Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per punti patente

di

Ultimamente hai ricevuto qualche multa di troppo e, dopo aver risolto le questioni monetarie, saresti curioso di sapere quanti punti sono stati decurtati complessivamente dalla tua patente, senza però recarti personalmente in un ufficio in grado di darti l’informazione che desideri? In tal caso, sarai ben lieto di sapere che esiste un metodo semplicissimo per riuscire nell’impresa e che ho tutta l’intenzione di parlartene nel corso di questa guida!

Devi sapere, infatti, che esiste un’app per punti patente pubblicata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tramite la quale è possibile non soltanto visionare il punteggio complessivo assegnato alla propria licenza di guida, ma anche lo storico dei punti aggiunti o rimossi e alcune informazioni relative ai veicoli intestati alla propria persona.

Dunque, senza esitare oltre, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, avrai acquisito le competenze necessarie a risalire al dato che desideri, senza alcuno sforzo. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e… buona fortuna!

Indice

Strumenti per accedere all’app per punti patente

Strumenti per accedere all'app per punti patente

Come scoprirai tra non molto, l’applicazione che consente di visualizzare il saldo e lo storico dei punti relativi alle proprie licenze di guida è pubblicato direttamente dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; trattandosi dunque di servizi forniti dalla Pubblica Amministrazione, bisogna avere accesso a uno degli strumenti di login attivi sul suolo nazionale e utilizzabili per accedere ai portali della PA: Carta d’identità elettronica (CIE) e relativo PIN completo, unitamente a uno smartphone o un tablet munito di chip NFC, oppure identità SPID di livello 2.

Pertanto, se non hai ancora richiesto e/o attivato la tua Carta d’Identità Elettronica, oppure se non hai provveduto a creare un’identità SPID con accesso di secondo livello, puoi far fronte alla cosa seguendo attentamente le indicazioni che ti ho fornito nei tutorial d’approfondimento, disponibili sul mio sito Web.

App per sapere punti patente

App per punti patente

Dopo aver ottenuto uno tra gli strumenti digitali di cui ti ho parlato poco fa, sei pronto a utilizzare l’app per sapere punti patente pubblicata dal MIT: essa risponde al nome di iPatente, si può scaricare gratuitamente dal Play Store di Google e dall’App Store di iPhone e iPad e consente di visualizzare il proprio saldo punti, unitamente a eventuali decurtazioni o incrementi, nel giro di un paio di tap.

Per ottenerla, apri lo store di riferimento sul tuo dispositivo, accedi alla funzione di ricerca premendo sul pulsante apposito e digita la parola “ipatente” all’interno del campo che compare sullo schermo; ora, individua il risultato più pertinente tra quelli visualizzati (l’applicazione è pubblicata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) e tocca sul pulsante Installa/Ottieni, per avviarne il download. Se necessario, autorizza l’operazione autenticandoti tramite riconoscimento del volto, impronta digitale o password dell’account configurato sul dispositivo.

Una volta ottenuta l’applicazione, avviala premendo sul pulsante Apri o utilizzando l’icona che, nel frattempo, è stata aggiunta alla schermata Home del dispositivo, al drawer oppure alla Libreria App; successivamente, premi sul pulsante Salta intro e indica se accedere con SPID oppure accedere con CIE, premendo sul pulsante dedicato.

Se hai optato per la prima scelta, seleziona il tuo identity provider dalla lista che compare sullo schermo, immetti le credenziali SPID nei campi dedicati e, dopo aver premuto sul pulsante Entra con SPID, porta a termine l’autenticazione di secondo livello rispondendo in maniera affermativa alla notifica generata dall’app ufficiale del fornitore SPID, oppure inserendo la password monouso ricevuta tramite SMS/Token.

Qualora avessi scelto, invece, di effettuare il login con CIE, inserisci il PIN completo della carta d’identità nell’apposito campo, premi sul pulsante Continua e, quando ti viene richiesto, avvicina la CIE al lettore NFC del telefono e tienila ferma, fin quando la lettura della carta non va a buon fine.

Adesso, a prescindere dal sistema di login scelto, finalizza il tutto premendo sul pulsante Consento/Autorizza l’invio dei dati e pazienta ancora qualche secondo, affinché l’accesso venga portato a termine (potrebbe volerci qualche secondo).

App per punti patente

Se tutto è filato liscio, dovresti ora visualizzare la schermata principale dell’app iPatente: per conoscere le informazioni relative alla tua certificazione di guida, individua il riquadro relativo al documento per il quale vuoi ricevere informazioni, sottostante la voce Le tue patenti, e dai un’occhiata al grafico posto al suo interno, contenente il saldo totale dei punti; in alternativa, premi sulla scheda Patenti dell’app (si trova in basso) e da uno sguardo al riquadro relativo al documento di tuo interesse, tra quelli elencati.

Qualora volessi informazioni inerenti lo storico dei punti, fai tap sul nome della patente di tuo interesse, premi sul bottone Storico punti ed esamina la lista che compare subito sotto, per visualizzare gli incrementi e le decurtazioni ricevuti nel tempo.

Ti segnalo infine che, usando le restanti schede dell’app, potrai visualizzare lo stato dell’assicurazione/revisione dei mezzi dei veicoli a te intestati, consultare lo stato di eventuali pratiche in corso (ad es. variazione di residenza) e accedere a servizi aggiuntivi quali verifiche su veicoli a partire dal numero di targa, verifiche per l’autorizzazione al trasporto di persone/mezzi da parte di imprese e attività commerciali e pagamenti PagoPA.

Soluzioni alternative

App per sapere punti patente

Se, per qualche motivo, non ti è possibile scaricare l’applicazione iPatente sul tuo smartphone oppure sul tablet, puoi seguire una serie di strade alternative, in grado di fornirti l’informazione che stai cercando.

La prima consiste nell’impiegare il Portale dell’Automobilista, ossia la stessa piattaforma online pubblicata dal MIT alla quale fa riferimento l’applicazione vista in precedenza; per accedervi, apri questa pagina Web, premi sul pulsante Accedi al portale situato in alto a destra e poi sul bottone Accedi con le credenziali SPID o CIE, per passare allo step successivo.

A questo punto, premi sul pulsante SPID o CIE, a seconda dello strumento di login che preferisci impiegare, ripeti l’operazione sul bottone Entra con SPID oppure Entra con CIE e, dopo aver selezionato il fornitore della tua identità digitale (se necessario), attieniti alle indicazioni che compaiono sullo schermo, per completare il login. Se non sai come usare SPID per effettuare l’accesso a un sito Web oppure come accedere con CIE, consulta senza esitare le guide tematiche disponibili sul mio sito.

Ad accesso completato, individua il riquadro Saldo Punti: l’informazione che cerchi è specificata in sua corrispondenza. Se poi ti interessa visualizzare la lista degli incrementi/decurtazioni effettuati sul tuo documento di guida, clicca sul pulsante Estratto conto (>), situato nel medesimo riquadro, e poi sulla voce Estratto conto corrispondente al documento di tuo interesse.

Se poi non hai a disposizione un collegamento a Internet o, per qualche motivo, non puoi usare i sistemi d’accesso digitali che ti ho illustrato in precedenza, puoi ottenere l’informazioni che cerchi telefonicamente, componendo il numero di telefono 848.782.782, attivo 24 ore su 24, tutti i giorni; una volta composto il numero, segui attentamente le istruzioni della voce guida e abbi cura di scandire con chiarezza le informazioni che ti vengono richieste, onde evitare inutili ripetizioni e perdite di tempo. Il servizio ha il costo di una chiamata urbana tariffata a seconda del proprio piano telefonico e può essere utilizzato soltanto da telefono fisso.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.