Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Miglior smartphone cinese: guida all’acquisto

di

Grazie ai loro prezzi “aggressivi”, quasi sempre stracciati rispetto alla concorrenza, gli smartphone cinesi stanno avendo un grandissimo successo anche nel nostro paese. Hai mai pensato di acquistarne uno? Come dici? Hai paura di incappare in qualche “clone” mal riuscito o in qualche prodotto di scarsa qualità? Non temere, questi sono miti che bisogna in gran parte sfatare, anche perché a partire dagli ultimi anni gli smartphone cinesi sono in grado di tenere testa senza troppi problemi anche alle produzioni vendute in occidente.

Le copie non autorizzate degli smartphone Samsung e Apple esistono ancora, certo, i cellulari “made in China” di scarsa qualità lo stesso, ma questi device ormai rappresentano solo una parte marginale dell’immenso mercato smartphone cinese; un mercato che ha saputo tirar fuori brand e prodotti davvero molto validi Ed oggi è proprio di questi prodotti che voglio parlarti. Se una volta gli smartphone provenienti dalla Cina obbligavano a forti compromessi, ad esempio per quanto riguarda la risposta del touch-screen o la qualità del display e delle componenti, adesso non è più così.

Credimi, se vai alla ricerca di un telefono economico ma che sia allo stesso tempo potente e in grado di far “girare” tutte le applicazioni più in voga del momento, non potresti fare scelta più azzeccata di uno smartphone cinese. Dai, prenditi cinque minuti di tempo libero, da’ un’occhiata ai telefoni che sto per consigliarti e cerca di individuare quello che fa maggiormente al caso tuo. Scommetto che rimarrai stupito dal loro eccezionale rapporto potenza-prezzo e dal livello di cura, anche estetico, che molti di essi sono riusciti a raggiungere.

Indice

Come scegliere uno smartphone cinese

Smartphone cinesi

La scelta di uno smartphone cinese si basa sulle stesse identiche caratteristiche rispetto a quella di uno smartphone tradizionale. Le componenti integrate sono infatti le stesse (processore, memorie, batteria, display), anche se nelle produzioni meno costose la qualità sarà inevitabilmente inferiore. Tuttavia tutti i produttori più grandi producono materialmente i propri dispositivi in Cina e, se consideriamo brand come Xiaomi o Meizu, la qualità generale dei loro prodotti è straordinariamente elevata.

Devi sapere, però, che alcuni dei produttori cinesi che ti segnalerò di seguito non vendono ufficialmente in Italia e non dispongono della licenza d’uso per le app di Google. Alcuni modelli quindi vengono forniti senza Google Play Store (che può comunque essere installato separatamente) e/o con un sistema operativo non tradotto in italiano (anche questo problema spesso si può risolvere “smanettando” un po’, ma non è un’operazione che tutti sono disposti a compiere).

Fatta questa doverosa precisazione, lascia che ti illustri alcune caratteristiche alle quali fare particolare attenzione prima di acquistare uno smartphone cinese, prima fra tutte la presenza del supporto per la Banda 20.

Smartphone cinesi con banda 20

Se hai intenzione di acquistare smartphone cinesi con supporto 4G/LTE, fa’ attenzione alle bande di frequenza supportate. Gli operatori italiani, infatti, operano sulle bande di frequenza a 800MHz, 1800MHz e 2600MHz e molti cellulari cinesi supportano solo le bande a 1800MHz e 2600MHz. Questo significa che in alcune zone, dove il segnale viaggia solo sulle frequenze a 800MHz, questi smartphone non sono in grado di agganciarsi alla rete 4G (ad esempio con Wind, che è sostanzialmente l’unico che utilizza questa frequenza in Italia fra gli operatori maggiori). La banda 4G LTE a 800 Mhz viene spesso indicata anche come Banda 20 o B20.

Connettività 5G

Ha senso oggi considerare uno smartphone cinese con connessione 5G? E quali caratteristiche devo guardare? Fai bene a porti questa domanda, tuttavia non ci sono grossi problemi o considerazioni da fare oggi durante l’acquisto di uno smartphone cinese 5G. Tutti i dispositivi in vendita sono in linea di massima predisposti per collegarsi alle reti italiane senza problemi, anche quelli prodotti in Cina. Inoltre, le reti 5G sono oggi una realtà e presto potrebbero sostituire il 4G LTE nella maggior parte dei contesti: se non vuoi sostituire il tuo nuovo smartphone a breve, quindi, ti consiglio di considerare l’acquisto di uno smartphone 5G già oggi.

Cosa guardare fra le specifiche tecniche? Innanzitutto devi sapere che il 5G può collegarsi a reti generate con bande di frequenza di tipo sub-6 GHz, le più lente ma con portata estesa, e mmWave, le più veloci ma con capacità inferiore e pensate principalmente per i contesti urbani con tante piccole celle disposte in un’area relativamente compatta. In Italia vengono utilizzate le bande 700MHz e 3.700mAh per quanto riguarda le retu sub-6 GHz, mentre a livello di onde millimetriche sfruttiamo la banda 26GHz.

Dual-SIM ed espansione memoria

La maggior parte degli smartphone cinesi che ti elenco qui di seguito sono dual-SIM. Questo significa che possono essere usati con due SIM contemporaneamente, ma non sono tutti uguali. Va fatta una distinzione fra i rarissimi telefoni DSFA (Dual Sim Full Active) che permettono di usare due SIM in contemporanea senza alcun tipo di limite e i diffusissimi telefoni DSDS (Dual SIM Dual Stand-by) che invece fanno risultare una SIM irraggiungibile/occupata quando l’altra è utilizzata per una chiamata.

Inoltre, va detto che alcuni telefoni hanno un singolo slot per la seconda SIM e la microSD, questo significa che si deve scegliere se sfruttare la funzione dual-SIM del dispositivo o se espandere la sua memoria, non si possono fare entrambe le cose contemporaneamente!

Garanzia

Un’altra raccomandazione che ti faccio riguarda la garanzia. I telefonini cinesi, ça va sans dire, sono prodotti d’importazione e quindi potrebbero avere una garanzia diversa da quella standard europea o italiana a cui siamo abituati con gli smartphone venduti comunemente nei negozi italiani.

Verifica sempre, prima di completare l’acquisto, che tipo di garanzia ti offre il negozio in cui compri il prodotto. Gli smartphone cinesi possono rompersi o mostrarsi difettosi anche al primo avvio come qualsiasi altro prodotto, quindi ti consiglio di non “rischiare” acquistando il prodotto da negozi di dubbia affidabilità.

Moto

Display

Passiamo adesso alle caratteristiche convenzionali, ovvero quelle che devi analizzare su uno smartphone cinese come su qualsiasi altro dispositivo in commercio. La più importante è il display, cioè lo schermo che ricopre la parte frontale dello smartphone quasi in tutta la sua interezza. Le dimensioni del display vengono misurate in pollici: con l’avvento dei design full-screen le dimensioni degli schermi sono aumentate sensibilmente ed è oggi difficile trovare smartphone con display da meno di 5″, se non nei modelli dal prezzo molto basso.

Aumentando la “lunghezza” del display i produttori sono riusciti ad integrare un display di dimensioni maggiori all’interno di scocche non troppo diverse in dimensioni rispetto alle precedenti generazioni. Così facendo è cambiato l’aspect-ratio, ovvero il rapporto prospettivo fra i due lati. In breve è il rapporto che c’è fra la lunghezza e la larghezza del display e i più usati negli smartphone sono di 18:9 fino a 21:9.

In questo modo vengono ridotte anche le dimensioni delle cornici, introducendo i design cosiddetti bezel-less e la notch (o in italiano “tacca”). Avrai certamente notato che negli smartphone delle ultime generazioni c’è un piccolo inserto che taglia la parte superiore del display: per ottenere il miglior rapporto schermo-cornici possibile, infatti, i produttori sono costretti a mettere in questo inserto fotocamera e sensori anteriori.

Ci sono anche modelli che raggiungono i 6,7”, ma solitamente superati i 6,5” l’ergonomia del dispositivo inizia ad essere compromessa da dimensioni molto elevate. I display possono essere LCD IPS o AMOLED, i primi più fedeli nei colori, i secondi più d’impatto grazie alla possibilità di spegnere i pixel neri (presentando quindi un maggior contrasto) e possono supportare diverse risoluzioni. Maggiore è la risoluzione e superiore è la definizione delle immagini: gli standard più diffusi sono HD (1280×720 pixel), Full HD (1920×1080 pixel) e Quad HD (2560×1440 pixel). Con il suffisso “+” si indica una risoluzione derivata da quella indicata, ma con aspect-ratio diverso da 16:9.

A partire dal 2019 sono stati annunciati anche i primi smartphone con display pieghevole, che consentono di avere una superficie sfruttabile simile a quella di un piccolo tablet grazie al fatto che possono essere utilizzati da aperti o da chiusi come se fossero un libro. Al momento non ti consiglio questa tecnologia: i modelli che ne fanno uso costano parecchio e sono particolarmente delicati.

Processore e memorie

Il processore (CPU) è la componente centrale dello smartphone, quella che permette di eseguire tutti i calcoli e le operazioni. La CPU è integrata all’interno di un “package” chiamato SoC che contiene anche la GPU (per i calcoli grafici) e altre componenti essenziali. Più è avanzata e più lo smartphone si mostrerà reattivo e pronto a gestire ogni comando: la velocità di una CPU si misura in GHz, mentre la sua capacità ad eseguire più operazioni in parallelo può venire stabilita dal numero di core presenti (due, quattro, otto o dieci sugli smartphone di questa generazione).

Il processore è inoltre supportato dal comparto memorie: la RAM è la memoria di sistema che consente di immagazzinare i dati che vengono usati in un determinato momento dal dispositivo. Su uno smartphone Android ti consiglio di non scendere sotto i 2 GB, a meno che tu non abbia esigenze piuttosto basilari. La memoria di storage è invece quella in cui puoi salvare dati, documenti, file, immagini, video e anche app. Può essere espansa via schede di memoria esterne, come ti ho scritto poco sopra.

Fotocamere

Come consuetudine ormai, uno smartphone implementa due fotocamere. Quella principale viene posizionata nella parte posteriore, ed offre una qualità degli scatti solitamente più elevata rispetto alla fotocamera frontale, che viene posizionata invece sull’anteriore.

Le caratteristiche da considerare sono i Megapixel del sensore integrato, che stabiliscono la risoluzione massima delle foto; l’apertura di diaframma, che stabilisce la luminosità dell’obiettivo; e la capacità di registrare video in Full HD, in 4K Ultra HD, o in slow-motion. Alcuni smartphone utilizzano per la fotocamera anteriore un obiettivo ad ampio campo di visione.

Batteria

L’efficacia della batteria installata negli smartphone viene misurata quasi sempre in milliampereora (mAh): maggiori sono i mAh e superiore è l’autonomia dello smartphone a parità di caratteristiche. A stabilire la durata su singola carica ci sono però anche altre variabili, come le modalità con cui viene usato lo smartphone: display acceso, navigazione web su reti 3G o 4G e navigazione satellitare via GPS sono le modalità più dispendiose in termini energetici. Le batterie possono essere rimovibili o fisse, in base al terminale.

La ricarica rapida è una caratteristica oggi imprescindibile su uno smartphone, ovvero tutte quelle tecnologie che consentono di caricare la batteria dello smartphone a 15W o più. A partire da 30W ti consentono di ottenere una buona autonomia con pochi minuti di ricarica, ma ci sono smartphone cinesi che vengono forniti anche con caricabatterie da 65W o più che possono caricare completamente uno smartphone in meno di 40 minuti.

Sistema operativo

I due sistemi operativi principali che puoi trovare su smartphone sono Android e iOS (il sistema operativo mobile di Apple), ma su uno smartphone cinese troverai sempre Android. Si tratta del sistema operativo di Google, il più diffuso in questa categoria di prodotto, che può essere personalizzato dai produttori in diversi ambiti. Negli anni è cresciuto parecchio fino a diventare decisamente fluido e stabile, oltre ad essere versatile e a godere di un parco applicazioni veramente interminabile.

Ti ricordo che Android riesce a offrire parecchie delle sue funzionalità attraverso i Google Mobile Services (o GMS), ma non tutti i produttori cinesi ne hanno accesso. Il caso più celebre è quello di Huawei, che nei suoi smartphone di ultima generazione utilizza i servizi proprietari (Huawei Mobile Services) e non può eseguire le app native di Google (come Gmail, Google Maps o Google Foto), o tutte le app che si affidano ai GMS per funzionare (ad esempio eseguendo il log-in agli account Google o sfruttando i servizi sulla posizione o di sicurezza di Google). C’è da dire che gli HMS stanno crescendo rapidamente, e Huawei sta investendo parecchio per portare quante più applicazioni nel suo store proprietarioAppGallery. È impossibile che tu riesca a trovare iOS su un dispositivo cinese, visto che solo Apple può utilizzarlo.

Altre caratteristiche

Uno smartphone è dotato anche di altre componenti essenziali: molto importante è ad esempio il sensore di impronte digitali per lo sblocco rapido del terminale o l’accesso ad alcune applicazioni; abbiamo inoltre l’impermeabilità e la resistenza alla polvere, segnalate con la certificazione IP; e infine ti segnalo la possibilità di trovare un LED per le notifiche o i tasti retroilluminati per la navigazione nel sistema operativo. Alcuni smartphone supportano anche le connessioni OTG e MHL: le prime per collegare chiavette USB, le seconde per usare lo smartphone come sorgente per un televisore o un monitor esterno.

A partire dal 2019 sono stati lanciati anche i primi modelli con modem 5G, che consentono di raggiungere una maggiore velocità di connessione attraverso la rete cellulare. In questo modello ci sono davvero pochi modelli che sfruttano le più moderne tecnologie di connettività, tutti di fascia altissima e con dimensioni ragguardevoli. Inoltre la copertura garantita dagli operatori italiani è al momento limitata solo in alcune grandi città, quindi l’acquisto di un cellulare con modem 5G può essere considerato sì lungimirante, ma al tempo stesso prematuro.

Quale smartphone cinese comprare

Adesso ci siamo davvero. Eccoti un elenco, breve ma spero ugualmente esaustivo, di cellulari cinesi che presentano un ottimo rapporto qualità-prezzo. Cerca di scoprire qual è quello più adatto alle tue esigenze.

Miglior smartphone cinese economico (meno di 200€)

Poco X3

Smartphone cinese
Uno smartphone decisamente interessante sul fronte rapporto qualità-prezzo, visto che è un dispositivo di fascia media venduto al prezzo di un entry-level. Adotta un ampio display da 6,67″ a risoluzione Full HD+ con tecnologia AMOLED, supporto all’HDR e processore Qualcomm Snapdragon 732G. Al posteriore sono quattro le fotocamere, con una principale da 64MP e una ultra grandangolare, mentre le altre sono macro e sensore di profondità (scarsamente utili). La batteria da 5.160mAh può essere ricaricata rapidamente (33W).

Xiaomi Poco X3 NFC - Smartphone 128GB, 6GB RAM, Dual Sim, Shadow Gray
Vedi offerta su Amazon

realme C3

Smartphone cinese
Nata da una costola della celebre Oppo, realme è un’azienda che si offre sul mercato con alcuni dei migliori prodotti sul fronte qualità-prezzo. realme C3 è un ottimo entry-level, con display da 6,5″ a risoluzione HD+, processore MediaTek Helio G70 supportato da 4GB di RAM e 64GB di storage, e batteria da 5.000mAh. Al posteriore la fotocamera principale è da 12MP, ed è accompagnata da una coppa di fotocamere macro e profondità da 2MP anche qui non il massimo dell’utilità. Le dimensioni sono di 164 x 75 x 9 mm, mentre il peso è di 195 grammi. Non è lo smartphone più aggraziato sul mercato, ma offre un’ottima esperienza d’uso al prezzo a cui è venduto.

realme C3 EU Smartphone, Tripla Fotocamera con AI da 12 MP, Slot per 3...
Vedi offerta su Amazon

Xiaomi Redmi 9

Smartphone cinese
Redmi 9 è probabilmente lo smartphone migliore nella sua fascia di prezzo per la stragrande maggioranza degli utenti. Estetica curata, esperienza d’uso di ottimo livello e ottima autonomia. Le dimensioni sono anche qui abbastanza importanti: 163 x 77 x 9,1 mm, con un peso di 198 grammi, per uno smartphone che è dotato di processore MediaTek Helio G80 che può essere accompagnato da 3, 4 o 6GB di RAM, in base alla versione, e fino a 128GB di spazio di archiviazione. Abbiamo poi una quadrupla fotocamera posteriore con possibilità di scattare in modalità grandangolo, ultra grandangolo e macro. Utilizza la celeberrima MIUI di Xiaomi, e il display è da 6,53″ a risoluzione Full HD+.

Huawei P40 lite / P30 lite

Smartphone cinese
Lato hardware Huawei P40 lite è uno fra i migliori smartphone di fascia medio-bassa attualmente disponibili sul mercato: utilizza il potente processore Kirin 810, fra i migliori in questa fascia di prezzo, abbinato a 6GB di RAM e 128GB di spazio di archiviazione locale, con supporto all’espansione della memoria via NM Card. Abbiamo poi una batteria da 4.200mAh che può essere ricaricata a ben 40W, mentre il display è da 6,4″ con supporto alla risoluzione Full HD+. La fotocamera posteriore è di ottima qualità, in relazione al prezzo: monta un sensore principale da 48MP, abbinato a una ultra grandangolare e alla tipica coppia di sensori macro e di profondità. Sulla parte frontale, in un foro in alto sulla sinistra, c’è una fotocamera da 16MP. Mancano i servizi Google, quindi alcune app per Android non funzioneranno correttamente. Se sei interessato alla vicenda, ti consiglio di approfondire l’argomento sulla mia guida su AppGallery, che è lo store proprietario di Huawei e dei dispositivi con Huawei Mobile Services.

Huawei P40 Lite Midnight Black 6.4" 6gb/128gb Dual Sim
Vedi offerta su Amazon

Se l’assenza dei GMS su P40 lite ti preoccupa, allora ti consiglio il suo predecessore, con un hardware solo un po’ meno efficiente ma con ottime doti per quanto riguarda l’affidabilità e le qualità della fotocamera. Su Huawei P30 lite, infatti, i servizi Google sono presenti e perfettamente funzionanti.

Huawei P30 Lite - Smartphone da 6.15 "(WiFi, Kirin 710, 4GB RAM, memor...
Vedi offerta su Amazon

Redmi Note 9

Smartphone cinese
Un altro ottimo prodotto della fascia bassa che può competere con la fascia media. Redmi Note 9 si caratterizza per il display da 6,3″ a risoluzione Full HD e, soprattutto, per l’ottimo processore Qualcomm Snapdragon 665 sotto la scocca che offre ottime prestazioni in base al costo di questo terminale. Abbiamo versioni da 3 a 6GB di RAM e fino a 128GB di spazio di archiviazione espandibile via microSD, mentre la fotocamera posteriore monta un sensore da 48MP, per la principale, e moduli per scattare in modalità ultra grandangolare, macro e bokeh. Questo smartphone può registrare in slow-motion anche in Full HD e ha una fotocamera frontale in un foto al centro del display, nella sua parte superiore. Monta Android 9 con personalizzazione MIUI di Xiaomi e la batteria è da 4.000mAh.

Xiaomi Redmi Note 9 - smartphone RAM 4GB ROM 128GB 6.53”FHD+ DotDispla...
Vedi offerta su Amazon

Miglior smartphone cinese di fascia media (da 150€ a 350€)

OnePlus NORD

Smartphone cinese
Con un ottimo display AMOLED da 6,44″ a risoluzione Full HD+, frequenza d’aggiornamento di 90Hz e il supporto alle reti 5G di ultima generazione, OnePlus NORD è uno fra i migliori smartphone di fascia bassa per quanto riguarda il rapporto qualità-prezzo. Adotta il processore Qualcomm Snapdragon 765G, 8GB di RAM ed è disponibile in versioni da 128 o 256GB di spazio di archiviazione. Il sistema fotografico prevede, al posteriore, quattro moduli, fra cui un principale da 48MP, un ultra grandangolare e i soliti moduli per macro ed effetti bokeh. Abbiamo poi una batteria da 4.115mAh con ricarica rapida, mentre nella parte frontale troviamo una doppia fotocamera, in un foro nella parte superiore del display, con un modulo principale affiancato da un ultra grandangolare per selfie di gruppo.

OnePlus NORD Smartphone 6,44" 5G 8GB RAM 128GB, con Quad Camera, Dual ...
Vedi offerta su Amazon

Xiaomi Mi 10T Lite 5G

Smartphone cinese
Anche Xiaomi Mi 10T Lite 5G è uno smartphone di fascia media molto conveniente. Costa meno rispetto al modello di OnePlus che ti ho appena suggerito, ma offre ottime qualità: display da 120Hz, anche se solo LCD IPS, con diagonale di 6,67″ e risoluzione Full HD+, processore Qualcomm Snapdragon 750G e batteria da 4.820mAh. Questo smartphone fa uso di una quadrupla fotocamera al posteriore, con principale da 64MP e modalità di scatto ultra grandangolare. Non manca la ricarica rapida (a 33W), mentre in un foro al centro nella parte superiore del display è presente una fotocamera da 16MP per i selfie. Grande peculiarità di questo smartphone economico la presenza di un modem 5G.

Motorola moto g9 Plus


Motorola è un brand di Lenovo da qualche anno a questa parte, e nella fascia media si fa rispettare per alcune soluzioni dall’ottimo rapporto qualità-prezzo. A poco più di 200 euro è possibile acquistare il moto g9 Plus, un dispositivo estremamente concreto e affidabile grazie soprattutto alla presenza di Android in versione quasi stock, con pochissime personalizzazioni. Lato hardware troviamo il processore Qualcomm Snapdragon 730G con 4GB di RAM e 128GB di spazio di archiviazione espandibile, compatibilità con due SIM contemporaneamente e un ampio display Full HD+ da 6,8″ con foro sulla parte superiore sinistra e supporto HDR. La batteria è da 5.000mAh con supporto alla ricarica rapida da 30W, mentre le fotocamere posteriori sono quattro, con una principale da 64MP abbinata ad una ultra grandangolare una coppia di sensori di profondità e macro.

Xiaomi Serie Mi Note 10

Smartphone cinese
Questa famiglia di smartphone miscela alcune caratteristiche hardware tipiche della fascia media, con un’estetica che ricorda quello di un top di gamma per certi versi. Mi riferisco al display con angoli curvi da 6,47″ a risoluzione Full HD, basato su tecnologia AMOLED. Questi modello del 2020 fanno uso di una batteria da 5.260mAg con supporto alla ricarica rapida e viene proposto con il processore Qualcomm Snapdragon 730G con 6 o 8GB di RAM e 64 o 128GB di storage. La fotocamera posteriore implementa quattro moduli nella variante Xiaomi Mi Note 10 Lite, con possibilità di scatto ultra grandangolare. Ci sono anche le versioni Xiaomi Mi Note 10 e Mi Note 10 Pro, che implementano anche uno zoom ottico di 3.7x (con modalità ibrida di buona qualità a 5x), proponendosi come due fra gli smartphone cinesi più economici con teleobiettivo integrato. Te li consiglio solo se sei un grande appassionato di fotografia da smartphone.

Xiaomi Mi Note 10 Lite -Smartphone 6.47" Curvo AMOLED FHD (6GB RAM, 64...
Vedi offerta su Amazon
Xiaomi Mi Note 10 Smartphone, 6 GB RAM + 128 GB ROM, Schermo 3D Curved...
Vedi offerta su Amazon

Motorola Edge 5G


Uno smartphone dall’estetica sicuramente accattivante, grazie al display AMOLED edgeless (privo di bordi, o quasi) da 6,7″ a risoluzione Full HD+, con supporto all’HDR e ai 90Hz come frequenza di aggiornamento. Viene venduto con il processore Qualcomm Snapdragon 765G abbinato a 4/6GB di RAM e 128GB di spazio di archiviazione espandibile via microSD. Abbiamo poi un comparto fotografico molto interessante, visto che è fra i pochi modelli della sua fascia di mercato che implementa un modulo con teleobiettivo (zoom ottico 2x). Fra le fotocamere al posteriore troviamo una principale da 64MP e una ultra wide da 16MP. Questo smartphone fa uso di una batteria da 4.500mAh con ricarica rapida da 18W via connettore USB Type-C. C’è anche una variante Plus con processore Snapdragon 865 e alcune altre migliorie lato fotocamera e batteria, ma costa davvero tanto e non te la consiglio per via della differenza di prezzo troppo elevata.

Motorola Edge 5G, 64MP, Display Endless Edge 6.7" FHD+, Qualcomm Snapd...
Vedi offerta su Amazon

realme 7 Pro

Smartphone cinese
Se non ti interessa il 5G perché la tua area non è molto coperta, realme 7 Pro può essere lo smartphone che fa per te, soprattutto se hai un budget intorno ai 250 euro. Questo smartphone fa uso del processore Qualcomm Snapdragon 720G octa-core ed è proposto in versioni da 6/8GB di RAM e 128GB di storage espandibile con slot dedicato, mentre il display è un buon SuperAMOLED da 6,4″ a risoluzione Full HD+. Dispone di quattro fotocamere, fra cui una principale da 64MP e una ultra grandangolare, e la batteria è da 4.500mAh con supporto alla ricarica rapida da ben 65W. Si ricarica, in poche parole, in meno di 40 minuti con una carica di partenza prossima allo 0.

realme 7 Pro, Display Super AMOLED 6.4", Processore Otto - Core Snapdr...
Vedi offerta su Amazon

realme X50 5G

Smartphone cinese
Con il processore Qualcomm Snapdragon 765G e un display da 120Hz con diagonale di 6,57″, realme X50 5G è un midrange piuttosto interessante, anche in virtù del fatto che implementa un modem 5G ed è pronto per le reti di nuova generazione. Il pannello integrato è comunque un LCD IPS, mentre sul fronte memorie troviamo 6GB di RAM e 128GB di spazio di archiviazione. La fotocamera per i selfie è doppia, con principale da 16MP e ultra grandangolare, mentre sulla parte posteriore troviamo quattro moduli, fra cui una principale da 48MP e una ultra grandangolare. Come dici? Ti ricorda parecchio OnePlus NORD? Beh, non posso darti torto: sono molto simili, con qualche piccola rinuncia per il modello di realme, come un software un po’ meno rifinito (ma comunque di buon livello sul piano dell’ottimizzazione) o la mancanza del pannello AMOLED. Il prezzo di listino però è a netto vantaggio di realme X50 5G.

realme X50 5G Smartphone, Display 6.57" LCD FHD+ a 120 Hz, Processore ...
Vedi offerta su Amazon

Miglior smartphone cinese di fascia alta (più di 350€)

OnePlus 8T

Smartphone cinese
OnePlus 8T è uno dei migliori smartphone attualmente disponibili sulla piazza, non solo fra i modelli cinesi, ed è caratterizzato da un rapporto qualità-prezzo molto interessante. Fa uso del processore octa-core Qualcomm Snapdragon 865 e, nella versione base, viene proposto con 8GB di RAM e 128GB di spazio di archiviazione purtroppo non espandibili. Ha NFC, Bluetooth 5.0, Wi-Fi velocissimo e il display è di qualità molto elevata: si tratta di un Fluid AMOLED da 6,55 pollici a risoluzione Full HD+, capace di raggiungere una frequenza di aggiornamento pari a 120Hz. Viene fornito con OxygenOS, una personalizzazione di Android ben poco invasiva e molto ottimizzata, e l’estetica è molto curata, senza elementi estremamente sgargianti come di solito è possibile notare sugli smartphone di provenienza asiatica. Di buona qualità anche il comparto fotografico, anche se un po’ meno versatile rispetto ai capisaldi del settore, con una principale da 48MP abbinata ad una ultra grandangolare e al solito duo di moduli macro e di profondità. Non c’è il jack audio da 3.5mm, mentre la batteria è da 4.500mAh con ricarica rapida da 65W.

OnePlus 8T Aquamarine Green | 6,55 "120 Hz FHD + display fluido | 8 GB...
Vedi offerta su Amazon

OnePlus 8 Pro

Smartphone cinese
OnePlus 8 Pro è un po’ meno recente del modello 8T, ma ha qualità hardware di livello paragonabile e un comparto fotografico più curato e che offre maggiore versatilità. Su questo modello troviamo nello specifico un display da 6,78 pollici a risoluzione Quad HD+, con supporto ad HDR e alla frequenza di aggiornamento da 120Hz. Rispetto al modello standard si caratterizza, come ti ho già detto, per un comparto fotografico più completo: la principale al posteriore è anche qui da 48MP, ed è abbinata ad una ultra grandangolare e a un teleobiettivo con fattore di ingrandimento di 3x. La ricarica supportata è la Warp Charge 30T, mentre lato software troviamo anche qui la OxygenOS con possibilità di aggiornamento ad Android 11.

OnePlus 8 Pro Smartphone Glacial Green 6.78” 3D Fluid AMOLED Display 1...
Vedi offerta su Amazon

Xiaomi Mi 10 / Mi 10 Pro

Smartphone cinese
Xiaomi Mi 10 è uno dei migliori smartphone della generazione 2020 per quanto riguarda il rapporto qualità-prezzo. Utilizza l’ottimo processore Qualcomm Snapdragon 865, 6 o 8GB di RAM e 128 o 256GB di spazio di archiviazione non espandibile. Il display è un eccezionale AMOLED Full HD+ con supporto ad HDR10 e piena compatibilità con lo standard DCI-P3, caratterizzato da una diagonale di 6,67″. Usa inoltre Android 10 fin dal primo avvio con personalizzazione proprietaria (la coloratissima MIUI) e una batteria da 4780mAh con supporto alla ricarica rapida e alla ricarica wireless. Il comparto fotografico prevede quattro moduli al posteriore, con il principale da 108MP e un ultra grandangolare a corredo insieme a moduli macro e di profondità. Se sei un appassionato di fotografie non posso che consigliarti Xiaomi Mi 10 Pro, che sostituisce i moduli macro e di profondità del modello standard con due (più utili) teleobiettivi da 12 e 8MP che consentono di raggiungere progressivamente uno zoom massimo di 10x in modalità ibrida.

Xiaomi Mi 10 Smartphone, 256 + 8 GB, Twilight Grey
Vedi offerta su Amazon
Xiaomi Mi 10 Pro Smartphone, 256 + 8 GB, Solstice Grey
Vedi offerta su Amazon

Huawei P40 Pro

Smartphone cinese
Huawei P40 Pro è uno degli smartphone migliori che puoi trovare su piazza in questo momento, sia se consideri i soli cinesi, sia se consideri anche la produzione internazionale, ma purtroppo manca dei Google Play Store, come altri smartphone del colosso cinese. Monta un display Curved OLED da 6.58″ a risoluzione 2640×1200 pixel, supporto ad HDR e allo spazio colore DCI-P3 e un’ottima qualità delle immagini. Vanta la certificazione IP-68, quindi entro certi limiti è impermeabile all’acqua, e ha un peso abbastanza importante: 203 grammi. Questo smartphone usa l’ottimo processore Kirin 990 con funzionalità di Intelligenza Artificiale e supporto al 5G, e viene proposto con 8GB di RAM e 256GB di spazio di archiviazione espandibile con Nano Card (non con le tradizionali microSD). È ottima la durata della batteria (da 4.200mAh) e c’è il supporto alla ricarica rapida che consente di caricare il cellulare in un lasso di tempo veramente breve. Da notare, ovviamente, il comparto fotografico, che è il vero e proprio fiore all’occhiello di questo modello. Abbiamo al posteriore quattro fotocamere, fra cui una principale da 50MP stabilizzata, una ultra grandangolare da 40 MP, un teleobiettivo 5x (periscopico) e un sensore avanzato ToF 3D per i calcoli di profondità. Se vuoi proprio esagerare è presente in commercio anche Huawei P40 Pro Plus, con teleobiettivi 3x e 10x entrambi di tipo ottico.

Asus ROG Phone 3

Smartphone cinese
Se sei alla ricerca di uno smartphone gaming prodotto da un brand cinese, Asus ROG Phone 3 è uno dei modelli migliori sul mercato. Presenta una scocca con design industriale abbastanza esplicito, e il logo posteriore ROG è retroilluminato con LED personalizzabili. Può accomodare diversi accessori pensati per il gaming e dedicati a questo modello, come una ventola per il raffreddamento fornita in dotazione, un doppio monitor e un joypad, mentre lato hardware abbiamo la presenza di un display AMOLED da 6,59″ a risoluzione Full HD+ e con frequenza d’aggiornamento di 144Hz. Le fotocamere posteriori sono da 64 e 13MP con modalità grandangolo e ultra grandangolo, e lungo il telaio abbiamo due “trigger” che possono essere usati per impartire comandi di gioco. Il processore è uno Snapdragon 865 Plus su ROG Phone 3, mentre sul più economico ROG Phone 3 Strix Edition troviamo il classico Snapdragon 865. Lato memorie abbiamo un massimo di 16GB di RAM e fino a 512GB di spazio di archiviazione non espandibile, mentre la batteria da 6.000mAh può essere ricaricata rapidamente. Dimensioni: 171 x 78 x 9,9 mm. Peso: 240 grammi. Insomma, non è fra i più compatti, né un peso piuma!

ASUS ROG ZS600KL-1A032EU 15,2 cm (6") 8 GB 128 GB Doppia SIM 4G Nero 4...
Vedi offerta su Amazon

Oppo Find X2 Pro

Smartphone cinese
Uno dei migliori cellulari cinesi della sua generazione, Oppo Find X2 Pro capace di offrire un display di altissimo livello e prestazioni al top della categoria. Nello specifico troviamo un pannello AMOLED da 1 miliardi di colori, con diagonale di 6,7″ e supporto alla risoluzione 1440 x 3168 pixel derivata dalla Quad HD. Questo modello supporta HDR, frequenza di 120Hz e può sfoderare una luminosità massima molto elevata. Viene proposto con il processore Qualcomm Snapdragon 865, 12GB di RAM e 256/512GB di spazio di archiviazione non espandibile, e Android 10 viene personalizzato con la ColorOS proprietaria di Oppo. Il comparto fotografico è curatissimo: sensore principale da 48MP, ultra grandangolo anch’esso da 8MP e infine abbiamo un teleobiettivo stabilizzato periscopico con fattore di ingrandimento 5x, di tipo ottico. Uno smartphone completo e super affidabile, con batteria da 4.260mAh e supporto a un tipo di ricarica proprietario da massimo 65W. Si raggiunge il 100% in soli 40 minuti.

OPPO Find X2 Pro Smartphone , Display 6.7'' OLED, 3, Fotocamere,512GB ...
Vedi offerta su Amazon
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.