Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Pagamento WhatsApp

di

WhatsApp Messenger ha rivoluzionato il modo in cui comunichiamo con i nostri amici. La possibilità di inviare messaggi gratis via Internet ha fatto diminuire drasticamente l’utilizzo degli SMS tradizionali ed ora sono in pochi a voler tornare indietro. Scommetto che anche tu sei fra questi!

A tal proposito, voglio ricordarti che dopo il primo anno di utilizzo (che è totalmente gratuito) WhatsApp richiede la sottoscrizione di un abbonamento che, seppure a una cifra irrisoria (appena 0,89 euro), va pagato. Sai come si fa? No? Nessun problema. Eccoti tutte le istruzioni che ti servono per effettuare il pagamento WhatsApp su Android, iPhone e altre piattaforme software. Seguile con attenzione e potrai continuare a utilizzare la app senza pensieri per altri 12 mesi, o anche di più. Ci vogliono pochissimi istanti e la transazione è sicura, non ti preoccupare.

AGGIORNAMENTO: questo tutorial non è più attuale. A gennaio 2016 WhatsApp è diventato gratis, per sempre e su tutte le piattaforme. Questo significa che non c’è più alcun bisogno di acquistare o rinnovare il proprio abbonamento.

I metodi di pagamento supportati da WhatsApp sono molteplici: si va dalla carta di credito/prepagata associata allo store del proprio smartphone a PayPal, fino al credito telefonico presente sulla propria SIM (anche se quest’opzione, almeno per il momento, è riservata agli utenti di pochi operatori). Maggiori dettagli sono illustrati di seguito. Buona lettura.

Pagamento WhatsApp dallo smartphone

Pagamento WhatsApp

Per pagare WhatsApp direttamente dal tuo smartphone, avvia l’applicazione e recati nelle sue impostazioni. Se non sai come si fa, su Android basta pigiare sull’icona dei tre puntini collocata in alto a destra e selezionare la voce Impostazioni dal menu che compare. Su iPhone, invece, bisogna recarsi nella scheda Impostazioni della app che si trova in basso a destra e il gioco è fatto. Più facile di così?

A questo punto, scegli la voce Account dalla schermata che si è aperta, vai su Info pagamento e apponi il segno di spunta accanto alla voce relativa al tipo di abbonamento che intendi sottoscrivere. È disponibile un piano annuale che costa 0,89 euro, un piano di durata triennale che costa 2,40 euro e un piano quinquennale che invece ammonta a 3,34 euro.

Successivamente, devi pigiare sul pulsante relativo al metodo di pagamento predefinito del tuo smartphone (es. Google Wallet su Android) e devi scegliere quale strumento utilizzare per saldare il conto.

Pigiando direttamente su Acquista puoi pagare l’abbonamento a WhatsApp con la carta di credito associata allo store del tuo smartphone (quella che usi solitamente per acquistare app e altri contenuti dal Play Store o dall’App Store, tanto per intenderci), mentre selezionando il prezzo di WhatsApp (in alto a destra) e recandoti nel menu Metodi di pagamento puoi scegliere delle soluzioni diverse.

Le soluzioni alternative attualmente disponibili sono PayPal e il credito telefonico, ma solo se l’operatore supporta tale funzione (in Italia solo Wind consente di sfruttare quest’opzione attualmente). Dopo aver scelto il tuo metodo di pagamento preferito, immetti tutte le informazioni richieste e il gioco è fatto.

Dopo aver effettuato il pagamento WhatsApp, per verificare che tutto sia filato per il verso giusto, torna nelle impostazioni dell’applicazione, vai su Account > Info pagamento e controlla che la data di scadenza del tuo account WhatsApp (quella collocata accanto alla dicitura scadenza del servizio su Android e accanto alla dicitura Servizio WhatsApp su iPhone) sia stata spostata avanti nel tempo.

Nota: gli utenti di iPhone che hanno acquistato WhatsApp quando l’applicazione era ancora a pagamento, cioè era distribuita su App Store al prezzo di 89 cent, non sono tenuti a pagare l’abbonamento. Accanto alla voce Servizio WhatsApp troveranno infatti la scritta A vita che indica il loro status di abbonati “a vita” al servizio. Almeno fin quando non cambieranno numero di telefono.

Pagamento WhatsApp dal PC

Pagamento WhatsApp

Se trovi scomodo effettuare pagamenti dal tuo telefonino, sappi che esiste anche un modo per pagare WhatsApp dal computer. La procedura è un po’ macchinosa, devi auto-inviarti un link per il pagamento via email, ma funziona.

Per generare il link per il pagamento di WhatsApp da PC, apri la app sul tuo telefonino e recati nel menu Impostazioni > Account > Info pagamento. Dopodiché pigia sul pulsante Invia link pagamento, digita l’indirizzo di posta elettronica al quale recapitare l’email e invia il messaggio premendo l’apposito pulsante.

Una volta ricevuto il link, apri l’email che ti sei auto-inviato dal computer, clicca sul collegamento che contiene ed effettua il rinnovo di WhatsApp cliccando sul pulsante di PayPal (unico metodo di pagamento supportato in questo caso9. Per maggiori informazioni sull’intera procedura consulta la mia guida su come pagare WhatsApp dal PC.

Pagamento WhatsApp per altre persone

Pagamento WhatsApp

Se utilizzi uno smartphone Android, puoi effettuare il pagamento WhatsApp anche per conto di terzi. Questo significa, detto in parole povere, che puoi regalare l’abbonamento di WhatsApp a un’altra persona senza che questa debba muovere un dito.

Per sfruttare questa funzionalità, avvia la app, pigia sul pulsante Menu (l’icona con i tre puntini) che si trova in alto a destra e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare.

Dopodiché vai su Contatti, seleziona l’opzione Paga per un amico e pigia su Scegli un contatto per selezionare la persona a cui desideri regalare l’abbonamento a WhatsApp (l’utente deve far parte dei tuoi contatti, altrimenti non potrai selezionarlo). L’utente destinatario del regalo può utilizzare qualsiasi smartphone e sistema operativo, non deve essere per forza un utente Android.

Per finire, metti il segno di spunta accanto alla voce relativa al tipo di sottoscrizione che intendi donare (1 anno (0,89 euro), 3 anni (2,40 euro) o 5 anni (3,34 euro)) e completa la transazione come abbiamo visto in precedenza. Puoi usare Google Wallet, PayPal o il credito telefonico. Per maggiori informazioni consulta la mia guida su come regalare WhatsApp.