Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Scopri le migliori offerte sul canale Telegram ufficiale. Guarda su Telegram

Come modificare PSP

di

La PlayStation Portable, più comunemente conosciuta come PSP, ha lasciato un’impronta indelebile nella storia dei videogiochi. La sua portabilità, la vasta libreria di giochi e la potenza per l’epoca l’hanno resa un’icona intramontabile nel mondo dei videogiocatori. Tuttavia, c’è di più dietro a questa console di quanto possa sembrare a prima vista.

Per molti appassionati e smanettoni di tecnologia, la PSP rappresenta una tela bianca pronta per essere trasformata in qualcosa di unico, qualcosa che va oltre i limiti imposti dal firmware ufficiale. La modifica della PSP, o il "modding", è un processo entusiasmante che permette agli utenti di sbloccare il pieno potenziale della console, aprendo le porte a una serie di funzionalità personalizzate e applicazioni non ufficiali.

Sei incuriosito dalle mie parole e ti chiedi dunque come modificare PSP? Sei nel posto giusto. In questa mia guida ti spiegherò tutti i passaggi che ti porteranno all’esecuzione di homebrew e all’installazione di emulatori sulla tua amata console portatile. Ti ricordo che modificare una PSP è un’operazione del tutto lecita a meno che non vengano installati software protetti dal diritto d’autore, come le copie dei giochi disponibili in commercio. Non tratterò ovviamente questo argomento e non mi assumo la responsabilità su eventuali usi non conformi.

Indice

Informazioni preliminari

Informazioni preliminari

Modificare una PSP è un modo per trasformare la console in qualcosa di unico e personalizzato. Il modding consente agli utenti di installare firmware personalizzati (custom firmware – CFW), eseguire applicazioni non firmate, personalizzare l’interfaccia e molto altro ancora. Si tratta di un mondo affascinante, tuttavia, prima di immergersi nella modifica della tua PSP, è essenziale comprendere alcune informazioni preliminari cruciali che potrebbero influenzare il risultato finale.

Una delle prime considerazioni da tenere a mente è che la modifica della PSP può annullare la garanzia della console. Il processo di installazione di un CFW o di altre modifiche hardware/software potrebbe rendere la console non idonea per la copertura della garanzia fornita dal produttore. Tuttavia, tenendo conto che si tratta ormai di una console fuori commercio, questo problema potrebbe non essere di grande rilevanza, considerando che probabilmente la tua PSP non è più coperta dalla garanzia.

Prima di iniziare il processo di modding, esegui un backup completo dei dati presenti sulla tua PSP. Questo passaggio è cruciale nel caso in cui qualcosa dovesse andare storto durante la procedura di modifica. Assicurati di salvare i salvataggi dei giochi, le impostazioni personalizzate e qualsiasi altra informazione importante per te. Per farlo connetti la console al PC con un cavo mini-USB ed effettua una copia di tutti i dati presenti. Ricorda che per l’intero processo di modifica ti occorrerà anche un’unità di memoria Memory Stick Pro Duo

Amazon Basics - Cavo USB-A 2.0 maschio / Mini USB B (0,9 m) per Person...
Vedi offerta su Amazon
StarTech.com Cavo USB a Mini USB2.0, Cavo A a Mini B maschio-maschio d...
Vedi offerta su Amazon
LICHIFIT 16 GB Memory Stick Pro Duo Memory Card Thumb Drive Flash Driv...
Vedi offerta su Amazon
LICHIFIT Scheda di memoria MS Pro Duo da 64 GB per Sony PSP ad alta ve...
Vedi offerta su Amazon

Le procedure per moddare una PSP possono variare in base al modello specifico. Ad esempio, la PSP 1000, la 2000, la 3000, la E-1000 (anche nota come PSP Street) e la PSP Go possono richiedere passaggi leggermente diversi per l’installazione del custom firmware. In linea di massima, i primi modelli PSP 1000 permettevano l’installazione di una modifica fissa, mediante procedure hardware; per tutti i modelli successivi PSP 2000, PSP 3000, PSP Street e PSP Go la maggior parte delle mod installabili è solo temporanea e va riattivata a ogni spegnimento della console.

Una volta che la tua PSP è stata moddata con successo, è importante utilizzarla in modo responsabile. Assicurati di scaricare solo software da fonti attendibili per evitare rischi come malware o software dannosi che potrebbero danneggiare la console.

Come modificare la PSP 6.61

Come modificare la PSP 6.61 1

La PSP, nel corso degli anni, ha visto l’evolversi del suo sistema operativo attraverso vari firmware ufficiali forniti da Sony. Tuttavia, per coloro che desiderano sbloccare il vero potenziale della console, l’installazione di un custom firmware diventa essenziale. Questo capitolo si concentra nello specifico sulla modifica dei modelli successivi alla PSP 1000, in particolare la PSP 2000, 3000, E-1000 e la PSP Go, equipaggiate con il firmware 6.61.

Per comprendere appieno la modifica di una PSP, è fondamentale capire il concetto di firmware ufficiale o OFW. Il firmware ufficiale, creato dal produttore, stabilisce le basi del funzionamento della console, ma limita alcune funzionalità avanzate, come l’esecuzione di software non autorizzato o personalizzato. Se ti chiedi dunque come modificare la PSP 6.61, il primo passaggio fondamentale sarà proprio aggiornare la tua console all’ultimo firmware disponibile. Ti consiglio dunque di fare un’attenta ricerca online e reperire l’ultima versione del sistema operativo ufficiale marchiato Sony, ossia la versione 6.61. Ricorda che se possiedi una PSP Go dovrai ricercare la versione del firmware specifica per questa variante di console. Ti consiglio di verificare sui canali ufficiali di PlayStation o su forum di modding autorevoli come Go!PSP (quest’ultimo ormai chiuso ma interamente consultabile) e consol-tribe.

Ottenuto il file d’aggiornamento, il prossimo passaggio sarà quello di trasferirlo sulla console. Per fare ciò collega la tua PSP al PC mediante il cavo mini-USB. Torna ora sul PC e recati nel disco relativo alla console, lo trovi in Computer, indicato solitamente con una lettera successiva alla "D". Qui recati all’interno della cartella PSP e creane una nuova dal titolo UPDATE. Copia al suo interno il file dell’aggiornamento rinominandolo come EBOOT.PBP. Ricorda di rispettare le maiuscole e il file di estensione. Detto questo ritorna sulla console e dall’interfaccia della PSP seleziona la voce all’estrema sinistra del menu Aggiornamento del software e poi Aggiorna mediante supporto di memorizzazione. Conferma dunque con il tasto X e attendi la fine dell’aggiornamento.

La tua PSP è ora aggiornata all’ultimo OFW disponibile. È ora possibile procedere con la modifica vera e propria. Ho selezionato per te il firmware modificato più completo e che, rispetto al passato, permette ora una modifica permanente anche sui modelli di PSP superiori alla 1000. In passato infatti, a ogni riavvio della console, la modifica doveva essere applicata nuovamente avviando un’app dedicata. Si tratta della patch Infinity 2.0 che puoi scaricare dal sito ufficiale del modder. Una volta scaricato il file estrailo usando uno dei tanti programmi per aprire file RAR. Connetti nuovamente la tua PSP al PC e assicurati di seguire con attenzione, e nell’ordine che sto per elencarti, i seguenti passaggi.

Non mi assumo alcuna responsabilità per eventuali malfunzionamenti della console scaturiti da passaggi eseguiti in modo errato. Inoltre, seppur infinitesimale, esiste una piccola percentuale di rischio di blocco della console. Per ovviare a ciò assicurati di eseguire tutti i passaggi a batteria carica.

Come modificare la PSP 6.61 2

  • Copia i file relativi alla patch Infinity 2.0 – per prima cosa apri la cartella appena estratta sul PC e segui il percorso PSP 6.61 Infinity 2.0 CFW\infinity-2.0.3. Qui continua con la cartella standard per modelli di PSP 1000, 2000, 3000, E-1000 mentre procedi con pspgo se possiedi una PSP Go. Copia dunque il file EBOOT.PBP contenuto in una delle due cartelle scelte all’interno della PSP. Per fare ciò, assicurati che il file venga copiato esattamente all’interno del percorso PSP>GAME>UPDATE. Sovrascrivi eventuali file già presenti.
  • Trasferisci la cartella contenente la modifica – parallelamente alla prima operazione, occorrerà ora trasferire i file per la modifica vera e propria. Ritorna nella cartella scaricata contenente la modifica e recati nella directory CFW. Qui puoi scegliere tra due diversi custom firmware: LME e PRO. Si tratta di mod equivalenti, in questo mio tutorial proseguirò la spiegazione facendo riferimento al primo ma ti assicuro che la procedura è la medesima anche qualora tu scegliessi il secondo. Copia dunque i file contenuti in una delle due cartelle all’interno della root (la cartella radice principale) della PSP e sovrascrivi eventuali file esistenti.
  • Avvia Infinity 2.0 – la procedura da eseguire via PC è terminata. Disconnetti la PSP dal PC e preparati a operare direttamente sulla tua console portatile. Recati dunque della sezione Game, contraddistinta dall’icona di una joypad e seleziona l’icona contraddistinta dalla scritta Infinity 2. Segui ora le istruzioni a schermo e premi X per avviare la modifica. Al termine tornerai in automatico nel menu principale.

Come modificare la PSP 6.61 3

Preparati a entrare ora nel vivo della modifica. Le operazioni che seguiranno sono i passaggi finali che porteranno alla modifica completa della tua PSP munita di firmware 6.61.

Come modificare la PSP 6.61 4

  • Applica la modifica – è giunto ora il turno dell’installazione della modifica vera e propria. Ritorna in Game e avvia il file contraddistinto dal nome LME Installer for 661 (oppure 661 PRO Update qualora tu abbia scelto l’altra modifica). Segui le istruzioni a schermo e pigia X quando richiesto per completare l’installazione. Al termine ti troverai nuovamente della schermata principale.
  • Imposta il modulo corretto – sei quasi al termine della procedura di modifica. Ritorna in Game e avvia nuovamente Infinity 2. Avviata l’applicazione recati sulla sinistra e pigia il pulsante X sulla voce ME CFW by neur0n (oppure PRO CFW by Coldbird nel caso della modifica PRO). Premi il pulsante Home (contraddistinto dalla scritta Home o dal simbolo PlayStation) e poi X per ritornare nella schermata principale. Completa la modifica ritornando in Game e avviando l’ultimo eseguibile, contraddistinto dal nome LME Launcher for 661 (oppure 661 PRO Fast Recovery qualora tu abbia scelto la modifica alternativa). La console si riavvierà in automatico e da questo momento in poi la modifica sarà correttamente applicata! Puoi verificare tu stesso recandoti in Impostazioni > Impostazioni del sistema. Alla voce Software di sistema dovresti ora leggere la dicitura 6.61 LME-2.3∞, indice della corretta esecuzione di tutta la procedura.

Come modificare la PSP 6.62 5

Se sei arrivato fino a questo punto allora hai correttamente installato la modifica! Non ti resta che sbizzarrirti con l’installazione di homebrew e emulatori vari. Con il termine di homebrew si indicano appunto software creati artigianalmente dagli utenti. Spesso di nascondo delle autentiche chicche che vale la pena di provare: l’installazione di questi contenuti avviene allo stesso modo, ossia copiando la cartella di gioco (o dell’emulatore) all’interno di PSP > GAME.

Il mondo del modding PSP è ancora oggi, a distanza di anni dal rilascio della console, in continuo fermento. Divertiti dunque a trovare contenuti sempre nuovi per espandere le potenzialità della tua PlayStation Portable!

Come modificare la PSP 1000

Come modificare la PSP 1000

La PSP 1000, anche nota come PSP Phat/Fat, con i suoi primi firmware, ha segnato l’inizio della scena hacking della PlayStation Portable, portando con sé la possibilità di esplorare e modificare la console in modi innovativi e, per i tempi, pionieristici. In questa sezione, ti spiegherò come modificare la PSP 1000 mediante una modifica permanente, illustrandoti i vari metodi possibili e scegliendo tra essi il migliore.

Le prime versioni della PSP 1000, in particolare fino al firmware ufficiale 5.03, consentivano agli utenti di eseguire una modifica permanente della console, una cosa del tutto unica per l’epoca, dal momento che tutte le modifiche disponibili per le altre versioni della console erano temporanee. La batteria Pandora, nello specifico, è stata un’innovazione significativa nel mondo della modifica della PSP 1000. Questa batteria modificata, insieme alla Memory Stick Magic, è stata utilizzata per avviare la console in una modalità speciale che permetteva l’installazione del custom firmware.

Altri strumenti e metodologie sono stati sviluppati in parallelo, offrendo opzioni alternative per eseguire la modifica della PSP 1000. Ad esempio, software come ChickHEN e Half-Byte Loader hanno fornito modalità temporanee per avviare software non ufficiale senza necessità di hardware aggiuntivo, sebbene richiedessero un avvio ogni volta che la console veniva spenta o riavviata. La procedura della "batteria Pandora" costituiva dunque in passato il metodo più completo per modificare una PSP primo modello.

La realizzazione della stessa implicava un’attenta manipolazione hardware della batteria originale della PSP per avviare la console in una modalità speciale che consentiva l’installazione di custom firmware tramite downgrade della console, ossia il ripristino di una versione del sistema operativo più vecchia di quello corrente e tramite il quale fosse possibile sfruttare delle falle di sicurezza.

Questo metodo, sebbene fosse popolare in passato, è oggi considerato superato e estremamente tecnico. Al di là degli evidenti rischi di malfunzionamento, con l’avanzare delle tecnologie e dei firmware questo metodo è stato reso obsoleto. Se possiedi oggi una PSP, qualunque essa sia, ti consiglio di eseguire la modifica più moderna relativa al CFW 6.61 illustrata qui sopra. Seguendo con attenzione le istruzioni riportate sarai in grado di sfruttare a pieno il potenziale della tua PSP 1000!

In qualità di affiliati Amazon, riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati tramite i link presenti sul nostro sito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.