Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come programmare telecomando cancello BFT

di

La tua nuova casa è protetta da un cancello controllato da un sistema di automazione a marchio BFT e l’amministratore di condominio ti ha fornito un telecomando proveniente dall’azienda omonima. Per qualche motivo, però, quest’ultimo dispositivo non riesce ad aprire/chiudere il cancello di sicurezza: onde evitare di rivolgerti a un tecnico specializzato, vorresti qualche informazione su come programmare telecomando cancello BFT in autonomia.

Se è questa la tua attuale esigenza, sappi che ti trovi nel posto giusto, al momento giusto: nel corso di questo tutorial, infatti, avrò cura di spiegarti in maniera esaustiva come programmare un telecomando vuoto a marchio BFT, nella maniera più semplice e rapida possibile.

Dunque, senza attendere oltre, mettiti bello comodo e leggi attentamente quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, sarai perfettamente in grado di raggiungere l’obiettivo che ti eri prefissato, senza alcuna difficoltà. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

Come programmare telecomando cancello BFT

Prima di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti come programmare telecomando cancello BFT, ritengo doveroso darti qualche informazione in più in merito ai sistemi di trasmissione utilizzati dall’azienda per i sistemi di automazione. Generalmente, la tipologia di connessione tra telecomando e ricevente (cioè la “scatola di controllo” del sistema) segue l’approccio a rolling code: il segnale generato dal telecomando è differente a ogni trasmissione e viene riconosciuto dalla ricevente usando un sistema di sincronizzazione automatica.

Sebbene si tratti di un sistema di protezione sicuro, che limita al minimo i rischi di intercettazione e clonazione del segnale, la programmazione dei telecomandi a rolling code è solitamente complessa, a meno che non si programmi un telecomando “vuoto” fornito dalla casa produttrice del sistema di automazione, partendo da un dispositivo di controllo già funzionante, oppure facendo sì che il segnale venga captato dalla ricevente.

A tal proposito, nel capitolo successivo di questa guida, ti spiegherò come effettuare la duplicazione di un telecomando a marchio BFT, partendo da un dispositivo di controllo già funzionante. Per completezza d’informazione, ti fornirò una serie di indicazioni riguardanti la programmazione partendo direttamente dalla trasmittente, qualora la duplicazione dei telecomandi fosse stata bloccata dal tecnico installatore: in quest’ultimo caso, però, dovrai fare particolare attenzione, in quanto un piccolo errore potrebbe comportare conseguenze davvero spiacevoli. Tienilo bene a mente!

Come programmare telecomando cancello BFT

Come programmare telecomando cancello BFT

Fatte tutte le doverose precisazioni del caso, è arrivato il momento di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti, concretamente, come programmare telecomando cancello BFT.

Come ti ho già spiegato nelle battute precedenti di questa guida, quasi tutti i telecomandi BFT associati ai sistemi di automazione omonimi adottano la tecnologia a rolling code: per questo motivo, affinché la duplicazione vada a buon fine, è necessario avere a disposizione un vecchio telecomando BFT già funzionante dal quale “copiare” l’algoritmo di generazione del codice. Sempre per lo stesso motivo, la procedura di programmazione dovrebbe essere portata a termine nelle vicinanze della ricevente del sistema di automazione, a una distanza massima di circa 8 metri in linea d’aria.

BFT Mitto B RCB2- Telecomando per portone, Nero
Vedi offerta su Amazon
BFT MITTO 2, telecomando 2-canali, 433,92Mhz
Vedi offerta su Amazon
Telecomando per portone BFT MITTO B RCB4
Vedi offerta su Amazon

A seconda del modello di telecomando in tuo possesso possesso, i passaggi da compiere potrebbero differire leggermente: i telecomandi BFT più datati dispongono di un tasto rientrante che consente di accedere alla modalità di programmazione, mentre quest’ultima può essere attivata premendo invece i tasti 1 e 2, sui telecomandi più recenti. Ad ogni modo, le procedure che mi appresto a spiegarti sono valide sia per i telecomandi a due canali, quindi provvisti di due tasti funzione, che per quelli a quattro canali.

Ad ogni modo, la prima cosa da fare consiste nell’impostare il telecomando già funzionante in modalità di trasmissione: per farlo, se disponi di un telecomando relativamente recente e sprovvisto di tasto rientrante, premi i primi due tasti e tienili premuti, finché non si accende il LED rosso; quando ciò avviene, rilascia i due tasti. Se, invece, possiedi un telecomando BFT provvisto di tasto rientrante, utilizza un oggetto appuntito (ad es. uno spillo) per premerlo e, non appena si accende la luce LED di controllo del dispositivo, rilascia il tasto rientrante.

A questo punto, premi il tasto da programmare (ad es. quello per l’apertura del cancello) sul telecomando funzionante e tienilo premuto per alcuni secondi, in modo che l’apparecchio di controllo invii la sequenza esatta di codici; fatto ciò, entro un tempo massimo di dieci secondi, prendi il nuovo telecomando e premi contemporaneamente i primi due tasti oppure il tasto rientrante, finché non si accende il LED rosso, in modo da impostarlo in modalità di programmazione. Infine, schiaccia e rilascia il tasto da programmare e il gioco è fatto: dopo circa dieci secondi, prova ad aprire (o chiudere) il sistema di automazione, utilizzando il telecomando appena configurato.

Se, durante la programmazione, il cancello dovesse aprirsi (o chiudersi), vuol dire che il tecnico installatore ha bloccato la programmazione a distanza dalla ricevente e, per questo motivo, bisogna effettuare la programmazione direttamente tramite quest’ultima. Tuttavia, si tratta di un’operazione che dovrebbe essere effettuata da personale qualificato: un solo errore, anche di minima entità, potrebbe compromettere il funzionamento dell’intero sistema di automazione, mettendo a repentaglio la sicurezza dell’ambiente protetto. Io ti ho avvisato.

Come programmare telecomando cancello BFT

Ad ogni modo, per programmare un telecomando BFT con ricevente bloccata, bisogna accedere alla scatola di quest’ultima e premere il pulsante denominato SW1, presente a bordo scheda; nelle riceventi munite di schermo, devi premere due volte il tasto OK finché sul display non compare la scritta Parametri; quando ciò avviene, premi il tasto per due volte consecutive, fino a visualizzare la dicitura Radio.

Adesso, schiaccia ancora una volta il tasto OK e, quando vedi comparire la scritta Agg. Start sul display, premi nuovamente il tasto OK e procedi con la programmazione del nuovo telecomando: afferra quest’ultimo, premi i due tasti (oppure il tasto nascosto) finché sul display della trasmittente non compare la scritta Rilascia; successivamente, premi il tasto da programmare e attendi la comparsa della scritta OK sul display della centralina, segno che l’operazione è andata a buon fine.

Per uscire dalla modalità di programmazione, premi contemporaneamente i tasti + e della centralina, per tre volte consecutive. Per approfondimenti in merito alla programmazione del telecomando su centralina BFT Rigel 5 con display, puoi dare uno sguardo al video tutorial distribuito da BFT su YouTube.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.