Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Miglior canale WiFi

di

Hai da poco comprato un nuovo modem/router WiFi per la tua abitazione, tutto contenuto della cosa l’hai subito collegato alla rete elettrica ed alla linea Internet per testarne le potenzialità ma sei rimasto fortemente deluso quando hai scoperto che il suo raggio d’azione non era poi così ampio come credevi. Sentendoti parlare della cosa, un amico ti ha dunque suggerito di provare a cambiare canale WiFi (questo sconosciuto!) e tu, non sapendo di cosa si trattasse e soprattutto quale scegliere, sei dunque finito qui, sul mio sito, speranzoso di poter ricevere qualche utile detta al riguardo.

Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo e vorresti dunque capire se posso fornirti delle indicazioni? Ma certamente e, ti dirò di più, capiti a fagiolo! Con questo mio articolo di oggi desidero infatti indicarti qual è il miglior canale WiFi oltre che, ovviamente, di che cosa si tratta e come fare per individuare quello più adatto per la tua rete. Lo so, magari in apparenza può sembrare una cosa complicata e ad appannaggio di pochi ma, credimi, non è affatto così.

Allora? Che ne diresti di mettere finalmente le chiacchiere da parte e di cominciare a concentrarci seriamene sul da farsi? Si? Grandioso! Suggerisco dunque di non perdere altro tempo e di passare immediatamente all’azione. Prenditi qualche minuto tutto per te, mettiti bello comodo dinanzi il tuo fido computer ed inizia a seguire le indicazioni che trovi qui di seguito. Ci sono ottime probabilità che alla fine tu riesce finalmente a sfruttare al meglio il tuo modem/router ed a navigare alla massima velocità possibile per la tua connessione servendoti della rete senza fili generata dal tuo dispositivo.

Indice

Info utili

Tanto per cominciare cerchiamo di capire cosa sono questi canali WiFi ed a cosa servono. Innanzitutto occorre specificare che i canali WiFi, o meglio i canali di trasmissione WiFi, sono “quella cosa” su cui si basano le reti senza fili, una parte limitata delle bande di frequenza sfruttate ormai in qualsiasi ambiente.

Proprio per la loro natura, le reti WiFi possono interferire l’una con l’altra. Di conseguenza, chi abita in un palazzo o ha delle case intorno alla propria può avere quasi sicuramente delle interferenze. Ci sono poi anche altri fattori che possono disturbare il segnale WiFi, come ad esempio l’uso di apparecchi quali cordless e forno a microonde, che sono presenti nella quasi totalità delle case e che se tenuti vicino ai modem/router possono dare non poche problematiche a livello di trasmissione della rete.

La maggior parte degli apparecchi lavora sulla banda a 2.4 GHz, che è la stessa banda usata dai modem/router, mentre alcuni apparecchi di ultima generazione sono anche in grado di lavorare su banda a 5 GHz. n Italia e in Europa è permesso per legge utilizzare per la connessione WiFi tredici canali a 2.4 Ghz e 19 a 5 Ghz.

Premesso ciò e considerando che tutti i dispositivi di rete a 2.4 Ghz operano in un range di 100 MHz (esattamente tra i 2400 MHz e i 2500 MHz) e che a ciascun canale vengono assegnati 20 MHz, non è poi così difficile giungere alla conclusone che i canali WiFi si accavallano tra loro. Gli unici canali che non si accavallano mai poiché i loro intervalli non si toccano e che, di conseguenza, sono quelli maggiormente consigliati, sono l’1, il 6 e l’11.

Per quel che concerne invece le reti a 5GHz, solitamente non sono soggette ad interferenze e, di conseguenza, non occorrono prove e studi particolari per trovare il canale migliore per il loro utilizzo. Le reti a 5GHz sono infatti disponibili solo sui router dual-band e sono altamente consigliabili in quanto, pur risultando meno resistenti agli ostacoli rispetto a quelle a 2.4 GHz, sono meno soggette a interferenze.

Per sfruttare tale tipologia di rete è però indispensabile che anche i dispositivi di destinazione della connessione siano dotati del supporto a quest’ultima. Inoltre, la rete a 5 GHz viene vista dai dispositivi di destinazione come una connessione separata rispetto a quella a 2.4 GHz. Per maggiori info, ti consiglio di consultare questa pagina dedicata all’argomento.

Trovare il miglior canale WiFi

Ora che hai le idee più chiare direi che sei finalmente pronto per passare all’azione vera e propria: trovare il miglior canale WiFi. Per riuscirci puoi avvalerti di appositi strumenti disponibili per Windows, Mac e per smartphone e tablet Android. Scegli tu quello che preferisci in base alle tue preferenze oltre che, ovviamente, ai device in tuo possesso.

Volendo, puo anche optare per la selezione automatica del canale WiFi lasciando che sia lo stesso modem/routere ad impostare quello migliore per la tua rete anche se, questo è bene sottolinearlo, non sempre l’individuazione avviene in maniera precisa. Per saperne di più continua pure a leggere, trovi tutte le spiegazioni di cui hai bisogno proprio qui di seguito.

Da computer

Se utilizzi un PC Windows puoi rivolgerti al programma WifiInfoView per individuare il miglior canale WiFi per la tua rete. Puoi reperire il software visitando la sua home page.

A download effettuato, estrai il programma dall’archivio compresso ottenuto in una cartella di tua scelta e poi avvialo facendo doppio clic sulla sua icona. Attendi poi che il tuo computer rilevi tutte le reti senza fili disponibili nei paraggi dopodiché pigia sulla scheda Channel e valuta qual è il canale più libero. Se disponibile, scegli un canale che abbia anche i canali adiacenti liberi per le ragioni di cui sopra.

Screenshot del software WifiInfoView su Windows

Se invece stai usando un Mac, per individuare il canale WiFi più libero puoi avvalerti di uno strumento disponibile “di serie”, senza scaricare nulla. Schiaccia quindi il pulsante Alt sulla tastiera e contemporaneamente pigia sull’icona della rete (le tacchette del WiFi) collocata in alto a destra nella barra dei menu. Successivamente seleziona la voce Apri Diagnosi Wireless… dal menu che compare.

Nella finestra che a questo punto vedrai comparire sulla scrivania, clicca sul pulsante Continua, clicca sulla voce Finestra nella barra dei menu e seleziona la voce Scansiona. Ti verrà dunque mostrata una finestra nella cui barra laterale di sinistra compariranno i canali ottimali da usare per le per le frequenze a 2.4 GHz e 5 GHz.

Miglior canale WiFi

Da smartphone e tablet

Se lo preferisci, puoi individuare il miglior canale WiFi per la tua rete anche da device mobile, semplicemente affidandoti all’uso di apposite app. Tra le tante disponibili io ti consiglio di sfruttare Analizzatore Wifi, una risorsa gratuita per dispositivi Android che una volta avviata mostra un grafico con i canali wireless occupati dalle connessioni circostanti. È in grado di effettuare la scansione automatica della rete!

Miglior canale WiFi

Automaticamente

Come ti dicevo qualche riga più su, puoi anche affidarti alla selezione automatica del canale WiFi attivando l’apposita funzione annessa alle impostazioni dal pannello di gestione del tuo modem/router (se disponibile, ovviamente). Per abilitarla devi accedere all’appena menzionato pannello di settaggio del modem/router.

Apri dunque il browser che utilizzi solitamente per navigare in Internet (es. ChromeFirefoxSafari) e collegati all’indirizzo 192.168.1.1 oppure all’indirizzo 192.168.0.1. Una volta fatto ciò, digita la combinazione di username e password necessaria ad accedere al pannello (se non ne hai impostata una personalizzata dovrebbe essere admin/admin oppure admin/password) e cerca di individuare la sezione del menu relativa alla rete wireless.

Se con gli indirizzi che ti ho appena fornito non sei riuscito ad entrare nel pannello di configurazione del tuo modem/router, leggi il mio articolo su come trovare l’indirizzo IP del router per scoprire, appunto, l’IP corretto. Se invece non ricordi la combinazione di nome utente e password da digitare, puoi provare a far fronte alla cosa consultando il mio articolo su come vedere la password del router.

Adesso, recati nella sezione relativa alla rete wireless, individua il menu relativo alla scelta del canale WiFi e seleziona la voce Auto/Automatico. Se hai un router dual-band puoi impostare anche il canale della rete a 5 GHz in modo tale che cambi in maniera automatica anche se di solito questo accorgimento non è necessario in quanto, come già detto, si tratta di una frequenza meno affollata e meno soggetta ad interferenze.

Miglior canale WiFi

Tieni poi presente che per confermare ed applicare le modifiche apportate potrebbe essere necessario cliccare sul pulsante Salva/Applica e/o riavviare il modem/router.

Impostare il miglior canale WiFi

Una volta individuato il miglior canale WiFi per la tua rete puoi finalmente procedere andando a configurare il tutto nelle impostazioni del tuo modem/router. Per riuscirci devi accedere al pannello di gestione di quest’ultimo come visto poc’anzi, quando ti ho spiegato come abilitare la funzione per impostare in maniera automatica la scelta del canale WiFi, devi recarti nella sezione relativa alla rete wireless e devi poi selezionare l’opzione corrispondente al miglior canale WiFi precedentemente individuato dal menu per la selezione di quest’ultimo.

Miglior canale WiFi

Ricordati poi che per fare in modo che le modifiche apportate vengano effettivamente applicate potrebbe essere necessario fare clic sul bottone Salva/Applica e/o riavviare il modem/router.

Nello sfortunato caso in cui pur avendo seguito le mie istruzioni non riuscissi a trovare le impostazioni relative alla connettività Wi-Fi sul tuo modem/router, puoi leggere i miei tutorial dedicati alla marca del dispositivo in tuo possesso e/o al gestore telefonico di riferimento per ricevere istruzioni ancora più precise. Qui di seguito trovi quelli che ho pubblicato finora sul mio sito.

Ulteriori accorgimenti

Hai seguito le mie istruzioni ed hai provveduto a cambiare il canale WiFi del tuo modem/router ma non noti alcun miglioramento in termini di estensione della rete e resa della stessa? Allora prova ad effettuare le seguenti operazioni. Se non ci sono problematiche particolarmente gravi che affliggono la tua rete senza fili dovresti riuscire a far fronte alla cosa in maniera abbastanza rapida.

  • Cambia la posizione del modem/router – Sicuramente ai più potrà sembrare una banalità ma, devi credermi, in caso di problemi legati all’estensione della rete WiFi provare a cambiare la posizione del modem/router può essere di grande aiuto per fruire a pieno della velocità della tua connessione ad Internet senza fili. Prova dunque a posizionare il tuo modem/router in un punto diverso della tua casa in modo tale da ridurre la distanza massima da percorrere quando ti colleghi dagli angoli più remoti. L’ideale, se possibile, sarebbe al centro dell’abitazione. Per maggiori info, i suggerisco di leggere la mia guida su come potenziare il segnale WiFi.

Come potenziare il segnale WiFi

  • Spegni e riaccendi il modem/router e ripeti il test – Il modem/router è un dispositivo elettronico ed in quanto tale può “incepparsi” e non funzionare più a dovere. Proprio per questo, ti consiglio di spegnere e riaccendere l’apparecchio. Facendo in questo moto potresti riuscire a rimediare al tuo problema. Se dopo aver fatto ciò i risultati continuano ad essere ampiamente al di sotto delle aspettative, ti consiglio caldamente di passare allo “step” successivo.

Come configurare modem Fastweb

  • Contatta il servizio clienti del tuo provider Internet – Problematiche temporanee o eventuali guasti alla linea possono incidere, e non poco, sulle prestazioni della connessione ad Internet utilizzata. Considerando ciò, ti suggerisco dunque di metterti in contatto con il servizio clienti del tuo provider Internet e di provare a far fronte ala cosa chiedendo un intervento sulla linea. L’operatore provvederà ad effettuare tutti i controlli del caso sulla rete e, se necessario, manderà un tecnico a verificare l’impianto. Se non sai come metterti in contatto con il servizio clienti del tuo gestore telefonico puoi seguire le istruzioni che ti ho fornito nei miei articoli su come fare per parlare con un operatore TIMcome parlare con operatore Windcome parlare con operatore Fastweb e come parlare con un operatore Vodafone.

Se poi neppure in questo modo la situazione sembra migliorare, ti consiglio di prendere in considerazione l’acquisto di un range extender oppure di un adattatore powerline come ti ho indicato anche nel mio tutorial dedicato a come estendere rete WiFi. Se poi la cosa ti convince e vuoi ricevere qualche consiglio per gli acquisti, puoi consultare la mia guida ad hoc dedicata, appunto, all’individuazione del miglior ripetitore WiFi.