Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come impostare il BIOS

di

Anche se ai più incute un po’ di timore, l’impostazione del BIOS è un passaggio obbligato per chi ha fame di conoscenza e vuole imparare ad usare il computer a 360 gradi. Il BIOS (acronimo di Basic Input-Output System) è un insieme di istruzioni software custodite su una memoria non volatile che si trova all'interno del computer. Fornisce tutte le informazioni di base per far interagire correttamente hardware e software e far avviare il sistema operativo: per questo, è importante conoscerlo per avere almeno una “infarinatura” generale circa il suo funzionamento.

Se sei d’accordo, oggi vorrei quindi spiegarti come impostare il BIOS, analizzando in dettaglio alcune delle funzioni e delle opzioni principali presenti in questo pannello di configurazione del computer che, com'è logico che sia, mette un po' di "paura" a chi non si ritiene un esperto di tecnologia. Allora: sei pronto per cominciare? Sì? Perfetto: ritagliati qualche minuto di tempo libero e leggi con attenzione le indicazioni che sto per darti. Spero possano esserti d'aiuto per accrescere le tue competenze nell'ambito della tecnologia.

Solo un paio di precisazioni prima di cominciare: innanzitutto, bisogna dire che il menu di configurazione del BIOS può variare da computer a computer, quindi le indicazioni e le voci citate in questa guida potrebbero non aderire al 100% al menu del BIOS del tuo PC. Altra cosa importante da sapere è che, modificando in maniera non opportuna il BIOS, si rischia di compromettere seriamente il corretto funzionamento del computer. A tal proposito, io non mi assumo alcuna responsabilità circa eventuali problemi ai quali potresti andare incontro modificando in maniera poco accorta i parametri del BIOS del tuo PC. Ci siamo capiti? Perfetto, allora al bando le ciance e mettiamoci all'opera!

Indice

Informazioni preliminari (BIOS vs UEFI)

Come impostare il BIOS

Prima di entrare nel vivo di questo tutorial, mi sembra doveroso chiarire il fatto che nei computer più recenti (quasi tutti quelli commercializzati con Windows 8.x o successivi), non c'è più il classico BIOS, bensì l'UEFI.

L'UEFI (acronimo di Unified Extensible Firmware Interface) è un'interfaccia firmware che sostituisce il BIOS e – per semplificare al massimo il discorso – integra un piccolo sistema operativo mediante il quale è possibile agire sulla configurazione del proprio computer in maniera molto semplice. A differenza del BIOS, che ha un'interfaccia di tipo testuale, dispone infatti di un'interfaccia grafica comandabile tramite mouse.

Inoltre, offre una vasta gamma di funzioni aggiuntive rispetto al classico BIOS: rende l'avvio del sistema più veloce; supporta il boot da drive più capienti di 2.2 TB (limite non oltrepassabile, invece, dal classico BIOS); supporta la connettività alla rete e utilizza dei sistema di sicurezza molto avanzati, tra cui il Secure Boot, il quale impedisce l'esecuzione di sistemi che non dispongono di una firma digitale adeguata (quindi evita l'avvio di potenziale malware in fase di boot del computer).

Detto ciò, io per il tutorial di oggi mi concentrerò su un computer dotato di UEFI ma con interfaccia testuale, in stile BIOS, spiegandoti come accedervi e come gestire alcuni dei suoi principali parametri: buona lettura e buon divertimento!

Come accedere al BIOS

Come impostare il BIOS

Fatte tutte le premesse e le precisazioni del caso, direi iniziare questa guida su come impostare il BIOS proprio dal principio, ossia da come si fa ad accedere al pannello di configurazione del BIOS.

Per entrare nel BIOS, occorre accendere il computer (o riavviarlo, se era già in funzione) e premere velocemente un tasto della tastiera tra F10, F2, Canc o Esc mentre viene mostrata la primissima schermata di accensione del PC (quella con il logo del costruttore, in genere). Dovresti trovare l’indicazione su quale tasto premere proprio in questa schermata (es. Press F10 to enter setup). Sui computer portatili, potrebbe essere necessario tenere premuto il tasto Fn per accedere al BIOS tramite tasti funzione (es. F10 o F2).

Se nessun tasto ti ha consentito di accedere al BIOS e non vedi alcuna istruzione al riguardo nella schermata di accensione del tuo PC, molto probabilmente hai un computer equipaggiato con UEFI. Questo significa che, per accedere al pannello di configurazione del "BIOS", devi agire tramite il pannello delle impostazioni di Windows.

Clicca, quindi sul pulsante Start (l'icona della bandierina collocata nell'angolo in basso a sinistra dello schermo) seleziona l'icona dell'ingranaggio presente nel menu che si apre (sulla sinistra) e, nella finestra successiva, fai clic sull'icona Aggiornamento e sicurezza.

A questo punto, seleziona la voce Ripristino dalla barra laterale di sinistra, pigia sul pulsante Riavvia ora relativo alla sezione Avvio avanzato e clicca in sequenza sulle voci Risoluzione dei problemi, Opzioni avanzate, Impostazioni firmware UEFI e Riavvia.

Impostazioni Windows

Il computer si riavvierà ed entrerai finalmente nel pannello di configurazione del BIOS.

Come configurare il BIOS

Una volta entrato nel BIOS, ti troverai al cospetto della schermata di configurazione principale (Main) con le informazioni base sul tuo PC e i suoi componenti (processore, RAM, versione BIOS, ecc.) e le opzioni per modificare ora di sistemae data di sistema, ossia l’orario e la data che poi saranno riportati anche in Windows. Per modificare questi valori, devi usare i tasti indicati nella parte bassa della schermata del BIOS (di solito sono le frecce direzionali, il tasto Invio per selezionare il valore da modificare e i tasti + e per regolare le varie cifre/opzioni).

Schermata Main BIOS

Alcune volte, nella schermata principale del BIOS ci sono anche le impostazioni relative al boot, cioè ai dispositivi supportati per l'avvio del computer e la priorità che devono avere in fase di boot. In altri casi, invece, tali impostazioni hanno una scheda a loro riservata, che tipicamente si chiama proprio Boot.

Se vedi delle voci del tipo Primary master, Primary slave, Secondary master e Secondary slave, devi sapere che si tratta delle opzioni relative agli hard disk e alle unità ottiche (es. masterizzatore DVD) collegate ai cavi interni del computer; ognuno di questi cavi può essere connesso a due periferiche diverse (una primaria detta “master” ed una secondaria detta “slave”) e queste impostazioni permettono di configurarle/ordinarle in maniera dettagliata.

Altre opzioni disponibili nelle impostazioni di boot potrebbero essere Quiet Boot e Fast Boot: la prima si riferisce alla possibilità di attivare o disattivare il boot "silenzioso", il quale mostra una splash screen (es. il logo del produttore) nella schermata di accensione del computer al posto delle classiche scritte sullo stato di accensione del computer. Il Fast Boot, invece, può rende l'avvio del computer più rapido in quanto salta alcuni dei test sulla memoria che il BIOS esegue nella fase di POST (power-on self-test), all'accensione del computer. Sotto all'opzione relativa al Fast Boot è possibile scegliere anche i supporti sui quali attivare o disattivare la funzione, in base alla loro interfaccia di collegamento al computer (es. SATA, VGA o USB).

Infine, ci sono le opzioni relative alla priorità del boot (Boot option priorities), che permettono di scegliere l'ordine in cui eseguire il boot manager di Windows o la shell di configurazione di UEFI all'avvio del computer (di norma, dovrebbe esserci il boot manager di Windows al primo posto e poi la shell di UEFI).

Schermata Boot BIOS

Nella scheda Security (o Sicurezza) del BIOS è invece possibile trovare tutte le opzioni per proteggere il BIOS stesso e le periferiche del computer. Impostando la Administrator Password (o Password amministratore), per esempio, potrai proteggere l’accesso al BIOS e le modifiche alle sue impostazioni con una parola chiave, mentre con la User Password (o Password accensione) si può bloccare del tutto l’accensione del PC (compreso l’accesso a Windows).

Inoltre, nei sistemi UEFI, è possibile trovare l'impostazione relativa al Secure Boot: la funzione che blocca l'esecuzione dei software sprovvisti di adeguata firma digitale in fase di boot. Disattivare questa funzione è altamente sconsigliato. Tuttavia, in alcuni casi, ad esempio quando si vogliono installare sul PC delle distro Linux o delle vecchie versioni di Windows (antecedenti a Windows 7), occorre disattivarla. Ti ho parlato più in dettaglio di questa procedura in alcuni miei tutorial passati, come quello su come installare Ubuntu.

Schermata Security BIOS

La scheda Advanced (o Avanzato ) del BIOS è quella in cui gli “smanettoni” possono personalizzare ogni aspetto più profondo del proprio computer e, di conseguenza, è anche quella a cui bisogna fare più attenzione quando non si è particolarmente bravi con il computer.

Fra le impostazioni disponibili in questa schermata, ci sono quelle relative alla CPU (cioè al processore del computer), all'ACPI (il sistema che permette al BIOS di controllare le funzioni di risparmio energetico dei componenti del PC), alla gestione delle temperature (Thermal) e al TPM (il Trusted Platform Module, che permette di sfruttare sistemi di cifratura avanzati, come BitLocker su Windows).

Come accennato poc'anzi, tutte le impostazioni di cui sopra vanno toccate solo in situazioni molto particolari e, soprattutto, solo se si sa bene dove si mettono le mani. Se tu stai leggendo questo tutorial – che è dedicato a chi muove le prime armi nel mondo del computer e vuole prendere un po' di confidenza in più con sistemi come il BIOS -, mi sembra evidente che tu non sia ancora esperto in materia e quindi ti consiglio caldamente di lasciare tutte le impostazioni al loro stato predefinito.

Schermata Advanced BIOS

Stesso discorso vale anche per la scheda Chipset, all'interno della quale è possibile trovare le impostazioni relative al North Bridge e al South Bridge: il primo è un componente che gestisce la comunicazione tra processore e altri componenti, come la RAM e gli slot PCI Express. Il secondo, invece, è il componente deputato alla gestione delle comunicazioni di input e output (es. mette in comunicazione le porte USB con CPU, RAM e North Bridge per il trasferimento dei dati da e verso dispositivi USB).

Dopo aver apportato tutte le modifiche di cui necessiti nel pannello di configurazione del BIOS, recati nella scheda Save & Exit (o Salva ed esci), seleziona la voce Save Changes and Exit (o Salvare le modifiche e uscire) e dai conferma per riavviare il computer salvando le modifiche apportate alla configurazione del BIOS. In alternativa, premi il tasto indicato dal BIOS per Salvare le modifiche e uscire (es. F10), conferma digitando Y e il computer sarà riavviato con le nuove impostazioni del BIOS.

Come salvare impostazioni del BIOS

Se vuoi uscire dal menu di configurazione del BIOS senza salvare le impostazioni, recati nella scheda Save & Exit e seleziona l'opzione Discard changes and Exit.

Come aggiornare il BIOS

Aggiornamento BIOS

Anche il BIOS, di tanto in tanto, ha bisogno di essere aggiornato, ad esempio per "turare" qualche falla di sicurezza o correggere qualche malfunzionamento rilevato in essi.

L'aggiornamento del BIOS è una procedura molto delicata (bisogna essere certi di scaricare l'update giusto per il proprio PC, altrimenti si rischia di comprometterne seriamente il funzionamento), ma semplice da portare a termine. In genere, basta scaricare un programmino per rilevare la scheda madre installata nel PC (es. CPU-Z). Dopodiché bisogna andare sul sito del produttore della motherboard e scaricare l'aggiornamento, che si può installare come un normale programma in Windows.

Per maggiori informazioni sull'intera procedura, puoi leggere il mio tutorial generico su come aggiornare il BIOS o, se hai un PC ASUS, il mio tutorial specifico su come aggiornare un BIOS ASUS.

Come impostare il BIOS su Mac

Mac

Hai un Mac? Mi spiace, ma non puoi agire liberamente sui parametri del BIOS com'è possibile fare sui PC Windows. Questo perché Apple, nei suoi computer più recenti, ha deciso di inibire l'accesso al menu di configurazione EFI.

In caso di problemi con il tuo computer, le uniche cose che puoi fare sono resettare la NVRAM (la memoria non volatile in cui vengono conservate le informazioni relative a disco di avvio, risoluzione dello schermo, velocità del doppio clic e altro), resettare l'SMC (un chip deputato alla gestione energetica e al controllo di alcuni componenti del Mac) e formattare il Mac. Consulta tutti i tutorial che ti ho appena elencato per sapere in dettaglio come procedere.