Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come indicizzare un blog

di

Per far sì che abbia successo, un blog deve avere non solo contenuti di buona qualità ma anche essere appetibile per Google e gli altri motori di ricerca. Un sito ben indicizzato su Google compare nelle prime posizioni dei risultati delle ricerche ed ha una maggiore visibilità (ossia maggiori click)rispetto a quelli che si trovano nelle pagine successive.

Se il tuo blog, nonostante gli sforzi, non è ancora posizionato bene su Google, forse ha qualche lacuna che può essere colmata per diventare più appetibile per i motori di ricerca. Che ne dici se approfondiamo l’argomento vedendo come indicizzare un blog su Google e simili?

Di solito, non c’è bisogno di fare molto per indicizzare un blog in quanto Google dovrebbe provvedere in automatico a riconoscerlo e ad inserirlo nei risultati delle ricerche. Qualche volta, però, questo non accade oppure il proprio sito è preso pochissimo in considerazione dal motore di ricerca, e quindi bisogna agire autonomamente con una serie di accorgimenti che adesso ti andrò ad illustrare.

Se, ad esempio, il tuo blog è presente nei risultati di ricerca di Google ma è in secondo o addirittura terzo piano, ossia non compare nei primi risultati delle ricerche ma nelle pagine secondarie, puoi cercare di risalire la china usando delle regole di buonsenso che Google stesso suggerisce sul suo sito dedicato ai webmaster.

Tra queste regole, alcune delle più importanti sono: aggiornare frequentemente il sito/blog, evitare contenuti ingannevoli con parole chiave o titoli non attinenti al tema trattato, non usare contenuti nascosti, non linkare siti malevoli e non effettuare il cosiddetto cloaking mostrando ai motori di ricerca contenuti diversi da quelli proposti ai lettori.

Se vuoi saperne di più, iscriviti gratuitamente al sito di Google per i webmaster e registra il tuo blog a quest’ultimo cliccando sulla voce aggiungi un sito. In questo modo, avrai tra le mani istruzioni e strumenti preziosi per posizionare meglio il tuo sito su Google.

Un altro buon modo per indicizzare un blog è scoprire quali sono gli argomenti e i temi che appassionano di più i lettori in un determinato momento e cercare di trattarli sul proprio sito usando le parole chiave giuste (senza dimenticare le regole di “fair play” di cui sopra).

Per scoprire quali sono i temi più cercati nella categoria di appartenenza del tuo blog (es. informatica, cinema, ecc.) puoi usare Google Insights, uno strumento gratuito messo a disposizione da Google che permette di conoscere le più recenti statistiche di ricerca in Italia e nel mondo in base a temi, categorie ed intervalli di tempo personalizzati.

Per utilizzarlo, non devi far altro che collegarti alla sua pagina principale e mettere il segno di spunta accanto alla voce Intervalli di tempo. Utilizza quindi i menu a tendina Intervalli di tempo e Filtro per selezionare l’intervallo di tempo (es. Ultimi 7 giorni) e le categorie (es. Computer ed elettronica) a cui delimitare la ricerca e clicca sul pulsante Cerca per trovare gli argomenti più cliccati del momento.

Trovi maggiori informazioni su come sfruttare le potenzialità di Google Insights nella mia guida su come apparire su Google.

Infine, ti ricordo che se il tuo blog non compare per nulla nei risultati delle ricerche di Google puoi segnalare la cosa al motore di ricerca collegandoti a questa pagina e digitando l’indirizzo del tuo sito nel campo URL.

Puoi segnalare il tuo blog anche su Bing e Yahoo! (che ora condividono lo stesso motore), collegandoti a questa pagina Web e compilando il modulo che si trova in basso.

Per maggiori informazioni su come segnalare un sito ai motori di ricerca, consulta pure la guida sull’argomento che ti ho proposto qualche tempo fa. Vedrai che riuscirai a risolvere i tuoi problemi di posizionamento su Google, e non solo.