Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come cambiare canale WiFi modem TIM

di

Da qualche tempo, hai notato qualche rallentamento nella tua connessione wireless e, parlandone con un amico, questi ti ha suggerito di provare a modificare il canale Wi-Fi della stessa. Giacché hai in dotazione un modem TIM, ben diverso dall’apparecchio che il tuo amico possiede, quest’ultimo non ha saputo fornirti indicazioni precise su come procedere. Intenzionato a risolvere comunque la situazione, hai aperto Google con la speranza di ricevere qualche utile indicazione in merito e sei finito proprio qui, sul mio sito Web.

Se le cose stanno esattamente in questo modo, allora sappi che ti trovi nel posto giusto, al momento giusto! Di seguito, infatti, ti spiegherò come cambiare canale WiFi del modem TIM in modo semplicissimo, agendo dal pannello delle impostazioni del router. Per completezza d’informazione, ti illustrerò anche le dinamiche alla base di questa procedura, fornendoti utili indicazioni riguardo i migliori canali radio da utilizzare.

Dunque, senza esitare un attimo in più, mettiti bello comodo e leggi con molta attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, una volta terminata questa lettura, sarai perfettamente in grado di porre rimedio allo sgradito problema che ti si è posto. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buona fortuna!

Indice

Informazioni preliminari

Come cambiare canale WiFi modem TIM

Tanto per iniziare, ritengo doveroso spiegarti perché, in alcuni casi, si rivela necessario modificare il canale di una rete Wi-Fi. I canali radio utilizzati dalle reti wireless, all’atto pratico, non sono altro che i "binari" virtuali su cui viaggiano i segnali delle reti senza fili e rappresentano un insieme limitato delle bande di frequenza sfruttate per qualsivoglia tipo di comunicazione wireless.

Al giorno d’oggi, le bande occupate dalle reti Wi-Fi sono due: la banda a 2.4 GHz, usata dalla maggior parte dei dispositivi attualmente in commercio; e la banda a 5 GHz, meno diffusa (anche se ormai supportata dalla stragrande maggioranza dei dispositivi elettronici), più prestante rispetto alla banda a 2.4 GHz ma meno resistente agli ostacoli.

In particolare, la banda a 2.4 GHz opera in un range di soli 100 MHz (precisamente tra i 2400 MHz e i 2500 MHz) e contiene, mediamente, 11-13 canali; giacché ciascun canale dispone di ampiezza di banda di 20 MHz, è facile intuire che alcuni canali si "accavallano", facilitando la comparsa di interferenze, specie se sono presenti numerosi altri dispositivi Wi-Fi nelle vicinanze. Calcoli alla mano, a meno di circostanze estreme, gli unici canali che non si accavallano mai sono l’1, il 6 e l’11.

Il discorso è differente per quanto concerne, invece, le reti a 5 GHz: esse utilizzano frequenze ben più alte e dispongono di circa 20 canali, ciascuno dei quali dotato di frequenza minima di 20 MHz; giacché la banda a disposizione è ben più ampia rispetto a quella disponibile nelle reti a 2.4 GHz, i canali non si sovrappongono, pertanto le comunicazioni sono decisamente meno soggette a interferenze da accavallamento.

Per questo motivo, per le reti Wi-Fi a 5 GHz, non occorre scegliere un particolare canale anziché un altro, a meno che la zona non sia "densa" di apparecchi che sfruttano la summenzionata tipologia di connessione: in tal caso, la scelta dovrebbe ricadere sul canale meno affollato.

In Rete, esistono numerose app (e programmi) finalizzati all’analisi dei canali Wi-Fi meno affollati, per esempio Analizzatore WiFi per Android: una volta avviata l’app, essa mostra un grafico indicante i canali wireless occupati dalle connessioni circostanti, offrendo così la possibilità di scegliere il meno affollato "a colpo d’occhio".

Se desideri approfondire l’argomento, ti invito a leggere la mia guida alla scelta del miglior canale Wi-Fi, nella quale ti ho fornito una serie di utili "dritte" mirate ad aumentare, agendo sui canali, le prestazioni delle reti wireless.

Come cambiare canale radio WiFi modem TIM

Come cambiare canale WiFi modem TIM

Una volta effettuati i dovuti controlli e identificato il canale migliore, è arrivato il momento di spiegarti, nel concreto, come cambiare il canale del WiFi sul modem TIM. Per prima cosa, collegati alla rete Wi-Fi generata dal router e, servendoti di un browser a tua scelta, accedi al pannello di gestione del modem TIM: per poterci riuscire, digita l’indirizzo http://modemtelecom (se stai utilizzando una connessione in fibra ottica/misto fibra rame) oppure l’indirizzo http://alicegate (se utilizzi una connessione ADSL) nella barra superiore del browser e premi il tasto Invio della tastiera.

Qualora, in seguito a quest’operazione, dovessi imbatterti in un messaggio d’errore riguardante l’impossibilità di raggiungere il sito (o di aprire la pagina), prova a collegarti agli indirizzi 192.168.1.1192.168.0.1. Per indicazioni più dettagliate su come entrare nel modem TIM, ti invito a leggere attentamente la guida che ho dedicato all’argomento.

Ad ogni modo, una volta stabilita la connessione con il router, dovresti visualizzare il modulo per accedere alla sezione gestionale dello stesso: se è la prima volta che provi ad accedere al router, premi il pulsante Accedi/Cambia e configura le nuove credenziali di protezione per il dispositivo, che dovrai usare per effettuare gli accessi successivi.

Se, invece, avevi già provveduto a specificare una combinazione di nome utente e password, non devi far altro che specificarla negli appositi moduli; qualora non riuscissi a effettuare l’accesso, prova a inserire una combinazione di nome utente e password predefinita, come admin/adminadmin/password. In caso di problemi, ti consiglio di controllare l’eventuale combinazione di nome utente e password predefiniti, dando un’occhiata all’etichetta presente sotto il modem, su una delle sue parti laterali oppure al manuale d’istruzioni del dispositivo.

Ad accesso effettuato, clicca sulla scheda WiFi, presente in alto, e poi sulla voce Settings/Impostazioni, situata nella sezione laterale della pagina. Individua, quindi, la sezione più adatta alla banda di frequenza su cui intendi intervenire tra 2.4 GHz5 GHz e seleziona il canale di trasmissione che preferisci adoperare, avvalendoti dell’omonimo menu a tendina.

Ti ricordo che, per quanto riguarda le reti a 2.4 GHz, i canali consigliati sono l’1, il 6 e l’11, in quanto le rispettive frequenze non si accavallano. Se desideri che sia il modem a scegliere il canale ottimale, imposta il menu a tendina su Auto.

Per quanto riguarda le reti a 5 GHz, invece, come detto in precedenza, non ci sono particolari preferenze o scelte strutturali, se non quelle collegate al sovraffollamento dei canali. Pertanto, puoi effettuare la tua scelta in base ai test effettuati in precedenza.

Qualora volessi optare per la selezione automatica del canale, sposta l’interruttore Abilita la scelta automatica del canale su ON, imposta l’intervallo di tempo in cui effettuare i vari test, avvalendoti del campo di testo Intervallo di riselezione automatica canale/Auto channel reselection interval e, quando sei pronto, clicca sul pulsante Start, per avviare la fase di selezione automatica del canale.

Ad ogni modo, una volta effettuate le modifiche necessarie, clicca sul pulsante Applica/Apply situato in fondo alla schermata, in modo da convalidare il tutto. Al fine di evitare eventuali interferenze residue, riavvia il modem recandoti nella scheda Stato e supporto/Status & Support (in alto), accedendo alla sezione Riavvia/Restart (a sinistra) e cliccando sul pulsante Riavvia/Restart.

In caso di dubbi o problemi

Come cambiare canale WiFi modem TIM

Non sei riuscito a cambiare canale WiFi modem TIM perché hai riscontrato qualche problema in fase d’accesso? Non sei molto sicuro di aver svolto la procedura in modo corretto, poiché stai usando un modem non esattamente di ultima generazione? Non gettare ancora la spugna, puoi ancora porre rimedio alla cosa avvalendoti delle risorse esterne messe a disposizione da TIM.

Tanto per cominciare, devi sapere che, sul sito Web dell’operatore, sono disponibili i manuali di tutti (o quasi) i router attualmente forniti in abbinata agli abbonamenti Fibra/ADSL: per ciascun modello di modem, puoi trovare le informazioni specifiche inerenti la modifica del canale Wi-Fi, insieme a numerose altre dritte finalizzate al corretto utilizzo dell’apparecchio.

Per accedere alla manualistica disponibile sul sito di TIM, collegati a questa pagina Web, scegli il modello di router in tuo possesso dal menu a tendina situato nel riquadro corrispondente al numero (1) (solitamente contraddistinto dalla dicitura Vedi tutti) e, fatta la tua selezione, scegli la voce Manuale/Manuale d’uso che compare nel riquadro immediatamente adiacente, per aprire subito il manuale d’uso dell’apparato scelto.

Se il problema non dovesse risolversi, come ultima spiaggia, ti consiglio di contattare un operatore TIM e di richiedere assistenza sulla problematica da te riscontrata. Il gestore di telefonia mette a disposizione diversi canali di contatto gratuiti, accessibili tutti i giorni, dalle ore 07:00 alle 24:00.

  • Tramite telefono, chiamando il numero 187, digitando il tasto 2, per richiedere assistenza e indicando, in seguito, il numero fisso, per cui richiedere assistenza, seguito dalla pressione del tasto cancelletto (#).
  • Tramite Facebook, inviando un messaggio privato alla pagina ufficiale di TIM. Nel messaggio, spiega a grandi linee il tuo problema (in questo caso, l’impossibilità di modificare il canale Wi-Fi), fornisci il tuo nome, cognome, numero di telefono e codice fiscale e, per agevolare lo smistamento della comunicazione a un addetto ai lavori, inserisci l’hashtag #TIMFisso.
  • Tramite Twitter, rivolgendoti agli account @TIM4ULuca, @TIM4UFabio e @TIM4USara. Dopo aver seguito il profilo di tuo interesse, invia un tweet pubblico in cui richiedi assistenza (senza però indicare dati personali) e attendi di essere ricontattato per continuare, in privato, la comunicazione avviata.

Per ulteriori informazioni sui canali di comunicazione messi a disposizione da TIM, ti invito a consultare il tutorial specifico che ho dedicato all’argomento.