Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

ATI driver

di

Hai bisogno di installare i driver per una scheda grafica ATI ma, purtroppo, hai perso il dischetto che ti era stato fornito con il PC e ora non sai come procurarteli? Non ti preoccupare: puoi fare tutto via Internet, collegandoti alla pagina di download dei driver presente sul sito di AMD (la multinazionale statunitense che nel 2006 ha acquistato ATI).

Ti piacerebbe sapere esattamente in che modo? Beh, ci sono fondamentalmente due procedure che puoi seguire per scaricare i driver ATI sul tuo PC: quella più semplice consiste nello scaricare i driver tramite un sistema di riconoscimento automatico dei componenti presenti sul PC. In alternativa è possibile optare per il classico download "manuale" dei driver. In ogni caso, sappi che ambedue le procedure sono alla portata di tutti e non sarà affatto complicato portarle a termine, nemmeno per te, che non ti reputi esattamente un esperto in ambito tecnologico.

Se sei pronto per iniziare, direi dunque di mettere subito da parte le chiacchiere e addentrarci nel cuore del tutorial. Forza e coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti  sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di mettere in pratica le "dritte" che ti darò. Se lo farai, non avrai il benché minimo problema nel portare a termine il download dei driver ATI. Ti auguro buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

Logo ATI AMD

Prima di spiegarti in dettaglio come scaricare driver ATI, ci tengo a ribadire quanto ti ho già anticipato nell’introduzione del tutorial.

Dal momento che, nel 2006, ATI è stata acquisita da AMD (nota azienda statunitense produttrice di processori e schede grafiche), per scaricare i driver dei componenti di tuo interesse dovrai "passare" dal sito di AMD: da lì potrai scaricare i driver tramite un "programmino" gratuito che rileva automaticamente i componenti del PC, scaricando in maniera intelligente i software più adatti o, in alternativa, eseguendo la classica procedura "manuale" per il download dei driver.

Tutto chiaro? Bene. Dopo averti fornito queste informazioni preliminari, direi allora che possiamo passare allo scaricamento vero e proprio dei driver: procediamo!

Download driver ATI con riconoscimento automatico

Scaricare driver ATI in automatico

Se vuoi sfruttare la tecnologia di rilevamento automatico dei driver disponibile sul sito di AMD, collegati a questa pagina e clicca sul pulsante Download Now collocato sotto la dicitura Auto-Detect and Install Radeon Graphics Drivers for Windows, in modo da avviare il download dell’utility che permette di rilevare i componenti ATI presenti nel computer.

A scaricamento completato apri, facendo doppio clic su di esso, il file .exe che hai appena ottenuto e, nella finestra che si apre, clicca prima sul pulsante  e poi su Install e Accetta e installa rapidamente, per concludere il setup.

A procedura completata, partirà automaticamente il processo di rilevamento dell’hardware. Una volta che il programma avrà rivelato i componenti del PC (tieni conto che potrebbe volerci qualche minuto), clicca sul pulsante Reccomendend driver, per scaricare in automatico i driver suggeriti per il tuo computer. La procedura dovrebbe essere completata in modo automatico nel giro di pochi minuti.

Download driver ATI "manuale"

Scaricare driver ATI manualmente

Se il tool di rilevamento automatico non dovesse funzionare o se, per un motivo o l’altro, preferissi scaricare "manualmente" i driver per una scheda ATI, collegati a questa pagina del sito di AMD e utilizza i menu a tendina situati nella sezione Search your product, per individuare il dispositivo per il quale intendi scaricare i driver.

Apri, dunque, il menu search all products, individua il prodotto di tuo interesse (es. ATI Radeon HD 4290, ATI Radeon HD 3300, etc.) e cliccaci sopra. In alternativa, puoi cercare il tuo prodotto selezionando la categoria di tuo interesse (es. Graphics) dal primo riquadro posto sulla sinistra, la sottocategoria in cui esso rientra, la serie di cui fa parte (es. ATI Radeon Integrated HD Series) e, infine, il nome del componente (es. ATI Radeon HD 4250).

Dopo aver individuato il prodotto di tuo interesse, clicca sul pulsante Submit posto in basso e, nella pagina che si apre, individua il nome del sistema operativo installato sul tuo computer (es. Windows 10 – 64-Bit Edition; Windows 10 – 32-Bit Edition; Windows 7 – 32-Bit Edition; Windows 7 – 64-Bit Edition, etc.) e pigia sul pulsante (+) posto in corrispondenza dello stesso per espandere il menu contenente il link per il download dei driver.

A questo punto, clicca sul pulsante Download posto in corrispondenza del nome del driver che intendi scaricare (dovrebbe essere il primo pulsante della lista), per avviarne il download.

Al termine della procedura, avvia il file appena scaricato dal sito di AMD e segui le indicazioni che compaiono a schermo per portare a termine la procedura d’installazione dei driver (in genere, basta cliccare sempre su Next/Avanti).

In caso di problemi o dubbi

Forum di supporto AMD

Se sei arrivato a leggere fino a questo punto della guida, evidentemente sono sorti dei problemi o dei dubbi nella procedura d’installazione dei driver ATI sul tuo PC.

Se le cose stanno effettivamente così, ti consiglio di recarti sul forum di supporto di AMD e provare a verificare lì la presenza di materiale che ti possa aiutare a venire a capo della situazione.

Potresti trovare informazioni utili nella sezione Drivers & Software che, come potrai ben intuire, contiene articoli e discussioni che riguardano nello specifico tematiche legate al download dei driver.

Valuta poi la possibilità di dare un’occhiata alla sezione FAQ del sito di AMD, raggiungibile presso questa pagina, nella quale puoi trovare la risposta ad alcune domande frequenti poste dagli utenti.

Tieni conto, comunque, che tutto il materiale reperibile nelle pagine di supporto del sito AMD purtroppo non è disponibile in italiano, ma è reperibile soltanto in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, russo e in alcune lingue asiatiche.