Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Recensione servizio proxy Oxylabs

di

Hai un’azienda che lavora online e sei alla ricerca di un buon servizio di proxy che ti consenta di collezionare dati accessibili pubblicamente da siti esterni e/o gestire i tuoi account social in sicurezza? Stai mettendo in piedi un’attività online, ti è stato suggerito di utilizzare dei proxy per proteggere la tua privacy e quella dei tuoi dipendenti e vorresti consigli al riguardo? Allora credo che potresti essere interessato ai prodotti di Oxylabs.

Oxylabs è un provider lituano di proxy che opera dal 2015 e che registra sempre ottimi posizionamenti nelle classifiche relative a prestazioni e affidabilità. Offre proxy residenziali, proxy datacenter e vari prodotti avanzati per proteggere la propria privacy online e catturare dati da e-commerce, motori di ricerca e altri siti con estrema semplicità, evitando i sistemi anti-bot e i CAPTCHA. C’è anche la possibilità di provare gratis alcune delle soluzioni proposte. Dunque, se operi in ambito business e stai cercando un buon sistema di proxy, secondo me vale la pena dargli un’occhiata.

Inoltre, stiamo parlando di un’azienda che opera con una certa trasparenza (comunica apertamente con il pubblico circa le sue attività e lavora in accordo con le leggi internazionali), garantendo la massima sicurezza (con un controllo ferreo su tutta la catena di approvvigionamento e la tutela dei clienti con le assicurazioni Lloyds contro potenziali interruzioni di servizio) e la qualità dei prodotti offerti; senza dimenticare la responsabilità sociale e l’equità (l’azienda è attenta alle tematiche ambientali, collabora a cause che riguardano il bene pubblico e opera secondo principi di sana concorrenza; inoltre non applica blocchi o discriminazioni in termini di priorità del traffico). Per tutti i dettagli, continua a leggere.

Indice

Informazioni preliminari

Oxylabs

Prima di entrare nel vivo di questa guida e illustrarti più da vicino quali sono i prodotti offerti da Oxylabs, mi sembra doveroso fare un “passo indietro” e chiarire cosa sono i proxy e a cosa servono.

Ebbene, un server proxy fa da intermediario tra un client e Internet. In altre parole, si frappone tra il tuo computer (o qualsiasi altro strumento tu decida di usare per accedere a Internet) e le risorse che contatti online, ad esempio i siti Internet che decidi di visitare.

Utilizzando un proxy potrai dunque navigare online camuffando il tuo vero indirizzo IP (i siti contattati “vedranno” solo l’IP del server proxy che fa da intermediario e non quello del tuo dispositivo) e anche la tua reale posizione geografica. Navigando tramite un proxy collocato in un Paese diverso dal tuo, potrai infatti risultare come residente in un’altra nazione e bypassare così filtri, censure e restrizioni regionali di vario genere.

Uscendo dall’ambito personale e passando a quello business (dove vedono maggior impiego), i proxy sono utilissimi per estrapolare grosse moli di dati accessibili pubblicamente da risorse esterne — immagina, ad esempio, un’azienda che gestisce un comparatore di prezzi e abbia dunque la necessità di estrapolare prodotti e prezzi da vari store online — senza compromettere la propria privacy ed evitando i ban da parte dei sistemi anti-bot. Ma non finisce qui! I proxy, infatti, possono essere utili anche per la gestione di account social, la realizzazione di ricerche di mercato e molte altre attività.

Bisogna poi distinguere i proxy condivisi da quelli semi-dedicati e quelli privati. I proxy condivisi sono più economici, in quanto sono usati da più utenti in contemporanea; non riescono a offrire prestazioni sempre avanzatissime e, in caso di blocco di un utente, portano al blocco anche degli altri. I proxy semi-dedicati sono anch’essi condivisi, ma con un numero limitato di utenti e quindi offrono prestazioni migliori rispetto a quelli condivisi. Infine, ci sono i proxy privati che, come facilmente intuibile, sono più costosi ma offrono il top in termini di prestazioni e sicurezza in quanto usati da un solo utente.

Per concludere, va fatta un po’ di chiarezza sulle differenze tra proxy e VPN, un altro strumento che fa da intermediario tra i dispositivi dell’utente e le risorse online, permettendo di camuffare l’IP e la località geografica, proprio come i server proxy. Ci sono molti punti di contatto tra questi due strumenti, ma non sono la stessa cosa.

Una delle principali differenze tra VPN e proxy sta nel fatto che le VPN (acronimo di Virtual Private Network, rete virtuale privata) instradano automaticamente tutte le richieste di rete al loro interno e, dunque, funzionano indipendentemente dal browser o dal programma usato dall’utente. Questo spesso comporta un rallentamento generale di tutte le attività svolte online. I server proxy, invece, possono agire singolarmente su un programma (es. puoi impostare un proxy in un browser e navigare con il tuo IP reale in altri programmi) e offrono dunque prestazioni più dinamiche.

Inoltre, la maggior parte delle VPN ormai offre cifratura delle comunicazioni di default, mentre nei server proxy questa opzione è disponibile ma spesso opzionalmente.

Quanto alla semplicità di utilizzo, le VPN risultano sicuramente più intuitive, ma i proxy sono più flessibili e configurabili. Proprio per questo, sono più usati in ambito business, dove invece le VPN vengono usate quasi esclusivamente per la sicurezza dei dispositivi dei lavoratori (per consentire loro di lavorare da remoto e in maniera sicura sulla rete aziendale).

Qualora te lo stessi domandando, non è possibile usare proxy e VPN contemporaneamente, in quanto le impostazioni della VPN “scavalcherebbero” quelle dei proxy, rendendoli di fatto ininfluenti. Inoltre, va detto che le VPN sono completamente inefficaci come strumenti di estrazione dei dati.

Prodotti di Oxylabs

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, è arrivato il momento di analizzare i principali prodotti di Oxylabs e le loro caratteristiche.

Proxy residenziali

Oxylabs

I proxy residenziali sono quelli di cui mi occuperò principalmente in questo tutorial e che presumo interessino maggiormente te per il tuo business. Si tratta di proxy in cui l’IP viene fornito direttamente da un Internet Service Provider: questo fa sì che vengano interpretati come appartenenti a un utente umano, facilitando così l’elusione dei sistemi di blocco durante le attività di scraping dei dati online.

Oxylabs mette a disposizione 100 milioni di IP dinamici, che ruotano, in base a un sistema P2P, con intervalli personalizzabili da 10 a 30 minuti. Sono provenienti da tantissimi Paesi e città di tutto il mondo.

Inoltre, sono disponibili 100.000 IP statici (principalmente situati in USA) che sono particolarmente indicati per attività quali lo scraping intensivo di dati da siti pubblicamente accessibili.

Inclusi nel servizio ci sono anche il filtro ASN (gli ASN sono quelli che identificano le reti dei vari ISP online) e la possibilità di creare vari sotto-utenti con autenticazione tramite username e password oppure whitelist e il traffico conteggiato separatamente.

Manca il supporto al protocollo SOCKS5, il che significa che bisogna usare necessariamente i protocolli HTTP/HTTPS e non è possibile usufruire di reti come quelle BitTorrent e del gaming online. Per questi scopi, però ci si può avvalere dei proxy datacenter, di cui ti parlerò meglio a breve. Maggiori info qui.

Se sei interessato a questo prodotto, di seguito trovi piani e prezzi dei proxy residenziali Oxylabs: ce ne sono per varie esigenze e tipologie di business. Da sottolineare che, a differenza di molte altre aziende del settore, Oxylabs permette di acquistare i due piani più economici per i proxy residenziali senza passare attraverso un account manager. Ciò semplifica il processo di onboarding e permette di iniziare a usare il servizio molto più rapidamente (anche se ovviamente puoi parlare con un rappresentante, se desideri discutere meglio circa le tue esigenze).

  • (Starter 300$/mese o 3.240$/anno) — include 20GB di traffico.
  • (Business 600$/mese o 6.480$/anno) — include 50GB di traffico.
  • (Corporate 900$/mese o 9.720$/anno) — include 100GB di traffico e account manager dedicato.
  • (Enterprise 5.000$/mese o 54.000$/anno) — include oltre 1TB di traffico e account manager dedicato. È possibile contattare il reparto vendite di Oxylabs per personalizzare il piano e adattarlo alle esigenze del proprio business.

Proxy residenziali Next-Gen

Oxylabs

I proxy residenziali Next-Gen di Oxylabs sono una soluzione all’avanguardia che, grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning, riescono a eseguire lo scraping di dati pubblicamente accessibili da qualsiasi sito Web evitando efficacemente i sistemi anti-bot e risolvendo con successo i CAPTCHA.

Grazie al sistema di parsing adattivo, si riescono ad adattare al codice HTML di qualsiasi e-commerce, anche nel caso in cui questo dovesse cambiare nel corso del tempo, per ottenere dati quali prezzi, valuta, titoli, descrizioni ecc. Supportano anche il rendering JavaScript.

Il tutto con la possibilità di integrazione attraverso un backconnect proxy (cioè un server che usa un pool di proxy residenziali switchando automaticamente dall’uno all’altro) e quindi senza la necessità di dover mettere mano alla gestione avanzata dei proxy. Insomma: una soluzione davvero ideale per una facile raccolta dei dati pubblici presenti sul Web, grazie al quale le aziende possono concentrarsi sull’analisi dei dati piuttosto che sul processo di raccolta. Maggiori info qui.

Se sei interessato, di seguito trovi piani e prezzi dei proxy residenziali Next-Gen di Oxylabs.

  • (Starter 360$/mese o 3.888$/anno) — include 20GB di traffico.
  • (Business 750$/mese o 8.100$/anno) — include 50GB di traffico.
  • (Corporate 1.100$/mese o 11.880$/anno) — include 100GB di traffico.
  • (Enterprise 6.000$/mese o 64.800$/anno) — include oltre 1TB di traffico. È possibile contattare il reparto vendite di Oxylabs per personalizzare il piano e adattarlo alle esigenze del proprio business.

Proxy datacenter

Oxylabs

I proxy datacenter si distinguono da quelli residenziali poiché gli indirizzi IP non sono affiliati a degli Internet Service Provider, bensì a dei datacenter (spesso virtual machine che girano su grandi server). Sono mediamente più veloci di quelli residenziali, ma più soggetti al blocco anti-bot durante lo scraping dei dati.

Oxylabs offre 2 milioni di IP da oltre 7.800 subnet per i proxy datancenter, non condivisi e basati su oltre 80 posizioni in tutto il mondo. Come già accennato in precedenza, viene garantito il supporto al protocollo SOCKS5, oltre che alla creazione di utenti con accesso tramite whitelist e username/password.

Di seguito ti propongo la lista con piani e prezzi dei proxy datacenter di Oxylabs.

  • (Starter 180$/mese o 1.944$/anno) — include 100 IP in USA o 60 IP nel resto del mondo. Prevede prova gratuita.
  • (Business 800$/mese o 8.640$/anno) — include 500 IP in USA o 285 IP nel resto del mondo. Prevede prova gratuita.
  • (Corporate 1.500$/mese o 16.200$/anno) — include 1.000 IP in USA o 577 IP nel resto del mondo. Prevede prova gratuita.
  • (Enterprise 6.000$/mese o 64.800$/anno) — include oltre 5.000 IP in USA o oltre 2.500 IP nel resto del mondo. È possibile contattare il reparto vendite di Oxylabs per personalizzare il piano e adattarlo alle esigenze del proprio business.

Real-Time Crawler

Oxylabs

Infine, c’è il Real-Time Crawler, che permette di estrarre dati dai maggiori motori di ricerca ed e-commerce con la massima efficienza e ottenendo i risultati in HTML e JSON.

Consente di ottenere tutte le informazioni dalle pagine prodotto degli e-commerce (nomi, prezzi, descrizioni, disponibilità ecc.) e dalle pagine dei motori di ricerca (risultati organici, sponsorizzati, immagini, video, snippet, ricerche correlate eccetera). Maggiori info qui.

Di seguito trovi piani e prezzi disponibili.

  • (Starter 99$/mese o 1.068$/anno) — include 60.000 pagine in HTML, 40.000 pagine in HTML con rendering JS oppure 29.000 pagine di API di motori di ricerca/e-commerce. Prevede prova gratuita.
  • (Business 399$/mese o 4.308$/anno) — include 285.000 pagine in HTML, 190.000 pagine in HTML con rendering JS oppure 160.000 pagine di API di motori di ricerca/e-commerce. Prevede prova gratuita.
  • (Corporate 999$/mese o 10.788$/anno) — include 833.000 pagine in HTML, 555.000 pagine in HTML con rendering JS oppure 526.000 pagine di API di motori di ricerca/e-commerce. Prevede prova gratuita.
  • (Enterprise 10.000$/mese o 108.000$/anno) — include oltre 14 milioni di pagine in HTML, oltre 11 milioni di pagine in HTML con rendering JS oppure oltre 10 milioni di pagine di API di motori di ricerca/e-commerce. È possibile contattare il reparto vendite di Oxylabs per personalizzare il piano e adattarlo alle esigenze del proprio business.

Come usare i proxy Oxylabs

Oxylabs

A questo punto, direi che sei pronto a scoprire come usare i proxy Oxylabs. Il primo passo che devi compiere è scegliere la soluzione più adatta a te e attivare il relativo abbonamento.

Ad esempio, nel caso dei proxy residenziali, scegliendo i piani Starter e Business, puoi iniziare senza contattare i rappresentanti di Oxylabs. Ti basta collegarti alla pagina dedicata del sito Oxylabs, cliccare sul pulsante per attivare la sottoscrizione che preferisci e compilare il modulo che ti viene proposto con indirizzo e-mail e password da usare. Clicca poi sul pulsante Continue, inserisci nome, cognome, nome dell’azienda (facoltativo) e numero di cellulare e premi nuovamente su Continue. Infine, digita un breve messaggio in cui spieghi come mai vuoi usufruire dei proxy Oxylabs e clicca sul pulsante Finish registration per completare la registrazione.

Ora, clicca sul link di conferma che hai ricevuto via e-mail e scegli il prodotto che vuoi associare al tuo account, tra quelli disponibili (es. Residential Proxy Starter). Una volta fatto questo, procedi al fast checkout ed effettua il pagamento usando il metodo che preferisci tra carta di credito e PayPal.

Nel caso dei prodotti per cui non è previsto il fast checkout, dovrai metterti in contatto con il sales manager di Oxylabs che, dopo opportune verifiche, ti indicherà come procedere con l’attivazione del prodotto da te selezionato.

Lo stesso discorso vale per i prodotti con prova gratuita: dopo aver cliccato sul pulsante per richiedere l’attivazione della prova, dovrai compilare un modulo da inviare al sales manager di Oxylabs per approvazione.

Oxylabs

Una volta acquistato il prodotto di tuo interesse, devi configurare i proxy: procedura che varia in base al tipo di proxy scelto.

Gli IP residenziali usano server gateway backconnect e sono in forma hostname:porta (da modificare in base alle indicazioni del provider). A questi vanno aggiunti anche username e password, se si è scelto di usare questo metodo di autenticazione. Basta immettere i dati in questione in qualsiasi software per l’uso di proxy e il gioco è fatto: per indicazioni dettagliate, puoi consultare i tutorial di Oxylabs (in lingua inglese).

In alternativa, per un controllo più granulare sui vari parametri, è possibile fare delle cURL request (es. curl -x hostname:porta -U “customer-USERNAME:PASSWORD” https://ipinfo.io). Per tutti i dettagli, puoi consultare il tutorial ufficiale (in lingua inglese).

Inoltre, per accedere agli IP in maniera programmatica, è possibile affidarsi alle API di Oxylabs, che permettono di creare e gestire sotto-utenti con gestione separata dei limiti di traffico (puoi accedervi dal menu laterale della dashboard).

Quanto ai datacenter IP, è possibile usarli in modo ancora più semplice: basta autenticarsi nella dashboard e scaricare la lista dei proxy. 

Oxylabs

La gestione di proxy e utenti è resa semplicissima dalla dashboard di Oxylabs, alla quale puoi accedere mediante questo link ed effettuando il login con i dati del tuo account.

Ad accesso effettuato, trovi tutto nella barra laterale di sinistra, dove cliccando sul nome di un prodotto puoi accedere ai vari pannelli di gestione dello stesso. Per quanto riguarda i proxy residenziali, ad esempio, puoi trovare le statistiche del traffico effettuato (Statistics), gestire gli utenti creandone di nuovi o cancellano quelli esistenti (Users), gestire la lista degli IP da aggiungere alla whitelist (Whitelist), accedere alla documentazioni (Documentation) e alle API (API).

Oxylabs

Tramite la sezione My account > Billing puoi invece accedere al pannello di gestione dei pagamenti e dei piani attivi sul tuo account. Infine, cliccando sul pulsante apposito collocato in fondo alla barra laterale di sinistra puoi inviare un messaggio all’account manager.

È tutto molto intuitivo. Ad ogni modo, in caso di necessità, c’è anche un pratico video rilasciato sul canale YouTube ufficiale di Oxylabs che mostra tutta la dashboard in dettaglio.

Supporto Oxylabs

Oxylabs

Se hai bisogno di maggiori informazioni circa Oxylabs e il suo funzionamento, ti invito a consultare le FAQ ufficiali, mediante le quali potrai ottenere tutte le delucidazioni del caso sui prodotti offerti dall’azienda, il loro acquisto e la loro configurazione (in lingua inglese).

Inoltre, sappi che il team di Oxylabs lavora 24/7 per fornire supporto ai clienti. Puoi contattarlo in qualsiasi momento via email all’indirizzo support@oxylabs.io, tramite la sezione Instant Help del sito o la dashboard del tuo account.

Articolo realizzato in collaborazione con Oxylabs.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.