Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Cos’è un blog

di

Che cos’è un blog? Come funziona e a che cosa serve? Se sono queste le domande che ti frullano in testa, allora sei capitato nel posto giusto. In questo mio articolo ti spiegherò nel dettaglio anche quali sono le motivazioni che potrebbero portarti ad aprire un blog, oltre a come aprirlo in maniera del tutto gratuita.

Aprire un blog è diventato, negli ultimi tempi, estremamente semplice e alla portata di tutti; ormai vi sono diversi strumenti che ti accompagnano passo per passo nella creazione di un blog e nella sua ottimizzazione. Il mio consiglio quindi è quello di metterti comodo e di prenderti qualche minuto di tempo per leggere in tutta tranquillità questo mio articolo di approfondimento su che cos’è un blog.

Se deciderai di aprire un blog, ti guiderò nella sua creazione, spiegandoti nel dettaglio quali sono i migliori servizi gratuiti dedicati ai blog. Nello specifico, ti parlerò di CMS, software per la creazione di un blog e per la sua configurazione (CMS è l’acronimo di Content Management System, in italiano sistema di gestione dei contenuti), ma anche di software proprietari di aziende come Google e Twitter, che ti permetteranno di aprire un blog in maniera immediata.

Vedrai che quando avrai finito di leggere, il blog non avrà più segreti per te. Sei pronto? Benissimo, allora iniziamo!

Che cos’è un blog?

La storia del blog nasce nel 1997 in America, quando lo statunitense Dave Winter sviluppo’ un software che permise la prima pubblicazione di contenuti sul web. Nello stesso anno, fu coniata la parola weblog, quando un appassionato di caccia statunitense decise di parlare delle proprie passioni con una pagina personale su Internet.

Il blog può essere quindi considerato come una sorta di diario personale virtuale nel quale parlare delle proprie passioni attraverso immagini, video e contenuti testuali. In Italia, il successo dei blog arrivò nei primi anni 2000 con l’apertura di diversi servizi dedicati: tra i più famosi vi sono Blogger, AlterVista, WordPress, ma anche il famosissimo MySpace e Windows Live Space.

Con l’avvento dei social network, tra il 2009 e il 2010, moltissimi portali dedicati al blogging chiusero. Ad oggi rimangono ancora attivi gli storici AlterVista, Blogger, WordPress e MySpace: sono tuttora i più utilizzati per la creazione di un blog e gli strumenti offerti sono alla portata di tutti.

Perché aprire un blog?

Aprire un blog può essere una scelta da prendere in considerazione se ami scrivere e vorresti trovare un lavoro in un ambito relativo ai nuovi media digitali. Giusto per fare un esempio, se cerchi lavoro come copywriter, potresti allegare il link del tuo blog oltre che al semplice invio del Curriculum Vitae. L’azienda che riceverà la tua candidatura, oltre a valutare sulla carta le tue competenze, potrà farsi un’idea del tuo stile di scrittura, proprio leggendo i contenuti del tuo blog.

Se invece hai un’azienda, aprire un blog potrebbe rivelarsi un utile strumento di marketing. In quest’ottica, infatti, il blog si configura come strumento per pubblicizzare i tuoi prodotti e per parlare delle novità della tua azienda. Attraverso il blog rafforzerai le relazioni con i clienti attuali e la condivisione dei tuoi contenuti sui social network potrà portartene di nuovi.

Come si apre un blog?

Come anticipato in precedenza, per aprire un blog puoi scegliere se utilizzare uno tra i più popolari CMS o utilizzare uno dei servizi proprietari che ti permetteranno di iniziare a scrivere i tuoi contenuti immediatamente. Entrambi gli strumenti sono gratuiti e per capire se utilizzare un CMS o un sistema proprietario devi capire che tipo di impegno vuoi impiegare nella creazione del tuo blog. Utilizzando un CMS come WordPress, ad esempio, potrai personalizzare moltissimi aspetti del tuo blog: potrai modificare la grafica con un tema e installare i plugin che ti permetteranno di rendere il più completo possibile e funzionale il tuo blog.

Al contrario, se il tuo obiettivo è semplicemente quello di scrivere contenuti testuali e non ti interessa più di tanto la personalizzazione del blog, il mio consiglio è quello di utilizzare uno dei servizi proprietari: uno tra quelli più popolari che ti spiegherò nel dettaglio è Medium, un servizio di blogging di proprietà di Twitter.

Creare un blog con CMS

WordPress

Una tra le piattaforme più complete e utilizzate per la creazione di un blog è WordPress. Si tratta di un CMS (Content Management System) gratuito e molto funzionale che può essere personalizzato grazie all’utilizzo di plugin sviluppati da terze parti e ai milioni di temi disponibili.

Se desideri creare un blog con WordPress in maniera del tutto gratuita, puoi usufruire dello spazio offerto dal sito WordPress.com. Chiaramente, trattandosi di uno spazio offerto a costo zero, vi sono alcune limitazioni (come per esempio l’impossibilità di inserire pubblicità nel blog). In ogni caso, se non hai necessità particolari, aprire un blog con WordPress è una tra le scelte migliori; il tuo dominio sarà [nome che hai scelto].wordpress.com

Se invece conosci già le basi di WordPress e desideri avere un dominio tutto tuo, puoi acquistare uno spazio hosting di wordpress.com. I prezzi per l’acquisto di un dominio variano a seconda delle esigenze: si parte da 2,99€ al mese fino a 24,99€ al mese, con fatturazione annuale.

Oltre a wordpress.com vi sono tantissimi altri gestori che offrono hosting con piani a pagamento per tutte le tasche ed esigenze, per ospitare un blog in WordPress. È anche possibile acquistare un dominio e uno spazio hosting su siti diversi da wordpress.com, ma questo richiede però alcune competenze informatiche per poter effettuare l’installazione di WordPress tramite FTP. In realtà però, ormai la maggior parte dei gestori offre configurazioni preinstallate più semplici, attraverso software come per esempio Softaculous. Per approfondire, puoi leggere le mie guide su come creare un blog con WordPress e come gestire un blog WordPress.

Altri CMS popolari:

  • Joomla!: Joomla è una tra le più popolari piattaforme software di content management system (CMS) per la realizzazione di siti web. Joomla è una piattaforma scritta interamente in linguaggio informatico PHP che permette numerose opzioni di personalizzazione grazie all’installazione di temi, estensioni e plugin.
  • Drupal: tra le piattaforme di gestione dei contenuti vi è anche Drupal che per permette la creazione e distribuzione di siti web dinamici; una piattaforma rivolta agli utenti con maggiori esigenze.
  • Microsoft SharePoint: una piattaforma software sviluppata da Microsoft, un CMS utilizzato principalmente per la creazione e distribuzione di siti Internet aziendali. La caratteristica principale di Microsoft SharePoint è chiaramente l’integrazione con i servizi Microsoft, tra cui il pacchetto Office.
  • OpenCms: si tratta di Content Management System (CMS) open source basato sulla piattaforma Java e sulla tecnologia XML.
  • Mezzanine: una piattaforma CMS per la realizzazione di siti web che è scritta interamente in linguaggio informatico Python.

Creare un blog con un servizio proprietario

Blogger

Se vuoi creare un blog e hai esigenze semplici, al posto di utilizzare un CMS, puoi scegliere di rivolgerti a un servizio proprietario. Uno tra i più famosi e semplici è Blogger di Google. La caratteristica principale di Blogger è infatti la sua semplicità di utilizzo, oltre che l’integrazione diretta con tutti i servizi del colosso di Mountain View.

Per creare un blog su Blogger devi recarti al sito ufficiale e creare o collegare un account Google che sarà d’ora in avanti associato al tuo blog. Se ti serve una mano per questa procedura, leggi la mia guida su come creare un account Google. Al termine della registrazione, fai clic sul pulsante Nuovo Blog per procedere con la creazione del tuo blog su Blogger.

Potrai creare il tuo blog su Blogger in maniera del tutto gratuita, potrai inserire banner pubblicitari e personalizzare l’estetica attraverso l’installazione di temi.  Il dominio del tuo blog su Blogger sarà [nome che hai scelto].blogspot.it.

Tumblr

Uno tra i servizi proprietari che puoi utilizzare per creare il tuo blog è Tumblr, un servizio alternativo che si configura come uno spazio online a metà strada tra una piattaforma di blogging e un social network.

Tumblr è infatti nato come social network per la condivisione di immagini, video e GIF, estendendosi poi alla possibilità di creazione di un vero e proprio spazio per la condivisione di contenuti testuali personali.

Il blog creato su Tumblr sarà un blog alternativo, all’interno della quale condividere i tuoi pensieri rivolti alla community del social network. Dal momento in cui Tumblr è nato principalmente come social network, non vi saranno eccessive personalizzazioni estetiche da fare nel tuo blog di Tumblr. Tutto quello che dovrai fare sarà scrivere i tuoi articoli, in maniera magari più concisa, ma più ricca di elementi multimediali: foto e video, tra tutti.

Per registrarti gratuitamente su Tumblr e creare il tuo blog, non devi far altro che collegarti alla pagina principale del servizio e fare clic sul pulsante Inizia. Compila dunque il modulo presente al centro dello schermo con email, nome utente e password che intendi utilizzare e fai clic sul pulsante Registrati per andare avanti.

Se desideri creare un blog su Tumblr e vuoi approfondire l’argomento, puoi leggere la mia guida su come personalizzare Tumblr. Scoprirai come rendere il tuo blog più bello e cominciare questa nuova avventura con un tocco in più.

Medium

Medium è un’altra piattaforma di blogging di recente diffusione. Proprietaria di Twitter, la piattaforma per la creazione di un blog su Medium è semplice e immediata, offrendo uno spazio per certi versi simili a Tumblr, ma con alcune possibilità di personalizzazione più avanzata per quanto riguarda la scrittura.

Medium presenta alcune caratteristiche social riprese da Tumblr, come per esempio la possibilità di condividere gli articoli sui principali social network, la possibilità di votare gli articoli e iscriversi al blog di un utente per ricevere le notifiche dei nuovi contenuti. Medium non prevede personalizzazioni grafiche a livello di temi, ma offre invece un’interfaccia utente semplice e accattivante che dona ai post uno stile grafico immediato e di facile lettura.

Al momento però, Medium è uno strumento di blogging maggiormente diffuso negli Stati Uniti e sono ancora pochi i lettori e i blogger italiani.  In ogni caso, se sei interessato a creare un blog su Medium e vuoi tentare la tua avventura su questa piattaforma, collegati alla sua pagina iniziale e fai clic sulla voce Sign in / Sign up che si trova in alto a destra. Scegli dunque se accedere con il tuo indirizzo email o con i tuoi account di Google, Twitter o Facebook e completa il processo di registrazione, seguendo le indicazioni su schermo.