Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare da hotspot al PC

di

Porti spesso con te il tuo computer portatile ma stenti a trovare una connessione Wi-Fi alla quale poterti collegare liberamente per navigare in Internet da quest’ultimo? Capisco. Beh, date le circostanze, hai mai pensato di abilitare la funzione di hotspot sul tuo cellulare (o sul tuo tablet), in modo da condividere la connessione Internet di quest’ultimo con il PC? No? Allora Pensaci, perché credo proprio che sia la soluzione adatta a te.

Se t’interessa, posso spiegarti io in che modo riuscirci, con questa mia guida dedicata, per l’appunto, a come fare da hotspot al PC. Nelle seguenti righe, sarà mia premura illustrarti come compiere l’operazione in questione sia da Android che da iOS, usando la connessione dati attiva sul dispositivo, e come collegare, successivamente, il tuo computer alla rete generata dal tuo smartphone (o tablet). Posso assicurarti che non è difficile!

Per completezza d’informazione, sarà infine mia premura indicarti come attivare la funzione di hotspot su un altro computer e usare quest’ultimo come modem, andando a condividere la rete senza fili da esso agganciata oppure la connessione via cavo. Ora però basta chiacchierare e passiamo all’azione. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per ogni cosa!

Indice

Informazioni preliminari

iPhone e MacBook

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andando a scoprire quali sono i passaggi che vanno compiuti per fare da hotspot al PC, mi sembra doveroso fornirti maggiori dettagli riguardo la funzionalità in questione.

In primo luogo, cerchiamo di capire cos’è, di preciso, questo hotspot. Senza fare troppi giri di parole, con il termine hotspot viene fatto riferimento alla modalità di connessione di un dispositivo che consente a quest’ultimo di diventare un punto di accesso. Con questa modalità, dunque, si condivide la connessione a Internet di un device, rendendola così disponibile ad altri apparecchi. La stessa funzione può altresì assumere il nome di tethering Wi-Fi.

Per abilitare la funzione di hotspot su smartphone o tablet, occorre usare la connessione dati generata dalla SIM in uso sul dispositivo. Di conseguenza, è bene servirsene solo nel caso in cui risulti attivo un piano tariffario che disponga di sufficienti Giga e preveda l’opportunità di usufruire della funzione in oggetto senza sovrapprezzi (possibilità ormai offerta da tutti i principali operatori), al fine di evitare di andare incontro a costi inattesi.

Se, invece, per fare da hotspot viene usato un computer, fisso o portatile che sia, quella che viene condivisa è la connessione Wi-Fi "captata" da quest’ultimo oppure la connessione che riceve tramite cavo Ethernet.

Come fare hotspot dal telefono al PC

Fatte le precisazioni di cui sopra, veniamo all’azione e andiamo a scoprire come abilitare la funzione di hotspot sul telefono (o sul tablet), sia nel caso di Android che nel caso di iOS/iPadOS. Trovi spiegato tutto in dettaglio nei passi successivi.

Come fare da hotspot con Android al PC

Hotspot Android

Se possiedi uno smartphone (o un tablet) Android, per attivare la funzione di hotspot, la prima mossa che devi compiere è quella di prendere il dispositivo, sbloccarlo e attivare la connessione dati sul dispositivo (nel caso in cui non avessi già provveduto in maniera autonoma). Per procedere, richiama dunque il Centro notifiche, effettuando uno swipe dall’alto verso il basso dello schermo, e sfiora l’icona Conn. dati (quella con le due frecce) presente nel menu che si apre.

In seguito, recati nella schermata home e seleziona l’icona delle Impostazioni (quella con la ruota d’ingranaggio). Nella nuova schermata che a questo punto ti viene mostrata, seleziona la voce Altro che si trova nella sezione Wireless e reti, fai tap sulla dicitura Altro e/o sulla voce Tethering/hotspot portatile e sposta su ON la levetta situata in corrispondenza della voce Hotspot Wi-Fi portatile.

Se vuoi, puoi anche personalizzare il nome della rete wireless generata dall’hotspot e la relativa chiave di accesso, selezionando la voce Configura hotspot Wi-Fi dal menu di cui sopra.

Su alcuni dispositivi è altresì possibile impostare un timer, per fare in modo che, allo scadere del tempo fissato, la rete dell’hotspot venga disattiva in automatico. Per abilitare la funzione in questione (se il tuo smartphone la supporta), seleziona la dicitura Tieni attivo hotspot Wi-Fi e indica il tempo di disattivazione automatica della rete.

Se vuoi, puoi sfruttare l’hotspot anche tramite USB, collegando fisicamente il cellulare al computer: per riuscirci, recati nel menu Impostazioni > Wireless e reti > Altro e porta su ON l’interruttore che trovi in corrispondenza della dicitura Tethering USB.

Un’altra possibilità è poi quella di usare l’hotspot tramite Bluetooth. In tal caso, per attivare la funzione, recati nel menu Impostazioni > Wireless e reti > Altro e sposta su ON la levetta relativa all’opzione Tethering Bluetooth.

Quando non ti sarà più utile, ricorda di disattivare la funzione di hotspot sul tuo cellulare, recandoti nuovamente nel menu Impostazioni > Wireless e reti > Altro e portando su OFF l’interruttore che trovi in corrispondenza della dicitura Hotspot Wi-Fi.

Nota: le indicazioni che ti ho fornito in questo capitolo potrebbero risultare differenti rispetto a quanto da te visualizzato sul display del tuo smartphone, a seconda della marca e del modello dello stesso oltre che della versione di Android impiegata.

Come fare da hotspot con iPhone al PC

Hotspot iPhone

Se possiedi un iPhone (oppure un iPad) e ti interessa fare da hotspot al PC, procedi in questo modo: prendi il tuo device, sbloccalo, accedi alla home screen, seleziona l’icona delle Impostazioni (quella con la ruota d’ingranaggio) e attiva la connessione dati (se non avevi già provveduto a farlo), sfiorando la dicitura Cellulare e portando su ON l’interruttore situato accanto alla voce Dati cellulare.

Dopo aver fatto ciò, nella schermata visibile sempre dopo esserti recato nel menu Impostazioni > Cellulare, per attivare la funzione di hotspot, seleziona la dicitura Hotspot personale e porta su ON l’interruttore posto accanto alla voce Consenti agli altri di accedere. Se sullo schermo vedi comparire un avviso indicante il fatto che il Wi-Fi e il Bluetooth sono disabilitati, acconsenti ad attivarli, facendo tap sul pulsante Attiva Wi-Fi e Bluetooth.

Ti segnalo, inoltre, che se lo desideri, puoi personalizzare la password della rete Wi-Fi generata dal tuo device, facendo tap sulla voce Password Wi-Fi, digitando nell’apposito campo la chiave d’accesso che intendi utilizzare e facendo tap sulla voce Fine, posta in alto a destra.

Oltre che così come ti ho indicato poc’anzi, puoi attivare l’hotspot tramite il Centro di Controllo di iOS: per riuscirci, richiama quest’ultimo, facendo uno swipe dal basso verso l’alto (se possiedi iPhone 8/8 Plus o modelli precedenti) oppure facendo uno swipe verso il basso dall’angolo in alto a destra dello schermo (se possiedi iPhone X o modelli successivi oppure un iPad). Effettua poi una pressione decisa sul bottone Dati cellulare (quello con l’antenna) e, nel riquadro che si apre, fai tap sul pulsante Hotspot personale (quello con la catena con due anelli).

Se la cosa ti interessa, ti segnalo che, volendo, puoi anche sfruttare la funzione di hotspot tramite Bluetooth oppure mediante USB: per riuscirci, non devi configurare nient’altro sull’iPhone, ti basta semplicemente collegare il tuo smartphone al computer mediante Bluetooth oppure collegando il relativo cavo di ricarica a una delle porte USB del PC.

Quando non ti occorrerà più, potrai disattivare la funzione di hotspot recandoti nuovamente nel menu Impostazioni > Cellulare > Hotspot personale e portando su OFF l’interruttore situato accanto alla voce Consenti agli altri di accedere.

Ti comunico, inoltre, che possiedi un iPhone (o un iPad) aggiornato ad almeno iOS 8 e se il computer su cui intendi sfruttare l’hotspot è un Mac immesso in commercio dal 2012 in poi con su installato macOS Yosemite o versioni successive, non hai neppure bisogno di attivare la funzione per il tethering sul telefono.

In tal caso, infatti, se attivi il Bluetooth sull’iPhone e sul Mac, appena i due dispositivi saranno vicini tra loro, nella lista delle reti Wi-Fi disponibili sul Mac troverai anche quella dell’iPhone. Quando finirai di navigare, l’hotspot si disattiverà automaticamente, per risparmiare batteria, come ti ho spiegato in dettaglio nella mia guida su come attivare l’hotspot sull’iPhone.

Come fare da hotspot al PC da un altro computer

Come ti dicevo a inizio guida, è possibile fare hotspot al PC anche da un altro computer, sfruttando la connessione Wi-Fi ricevuta da quest’ultimo oppure quella via cavo. Se la cosa t’interessa, qui di seguito trovi spiegato come compiere l’operazione in questione andando ad agire sia da Windows che da macOS.

Windows

Condivisione rete Windows 10

Se stai usando un PC con su installato Windows 10, puoi sfruttare la funzione per la condivisione della connessione, in modo tale da trasformare il tuo computer in una sorta di router per altri PC e dispositivi. La funzionalità in oggetto, tienilo però bene a mente, può essere impiegata solo se la scheda di rete che stai utilizzando la supporta.

Per verificare ciò, apri il Prompt dei comandi, facendo clic sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) collocato sulla barra delle applicazioni, digitando cmd nel campo di ricerca e premendo Invio sulla tastiera. Una volta visualizzata la finestra del Prompt dei comandi sul desktop, digita il comando NETSH WLAN show drivers, seguito dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera. Se la tua scheda di rete supporta la condivisione della connessione, accanto alla dicitura Rete ospitata supportata, che in seguito ti sarà mostrata, troverai la voce .

Dopo aver verificato che la tua scheda di rete supporta l’uso del PC a mo’ di modem, impartisci i seguenti comandi per abilitare la condivisione della connessione: NETSH WLAN set hostednetwork mode=allow ssid=nome_SSID key=chiave_accesso (al posto di nome_SSID devi digitare il nome che desideri assegnare alla rete Wi-Fi da creare con il computer, mentre al posto di chiave_accesso devi digitare la password necessaria ad accedervi) e NETSH WLAN start hostednetwork, entrambi seguiti dalla pressione del tasto Invio.

Successivamente, chiudi il Prompt dei comandi e apri il Pannello di controllo, selezionando il relativo collegamento che si trova nel menu Start. Recati poi nella sezione dello stesso in cui sono elencate le connessioni di Rete, seleziona la voce Rete e Internet e/o Centro connessioni di rete e condivisione (in base al tipo di visualizzazione impostata) e clicca sulla voce Modifica impostazioni scheda che si trova a sinistra.

Nella nuova finestra che ti viene mostrata sullo schermo, fai clic destro sull’icona della connessione che desideri condividere (es. Connessione alla rete locale (LAN)) e seleziona la voce Proprietà dal menu che si apre.

Provvedi poi a selezionare la scheda Condivisione, nella nuova finestra che si apre, spunta le caselle poste in corrispondenza delle voci Consenti ad altri utenti in rete di collegarsi tramite la connessione Internet di questo computer e Consenti ad altri utenti in rete di controllare o disabilitare la connessione Internet condivisa, seleziona il nome dell’adattatore di rete da condividere (es. Wi-Fi) dal menu a tendina Connessione rete domestica e premi sul pulsante OK. Ecco fatto! Ora puoi usare la connessione del computer per collegare anche altri dispositivi.

Quando non ne avrai più bisogno, ricordati di disattivare l’hotspot, richiamando il Prompt dei comandi, digitando il comando NETSH WLAN stop hostednetwork e schiacciando il tasto Invio. In seguito, per attivarlo nuovamente, non dovrai compiere tutti i passaggi che ti ho indicato in precedenza ma ti basterà inserire, sempre nel Prompt dei comandi, il comando NETSH WLAN start hostednetwork, seguito dalla pressione del tasto Invio.

Se, invece, quello che stai usando è un computer equipaggiato con Windows 8/8.x o una versione precedente, per poter sfruttare l’hotspot, devi ricorrere all’uso di programmi esterni, come nel caso di Virtual Router. Per tutti gli approfondimenti del caso, puoi fare riferimento alla mia guida sui programmi per hotspot.

macOS

Condivisione rete macOS

Anche macOS consente di attivare la funzione di hotspot, tramite la quale poter condividere una rete cablata in modalità wireless oppure trasformare una rete wireless in cablata per poter collegare i dispositivi che non supportano la connessione senza fili.

Per usufruire della funzionalità in questione, provvedi in primo luogo a fare clic sull’icona di Preferenze di Sistema (quella con la ruota d’ingranaggio) presente sulla barra Dock e, nella finestra che compare sulla scrivania, seleziona la voce Condivisione.

Nella nuova schermata che ora ti viene proposta, seleziona prima la voce Condivisione Internet, che si trova nella barra laterale di sinistra e poi il tipo di connessione che intendi condividere (es. Wi-Fi o Ethernet) dal menu a tendina Condividi la tua connessione, collocato a destra.

Seleziona, dunque, il tipo di tecnologia da usare per propagare il segnale dell’hotspot (es. Wi-Fi, per creare un punto d’accesso wireless partendo da una rete Ethernet o Ethernet), spunta la casella situata accanto alla dicitura Condivisione Internet, nella barra laterale di sinistra, e clicca sul pulsante Avvia nell’ulteriore finestra che ti viene mostrata.

Per impostazione predefinita, l’hotspot che viene generato dal Mac non è protetto da password: se vuoi impostarne una, fai clic sul pulsante Opzioni Wi-Fi situato in basso a destra, scegli l’opzione WPA2 Personal dal menu a tendina Sicurezza nella finestra che si apre e digita la password che intendi usare nel campo apposito. Conferma quindi le modifiche apportate, facendo clic sul pulsante OK, e il gioco è fatto.

Quando non ne avrai più bisogno, potrai disattivare l’hotspot recandoti nuovamente nelle Preferenze di Sistema di macOS, cliccando sulla voce Condivisione nella finestra che si apre e rimuovendo la spunta dalla casella posta accanto alla voce Condivisione Internet.

Come collegare il PC all’hotspot

Dopo aver abilitato la funzione di hotspot sul tuo cellulare oppure sul tuo computer, puoi finalmente procedere andando a collegare il PC alla rete di tuo interesse. Per scoprire in che modo riuscirci, attieniti alle istruzioni per Windows e macOS che trovi di seguito.

Windows

Connessione hotspot Windows 10

Se stai usando un PC con su installato Windows, per collegare quest’ultimo all’hotspot generato dal cellulare oppure da un altro computer, tutto quello che devi fare è cliccare sull’icona del Wi-Fi (quella con le tacchette) situata nell’area di notifica (accanto all’orologio di sistema) e selezionare il nome della connessione dell’hotspot dall’elenco che ti viene mostrato.

Premi poi sul relativo pulsante Connetti e attendi che il collegamento venga stabilito. Se richiesta, provvedi inoltre a immettere la password, per accedere alla rete nel campo di testo dedicato.

Se vuoi far sì che in futuro il collegamento alla rete generata dall’hotspot avvenga in automatico, prima di cliccare sul pulsante per stabilire la connessione, ricordati di spuntare la casella situata accanto alla voce Connetti automaticamente.

Se, invece, avevi scelto di attivare l’uso dell’hotspot tramite Bluetooth, provvedi prima a eseguire l’abbinamento tra il dispositivo di tuo interesse e il tuo PC, seguendo le indicazioni che ti ho fornito nella mia guida su come collegare il Bluetooth. Dopo aver fatto ciò, potrai cominciare a navigare in Rete dal tuo computer.

Per quanto riguarda il collegamento tramite USB, non c’è molto da fare: dopo aver collegato lo smartphone al computer usando il cavetto, infatti, potrai subito iniziare a navigare in Rete da quest’ultimo.

macOS

Mac collegato all'hotspot dell'iPhone

Se stai usando macOS, per poterti connettere alla rete senza fili generata dall’hotspot, tutto quello che devi fare è cliccare sull’icona del Wi-Fi (quella con le tacchette) che trovi nella parte in alto a destra della barra dei menu, selezionare il nome della rete wireless generata dal tuo dispositivo dall’elenco che ti viene mostrato e digitare, nel campo apposito, la password che ti viene richiesta (se impostata).

In alternativa, clicca sull’icona di Preferenze di Sistema (quella con la ruota d’ingranaggio) che trovi sulla barra Dock, seleziona la dicitura Rete nella finestra che si apre, seleziona il nome della rete senza fili di tuo interesse dal menu Nome rete e digita la password usata come protezione (se richiesta). In seguito, premi sul bottone Applica che si trova in basso a destra e il gioco è fatto.

Dalla medesima schermata di cui sopra, ti comunico che puoi anche fare in modo che il collegamento alla rete dell’hotspot avvenga in maniera automatica, spuntando la casella Connetti automaticamente a questa rete prima di fare clic sul bottone Applica.

Se poi avevi scelto di abilitare l’uso dell’hotspot tramite Bluetooth, provvedi preventivamente a effettuare l’abbinamento tra il dispositivo di tuo interesse e il tuo Mac, seguendo le indicazioni che ti ho fornito nella mia guida sull’argomento, dopodiché potrai cominciare a navigare su Internet dal tuo computer Apple.

Sempre a proposito del Bluetooth, se lo avevi abilitato sul tuo iPhone (o un iPad), se il dispositivo in questione è aggiornato ad almeno iOS 8 e se possiedi un Mac commercializzato dal 2012 in poi aggiornato almeno a macOS Yosemite, per collegarti all’hotspot ti basterà selezionare il nome del "melafonino" dall’elenco visibile in corrispondenza della sezione Hotspot personali, accessibile dopo aver fatto clic sull’icona del Wi-Fi nella barra dei menu.

Per quel che concerne, invece, il collegamento a mezzo USB, dopo aver connesso il cellulare al computer tramite cavo, potrai immediatamente cominciare a navigare in Rete tramite quest’ultimo. Tieni presente che, su Mac, la cosa è ufficialmente fattibile solo con iPhone: i dispositivi Android non sono supportati.