Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire file CCD

di

Hai ritrovato un vecchio hard disk e, mentre ne ispezionavi il contenuto, ti sei imbattuto in un file di tipo .CCD che non avevi mai visto prima. Tuttavia, nonostante la tua discreta esperienza con i computer, non sei riuscito ad aprirlo con i dei programmi in tua dotazione e, dopo una rapida ricerca su Internet, sei capitato sul mio sito Web con la speranza che io possa darti una mano a riuscire nella tua “impresa”.

Ebbene, sappi che non è mia intenzione deluderti e che sono pronto a spiegarti come aprire file CCD. Prima di farlo, però, lascia che ti dia qualche spiegazione in merito a questa tipologia di file. Innanzitutto, un file .CCD da solo è di ben poca utilità: esso, unitamente a un altro file omonimo ma con estensione .sub, fornisce chiare indicazioni su come sono organizzati i file “racchiusi” in un contenitore avente lo stesso nome del file .ccd ed estensione .img. L’unione di questi tre elementi consente di ottenere un file immagine completo, il quale può essere rapidamente masterizzato su disco mediante il programma CloneCD per Windows (che li gestisce nativamente).

Ciò, tuttavia, non significa che i file contenuti nelle immagini di questo tipo non possano essere letti in assenza di masterizzatore, né che possano essere gestiti soltanto da Windows: nel corso di questa guida, sarà mia cura spiegarti come visualizzare il contenuto di un’immagine composta dai tre file in formato .ccd, .sub e .img anche senza l’ausilio del software che ti ho menzionato in precedenza. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come aprire file CCD su Windows

Iniziamo questa guida vedendo come aprire file CCD su Windows, sia per visionarne il contenuto, sia per masterizzarli su disco, mediante dei software progettati per lo scopo.

WinCDEmu

Come aprire file CCD su Windows

Il primo software che voglio consigliarti è WinCDEmu: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un ottimo programma gratuito e open source, in grado di creare un lettore ottico virtuale sul quale montare anche le immagini non supportate nativamente da Windows, tra cui quelle con relativo file .CCD.

Per ottenerlo, collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca sul pulsante Download per due volte consecutive. A download completato, apri il file eseguibile ottenuto (ad es. WinCDEmu-xx.exe) e clicca sui pulsanti , Install, Installa e OK, così da completare il processo d’installazione.

Superato anche questo step, apri il programma WinCDEmu settings servendoti dell’apposita icona presente nel menu Start e assicurati che, all’interno della finestra che va ad aprirsi, sia configurato l’uso della lingua italiana e che presente il segno di spunta Chiedi prima di montare un’immagine (altrimenti apponilo tu). Per salvare le impostazioni, clicca sul pulsante OK.

Il gioco è praticamente fatto: per “montare” un file .CCD e visualizzare il contenuto del relativo file immagine, assicurati che tutto il necessario si trovi nella stessa cartella (quindi il file .CCD, il file .img e il file .sub), fai doppio clic sul file .CCD di tuo interesse e, nella finestra che si apre, seleziona la lettera da assegnare al disco virtuale di WinCDEmu dal menu a tendina dedicato e clicca sul pulsante OK, per caricare il contenuto dell’immagine corrispondente.

Qualora il file .CCD non dovesse aprirsi con WinCDEmu, fai clic destro sulla sua icona e scegli le voci Apri con > WinCDEmu mounter dal menu contestuale.

A partire da questo momento, potrai visionare il contenuto dell’immagine caricata direttamente da Esplora File, facendo doppio clic sull’icona del disco virtuale residente in Questo PC/Computer; per “smontare” il file CCD ti basta fare clic destro sull’unità virtuale e selezionare la voce Espelli dal menu contestuale.

CloneCD

Come aprire file CCD su Windows

Se non è tuo interesse visualizzare gli elementi contenuti in un file CCD ma intendi creare un disco partendo da tale file, devi necessariamente rivolgerti a CloneCD, ossia il programma “nativo” per tale tipologia di file. CloneCD è un software a pagamento, costa 29,25€, ma lo si può provare gratuitamente per 21 giorni senza alcuna limitazione.

Per scaricarlo, collegati a questo sito Web, clicca sul pulsante Download e, giunto nella pagina successiva, premi nuovamente sul pulsante Download corrispondente, questa volta, alla voce RedFox CloneCD. A download completato, apri il file ottenuto e clicca sui pulsanti , Accetto, Avanti, Installa e Chiudi, per ultimare il setup di CloneCD. A procedura conclusa, riavvia il computer, premendo sull’apposito pulsante.

Per avviare CloneCD, serviti dell’apposita icona disponibile nel menu Start: una volta aperto il software, apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Non chiederlo nuovamente, clicca sul pulsante Accetto per accettarne i termini d’uso e premi sul pulsante Prova!, per attivare il periodo di prova gratuita.

Adesso, per masterizzare il file .CCD, inserisci un dischetto vuoto nel masterizzatore del computer e clicca sul pulsante Masterizza CD da file immagine, raffigurante una matita e un disco, situato nella schermata principale di CloneCD. A questo punto, fai clic sul pulsante Sfoglia… per selezionare il file CCD dal quale avviare la masterizzazione (ti ricordo che i relativi file .img e .sub devono trovarsi nella sua stessa cartella) e clicca sui pulsanti Avanti.

Per concludere, specifica la tipologia di disco che ti appresti a creare (se non sei sicuro, lascia impostata l’opzione predefinita), seleziona la velocità di scrittura usando l’apposito menu a tendina e premi sui pulsanti OK e Prova!, per avviare il processo di masterizzazione del file, al termine del quale verrà visualizzato un messaggio di notifica.

Come leggere un file CCD su Mac

Come leggere un file CCD su Mac

Nel momento in cui ti scrivo questa guida, le applicazioni che consentono di leggere un file CCD su Mac sono davvero poche e, in realtà, il loro funzionamento è tutt’altro che garantito; pertanto, se è tuo interesse visionare gli elementi contenuti in un’immagine relativa a un file CCD, ti consiglio di convertire quest’ultima in formato .ISO e gestirla con gli strumenti integrati di macOS.

Per effettuare questo tipo di conversione, puoi affidarti al software open source ccd2iso, che consente di trasformare un file .img corrispondente a una “struttura” CCD in un’immagine ISO direttamente dal Terminale; il metodo più semplice per scaricare ccd2iso consiste nell’usare il gestore di pacchetti Homebrew, una pratica utility che consente di installare numerose applicazioni direttamente dal Terminale.

Dunque, per prima cosa, avvia quest’ultimo dal menu Vai > Utility di macOS, impartisci il comando /bin/bash -c "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/HEAD/install.sh)" al suo interno e premi il tasto Invio della tastiera; ora, digita la password del Mac, dai Invio per due volte consecutive e attendi pazientemente che Homebrew venga installato sul computer, potrebbero volerci alcuni minuti.

A questo punto sei pronto per installare ccd2iso: impartisci, sempre nel Terminale di macOS, il comando brew install ccd2iso, dai Invio e, se ti viene richiesto, digita la password di amministrazione del Mac e schiaccia nuovamente il tasto Invio della tastiera.

Adesso non ti resta che convertire l’immagine relativa al file .CCD di tuo interesse in un file ISO tranquillamente “digeribile” da macOS: dunque, raggiungi la cartella che contiene i file .CCD, .img e .sub e, tenendo premuto il tasto alt/opzione, fai clic destro su di essa e scegli la voce Copia [nome cartella] come percorso dal menu contestuale.

Fatto ciò, ritorna al Terminale, digita il comando cd seguito da uno spazio vuoto, fai clic destro accanto al cursore di digitazione e seleziona la voce Incolla dal menu che compare (o premi cmd+v), in modo da inserire automaticamente il percorso della cartella contenente i file di tuo interesse; per finire, premi il tasto Invio della tastiera, digita il comando ccd2iso NomeFile.img NomeFile.iso e dai nuovamente Invio, in modo da avviare la conversione da un formato all’altro.

Adesso, per montare il file ISO appena creato, fai clic destro sulla sua icona e seleziona le voci Apri con > DiskImageMounter dal menu che compare; infine, fai doppio clic sull’icona del disco virtuale che è stata creata sulla scrivania, per visionare il contenuto dell’immagine direttamente nel Finder.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.