Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come creare un blog personale

di

Un blog personale può essere sia una vetrina importante dal punto di vista lavorativo sia uno spazio in cui postare e condividere i propri pensieri. Un tuo amico ne ha appena aperto uno, tu vorresti seguire il suo esempio ma, non essendo particolarmente ferrato in materia, non sai come si fa. Tranquillo, se vuoi ci sono qui io. Se hai cinque minuti da dedicarmi, posso aiutarti a creare un blog personale illustrandoti tutte le soluzioni alle quali puoi affidarti e indicandoti, passo dopo passo, tutto quello che devi fare per aprire il tuo “spazio” sul Web e farti conoscere da nuove persone.

Partiamo dal presupposto che oggi esistono numerose piattaforme che permettono di creare un blog in maniera semplice, veloce e soprattutto gratuita senza che ci si debba preoccupare di pratiche più complesse, come la registrazione di un dominio o la scelta di un hosting a pagamento. Le piattaforme più popolari sono WordPress e Blogger, le quali consentono un’ampia autonomia di gestione del sito da parte dell’utente e si dimostrano sempre molto flessibili. Meno flessibili, ma da tenere comunque in considerazione, sono due altre piattaforme che sono riuscite a mettersi in evidenza negli ultimi mesi: Medium e Tumblr, che risultano più “chiuse” rispetto a WordPress e Blogger ma in determinati contesti offrono funzioni più comode da usare.

Vorresti saperne di più? Bene. Allora, se sei d’accordo, inizio subito a illustrarti le principali piattaforme di blogging con le quali potrai creare un sito personale senza doverti preoccupare di affrontare spese o altre noie “tecniche”. Buona lettura e buon divertimento! Scommetto che, da qui a pochi minuti, i tuoi primi post saranno già online, pronti a raggiungere un pubblico potenzialmente vastissimo!

Indice

Creare un blog personale con WordPress

Le persone che aprono un blog personale per la prima volta, generalmente, lo fanno servendosi della piattaforma WordPress. Ti stai domandando perché è così amato dalla gente? La risposta è semplice: estrema semplicità d’uso e personalizzazione completa grazie a tantissimi temi e plugin, che sono il vero punto di forza di questo CMS (content management system). Grazie ai componenti aggiuntivi, infatti, è possibile estendere le funzionalità base dei blog WordPress e personalizzare questi ultimi in base alle proprie esigenze specifiche.

È bene precisare che esistono due modi di usare WordPress: il primo, su cui mi concentrerò oggi, prevede l’apertura di un blog gratuito con sotto dominio wordpress.com e presenta diversi limiti, in primis l’impossibilità di monetizzare i propri contenuti tramite l’inserimento di banner pubblicità e l’impossibilità di aggiungere plugin o temi personalizzati al blog.

L’altro modo di usare WordPress, quello più “libero” e professionale, prevede il download gratuito dei file del CMS, da caricare poi su uno spazio Web acquistato separatamente (insieme a un dominio). Eseguendo un’installazione personalizzata di WordPress non si hanno limiti relativi alla monetizzazione, all’installazione di plugin o alla personalizzazione dei temi. In realtà è possibile anche sottoscrivere dei piani a pagamento di WordPress.com che, a partire da 4$/mese (con fatturazione annuale), consentono di attivare il caricamento dei plugin e la personalizzazione avanzata dei temi, ma personalmente, se non intendi sfruttare la versione free del servizio, ti consiglio di ricorrere all’installazione del CMS su uno spazio esterno.

Fatta questa doverosa premessa, passiamo all’azione: se vuoi provare WordPress e creare un blog personale con quest’ultimo, collegati al sito WordPress.com. Clicca quindi sul tasto Inizia Ora e attendi il caricamento della schermata seguente, in cui devi selezionare il tipo di sito che vuoi aprire. Tra le opzioni a tua disposizione, scegli la prima, cliccando sul tasto Inizia con un blog.

Nella nuova pagina che si apre, Assegna un indirizzo al tuo sito, ti viene chiesto di digitare il nome del nuovo blog. Quando hai compiuto la tua scelta e dopo averla digitata nello spazio Inserisci un nome o una parola chiave, verifica che il nome del dominio sia disponibile nella versione gratuita di WordPress. Fai dunque clic sulla voce Seleziona e procedi alla pagina successiva, dove devi scegliere un piano tra quelli proposti. La prima opzione è Gratuito, che puoi selezionare cliccando sul pulsante Inizia con gratuito.

Sei ad un passo dal creare il tuo primo blog personale su WordPress! L’ultimo step richiesto è la creazione di un account, per cui occorre che digiti nel rettangolo Il tuo indirizzo e-mail l’indirizzo email che desideri associare all’account WordPress, sotto la voce Scegli un nome utente il tuo nickname e sotto la voce Scegli una password quella che sarà la tua chiave di accesso per collegarti all’account.

Una volta completata la compilazione dei campi richiesti, clicca sul pulsante Continua e poi sulla voce Visualizza mio sito per visualizzare il tuo blog personale.

Per poter pubblicare il tuo primo post, clicca sul pulsante Scrivi un articolo posizionato in alto a destra. Nella nuova schermata compare l’editor di testo con cui scriverai i tuoi post. Riempi dunque il campo Titolo con il titolo che vuoi dare all’articolo e spostati nel campo di testo bianco in basso per scrivere il corpo del tuo post.

Puoi aggiungere al post una o più foto cliccando sul pulsante Aggiungi e selezionando la voce Media. Nel menu posizionato in alto a destra trovi le voci Stato, Categorie e tag, Immagine in evidenza, Condivisione, Altre opzioni. Con la voce Stato puoi decidere lo stato del post, se pubblicarlo (cliccando sul tasto Pubblica immediatamente) e renderlo visibile a tutti selezionando la voce Pubblico.

Tornando nella dashboard di WordPress, poi, puoi accedere a tutte le funzioni e gli strumenti utili a gestire il tuo blog. Ad esempio, selezionando la voce Statistiche dalla barra laterale di sinistra puoi visualizzare tutte le statistiche del sito, come il numero di visualizzazioni e visitatori recenti, mentre andando su Commenti puoi visualizzare, approvare, cancellare e gestire i commenti lasciati dai visitatori.

Per personalizzare l’aspetto del blog, invece, seleziona la voce Temi dalla barra laterale di sinistra e seleziona uno dei temi disponibili (per visualizzare solo quelli gratuiti, clicca sul relativo pulsante collocato in alto). Cliccando sul pulsante Personalizza collocato accanto alla voce Temi puoi anche modificare il tema attuale del blog tramite colori, caratteri o widget scelti da te. Comodo, vero?

WordPress

Se ritieni che la versione hostata di WordPress sia un po’ troppo limitata per le tue esigenze, prova ad acquistare uno spazio Web e un dominio e a creare un’installazione personalizzata del CMS. Trovi tutte le informazioni di cui potresti aver bisogno nei miei tutorial su come installare WordPress e come creare un sito con WordPress.

Creare un blog personale con Blogger

La seconda piattaforma di blogging più famosa è Blogger, che è gestita da Google ed è fruibile gratuitamente. Tra i sui principali punti di forza vi è la possibilità di monetizzare grazie ai banner pubblicitari di Google Adsense. Inoltre, la piattaforma è facile da usare e permette di personalizzare il blog andando a modificare il codice di uno dei tanti temi disponibili all’uso. Se non si vogliono spendere soldi per acquistare un dominio personalizzato (non è possibile installare il CMS liberamente su uno spazio esterno), bisogna sottostare all’utilizzo di un dominio di terzo livello, che è composto in questo modo: nomesito.blogspot.com.

Tutto chiaro? Bene, allora procediamo. Se intendi aprire un blog personale con Blogger, collegati alla home page di Blogger e fai clic sul pulsante Crea il tuo blog. Ti viene chiesto ora di scegliere l’account Google con cui vuoi aprire il nuovo blog, mostrandoti nella pagina Scegli un account gli indirizzi email registrati sul tuo computer. Ti condivido la mia guida su come creare un account Google qualora incontrassi difficoltà nel gestire questa fase. Se desideri collegare un altro account, seleziona la voce Utilizza un altro account e digita l’indirizzo di posta elettronica e la password associati all’account che vuoi usare, per poi cliccare sul tasto Avanti.

Nella nuova pagina che si apre, digita il nome che hai scelto per il tuo blog nel campo Titolo, quindi l’indirizzo del sottodominio (che ha come riferimento principale .blogspot.com) nel campo Indirizzo. Alla voce Tema, scegli un tema grafico tra quelli proposti e fai clic sul pulsante arancione Crea il blog.

Hai appena creato il tuo blog personale su Blogger! Una volta completata l’operazione, Google ti suggerisce di associare un dominio vero al tuo blog, chiedendoti di digitare il nome dominio nella finestra Google Domains Beta. I prezzi per un dominio da collegare a Blogger variano dai 12 ai 38 euro. Se non vuoi spendere soldi, resta con il dominio di terzo livello rifiutando la richiesta.

Accedendo alla dashboard del tuo account su Blogger, puoi personalizzare il tuo blog in tanti modi diversi. Ad esempio, selezionando la voce Layout hai la possibilità di modificare l’ordine di ciascun elemento presente nella pagina, mentre cliccando sulla voce Tema puoi scegliere un tema grafico da utilizzare per il sito. Effettuata la tua scelta, clicca sul riquadro del tema che preferisci e salva le modifiche cliccando sul pulsante Applica al blog.

Per iniziare a scrivere, clicca sul pulsante Post, quindi fai clic sul rettangolo arancione Nuovo Post. Nella nuova pagina che si apre, inizia a prendere confidenza con l’editor di testo che utilizzerai da qui in avanti per scrivere su Blogger: in alto è presente il campo Titolo, che devi compilare digitando il titolo del post. Sul foglio bianco devi invece scrivere il tuo articolo, impreziosendolo magari con una o più foto (per aggiungere le immagini, fai clic sull’icona della cartolina a colori).

Se non hai tempo di terminare l’articolo, clicca sul tasto Salva e poi sul pulsante Esci, in modo da avere la bozza salvata quando torni a scrivere. Per pubblicare il post, invece, fai clic sul pulsante Pubblica. Per maggiori informazioni sul funzionamento di Blogger, ti invito a leggere il mio tutorial su come aprire un blog con Blogger.

Creare un blog personale con Medium

Se decidi invece di aprire il tuo blog personale con Medium, sappi che stai sposando una filosofia molto diversa rispetto a quella tradizionale di WordPress e Blogger. Da una parte conservi la semplicità d’uso, dall’altra perdi qualsiasi tipo di personalizzazione del tuo spazio. Un altro contro di Medium è l’impossibilità di monetizzare, sia nella versione free che in quella completa. Tra i pro della piattaforma, che è stata fondata da uno dei co-fondatori di Twitter, c’è la possibilità di farsi notare in una community di spessore, formata da intellettuali ed esperti di vari settori, aumentando dunque la possibilità di confrontarsi con gli altri e avere riscontri sotto il punto di vista professionale.

Per creare un blog su Medium, prima di tutto collegati al sito ufficiale del servizio e clicca sul pulsante Get started posizionato in alto a destra. Nella pagina che si apre, denominata Join Medium, puoi scegliere se registrarti con Google, selezionando la voce Sign up with Google, oppure con Facebook, facendo clic sul rettangolo con la scritta Sign up with Facebook.

Dopo che hai compiuto la tua scelta, compare la schermata di benvenuto Welcome to Medium. Fai ora clic sul pulsante nero Dive in e seleziona i temi di tuoi interesse, facendo clic sul rettangolo dell’area che preferisci. Fatto questo, clicca sul pulsante verde Start reading in alto a destra e attendi il successivo caricamento.

Ora disponi di un account sulla piattaforma Medium, con cui poter scrivere le tue personali storie, condividendole poi con il pubblico di Medium. Per scrivere un post, fai clic sull’icona della tua foto profilo e clicca sulla voce New Story.

L’editor di testo ha uno stile minimale e allo stesso tempo moderno. Nel campo Title devi inserire il titolo dell’articolo, mentre cliccando sul pulsante + puoi aggiungere al testo un’immagine, un video oppure un codice embed, con cui hai la facoltà di inserire un post da Facebook o Twitter. Per pubblicare il post, seleziona la voce Publish e clicca sul pulsante Publish. Selezionando la voce Share, invece, puoi copiare il link dell’articolo per poi condividerlo sui tuoi profili social.

Se l’idea originale di Medium, capace di inventare una piattaforma di blogging mantenendo un’organizzazione simile a quella di un giornale, ti ha conquistato, puoi decidere di diventare un suo membro ufficiale pagando 5 dollari al mese, avendo così accesso ai post più interessanti e all’ascolto delle versioni audio degli articoli più letti.

Per diventare membro ufficiale di Medium, devi compilare i campi Credit card number, Expiration e Security card inserendo i dati della tua carta di credito e, infine, cliccare sul pulsante nero Start my membership.

Creare un blog personale con Tumblr

Se sei amante dei social network, può per te essere la scelta giusta aprire un blog personale utilizzando la piattaforma di microblogging Tumblr, che si differenzia rispetto a tutte le altre per la sua stretta connessione con il mondo social, uno dei sui principali “pro”, insieme alla sua semplicità d’uso. Se invece ti piace scrivere, creando post approfonditi, Tumblr molto probabilmente non fa per te, visto che predilige la brevità rispetto alla prolissità. Inoltre, al momento non c’è alcuna possibilità di inserire la pubblicità nei propri articoli, e quindi di guadagnare.

Allora, che ne dici? Hai scelto di aprire un blog personale su Tumblr? Bene, la prima cosa che devi fare è collegarti alla pagina ufficiale del servizio, dove trovi i pulsanti Inizia e Entra. Se hai già un account Tumblr, fai clic sul pulsante Entra, altrimenti clicca sul pulsante Inizia. Nella pagina seguente, compila i campi Email, Password e Nome utente, per poi cliccare sul tasto blu Registrati. Rispondi quindi alla domanda Quanti anni hai?, inserendo il numero dei tuoi anni, e fai clic sul quadratino accanto alla voce Ho letto, compreso e accettato i Termini di servizio di Tumblr. Fai dunque clic sui pulsanti Avanti e Fatto.

Nella nuova schermata visualizzata, devi selezionare i temi a cui sei di solito interessato e per i quali vorresti ricevere le ultime notizie. Tumblr ti chiede di scegliere un minimo di 5 argomenti per proseguire avanti, facendo clic sul riquadro relativo a ciascun topic. Completata la selezione, clicca sul pulsante Next, effettuando così il tuo primo accesso alla schermata principale di Tumblr, dove da qui in avanti puoi abbellire il tuo blog con nuove storie e foto, ma non solo, perché puoi anche creare un post partendo da un link, una citazione o un video.

Prima di procedere, ricorda di verificare l’account da poco creato su Tumblr, facendo clic sul link di verifica inviato da Tumblr via email al tuo indirizzo di posta elettronica. Quando sei pronto a scrivere, ti è sufficiente fare clic sull’icona della matita su sfondo blu, posizionata in alto a destra. Sei sempre tu poi a decidere che tipologia di post realizzare, selezionando l’icona della voce che desideri: Testo, Foto, Citazione, Link, Chat, Audio e Video.

Ad esempio, selezionando l’icona Aa (Testo), compare la schermata dell’editor con i campi Titolo e Il tuo testo qui, oltre al pulsante Posta, su cui devi fare clic se vuoi pubblicare il post. Rispetto agli altri editor di testo visti in precedenza, quello di Tumblr è molto più limitato.

Se sei interessato sia alla piattaforma di microblogging sia al social network Tumblr e vuoi approfondirne il funzionamento, leggi le mie guide su come funziona Tumblr e come diventare famosi su Tumblr.