Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare hotspot

di

Ci risiamo: il tuo portatile non localizza alcun segnale Wi-Fi e tu hai l’urgente necessità di collegarti a Internet per correggere un documento in cloud, così da non prenderti una bella ramanzina dal tuo professore. In questo e in molti altri casi può venirti in aiuto una sola cosa: l’hotspot del tuo cellulare.

Cosa significa? Molto semplice: con un paio di tap qui e là, puoi condividere la connessione Internet del tuo telefonino e creare una vera e propria rete Wi-Fi protetta da usare con il tuo laptop o qualsiasi altro dispositivo dotato di scheda senza fili. Anzi, ti dirò di più: puoi fare la stessa cosa anche per condividere il collegamento a Internet del tuo PC, trasformandolo di fatto in un “modem” senza fili: si tratta di una soluzione utile quando, ad esempio, disponi soltanto del cavo Ethernet per il collegamento alla Rete, che vorresti comunque sfruttare anche per altri dispositivi.

Ora che hai ben chiaro di cosa si tratta, è il momento di sederti tranquillo e leggere tutto quanto ho da dirti sull’argomento: di seguito ti spiegherò come fare hotspot sia con smartphone e tablet che con il computer. Posso garantirti da subito che è più semplice a farsi che a dirsi: imparerai a procedere in men che non si dica!

Indice


Dispositivi mobili

Cominciamo questo tutorial su come fare hotspot dai sistemi mobili. Prima di procedere, però, verifica che il tuo piano tariffario non preveda costi aggiuntivi per l’utilizzo di questa funzionalità e di fare attenzione al dispositivo con cui sfrutterai l’hotspot: può capitare, infatti, che questo inizi a scaricare aggiornamenti o altri dati subito dopo il collegamento, prosciugando rapidamente i dati a tua disposizione. Per evitare questa eventualità, il consiglio che ti do è quello di disattivare gli aggiornamenti automatici prima di collegarti all’hotspot: per esempio, se disponi di Windows 10, puoi impostare la connessione a consumo come ti ho spiegato nel mio tutorial dedicato.

Come fare hotspot su Android

Attivare l’hotspot su Android è davvero semplice: assicurati che la connessione dati del tuo smartphone sia attiva (ed eventualmente attivala dall’area di notifica, pigiando sull’icona Dati), fai tap sul pulsante Impostazioni, poi sulla voce Altro che trovi in corrispondenza di Wireless e Reti, e ancora sulla voce Tethering/hotspot portatile. Seleziona ora la voce Configura hotspot Wi-Fi e compila il riquadro successivo come segue.

  • Nome rete – il nome che vuoi assegnare al tuo hotspot.
  • Protezione – il tipo di chiave di rete che vuoi usare. Ti consiglio di impostare questo menu su WPA2 PSK.
  • Password – la password che vuoi usare per proteggere la tua rete
  • Banda AP – se il tuo device ne dispone, seleziona la banda a 5 GHz, altrimenti lascia questa impostazione così come è.

Pigia ora sul pulsante Salva e sposta su ON l’interruttore in corrispondenza di Hotspot Wi-Fi portatile. Quando hai finito di utilizzare l’hotspot, puoi disattivarlo ripetendo la procedura e spostando su OFF l’interruttore citato poc’anzi, oppure tramite l’apposito pulsante presente nell’area di notifica di Android.

Hotspot Android

Tieni presente che, su alcune versioni di Android, la sequenza per attivare l’hotspot Wi-Fi è leggermente diversa: ad esempio, su Android 7.0 e successivi, bisogna recarsi in Impostazioni > Altro > Tethering/hotspot portatile > Hotspot Wi-Fi e attivare e impostare da lì la condivisione della connessione.

Ti consiglio di verificare i costi fin da subito, poiché alcuni piani tariffari  non includono la condivisione della connessione Internet: di conseguenza, potresti ritrovarti a pagare di più per usufruire del servizio. Al fine di porre rimedio a questo imprevisto, puoi rivolgerti all’app ClockworkMod Tether, che puoi installare gratuitamente sia su Android che sul computer: i primi 13 giorni di utilizzo sono gratis, dopodiché verrà applicato un limite di dati in uscita (20 MB al giorno) che può essere rimosso acquistando l’app completa a 3,99 euro.

Per ulteriori delucidazioni su questo argomento, ti rimando alla mia guida su come usare smartphone Android come modem.

Come fare hotspot su iOS

Prima di spiegarti nel dettaglio come procedere, accertati che la connessione dati sul tuo iPhone/iPad sia attiva e configurata correttamente: fai tap sull’icona Impostazioni, poi sulla voce Cellulare, e accertati che l’opzione Dati cellulare sia impostata su ON. Se così non fosse, provvedi ad attivarla spostando l’apposito interruttore.

Fatto ciò, richiama il Centro di controllo di iOS con uno swipe dal basso verso l’alto per iPhone 8 e precedenti, o dall’angolo in alto a destra verso il basso per iPhone X, pigia e tieni pigiata l’icona Dati Cellulare (quella con l’antenna) finché la finestra “Rete” del Centro di controllo non diventa più grande, poi fai tap sull’icona Hotspot personale: quando l’icona si colorerà di verde, il tuo hotspot sarà attivo.

Hotspot iPhone

Fai attenzione poiché, per impostazione predefinita, la connessione Wi-Fi creata non è protetta da password: per ovviare a questo inconveniente, fai tap sul pulsante Impostazioni, poi sulle voci Hotspot personalePassword Wi-Fi, digita la chiave di rete che vuoi utilizzare, poi fai tap sulla voce Fine e il gioco è fatto.

Prima di avviare la condivisione vera e propria, ti consiglio di verificare che il tuo piano tariffario non preveda costi aggiuntivi per la modalità hotspot. Se così fosse, puoi bypassare questo problema (e non vederti addebitato nessun sovrapprezzo) sfruttando un tweak come TetherMe, utilizzabile sugli iPhone e gli iPad su cui è stato effettuato il jailbreak. Per usarlo, devi recarti nel menu Impostazioni > TetherMe, attivare la voce Override data source e successivamente attivare l’Hotspot personale. Più semplice di così?!

Computer

Vuoi usare il tuo notebook o il tuo PC desktop (se dotato di scheda di rete Wi-Fi) come hotspot? Nessun problema. Di seguito trovi tutte le indicazioni del caso.

Come fare hotspot su Windows

Condividere la connessione a Internet, se hai Windows 10, è davvero molto semplice! Prima di procedere, tuttavia, devi verificare che la tua scheda Wi-Fi sia compatibile con questo tipo di operazione: apri dunque il Prompt dei comandi richiamandolo dal menu Start (a cui puoi accedere cliccando sulla bandierina di Windows posta nell’angolo in basso a sinistra dello schermo), digita il comando netsh wlan show drivers e verifica che, in corrispondenza della tua scheda di rete, compaia la voce Rete ospitata supportata: Sì.

Come fare hotspot - Windows

A questo punto, sempre dal Prompt, devi impartire in sequenza i comandi seguenti per fare l’hotspot e condividere la connessione a Internet.

  • netsh wlan set hostednetwork mode=allow ssid=nomeDellaRete key=chiave_accesso – sostituisci a nomeDellaRete il nome che vuoi assegnare all’hotspot creato e a chiave_accesso la password che vuoi impostare.
  • netsh wlan start hostednetwork – in questo modo viene attivata la funzionalità di rete ospitata.

Completata la pre-impostazione di Windows 10, bisogna comunicare al sistema quale connessione già esistente condividere. Per farlo, cliccsul pulsante Start che trovi in basso a sinistra, digita nel campo di ricerca Pannello di controllo e seleziona il risultato ricevuto. Clicca poi sulle voci Rete e InternetVisualizza dispositivi e computer della rete e, infine, Modifica impostazioni scheda (trovi questa voce nella barra di sinistra).

Adesso, fai clic destro sulla connessione a Internet da condividere (es. Connessione alla rete locale (LAN)), seleziona la voce Proprietà dal menu contestuale e recati nella scheda Condivisione della finestra che si apre. Apponi dunque il segno di spunta sulle caselle Consenti ad altri utenti in rete di collegarsi tramite la connessione Internet di questo computerConsenti ad altri utenti in rete di controllare o disabilitare la connessione Internet condivisa, seleziona la scheda senza fili tramite cui stai creando l’hotspot (es. Wi-Fi) dall’apposito menu a tendina e clicca sul pulsante OK per salvare i cambiamenti.

Windows - Connessione a rete LAN

A questo punto il gioco è fatto: puoi finalmente usare il tuo computer come hotspot! Quando non hai più bisogno di condividere la tua connessione, apri nuovamente il Prompt dei comandi e impartisci il comando netsh wlan stop hostednetwork per eliminare l’hostpot. Ricorda inoltre che, una volta effettuata la prima configurazione, puoi attivare la condivisione della connessione su Windows 10 semplicemente impartendo il comando netsh wlan start hostednetwork.

Per quanto riguarda invece Windows 7 Windows 8.1, devi affidarti a un programma di terze parti come Virtual Router: un software che permette, in pochi clic, di trasformare il computer in un hotspot Wi-Fi. Come funziona? Te lo spiego subito.

Per prima cosa, collegati al sito Internet di Virtual Router e clicca sul pulsante download che trovi a destra. A download completato, avvia il pacchetto appena scaricato (VirtualRouterInstaller.msi), premi per tre volte sul bottone Next, poi su Sì e infine su Close per concludere il setup.

Virtual Router setup

Fai attenzione: qualora ti venisse mostrato un messaggio che ti avverte della mancanza del .NET Framework, scaricalo collegandoti al sito Internet di Microsoft e cliccando sui pulsanti ScaricaNo, grazie. Continua. Avvia successivamente il file scaricato, clicca sul pulsante  e poi su Scarica e installa questa funzionalità, dopodiché ripeti la procedura di setup di Virtual Router come visto in precedenza.

Completata l’installazione di Virtual Router, avvia il programma richiamandolo dal menu Start (o dalla Start Screen) e crea il tuo hotspot: digita quindi nel campo Network name il nome che vuoi dare alla connessione, nel campo password la chiave d irete e, infine, seleziona dal menu a tendina Shared Connection la connessione che intendi condividere (ad es. Ethernet).

Virtual Router

Completata questa operazione, clicca sul pulsante Start Virtual Router per avviare immediatamente il tuo hotspot. Quando avrai finito, non devi far altro che pigiare sul pulsante Stop Virtual Router per eliminare l’hotspot. Semplice, no?

Come fare hotspot su macOS

Se possiedi un Mac, effettuare la condivisione della connessione è davvero semplice, in quanto nativamente previsto dal sistema operativo! Per procedere, clicca sull’icona Preferenze di sistema che trovi nel Dock e poi su Condivisione. Seleziona la voce Condivisione Internet che trovi a sinistra, scegli dal menu a tendina Condividi la tua connessione da il tipo di connessione che intendi condividere (ad es. Ethernet), e apponi il segno di spunta sul tipo di tecnologia da usare per creare l’hotspot (ad es. Wi-Fi per creare un hotspot a cui ci si possa collegare tramite scheda wireless).

Infine, per attivare l’hotspot, apponi il segno di spunta nella casella Condivisione Internet che compare nella barra di sinistra e pigia sul pulsante Avvia.

Per disattivare l’hotspot, ripeti la procedura e togli il segno di spunta dalla voce Condivisione Internet. Tieni ben presente che l’hotspot così creato, per impostazione predefinita, non dispone di password, tuttavia ti consiglio di impostarne una per tutelare la sicurezza della tua rete. Pigia quindi sul pulsante Opzioni Wi-Fi…, seleziona la voce WPA2 Personal dal menu a tendina Sicurezza e imposta la password desiderata.