Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ottenere il Buono TV

di

Nelle ultime settimane, hai sentito molto parlare dei Bonus TV messi a disposizione dal Governo Italiano finalizzati all’acquisto di decoder e televisori compatibili con i più moderni standard di trasmissione digitale terrestre (e satellitare): giacché la cosa ti interessa, in quanto stavi proprio pensando di sostituire il tuo apparecchio ormai obsoleto, hai cercato sul Web notizie in merito e sei capitato proprio qui, sul mio sito, speranzoso di ricevere qualche “dritta” su come ottenere il Buono TV nella maniera più semplice possibile.

Ebbene, se questa è la tua attuale necessità, sappi che ti trovi proprio nel posto giusto! Nel corso di questa guida, infatti, ti elencherò quelle che sono le caratteristiche delle agevolazioni promosse dal Ministero dello Sviluppo Economico, i requisiti per usufruirne e gli importi materiali degli sconti fruibili.

Dunque, senza attendere oltre, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, avrai ben chiara la questione e sarai perfettamente in grado di fare richiesta del bonus a te spettante. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura!

Indice

Informazioni preliminari

Come ottenere il Buono TV

Prima di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti, nel concreto, come ottenere il Bonus TV 2021 fin quando possibile, lascia che ti fornisca qualche informazione in più riguardo le iniziative messe a disposizione dal Governo Italiano.

Allo stato attuale delle cose, è possibile usufruire di due tipologie di bonus, mirate a semplificare il passaggio al nuovo standard di trasmissione DVB-T2 — HEVC Main 10: il primo è dedicato agli utenti con ridotta capacità di spesa e si chiama Bonus TV — Decoder; il secondo, dedicato a tutti i cittadini italiani senza vincoli economici, è denominato Bonus rottamazione TV. Lascia che ti illustri le caratteristiche specifiche di ognuno di essi.

  • Bonus TV — Decoder: si tratta di un’iniziativa promossa dal MiSE e finalizzata alla tutela per i consumatori con minore capacità di spesa. Promosso con la legge di Bilancio 2019, essa prevede l’erogazione di un buono per l’acquisto di un nuovo televisore o decoder idoneo alla ricezione di programmi con i nuovi standard trasmissivi, dal valore di 30 euro. L’agevolazione può essere richiesta dalle famiglie con ISEE fino a 20.000 euro (con membri residenti in Italia) e viene riconosciuta per nucleo familiare: pertanto, soltanto un utente della famiglia potrà richiederla per l’acquisto di un solo apparecchio.
  • Bonus rottamazione TV: altra iniziativa del MiSE che facilita la transizione ai nuovi standard trasmissivi. Il Bonus rottamazione TV è rivolto a tutti i cittadini residenti in Italia senza limiti di ISEE, è concesso una volta per l’acquisto di un solo apparato e può essere ottenuto soltanto se si risponde a precisi requisiti: bisogna essere residenti in Italia, trovarsi in regola con i pagamenti del canone RAI e rottamare correttamente un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018. Il buono consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto di un nuovo televisore, fino a un importo massimo di 100 euro.

Nel momento in cui scrivo questa guida, entrambi i buoni possono essere richiesti fino al 31 dicembre 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate; Il Bonus rottamazione TV può essere sfruttato per l’acquisto di qualsiasi televisore, mentre la lista dei dispositivi idonei alla ricezione dello sconto previsto dal Bonus TV — Decoder con limite ISEE è disponibile in questa pagina.

Ti faccio presente che le due agevolazioni sono cumulabili: pertanto, se l’indicatore ISEE del tuo nucleo familiare è inferiore a 20 mila euro e rispondi ai requisiti necessari per ottenere il Bonus rottamazione TV (cittadino italiano in regola con il pagamento del canone RAI), potrai rottamare il tuo vecchio televisore e ricevere uno sconto pari a 30 euro + il 20% del prezzo del nuovo televisore scelto (fino a un massimo di 100 euro).

Aspetta, ora che è tutto più chiaro, mi stai chiedendo se sia possibile verificare la compatibilità del tuo televisore/decoder con i nuovi standard trasmissivi? Non temere, è molto più semplice di quanto sembra. Tutto ciò che devi fare è sintonizzarti sul canale 100 (RAI) oppure 200 (Mediaset) del digitale terrestre: se vedi comparire la scritta Test HEVC Main10, il televisore/decoder è compatibile; se vedi lo schermo nero, allora non lo è. Per saperne di più, ti rimando alla lettura della mia guida su come capire se il televisore è DVB-T2.

Al momento, non mi è possibile dirti con precisione quando avverrà lo switch off, cioè lo spegnimento delle “vecchie” trasmissioni in DVB-T e il passaggio definitivo al DVB-T2: inizialmente, il tutto avrebbe dovuto aver luogo il 1° gennaio 2023, ma l’evento è stato posticipato a data da definirsi.

Come ottenere il Bonus TV — Decoder

Come ottenere il Bonus TV — Decoder

Fatte tutte le dovute precisazioni del caso, lascia ora che ti spieghi come ottenere il Bonus TV — Decoder destinato agli utenti con ridotta capacità di spesa, il cui nucleo familiare appartenga a una fascia ISEE non superiore ai 2o.000 euro. Se non hai ancora richiesto l’ISEE, puoi ottenerlo seguendo le indicazioni presenti sul sito dell’INPS.

Lo sconto previsto viene praticato direttamente presso il punto vendita scelto, sul prezzo del prodotto che si intende acquistare, ma soltanto presso gli esercenti che aderiscono all’iniziativa, siano essi fisici, oppure virtuali. Prima di procedere, dunque, assicurati che il punto vendita scelto per effettuare l’acquisto aderisca all’iniziativa.

Ad ogni modo, ottenere il Bonus è semplicissimo: tutto ciò che bisogna fare è scaricare l’apposito modulo di autocertificazione disponibile sul sito del MiSE, nel quale si dichiara di risiedere in Italia e di avere ISEE non superiore a 20.000 euro, stamparlo e compilarlo in tutte le sue parti. Per scaricarlo, visita la pagina che ti ho appena linkato e clicca sul link Modulo della domanda (pdf).

Fatto ciò, è sufficiente presentare al venditore il documento precedentemente compilato, unitamente alla copia di un documento d’identità in corso di validità, per vedersi applicato lo sconto previsto sul prezzo finale del televisore/decoder che si intende acquistare.

Come ti ho accennato poc’anzi, si può ottenere il Bonus TV online e usufruire dello sconto anche presso i negozi “virtuali”: le modalità di consegna dell’autocertificazione e del documento, in genere, sono specificati sulla pagina specifica dell’e-commerce scelto.

Come ottenere il Bonus TV senza ISEE

Come ottenere il Bonus TV senza ISEE

Per quanto riguarda, invece, il Bonus Rottamazione TV, le cose stanno in maniera leggermente diversa: come già accennato nel capitolo iniziale di questa guida, si tratta di un’agevolazione dedicata a tutti i cittadini residenti in Italia, in regola con il pagamento del canone Rai, non collegata in alcun modo all’indicatore economico ISEE o ad altri fattori indicanti la propria situazione reddituale.

L’agevolazione, erogata sotto forma di uno sconto del 20% sul prezzo del televisore scelto (fino a un massimo di 100 euro), può essere usata per l’acquisto di un nuovo TV compatibile con lo standard DVB-T2 HEVC, a patto di rottamare un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018, ed è concessa una sola volta per l’acquisto di un singolo apparecchio.

La procedura di rottamazione può essere espletata con due differenti modalità: la prima prevede la possibilità di consegnare il TV da rottamare a uno dei rivenditori aderenti, in fase di acquisto del nuovo apparecchio. Sarà l’esercente stesso a occuparsi dello smaltimento del vecchio televisore e di applicare lo sconto del Bonus.

La seconda, invece, prevede la consegna del vecchio televisore in un’isola ecologica autorizzata: sarà l’operatore incaricato alla richiesta di smaltimento, in questo caso, a fornirti un modulo/ricevuta utile a richiedere il Bonus presso il venditore.

Detto ciò, per ottenere il Bonus TV da 100 euro, bisogna scaricare e stampare l’apposito modulo di autodichiarazione disponibile sul sito del MiSE (cliccando sul link Prima di procedere alla rottamazione, bisogna scaricare e compilare il modulo di autodichiarazione (pdf) che certifichi il corretto smaltimento) e compilarlo in tutte le sue parti, fornendo le informazioni richieste.

Fatto ciò, è sufficiente consegnare l’autodichiarazione, unitamente alla copia di un documento di identità in corso di validità, del codice fiscale e della ricevuta di smaltimento (soltanto se hai scelto di disfarti del vecchio TV presso un punto RAEE) direttamente al venditore, il quale si avrà cura applicare il buono sotto forma di sconto per l’acquisto del nuovo televisore.

Sfortunatamente, al momento in cui ti scrivo questa guida, sembra non sia possibile ottenere il Bonus TV su Amazon o su altri esercizi commerciali online.

Se hai bisogno di ulteriori chiarimenti in merito al Bonus TV — Decoder oppure al Bonus Rottamazione TV, ti rimando alla lettura delle pagine informative disponibili sul sito Internet del Ministero dello Sviluppo Economico: sono sicuro che troverai tutte le informazioni che cerchi.

Nota: idealmente, la richiesta del Bonus rottamazione TV dovrebbe essere avanzata dall’intestatario del canone Rai. Al bisogno, tuttavia, è comunque possibile delegare un’altra persona, redigendo apposito documento scritto e allegandovi copia di un documento di identità valido del delegante.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.