri la cartella in questione, raggiungi le directory MediaCreationTool.bat-main > bypass11 e fai doppio clic sul file SKIP_TPM_Check_on_Dynamic_Update.cmd. Infine, clicca sul pulsante (se necessario) e attendi pazientemente che le chiavi richieste per eludere i controlli vengano incluse nel registro di Windows.

Il gioco è fatto: collega la chiavetta o il DVD di Windows 11 al computer e segui la stessa procedura vista nella sezione precedente di questo capitolo, per avviare l’aggiornamento (che dovrebbe essere concluso senza problemi o errori dovuti all’assenza di requisiti).

Se per qualche motivo non potessi usare il tool appena menzionato, puoi ottenere lo stesso risultato con Rufus, programma per la creazione di chiavette USB avviabili di cui ti ho parlato approfonditamente qui.

Come installare Windows 11 senza requisiti CPU: installazione pulita

Se, anziché aggiornare il computer, vuoi installare una copia nuova di zecca di Windows 11, sappi che puoi bypassare il controllo dei requisiti di sistema in maniera altrettanto semplice. Ricorda, anche questa volta, che si tratta di un’operazione fortemente sconsigliata da Microsoft e per la quale non viene offerto alcun tipo di supporto, assistenza o garanzia di update da parte del big di Redmond: tienine conto.

Installazione da USB/ISO

Come installare Windows 11 senza requisiti

Se il tuo computer non dispone di una CPU ufficialmente compatibile con Windows 11 ma rispetta tutti gli altri requisiti (la presenza del controller TPM 2.0 e l’impostazione Secure Boot attiva), puoi effettuare un’installazione “pulita” del sistema operativo semplicemente avviando il computer dal supporto d’installazione di Windows. Per preciso volere di Microsoft, infatti, l’avvio dell’installazione direttamente da BIOS/UEFI non prevede il controllo dei requisiti per il processore.

Dunque, tutto ciò che devi fare è prendere la chiavetta o il disco d’installazione di Windows 11 (ti ho spiegato come realizzarli nella parte introduttiva di questa guida), inserirlo nel computer e riavviare il sistema: con un pizzico di fortuna, dovresti visualizzare un messaggio che ti chiede di premere un tasto per avviare il computer da DVD/USB. Effettua quest’ultima operazione entro cinque secondi, per avviare il programma d’installazione di Windows 11.

Qualora dovessi, invece, vedere la schermata d’avvio del tuo vecchio sistema operativo, devi entrare nel sistema BIOS/UEFI del computer e impostare il boot da USB o DVD, così come ti ho spiegato nella mia guida su come impostare il BIOS.

Una volta entrato nel programma d’installazione di Windows 11, seleziona la lingua che preferisci usare, clicca sui pulsanti Avanti e Installa e, se necessario, immetti il codice product key di Windows 11 in tuo possesso (oppure seleziona la voce Non ho un codice product key, se non ne disponi ancora). Adesso, se ti viene richiesto, seleziona la versione di Windows 11 da installare tra quelle proposte, accetta la licenza del sistema operativo intervenendo sulla casella dedicata e, dopo aver cliccato sul pulsante Avanti, indica di voler effettuare un’installazione personalizzata del sistema operativo.

Adesso, seleziona il disco o la partizione su cui installare Windows 11 e formattala servendoti dell’apposito pulsante; infine, clicca sul pulsante Avanti e attendi pazientemente che l’installazione di Windows, che comporterà diversi riavvii, venga portata a termine. Al termine del processo, ti verrà chiesto di effettuare la prima configurazione del sistema operativo; per approfondimenti riguardo la procedura d’installazione di Windows 11, puoi dare un’occhiata alla mia guida specifica dedicata all’argomento.

Rimozione forzata dei controlli

Come installare Windows 11 senza requisiti

Se, durante la procedura vista in precedenza, visualizzi un errore riguardante l’impossibilità di aggiornare a Windows 11 per via dei requisiti minimi assenti, vuol dire che il tuo computer non presenta soltanto incompatibilità a causa della CPU, ma anche per via del controller TPM e/o del Secure Boot. Sebbene Microsoft, come già detto, sconsigli fortemente l’installazione di Windows 11 in assenza di tali requisiti, esiste comunque un metodo per riuscire nell’impresa.

All’atto pratico, quando visualizzi il messaggio d’errore in fase d’installazione di Windows, devi cliccare sul simbolo della freccia collocato in alto a sinistra e premere la combinazione di tasti Shift+F10 sulla tastiera, in modo da aprire un Prompt dei comandi.

Fatto ciò, digita il comando regedit.exe all’interno della finestra che compare, dai Invio e serviti della parte sinistra dell’editor del registro di configurazione per raggiungere la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Setup\. Ora, fai clic destro sulla cartella Setup, seleziona le voci Nuovo > Chiave dal menu che compare e assegna alla chiave che ti appresti a creare il nome LabConfig. Per confermare, schiaccia il tasto Invio della tastiera.

Come installare Windows 11 senza requisiti CPU: installazione pulita

Adesso, fai clic destro sulla chiave appena creata, seleziona le voci Nuovo > Valore DWORD (32 bit) e rinomina il valore in BypassTPMCheck. Successivamente, fai doppio clic su di esso, imposta il campo Dati valore su 1 e clicca sul tasto OK: così facendo, avrai eluso il controllo del TPM per l’installazione successiva di Windows 11. Se lo desideri, puoi bypassare la verifica dei restanti requisiti minimi, creando altri valori DWORD (32 bit) nella chiave LabConfig e impostandone i valori su 1, esattamente come visto in precedenza. I nomi da assegnare sono i seguenti: BypassSecureBootCheck, per saltare il controllo di Secure boot; BypassRAMCheck, per superare quello della RAM; e BypassStorageCheck, per eludere quello sullo spazio di archiviazione.

Una volta applicate le modifiche necessarie, chiudi l’editor del registro di Windows, chiudi la finestra del Prompt dei comandi e, senza riavviare il computer, riprendi l’installazione del sistema operativo da dove l’avevi lasciata, procedendo in maniera analoga a quanto visto in precedenza: dovresti ora essere in grado di portare a termine il setup del nuovo sistema operativo senza ulteriori intoppi.

Articolo realizzato in collaborazione con Mr Key Shop.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.