Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare file cancellati da SD

di

Hai cancellato per sbaglio alcuni file che conservavi su una scheda SD e non sai come recuperarli? Non buttarti giù, può capitare a tutti di commettere un errore. Inoltre non è detta ancora l’ultima parola. Con un pizzico di fortuna potresti riuscire ancora a recuperare i tuoi dati, o almeno parte di essi.

Sì, proprio così! Hai letto bene! Utilizzando alcuni software gratuiti come quelli di cui sto per parlarti, potresti riuscire a recuperare file cancellati da SD anche se la situazione adesso ti sembra disperata. Devi solo sperare che i settori della scheda SD su cui erano archiviati i dati non siano già stati occupati da nuovi file (in quel caso, mi spiace ma c’è ben poco da fare).

Non posso prometterti che ritroverai tutti i tuoi dati o che riuscirai a recuperarli al 100% – dipende tutto dallo stato della scheda SD e da come sono stati gestiti i dati su quest’ultima – ma tentar non nuoce, quindi non perdere altro tempo e scopri subito quali sono i migliori programmi a cui puoi affidarti in questo momento. Incrocio le dita affinché ti vada tutto per il verso giusto. In bocca al lupo!

Indice

PhotoRec e TestDisk (Windows/macOS/Linux)

Fra i migliori software per recuperare file cancellati da SD ci sono PhotoRec e TestDisk, due programmi gratuiti e open source che vengono forniti in coppia.

PhotoRec è studiato in maniera specifica per il recupero dei dati cancellati. Funziona con vari dispositivi: memory card, chiavette USB, dischi esterni ecc. ed è estremamente facile da usare. TestDisk invece è stato pensato per il recupero delle partizioni perdute e per il ripristino dei dischi danneggiati, può essere usato anche per il recupero dei dati dalle SD ma diciamo che non è la sua occupazione principale. Funziona solo da linea di comando, quindi richiede un po’ più di impegno per essere utilizzato.

Entrambi i software sono multi-piattaforma, funzionano su Windows, macOS e Linux, ma bisogna tener conto di alcune differenze tra i vari sistemi operativi. PhotoRec, ad esempio, viene fornito completo di interfaccia grafica solo su Windows, su macOS funziona da linea di comando. TestDisk, invece, funziona da linea di comando su tutte le piattaforme.

Chiarito anche questo aspetto, direi di passare subito all’azione e di vedere in dettaglio come funzionano i due programmi. Se hai un PC Windows ti consiglio di provare prima con PhotoRec che è più facile da usare. Se poi PhotoRec fallisce nella sua missione, prova TestDisk, potrebbe riservarti delle ottime sorprese.

PhotoRec

Come recuperare file cancellati da SD

Per scaricare PhotoRec (e TestDisk) sul tuo PC, collegati al suo sito ufficiale e clicca sulla voce Windows che si trova sotto la dicitura TestDisk & PhotoRec 7.0. A download completato, apri l’archivio zip che hai appena scaricato da Internet, estraine il contenuto in una cartella di tua scelta e avvia l’eseguibile qphotorec_win.exe.

Nella finestra che si apre, usa il menu a tendina di PhotoRec per selezionare l’unità relativa alla scheda SD da cui intendi recuperare i file (se il tuo computer non ha un lettore di schede SD puoi usare un adattatore USB) e seleziona la partizione primaria del dispositivo (dovrebbe essere quella denominata FAT32FAT16 o exFAT).

A questo punto, metti il segno di spunta accanto alle voci FAT/NTFS/HFS+/ReiferFS e Free, clicca sul pulsante File formats e scegli i formati di file che PhotoRec deve cercare di recuperare. Puoi scegliere fra video (mov/mp4/3gp/3g2/jp2),**** foto in formato JPG e PNG, documenti archivi compressi e molto altro ancora. Per azzerare la selezione dei file preimpostata nel programma, clicca sul pulsante Reset.

Ad operazione completata, clicca sul pulsante OK, scegli la cartella in cui salvare tutti i file che PhotoRec riuscirà a recuperare pigiando sul bottone Browse e clicca sul pulsante Search, per avviare il recupero dei dati. Al termine della procedura, troverai tutti i dati recuperati da PhotoRec nella cartella che hai selezionato poc’anzi.

TestDisk

sd2

Adesso passiamo a TestDisk, che come accennato in precedenza funziona solo da linea di comando. Per scaricare il programma sul tuo PC (insieme a PhotoRec), collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca sul link Windows oppure sul link Mac OS X Intel (a seconda del sistema operativo che utilizzi).

A download completato, apri l’archivio che contiene il software (es. testdisk–7.0-WIP.win.zip su Windows e testdisk-7.0-WIP.mac_intel.tar.bz2 su Mac) ed estraine il contenuto in una cartella qualsiasi. Inserisci, dunque, la memory card SD da cui vuoi recuperare i file nel lettore del computer (puoi usare un adattatore MicroSD-SD nel caso delle schede più piccole) e avvia il programma testdisk_win.exe (testdisk su OS X). Clicca su e si aprirà una finestra del Prompt dei comandi (o del Terminale, se utilizzi un Mac).

Ora, per avviare il recupero dei tuoi dati, premi il tasto Invio sulla tastiera del PC e seleziona l’unità relativa al lettore di memory card del computer (es. Multiple Card Reader): basta usare le frecce direzionali e premere Invio.

Successivamente, seleziona la voce Intel, vai su Advanced e premi Invio, per selezionare la partizione della SD da cui recuperare i dati (solitamente ce n’è solo una).

A questo punto dovresti trovarti di fronte a un elenco contenente i nomi dei file cancellati dalla memory card, evidenziati in rosso. Seleziona uno dei documenti da recuperare e premi il tasto C sulla tastiera del computer per copiarlo in una cartella di tua scelta (premi C, per salvarlo nella directory principale di TestDisk su Windows e nella cartella /Users/Tuonome/ su Mac). Ripeti l’operazione con tutti i file da recuperare e il gioco è fatto.

EaseUS Data Recovery Wizard (Windows/macOS)

EaseUS Data Recovery Wizard

EaseUS Data Recovery Wizard è uno dei migliori software per il recupero dei file cancellati, non solo da SD, ma anche da hard disk, SSD, memorie USB, fotocamere, dispositivi mobili e altre unità di memorizzazione. È estremamente intuitivo, supporta qualsiasi tipo di file (immagini, video, documenti, archivi compressi ecc.) e può essere utilizzato negli scenari più disparati.

La soluzione proposta da EaseUS permette, infatti, il recupero dei file dai dischi formattati o danneggiati, il recupero dei dati dopo lo svuotamento del Cestino, dopo la cancellazione di una partizione, il recupero da crash di sistema, il recupero dopo attacchi malware, il recupero di partizioni RAW e altro ancora; il tutto in soli tre semplici passaggi: avvio, analisi e ripristino.

EaseUS Data Recovery Wizard è compatibile sia con Windows che con macOS ed è disponibile in varie versioni: quella di base, gratuita, che permette di recuperare fino a 500MB di dati (2GB, se si esegue la condivisione del programma online) e quella a pagamento, senza limitazioni sui file recuperabili, con prezzi a partire da 66,69 euro.

Detto ciò, per scaricare EaseUS Data Recovery Wizard Professional per Windows, collegati al sito ufficiale del programma e clicca sul pulsante Prova gratuita: così facendo, otterrai la versione completa del software da attivare con l’acquisto di una licenza (senza registrazione potrai vedere solo i file da recuperare, non potrai salvarli). Per scaricare, invece, EaseUS Data Recovery Wizard Free e avere la possibilità di recuperare fino a 2GB di dati a costo zero, collegati a questa pagina del sito di EaseUS e clicca sul pulsante Scarica gratis.

A download completato, indipendentemente dalla versione di EaseUS Data Recovery Wizard che hai scaricato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che si apre, clicca sul pulsante . Assicurati, dunque, che la casella relativa alle condizioni di licenza EaseUS (in basso a sinistra) sia spuntata e premi sul pulsante Installa ora, in modo da avviare il download di tutti i componenti necessari al funzionamento di EaseUS Data Recovery Wizard e la loro successiva installazione sul computer. Se non vuoi inviare statistiche anonime relative all’uso del software, clicca sulla voce Personalizza l’installazione (in basso a destra) e deseleziona l’apposita casella. Per concludere, clicca sul pulsante Inizia ora, per chiudere la finestra e avviare EaseUS Data Recovery Wizard.

Adesso puoi passare all’azione. Seleziona, dunque, l’icona relativa alla SD dalla schermata iniziale di EaseUS Data Recovery Wizard e clicca sul pulsante Scansione, in basso a destra, per avviare la scansione del drive.

EaseUS Data Recovery Wizard

Quando vedi comparire i file di tuo interesse, selezionali (spuntando le relative caselle) e clicca sul pulsante Recupera, in basso a destra, per indicare la cartella in cui esportarli e avviarne la procedura di recupero.

Se vuoi, puoi selezionare le varie cartelle che compaiono nella barra laterale di sinistra oppure la voce Filtro, in alto, per filtrare i risultati della ricerca in base alle tipologie di file di tuo interesse (es. JPEG o PDF).

Se utilizzi un Mac, puoi scaricare EaseUS Data Recovery Wizard usando i link che ti ho fornito in precedenza e cliccando sulla voce relativa alla versione Mac del software. Per installare il programma, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di EaseUS Data Recovery Wizard nella cartella Applicazioni del computer. Facile, vero?

Recuva (Windows)

Recuva

Ora ti voglio parlare di Recuva, un’ottima applicazione gratuita per Windows realizzata dagli stessi sviluppatori di CCleaner (famosissimo software per la pulizia del disco e l’ottimizzazione del sistema operativo Microsoft) che consente di recuperare file cancellati da SD, hard disk e altri drive in maniera molto intuitiva. Per provarlo subito, collegati al suo sito Internet e clicca sulla voce CCleaner.com.

A scaricamento completato, apri il pacchetto d’installazione del software (rcsetupxx.exe), seleziona l’Italiano dal menu per la scelta della lingua (in alto a destra) e clicca prima su Install e poi su Run Recuva, per completare il processo d’installazione e avviare Recuva.

A questo punto non ti resta che avviare Recuva, cliccare sul pulsante Avanti e selezionare il tipo di file che intendi ripristinare: ImmaginiMusicaDocumentiVideo, Archivi compressiEmail o Tutti i file. Dopodiché metti il segno di spunta accanto alla voce su card multimediale o iPod e avvia la scansione della memory card cliccando prima su Avanti e poi su Avvia.

A procedura ultimata, apponi il segno di spunta accanto ai nomi dei file che intendi recuperare (quelli con il semaforo verde sono quelli recuperabili al 100%, quelli con il semaforo giallo potrebbero essere corrotti mentre quelli con il semaforo rosso sono irrecuperabili) e pigia sul bottone Recupera. Seleziona, infine, la cartella in cui esportare i dati e dai l’OK per avviare il recupero vero e proprio dei file selezionati.

Puoi anche sfruttare la funzione di scansione approfondita, per tentare il recupero di dati che nella scansione standard non vengono trovati, basta mettere la spunta sull’apposita opzione prima di avviare il controllo dell’unità (nell’ultima schermata della procedura guidata).

DiskDigger (Android)

Come recuperare file cancellati da SD

Hai uno smartphone o un tablet Android dotato di supporto alle microSD? In questo caso puoi tentare il recupero dei dati cancellati dalla memory card usando DiskDigger.

DiskDigger è un’applicazione molto facile da usare che permette di recuperare i file cancellati dalle microSD o dalla memoria interna del device senza utilizzare il PC. È disponibile in due versioni: una free che consente di recuperare solo foto in formato JPG/PNG e una a pagamento che, invece, permette di recuperare video, PDF, archivi compressi, applicazioni e altri tipi di file. Per scoprire come funziona leggi il mio tutorial su come recuperare file cancellati da Android.

Articolo realizzato in collaborazione con EaseUS.