Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come cancellare estensioni Chrome

di

Come ti ho indicato anche nella mia guida sull'argomento, le estensioni sono uno dei metodi più interessanti ed efficaci per personalizzare Google Chrome. Grazie a esse, si possono infatti espandere le funzioni del browser praticamente all'infinito e velocizzare un mucchio di operazioni che, normalmente, richiederebbero l'esecuzione di diversi noiosi passaggi.

Installarle è semplice, lo hai visto, ma rimuoverle? Anche! Tuttavia, se non sai come fare, puoi leggere questo mio tutorial su come cancellare estensioni Chrome per scoprire subito in che modo precedere. Oltre che spiegarti come fare a sbarazzarti definitivamente dei componenti aggiuntivi che non usi più, ti illustrerò anche come disattivarli (procedura utile qualora avessi intenzione di servirtene nuovamente in futuro) e come far sì che le applicazioni di Chrome non restino aperte a seguito della chiusura del browser.

Infine, ti mostrerò anche come ripulire il computer nel caso in cui ti sia imbattuto in un add-on malevolo, ad esempio quelli che cambiano home page e motore di ricerca del browser. Trovi spiegato tutto qui sotto.

Indice

Come disattivare estensioni Chrome

Come disattivare estensioni Chrome

Se nel tuo Chrome sono presenti estensioni che non usi sempre ma che potrebbero tornarti utili in futuro, puoi optare per la disattivazione delle stesse, anziché cancellarle del tutto. Così facendo, i file e le impostazioni del componente aggiuntivo resteranno archiviati in Chrome e sul computer, ma l'estensione non sarà utilizzabile (né visibile nel menu dedicato di Chrome), fin quando non verrà riattivata.

Per agire in tal senso, fai clic sull'icona a forma di tassello di puzzle visibile a destra della barra degli indirizzi di Chrome e clicca sulla voce Gestisci estensioni collocata in fondo al menu che compare, per accedere alla schermata del browser dedicata ai componenti aggiuntivi. Ti segnalo che puoi ottenere lo stesso risultato anche cliccando sul pulsante ⫶ di Chrome e selezionando le voci Altri strumenti > Estensioni dal menu che compare, oppure digitando l'indirizzo chrome://extensions nella barra degli URL del browser e premendo il tasto Invio della tastiera.

Giunto alla nuova scheda del browser, individua il riquadro relativo al componente aggiuntivo da disattivare o, in alternativa, cerca il suo nome, inserendolo nella barra di ricerca collocata in cima alla pagina. Quando hai trovato l'estensione di tuo interesse, non ti resta che spostare l'interruttore corrispondente da ON a OFF, per disattivarla.

In caso di ripensamenti, puoi abilitare nuovamente i componenti aggiuntivi disattivati, ripetendo la medesima procedura e spostando la summenzionata levetta, questa volta, da OFF a ON. Qualora i file dell'estensione fossero stati aggiornati e quest'ultima richiedesse autorizzazioni aggiuntive rispetto a quelle necessarie in precedenza, dovrai fornirle manualmente, rispondendo affermativamente al messaggio d'avviso che compare sullo schermo.

Come eliminare estensioni Chrome

Come eliminare estensioni Chrome

Per sbarazzarti delle estensioni che non usi più, oppure di tutti quei componenti aggiuntivi che impattano in maniera negativa sul funzionamento del browser (o, addirittura, dell'intero computer), puoi seguire una procedura abbastanza simile a quella vista nel capitolo precedente di questa guida.

Dunque, tanto per cominciare, fai clic sul simbolo del tassello di puzzle residente nei pressi della barra degli URL di Chrome e verifica se il componente aggiuntivo di cui intendi sbarazzarti è elencato nella lista che compare sullo schermo. In caso affermativo, clicca sul pulsante ⫶ posto accanto al suo nome, seleziona la voce Rimuovi da Chrome… dal piccolo pannello che compare su schermo e, per confermare la volontà di procedere, clicca sul pulsante Elimina.

Se ritieni che l'estensione che stai per eliminare sia dannosa per il computer, per i dati o che, in generale, non abbia un comportamento corretto, ricordati di apporre il segno di spunta nella casella posta accanto alla voce Segnala abuso, per far sì che il comportamento dell'estensione venga posto all'attenzione di Google.

Qualora il simbolo del puzzle non fosse visibile nella finestra di Chrome, oppure se il componente aggiuntivo di tuo interesse non figura tra quelli raggiungibili rapidamente, fai così: clicca sul pulsante ⫶ collocato in alto a destra, seleziona le voci Altri strumenti > Estensioni dal menu che compare e individua il riquadro relativo al componente aggiuntivo da eliminare (se non lo trovi, aiutati con la barra di ricerca collocata in cima alla finestra).

Per concludere, clicca sul pulsante Rimuovi corrispondente all'estensione di cui intendi sbarazzarti e finalizza la procedura premendo sul bottone Elimina.

Come disattivare l'avvio automatico delle applicazioni di Chrome

Come disattivare l'avvio automatico delle app

Oltre alle estensioni, il browser Google Chrome offre pieno supporto per le applicazioni: si tratta di componenti aggiuntivi leggermente più complessi, i quali sono in grado di sfruttare le funzionalità del browser per svolgere compiti di vario tipo. In alcuni casi, dopo aver installato un'applicazione dal Chrome Web Store, può capitare che questa si avvii in automatico e resti aperta anche dopo della chiusura del browser: se ti interessa alterare questo comportamento, devi seguire una procedura differente rispetto a quella vista poco fa.

Per iniziare, clicca sul pulsante ⫶ situato nell'angolo in alto a destra della finestra del browser, fai clic sulla voce Impostazioni residente nel menu che compare sullo schermo e poi sulla voce Avanzate, visibile nella barra laterale della nuova scheda che va ad aprirsi. Infine, fai clic sulla dicitura Sistema e sposta la levetta denominata Continua a eseguire applicazioni in background dopo la chiusura di Google Chrome su OFF. La modifica è istantanea.

Se poi vuoi sbarazzarti completamente di una o più applicazioni di Google Chrome, procedi in questo modo: digita l'indirizzo chrome://apps nella barra degli URL del browser, dai Invio (o, in alternativa, clicca sul pulsante Applicazioni visibile in alto a sinistra, quello raffigurante una griglia colorata) e individua il nome dell'applicazione per la quale intendi disattivare l'avvio automatico.

Quando l'hai trovata, fai clic destro sulla sua icona, seleziona la voce Rimuovi da Chrome… dal menu che compare e, se vuoi che i dati archiviati dall'applicazione all'interno del browser vengano cancellati, apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Cancella anche i dati di Chrome; per concludere, clicca sul pulsante Rimuovi e il gioco è fatto.

Come cancellare estensioni Chrome: procedure d'emergenza

Come cancellare estensioni Chrome

Hai eliminato tutte le estensioni che ritenevi dannose o inutili ma, ahimè, ti sei reso conto che le stesse hanno lasciato tracce nel browser o, peggio ancora, nel computer stesso? In tal caso, il mio consiglio è quello di procedere con la pulizia di Google Chrome e dei file che riguardano il browser, usando alcuni strumenti ad-hoc.

Per prima cosa, prova a usare lo strumento Pulisci il computer di Chrome, in grado di stanare e rimuovere il software nocivo presente sul dispositivo: per accedervi, apri il menu principale del browser cliccando sul pulsante ⫶ situato in alto a destra, premi sulla dicitura Impostazioni residente nel pannello che compare e, successivamente, clicca sulle voci Avanzate e Reimpostazione e pulizia.

Adesso, fai clic sulla dicitura Pulisci il computer, rimuovi il segno di spunta dalla casella che vedi sullo schermo (per evitare di inviare a Google i dati relativi al software dannoso, alle impostazioni di sistema e ai processi attivi durante la scansione) e clicca sul pulsante Trova, per dare inizio all'analisi e all'eventuale risoluzione automatica dei problemi riscontrati.

Il primo di cui voglio parlarti è BleachBit: si tratta di un programma gratuito e open source, il quale è in grado di eliminare in maniera certosina la maggior parte dei file superflui generati dai software installati su Windows, inclusi quelli relativi a Google Chrome. Per ottenere BleachBit, collegati a questo sito Web, clicca sulle voci Download now, Windows e BleachBit Portable e, al termine del download, estrai il pacchetto .zip ottenuto in una cartella a piacere.

Come cancellare estensioni Chrome

Dopo aver chiuso tutte le finestre del browser Google Chrome, avvia l'eseguibile bleachbit.exe contenuto nella cartella estratta in precedenza, clicca sul pulsante e, quando vedi comparire la lista dei programmi installati sul computer, clicca sulla freccetta angolare posta accanto alla voce Google Chrome (di lato), per espanderne la relativa sezione. Adesso, apponi il segno di spunta accanto alle voci Archivio DOM, Cache, Compattazione del database, Cookie e Motori di ricerca e clicca sui pulsanti Pulisci ed Elimina, per procedere. Infine, chiudi BleachBit, riavvia il computer e verifica che il funzionamento normale del browser sia stato ripristinato.

In casi più estremi, come quelli delle estensioni che veicolano spyware oppure installano software aggiuntivi (sono molto rare in quanto bloccate da Google ma, ahimè, non sempre in tempi rapidi), potresti dover eseguire una pulizia del computer, usando programmi dedicati come Malwarebytes o AdwCleaner: per approfondimenti, prendi visione del mio tutorial dedicato ai migliori anti-malware, all'interno del quale ti ho illustrato in maniera dettagliata il funzionamento di entrambi i software.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.