Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come rippare un DVD in AVI

di

Vorresti creare una copia di sicurezza dei tuoi DVD video, salvandoli sul PC sotto forma di file AVI – in modo da poterli riprodurre senza dover necessariamente utilizzare il relativo dischetto e per poterteli “gustare” anche su smartphone, tablet e altri dispositivi non dotati di un lettore CD – ma non sai a quali soluzioni affidarti? Direi allora che, per tua fortuna, sei capitato sul tutorial giusto al momento giusto.

Se mi concedi un minimo della tua attenzione, infatti, posso spiegarti come rippare un DVD in AVI utilizzando alcune delle migliori soluzioni adatte allo scopo, disponibili sia per Windows che per macOS e tutte estremamente intuitive. Come dici? Alcuni dei DVD che intendi copiare sono protetti da sistemi anti-copia? Non ti preoccupare, ti aiuterà anche in questo caso. Però cerchiamo di andare con ordine.

Coraggio: posizionati bello comodo dinanzi il tuo fido PC, prenditi un po’ di tempo libero soltanto per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto del risultato ottenuto e che riuscirai a goderti i tuoi film e serie TV su tutti i tuoi dispositivi. Scommettiamo?

Indice

Operazioni preliminari

DVD esterno

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare, in concreto, quali sono le operazioni che vanno effettuate per riuscire a rippare un DVD in AVI, ci sono alcune operazioni preliminari che potresti dover compiere.

Quello a cui mi riferisco, per essere precisi, è sincerarti del fatto che il PC da te impiegato disponga di un masterizzatore. La maggior parte dei computer di recente produzione, sia quelli fissi che quelli portatili, ne sono sprovvisti. Per cui, se questo è anche il tuo caso, per riuscire a compiere la procedura oggetto di questa guida dovrai necessariamente munirti di un masterizzatore esterno da collegare poi al PC (qualora tu non abbia già provveduto a farlo, chiaramente).

A questo proposito, se può esserti d’aiuto, ti invito a consultare la mia guida all’acquisto dedicata proprio ai masterizzatori esterni: al suo interno ci trovi numerose dritte in merito a marche, modelli, prezzi e compatibilità che possono tornarti utili per determinare quale prodotto di questo tipo comprare.

Come rippare un DVD in AVI

Come ti dicevo, per rippare un DVD in AVI puoi servirti di diversi programmi, sia per Windows che per macOS. Qui di seguito trovi dunque indicati quelli che, a mio modesto avviso, rappresentano i migliori della categoria. Mettili subito alla prova.

VLC (Windows/macOS/Linux)

VLC

Per riuscire a rippare un DVD in AVI, il primo software che ti consiglio di prendere in considerazione è VLC. Non ne hai mai sentito parlare? Nessun problema, rimediamo subito. Si tratta di un noto player multimediale gratuito, di natura open source e disponibile per Windows, macOS e Linux, grazie al quale è possibile riprodurre praticamente qualsiasi tipo di file audio e video senza ricorrere a codec esterni. Ho scelto di parlartene in questo tutorial in quanto include anche delle funzioni per effettuare il ripping di CD e DVD.

Per effettuarne il download sul tuo computer, visita il sito Internet del programma e clicca sul pulsante Scarica VLC. Completato il download, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, fai clic sui bottoni e OK. In seguito, premi sui pulsanti Avanti (per tre volte consecutive), Installa e Fine, per concludere il setup.

Ora che visualizzi la finestra di VLC sul desktop, inserisci il DVD da rippare nel masterizzatore, clicca sul menu Media che si trova in alto a sinistra, seleziona da quest’ultimo la voce Converti / Salva e scegli la scheda Disco dall’ulteriore finestra che ti viene mostrata. Provvedi poi a fare clic sul pulsante Sfoglia posto accanto alla dicitura Dispositivo a disco e seleziona il dischetto che è tua intenzione rippare.

In seguito, clicca sul pulsante con l’elenco puntato che trovi accanto alla dicitura Profilo, scegli l’opzione AVI dalla scheda Incapsulamento nell’ulteriore finestra che ti viene mostrata e regola le altre opzioni relative alla codifica video, a quella audio e ai sottotitoli, selezionando i relativi pannelli; dopodiché digita il nome che intendi assegnare al profilo che stai per creare, nel campo Nome profilo, e premi sul pulsante Salva.

Per concludere, indica posizione di output del file finale, premendo sul pulsante Sfoglia posto accanto alla dicitura File di destinazione e avvia la procedura per rippare il dischetto, premendo sul pulsante Avvia.

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di VLC nella cartella Applicazioni di macOS. Successivamente, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e clicca sul pulsante Apri nella finestra sullo schermo, in modo tale da avviare il software andando però aggirare le limitazioni volute da Apple nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo alla prima esecuzione).

Una volta visualizzata la finestra di VLC sullo schermo, inserisci il DVD nel masterizzatore, seleziona il menu File dalla parte in alto a sinistra della barra dei menu e poi quella Converti/Trasmetti. Trascina quindi l’icona del DVD presente nel Finder o sulla scrivania nell’ulteriore finestra appena comparsa, clicca sul menu Scegli il profilo e seleziona la voce Personalizzato da quest’ultimo, dopodiché fai clic sul pulsante Personalizza.

Nel pannello che si apre, seleziona la voce AVI dalla scheda Incapsulamento, regola le opzioni relative ai codec video e audio e ai sottotitoli mediante le ulteriori schede disponibili, premi sul pulsante Salva come nuovo profilo, digita il nome che è tua intenzione assegnare al profilo che stai per creare e premi sul pulsante Salva.

Per concludere, premi sul pulsante Salva come file, indica la posizione in cui vuoi salvare il file finale, cliccando sul bottone Salva come file, e premi sul bottone Vai!, in modo tale da dare il via alla procedura di ripping.

Video to Video Converter (Windows)

Video to Video Converter

Se quello che stai usando è un PC con su installato Windows, per rippare un DVD in AVI puoi altresì affidarti a Video to Video Converter. Si tratta di un programma gratuito, specifico per i sistemi operativi di casa Microsoft, che non necessita d’installazione per poter funzionare e che permette di convertire tra loro tutti i più diffusi formati di file audio e video, oltre che di effettuare operazioni di ripping.

Per eseguire il download del programma sul tuo computer, recati sul suo sito Internet ufficiale, clicca sul pulsante Downloads posto in alto e poi seleziona il collegamento voce Click here to download ZIP archive.

Ultimato il download, estrai in una cartella a piacere il contenuto dell’archivio ZIP appena ottenuto e avvia il file vv.exe contenuto al suo interno. Nella finestra che vedi comparire sul desktop, seleziona l’opzione Italian dal menu a tendina per la scelta della lingua e clicca sul pulsante OK.

Ora che visualizzi la finestra principale del programma, inserisci nel masterizzatore il dischetto relativamente al quale ti interessa andare ad agire, dopodiché fai clic sul menu Strumenti situato in alto, seleziona da quest’ultimo la voce Converti DVD a video, scegli l’opzione DVD nell’ulteriore finestra che si apre e seleziona il dischetto dal menu a tendina adiacente.

Successivamente, seleziona i capitoli del DVD di tuo interesse dal riquadro in basso, regola le impostazioni relative all’audio e ai sottotitoli dai menu laterali e digita il nome che vuoi assegnare al file di output nel campo Nome del file di destinazione, dopodiché clicca sul pulsante Ok.

Per concludere, seleziona l’opzione AVI dalla scheda Profili video nella nuova finestra che si è aperta e avvia la procedura di ripping, premendo sul pulsante OK situato in basso a destra.

Se vuoi, prima di salvare il DVD sotto forma di file AVI sul computer, puoi apportare ulteriori regolazioni al file finale agendo su bitrate, codec audio ecc. tramite i menu a tendina che si trovano nella barra laterale di destra e selezionando una delle opzioni disponibili.

Tieni altresì presente che, per impostazione predefinita, Video to Video Converter salva i file convertiti nella cartella VideoOutput che si trova nel percorso in cui ci sono tutti i file del programma. Se vuoi, però, puoi modificare questo comportamento, facendo clic sull’icona della cartella gialla presente nella parte in basso della schermata principale del programma e indicando il percorso che preferisci per esportare i file.

iSuper DVD Ripper (macOS)

iSuper DVD Ripper

Se utilizzi un Mac, puoi altresì valutare di ricorrere all’uso di iSuper DVD Ripper. Si tratta, infatti, di un’applicazione gratuita specifica per macOS, grazie alla quale è possibile salvare sul disco fisso il contenuto dei dischetti inseriti nel masterizzatore, scegliendo tra diversi formati di output. Integra anche un comodo editor video ed è facilissima da usare. Da notare che, eventualmente, propone acquisti in-app (al costo di 10,99 euro) per sbloccare funzioni aggiuntive.

Per scaricare il programma, visita la relativa sezione del Mac App Store, premi sul pulsante Ottieni, quindi su quello Installa e, se necessario, digita la password del tuo ID Apple oppure usa il Touch ID (se il Mac che stai usando supporta questa tecnologia), in modo tale da autorizzarne il download. Avvia quindi l’applicazione, facendo clic sul pulsante Apri comparso sullo schermo.

Una volta visualizzata la finestra di iSuper DVD Ripper, inserisci nel masterizzatore il dischetto di tuo interesse, fai clic sul pulsante Load Disc presente in alto, scegli la voce Load DVD Folder dal menu che si apre e seleziona il DVD dalla finestra che compare, dopodiché premi sul pulsante OK.

A questo punto, apponi un segno di spunta accanto ai capitoli del DVD che vuoi rippare, nella parte centrale della schermata di iSuper DVD Ripper, dopodiché clicca sul menu Profile posto in basso, seleziona la voce Free video dalla colonna sinistra e scegli uno dei profili AVI che trovi a destra, in base a quelle che sono le tue esigenze e preferenze. In seguito, clicca sul pulsante Apply to All, per applicare il medesimo profilo a tutti i capitoli del dischetto.

Se poi vuoi regolare le impostazioni avanzate del profilo scelto, premi sul pulsante Settings che trovi in sua corrispondenza nella finestra principale del programma, mentre per intervenire sulle opzioni per i singoli capitoli, agisci sui menu a tendina appositi situati al centro.

Per concludere, scegli la cartella di output sul tuo Mac, facendo clic sul pulsante Browse che trovi accanto alla voce Destination in basso, decidi se unire tutti i capitoli in un unico file AVI, apponendo la spunta sulla casella Merge into one file, e avvia il processo di ripping, premendo sul bottone Convert.

Come rippare un DVD protetto in AVI

Se possiedi un DVD dotato di protezione anticopia e vuoi salvarlo in AVI sul tuo computer, al fine di crearne un file di backup, i programmi che ti ho suggerito nelle righe precedenti non sono adatti allo scopo in questione, in quanto non sono in grado di aggirare le protezioni applicate ai dischetti. Per riuscirci, però, puoi affidarti alle soluzioni ad hoc che trovi segnalate qui sotto.

DVDFab DVD Ripper (Windows/macOS)

DVDFab DVD Ripper

Il primo strumento per rippare DVD protetti che ti suggerisco di mettere alla prova è DVDFab DVD Ripper. Si tratta di un software per Windows e macOS che consente di riversare sull’hard disk del computer il contenuto dei DVD, con e senza protezione, scegliendo tra vari formati di output e permettendo di personalizzare in tutto e per tutto le caratteristiche del file finale. È a pagamento (costa 54,90 dollari), ma lo si può provare gratis per 30 giorni.

Per scaricare DVDFab DVD Ripper sul tuo computer, recati sul suo sito Internet ufficiale, seleziona il logo del sistema operativo che stai usando e clicca sul pulsante Free Download.

A scaricamento ultimato, se stai impiegando Windows, avvia il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, clicca sul pulsante . Seleziona poi la voce Installa e, a setup ultimato, clicca sulla dicitura Avvia.

Se stai usando macOS, invece, apri il file .pkg ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sulla scrivania, premi sui pulsanti Continua (per tre volte consecutive), Accetta e Installa. Digita, dunque, la password del tuo account utente su macOS, premi sul bottone Installa software e fai clic sul pulsante Chiudi, in modo tale da portare a termine il setup.

Se durante la procedura d’installazione vedi comparire un avviso relativo al fatto che un’estensione di sistema è stata bloccata, per rimediare, apri le Preferenze di Sistema, cliccando sulla relativa icona (quella con la ruota d’ingranaggio) che si trova sulla barra Dock, seleziona la voce Sicurezza e Privacy nella finestra che si apre e premi sul bottone Consenti, posto accanto alla dicitura “Legacy Developer: Dvdfab”, in basso.

A questo punto, a prescindere dal sistema operativo impiegato, se ti viene mostrato un avviso relativo all’uso della versione di prova, acconsenti pure all’attivazione di quest’ultima. Inoltre, se stai usando Windows e ti viene chiesto di abilitare il programma nel firewall, clicca sul pulsante Consenti accesso.

Adesso, inserisci nel masterizzatore il disco da rippare in AVI, seleziona la scheda Rippa/Ripper che si trova nella parte in alto della finestra del programma, fai clic sul pulsante (+) situato al centro e seleziona il tuo DVD. Successivamente, clicca sul pulsante MP4 in alto a sinistra e, dal menu che si apre, seleziona la voce AVI dalla sezione Video.

Scegli poi i capitoli del DVD su cui desideri andare ad agire, premendo sul pulsante Scegli titoli e selezionandoli dall’elenco proposto. Se lo ritieni necessario, puoi apportare ulteriori regolazioni relative ai sottotitoli, al bitrate ecc. per ciascun capitolo del DVD, agendo sui menu a tendina appositi e cliccando sul pulsante a forma di chiave inglese che trovi in corrispondenza di ognuno e intervenendo mediante la finestra che si apre

Per concludere, indica la posizione di output del file finale, cliccando sul pulsante con la cartella posto in basso, e avvia la procedura di ripping del dischetto, facendo clic sul bottone Avvia/Start adiacente.

DVDFab Passkey for DVD (Windows)

DVDFab Passkey for DVD

Per riuscire nel tuo intento, puoi altresì rivolgerti a DVDFab Passkey for DVD, un programma gratuito disponibile solo per sistemi operativi Windows che agisce come driver per scavalcare le protezioni applicate a DVD e Blu-Ray che sono stati inseriti nel masterizzatore. È in grado di agire su tutte i principali sistemi anticopia ed è a pagamento (costa 44,90 dollari), ma è disponibile sotto forma di prova gratuita funzionante su un massimo di tre dischi per 30 giorni.

Per scaricare il programma sul tuo computer, visita il sito Internet ufficiale e clicca sul pulsante Free Download. A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, fai clic sui pulsanti , Installa e Avvia. Successivamente, fai clic sul pulsante Continua in risposta all’avviso che ti viene mostrato su schermo, relativo all’uso della versione di prova del programma, dopodiché inserisci nel masterizzatore il dischetto relativamente al quale desideri intervenire e attendi che venga rilevato dal software.

In seguito, serviti di uno dei programmi per rippare i DVD in AVI che ti ho segnalato nella parte iniziale di questa guida e dovresti finalmente essere in grado di riversare il contenuto del dischetto sul computer, andando ad aggirare la protezione anticopia.

Se vuoi, prima di avviare la procedura di ripping, puoi intervenire sulle impostazioni di DVDFab Passkey for DVD, facendo clic destro sull’icona del programma che trovi nell’area di notifica di Windows, selezionando la voce Impostazioni dal menu che si apre e agendo tramite la finestra che ti viene mostrata su schermo.

AnyDVD (Windows)

AnyDVD

AnyDVD è un altro software per sistemi operativi Windows che agisce come un driver per aggirare in tempo reale le protezioni anticopia dei DVD. Supporta anch’esso tutti i più recenti sistemi di protezione ed è altresì in grado di eliminare le protezioni regionali dai film. È a pagamento (costa 59 euro/anno oppure 109 euro una tantum), ma è disponibile in una versione di prova gratuita della durata di 21 giorni.

Per scaricare il programma sul computer, visita il suo sito Internet e fai clic sul pulsante Download situato a sinistra. Nella nuova pagina che si apre, clicca ancora sul bottone Download posto in corrispondenza del nome del programma, nell’elenco situato al centro.

Completato il download, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, clicca sui pulsanti e Accetto. In seguito, fai clic sui bottoni Avanti, Installa, e Chiudi. Per concludere, premi nuovamente sul pulsante , così da acconsentire al riavvio del computer.

Al nuovo accesso al sistema, quando visualizzerai la finestra di AnyDVD, clicca sui pulsanti Richiesta prova, e OK, così da poter cominciare a usufruire della tiral del programma. Successivamente, aspetta che sullo schermo compaia la finestra principale di AnyDVD e clicca sui pulsanti e OK, in modo tale da minimizzare il software.

A questo punto, inserisci nel masterizzatore il DVD relativamente al quale desideri andare ad agire ed effettuane la copia in formato AVI sul computer, usando uno qualsiasi dei programmi che ti ho segnalato nella parte iniziale della guida, che in accoppiata al funzionamento di AnyDVD dovrebbe riuscire ad aggirare la protezione applicata al disco.

Se poi prima di rippare il DVD hai necessità di modificare le impostazioni di AnyDVD, ti comunico che puoi riuscirci facendo clic destro sull’icona del software nell’area di notifica di Windows, selezionando la voce Impostazioni dal menu visualizzato e intervenendo mediante la finestra che ti viene mostrata.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.