Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come creare un blog gratis su Google

di

Da qualche tempo, coltivi il desiderio di condividere le tue passioni sul Web e vorresti creare un blog che ti permetta di farlo. Ciò che ti frena, però, è la tua scarsa conoscenza del mondo della programmazione: a dire il vero, proprio non hai intenzione di coinvolgere altre persone nella creazione del tuo sito personale, sborsando denaro per quella che potrebbe invece restare una semplice passione. Dunque, prima ancora di iniziare, stai già pensando di gettare la spugna e di richiudere il tuo sogno in un cassetto che, forse, potresti non riaprire più.

Come dici? Ho proprio centrato il punto? Allora credo che tu debba ritenerti fortunato, perché questa è la guida giusta da cui iniziare: nelle righe a venire, infatti, ti spiegherò come creare un blog gratis su Google nel giro di poco più di dieci minuti, con una manciata di clic e, soprattutto, senza conoscere una sola virgola di programmazione e senza dover sborsare un euro. Ti anticipo fin da subito che tutto questo è reso possibile da Blogger, la piattaforma dedicata ai blog gestita dal colosso di Mountain View, che dispone di un’interfaccia estremamente intuitiva: l’unico requisito per accedervi è essere in possesso di un account Google.

Dunque, cos’altro aspetti a iniziare? Ritaglia qualche minuto di tempo tutto per te, mettiti bello comodo e concentrati attentamente su questa mia guida: sono sicuro che, al termine della lettura, sarai assolutamente sbalordito dal risultato che sarai riuscito a raggiungere. A questo punto, non mi resta che augurarti buon divertimento e buona fortuna per la tua nuova avventura online!

Indice

Operazioni preliminari

Come creare un blog gratis su Google

Prima ancora di capire nel concreto come creare un blog gratis su Google, utilizzando la piattaforma Blogger, ci sono un paio di informazioni fondamentali che devi avere ben chiare.

Per prima cosa, Blogger è una piattaforma basata su un CMS (o content management systemsistema di gestione dei contenuti), cioè su una sorta di “motore” che permette di creare blog e siti Web a partire da zero e senza avere nessun tipo di competenza specifica in merito. Per questo motivo, è possibile affermare con sicurezza che la piattaforma di blogging di Google sia pensata soprattutto per chi non ha dimestichezza con i linguaggi Web: attraverso Blogger, infatti, è possibile creare un blog dal nulla, con qualche clic di mouse qui e là, nel giro di una decina di minuti.

Inoltre, il vantaggio di Blogger risiede anche nelle sue modalità di utilizzo: il servizio offerto da Google comprende nel suo “pacchetto” anche uno spazio Web dedicato e un dominio semi-personalizzato, attraverso il quale si può essere raggiunti tramite il browser. In parole povere, ciò significa che puoi creare un blog con Blogger non soltanto senza dover conoscere nessun linguaggio di programmazione, ma senza nemmeno doverti preoccupare di acquistare un hosting e un dominio per ospitare il tuo spazio Web.

Tutto ciò, però, ha anche un lato un po’ meno gradevole: trattandosi di una piattaforma proprietaria e basata principalmente sulla semplicità d’uso, Blogger inibisce l’integrazione con strumenti di personalizzazione avanzata (ad es. attraverso l’installazione di plugin esterni) e permette interventi sul codice estremamente limitati.

Va comunque sottolineato che gli strumenti di personalizzazione messi a disposizione da Google sono davvero tanti e permettono di intervenire sia sull’aspetto grafico del blog, che sulle funzionalità e sulla struttura delle varie pagine. Tra le altre cose, grazie alla stretta integrazione con il programma AdSense, il servizio di pubblicità offerto da Google, tutti i blog progettati con Blogger sono predisposti per la monetizzazione dei contenuti (te ne parlerò più avanti, in questa guida).

Premesso ciò, è giunto finalmente il momento di metterti all’opera: come è semplice intuire, per aprire un blog sulla piattaforma Blogger è assolutamente fondamentale disporre di un account Google. Se questa è la prima volta che ti rivolgi a un servizio Google, dunque, è il momento di procedere in tal senso.

Come? Semplicissimo: per prima cosa, collegati al sito Internet principale di Blogger, clicca sul pulsante Crea il tuo Blog e, se disponi già di un account Google, inserisci le tue credenziali di accesso nella schermata successiva, altrimenti clicca sulla voce Crea un account e compila il modulo proposto con le informazioni necessarie per la creazione di un una nuova utenza Google.

In particolare, devi inserire nelle apposite caselle di testo il tuo nome cognome, un nome utente, e una password: digitate queste informazioni, clicca sul pulsante Avanti, specifica il genere a cui appartieni, la data di nascita, la nazionalità e, se lo desideri, inserisci un indirizzo email alternativo o un numero di telefono valido da utilizzare per il recupero delle credenziali, qualora queste venissero smarrite.

Completata la compilazione del modulo, pigia sul pulsante Avanti, apponi il segno di spunta accanto alle caselle Accetto i Termini di servizio di GoogleAccetto il trattamento dei miei dati come descritto in precedenza e come spiegato nelle norme sulla privacy e pigia sui pulsanti Crea account e Conferma per finalizzare il processo e accedere alla pagina iniziale della piattaforma Blogger.

Come creare un blog gratis su Google Blogger

Come creare un blog gratis su Google Blogger

Una volta completata la registrazione di un nuovo account Google, o dopo aver inserito nella pagina iniziale di Blogger le credenziali che possiedi già, sei finalmente pronto per creare il tuo blog personale.

La prima cosa che devi fare è scegliere se creare (se non ne disponi già) e collegare l’account Googlea Blogger, pigiando sul pulsante Crea un profilo Google+, oppure se creare un profilo specifico per la piattaforma, cliccando sul pulsante Crea un profilo Blogger limitato. La scelta, a questo punto, sta a te: puoi collegare il blog al social network di Google, per avvalerti delle funzionalità di condivisione messe a disposizione da quest’ultimo, oppure continuare creando un profilo specifico su Blogger senza passare per il social network.

Se hai deciso di creare un nuovo profilo Google+, sarai rimandato alle pagine del social network di Google e guidato durante la semplice creazione di un account. Se, invece, hai scelto di avvalerti di un profilo Blogger limitato, dovrai scegliere un nome utente e digitarlo nel campo Nome visualizzato.

Ad ogni modo, una volta completata la creazione del profilo, pigia sul pulsante Procedi con la registrazione a Blogger et voilà, il gioco è fatto: senza esitare oltre, clicca sul pulsante Crea nuovo blog per avviare immediatamente la creazione del tuo nuovo e personale spazio Web.

Nelle fasi successive, ti verrà chiesto di specificare le informazioni di base sul blog che ti appresti a creare: per prima cosa, digita nell’apposita casella di testo il Titolo che vuoi assegnargli, specifica successivamente l’Indirizzo con cui rendere raggiungibile il sito (che sarà qualcosa di simile a nomedelblog.blogspot.com) e scegli il Tema grafico da utilizzare tra quelli proposti, cliccando su una delle anteprime disponibili. Non preoccuparti se nessuno tra i temi iniziali cattura la tua attenzione: come intendo spiegarti più avanti, hai la possibilità modificare la grafica del tuo blog in qualsiasi momento.

Una volta effettuate le scelte che ritieni più opportune, clicca sul pulsante Crea il blog per finalizzare la procedura e, se necessario, ripeti l’operazione con il pulsante No, grazie per saltare l’acquisto di un dominio personalizzato: il tuo piccolo sito Web è finalmente pronto e aspetta soltanto di essere riempito e personalizzato!

Creare un nuovo post

Ora che hai finalmente il tuo blog, è arrivato il momento di metterti al lavoro e iniziare a pubblicare nuovi contenuti: tanto per cominciare, clicca sul pulsante Nuovo post collocato in alto e utilizza l’editor integrato per scrivere tutto ciò che desideri.

L’interfaccia per redigere i post è molto simile a tanti altri editor di testo per computer che avrai sicuramente avuto modo di usare: il campo di testo collocato in alto ti permette di specificare il Titolo dell’articolo, mentre la pulsantiera residente subito sotto ti offre l’accesso sia agli strumenti di formattazione del testo (tipo di font, grassetto, corsivo, sottolineato, barrato e così via) che a quelli di inserimento di contenuti multimediali e non (linkimmaginivideocitazionielenchi, ecc.).

Sul lato destro della schermata, invece, puoi trovare gli strumenti relativi alla pubblicazione del contenuto: puoi inserire delle Etichette per assegnare un tema al tuo post, utilizzare la Pianificazione per pubblicare automaticamente il contenuto in un secondo momento, modificare il permalink del post, impostare l’Ubicazione da cui lo pubblichi (o del posto di cui parli) oppure accedere a Opzioni avanzate che permettono, ad esempio, di inibire la pubblicazione dei commenti.

Una volta completato l’articolo, pigia sul pulsante Anteprima per vedere come questo si presenterà una volta pubblicato e, se sei soddisfatto del tuo lavoro, pigia sul pulsante Pubblica per inserire in via “ufficiale” il contenuto sul tuo blog. Se intendi invece lasciare in sospeso il post senza pubblicarlo, per poi riprenderlo in un futuro, pigia sul pulsante Salva e questo verrà memorizzato come bozza.

Puoi accedere all’elenco dei post del tuo blog in qualsiasi momento, facendo clic sul suo nome collocato nell’angolo in alto a sinistra della pagina; se desideri eliminare un post, non devi fare altro che apporre il segno di spunta nella casella accanto al suo nome e cliccare sul piccolo pulsante a forma di cestino residente nella parte alta della pagina. Facile, no?

Personalizzare il blog

Come creare un blog gratis su Google - Layout

Ora che sei riuscito a creare un blog gratis su Google e a inserire anche i primi contenuti, è arrivato il momento di capire come personalizzarlo e ottimizzarlo a seconda di quelle che sono le tue esigenze.

Per prima cosa, dunque, torna sulla pagina iniziale di Blogger e pigia sul pulsante Layout collocato a sinistra: attraverso questa sezione, hai la possibilità di modificare l’icona preferita del blog (cioè la “miniatura” che compare nelle schede del browser, accanto al nome della pagina, quando qualcuno visita il sito) e di aggiungere o rimuovere gadget, cioè elementi aggiuntivi atti ad arricchire sia la struttura che la grafica delle pagine del blog (ad es. una barra di ricerca, un riquadro contenente le informazioni personali, un’immagine, una sezione di codice HTML/JavaScript personalizzato e così via).

Per modificare il contenuto di un gadget, devi semplicemente cliccare sull’icona a forma di matita corrispondente al suo riquadro; per spostarlo da una parte all’altra del sito, invece, devi semplicemente “afferrare” il relativo riquadro con il mouse e trascinarlo nella sezione della pagina che più ti soddisfa.

Una volta completate le modifiche, puoi visualizzare un’anteprima del risultato finale cliccando sul pulsante Anteprima collocato in alto: quando sei soddisfatto del tuo lavoro, non devi fare altro che pigiare sul pulsante Salva disposizione per rendere effettive le modifiche apportate.

Come ti ho accennato nella precedente sezione, puoi personalizzare il tema del blog, se lo desideri, e modificarlo ogni volta che vuoi: per farlo, clicca sulla voce Tema presente nella pagina principale di Blogger, scegli un nuovo tema grafico per il tuo blog selezionandolo tra le anteprime proposte, oppure pigia sul pulsante Personalizza per modificare lo sfondo, la formattazione dei caratteri per ogni singola sezione, le combinazioni cromatiche dell’intero blog o la “forma” dei gadget inerenti al tema in uso.

Ad ogni modifica, Blogspot si occuperà di creare un’anteprima in tempo reale dell’aspetto del blog: una volta soddisfatto del tuo lavoro, non devi fare altro che cliccare sul pulsante Applica al blog collocato in alto. Per tornare alla pagina di gestione del sito, è sufficiente fare clic sul link Torna a blogger.

All’interno della summenzionata pagina, oltre agli strumenti di personalizzazione, puoi trovare altre sezioni relative alla gestione e alla manutenzione del tuo spazio Web: di seguito ti illustro brevemente il contenuto di ognuna di esse.

  • Post – cliccando su questa sezione è possibile accedere all’elenco dei contenuti pubblicati.
  • Statistiche – permette di visualizzare alcuni grafici riepilogativi relativi alle visite ricevute sul sito. È uno strumento particolarmente utile per monitorare l’andamento dei contenuti, capire quale tipo di utenza essi attraggono e raffinare le strategie di pubblicazione.
  • Commenti –  quest’area contiene l’elenco di tutti i commenti ricevuti sul blog ed offre funzionalità di base di moderazione (ad es. approvazione dei commenti, eliminazione degli estessi e segnalazione spam).
  • Profitti – si tratta della sezione relativa alla monetizzazione del blog: te ne parlerò in modo leggermente più approfondito nella sezione successiva.
  • Pagine – permette di creare delle “pagine statiche” da inserire nel blog. Si tratta di una funzionalità particolarmente utile se intendi creare un blog che faccia da “vetrina”.
  • Impostazioni – in questa sezione è possibile modificare le impostazioni del blog, come titolo, descrizione, privacy del blog e indirizzo, numero dei post da mostrare nella pagina principale, posizione del box dei commenti, impostazioni di moderazione degli stesse, lingua e molti altri aspetti fondamentali del sito Web.

Monetizzare il blog

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che hai appreso alla perfezione le procedure da effettuare per creare un blog gratis su Google e riempirlo con i contenuti che desideri. Immagino che, a questo punto, tu ti stia chiedendo se puoi trarre qualche piccolo vantaggio economico dalla tua nascente passione: ebbene, la risposta è assolutamente si…  ma con delle dovute precisazioni da fare.

Innanzitutto, per monetizzare il tuo blog devi essere iscritto al programma Google AdSense: se non ne hai mai sentito parlare, si tratta del servizio pubblicitario di Google riservato a gestori di blog e siti Web che, a costo zero, permette di pubblicare degli annunci pubblicitari tra le pagine di questi ultimi e guadagnare tramite i clic effettuati dai visitatori. Se intendi guadagnare con il tuo blog, è assolutamente fondamentale che tu ti iscriva a questo servizio e che ne conosca nel dettaglio il funzionamento: a tal proposito, ti esorto vivamente a consultare il mio approfondimento su come guadagnare con AdSense.

In secondo luogo, per attivare la monetizzazione su Blogger, è assolutamente fondamentale che il blog per cui la si richiede disponga di alcuni requisiti fondamentali: innanzitutto, questo deve essere attivo da almeno 6 mesi e deve essere gestito da una persona che abbia raggiunto la maggiore età. Inoltre, i contenuti pubblicati sul blog devono essere conformi alle norme del programma AdSense: di seguito ti elenco alcuni aspetti fondamentali da rispettare per non infrangerle.

  • I contenuti del sito non devono in alcun modo indurre il lettore a cliccare sugli annunci (ad es. “clicca sul banner in alto”).
  • I contenuti del sito non devono trattare materiale pornografico, scioccante, incitante alla violenza, al bullismo e/o alla discriminazione razziale, non devono invitare l’utente ad effettuare pratiche illegali (ad es. il download di materiale protetto da copyright o la vendita di droghe, armi, articoli contraffatti o farmaci con obbligo di prescrizione), non devono sponsorizzare adware, virus o altri tipi di malware e, in generale, non devono promuovere attività illecite o violare i diritti legali di terzi.
  • Gli annunci devono essere riconoscibili all’interno del contenuto.

Se ritieni che il tuo blog disponga dei requisiti fondamentali per la monetizzazione con AdSense, puoi effettuare l’integrazione con Blogger in modo molto semplice: tutto ciò che devi fare è cliccare sulla voce Profitti e seguire le istruzioni visualizzate a schermo per attivare la monetizzazione e scegliere la modalità di visualizzazione degli annunci all’interno della pagina. Qualora il tuo blog non dovesse soddisfare i requisiti per l’integrazione con la pubblicità di Google, verrà mostrato un apposito messaggio di errore.