Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Scopri le migliori offerte sul canale Telegram ufficiale. Guarda su Telegram

Come pulire LCD portatile

di

Un bellissimo raggio di sole proveniente dalla finestra illumina alla perfezione la stanza che generalmente occupi per utilizzare il tuo PC portatile. È un vero piacere, non c'è che dire. Tuttavia, se in questo momento ti ritrovi qui, a leggere questa guida, è evidente il fatto che proprio quello splendido raggio ha messo ben in risalto quanto sporco e impolverato possa essere lo schermo LCD del tuo laptop. Come dici? Le cose stanno davvero in questo modo e ti piacerebbe quindi capire se posso darti una mano nel comprendere come pulire LCD portatile? Beh, ma certo che sì! Con il tutorial di oggi andrò infatti a indicarti, passaggio dopo passaggio, tutto ciò che puoi fare per riuscire a far tornare lindo e pulito così come un tempo lo schermo del tuo bel computer.

Prima che tu possa allarmarti e pensare al peggio, voglio però che tu sappia sin da subito che per quanto malconcio possa essere il tuo computer, pulire LCD portatile non è complicato, anzi. Tutti, infatti, possono riuscire nell'impresa senza particolari problemi, basta solo avere qualche minuto di tempo libero e un minimo di pazienza e di accortezza, nient'altro.

Segui quindi le indicazioni che sto per fornirti e sono sicuro che in men che non si dica riuscirai a capire come pulire LCD portatile senza graffiarne la superficie e senza arrecarvi ulteriori eventuali danni. Sono più che sicuro che alla fine potrai dirti soddisfatto e che sarai anche pronto ad affermare che pulire LCD portatile era in realtà un vero e proprio gioco da ragazzi. Allora, pronto per cominciare? Sì? Benissimo, bando alle ciance e procediamo!

Indice

Materiale occorrente

microfibrapanno

Prima di andare a vedere insieme le procedure vere e proprie di pulizia, mi sembra cosa giusta e buona darti qualche informazione circa il materiale occorrente per portare a termine la pulizia. Anzitutto, è sicuramente necessario un panno in microfibra, in alternativa puoi sempre utilizzare un panno in pelle di daino o in pelle di camoscio, l'importante è che il panno che sceglierai non lasci dei pelucchi.

AIDEA Panni per la Pulizia in Microfibra Confezione da 50, Strofinacci...
Vedi offerta su Amazon
Vileda Microfibre Colors, Panni in Microfibra, Lavabili in Lavatrice, ...
Vedi offerta su Amazon

Dopodiché un altro elemento immancabile nel mondo delle pulizie è l'acqua. In questo caso la soluzione migliore sarebbe quella di utilizzare acqua distillata pura. Tuttavia, se lo schermo è veramente molto sporco, allora è possibile utilizzare dei prodotti spray appositi per la pulizia degli schermi che puoi facilmente trovare in negozi di elettronica oppure anche online. Ovviamente, in mancanza d'altro, anche l'acqua “normale” può essere sufficiente al fine di pulire lo schermo del tuo laptop.

Acqua distillata 100% pura, di alta qualità, ideale per CPap, ferri da...
Vedi offerta su Amazon
AIESI® Acqua Bidistillata pura per uso clinico ed industriale tanica d...
Vedi offerta su Amazon
Ecomoist 100ml Kit per la Pulizia dello Schermo Naturale con Due Asciu...
Vedi offerta su Amazon
Blum - 250ml Pulitore dello schermo + panno microfibra. Pulizia perfet...
Vedi offerta su Amazon

Dopo averti detto brevemente cosa utilizzare, ci tengo anche a metterti in guardia da cosa non utilizzare per pulire il tuo schermo. Sicuramente dovrai evitare qualsiasi panno ruvido che possa graffiare lo schermo e qualsiasi prodotto che possa danneggiare lo stesso o la sua protezione oleofobica. Inoltre, un altro accorgimento è quello di, salvo casi particolari, non spruzzare il prodotto per la pulizia direttamente sullo schermo: spesso, infatti, è molto meglio spruzzare il prodotto sul panno e strofinare poi quest'ultimo sullo schermo con movimenti circolari.

Come pulire portatile monitor

Dopo queste informazioni preliminari, possiamo ora andare alla fase di pulizia vera e propria e quindi vedere insieme come pulire portatile monitor. Qui di seguito ti darò dei suggerimenti utili da seguire prima, durante e dopo la pulizia. Mi sembra quasi superfluo dirlo ma, prima di cominciare, ricordati di spegnere il computer e di staccarlo da qualsiasi fonte di alimentazione. Inoltre, ricordati di provvedere a rimuovere la batteria dallo scompartimento apposito prima di dare il via all'operazione di pulizia dello schermo, se quest'ultima è estraibile ovviamente. Buona continuazione!

Esecuzione della pulizia

Computer portatile

Procurati ora un panno in microfibra (come quello che solitamente viene impiegato per pulire le lenti degli occhiali), possibilmente antistatico e che non lasci fastidiosi pelucchi sullo schermo. In alternativa al panno in microfibra puoi utilizzare un panno in pelle di daino o un panno in pelle di camoscio, sono tutti altrettanto adatti allo scopo. Dopo aver recuperato il panno utilizzalo passandolo lungo tutto il display in maniera delicata. Se dopo una prima passata noti che sono ancora presenti tracce di polvere o sporco sull'LCD del tuo portatile, ripeti l'operazione di pulizia più volte.

Dopo aver provveduto a pulire lo schermo ricordati di sciacquare per bene il panno sotto un getto di acqua corrente tiepida e di lasciarlo asciugare per qualche ora. Facendo in questo modo dal panno viene rimossa ogni eventuale traccia di polvere o sporco e può eventualmente essere riutilizzato senza problemi.

Nella maggior parte dei casi l'esecuzione di questa semplice procedura è sufficiente per pulire LCD portatile e l'uso di prodotti detergenti va dunque a rivelarsi superfluo.

Possono però esserci casi in cui la sola pulizia con un panno risulta essere insoddisfacente e allora inumidire lo stesso con una soluzione detergente delicata “fai da te” può essere decisamente utile per rimuovere completamente la polvere e le tracce di sporco. La soluzione ideale è acqua distillata pura ma se lo schermo del tuo laptop è molto sporco puoi anche ricorrere all'uso di prodotti per la pulizia appositi. Successivamente provvedi a passare il panno in maniera estremamente delicata nei punti dello schermo da trattare, effettuando dei movimenti circolari, dopodiché asciugalo usando un lato non umido dello stesso oppure un altro panno asciutto.

In alternativa all'uso di una soluzione “fai da te”, come ti ho già accennato, puoi pulire lo schermo del tuo portatile ricorrendo all'uso di appositi prodotti detergenti in grado di rimuovere del tutto lo sporco che puoi trovare facilmente nei negozi di elettronica e nei negozi online. Qualora tu volessi optare per questa soluzione, mi raccomando, procurati e utilizza solo e soltanto soluzioni adatte allo scopo.

Ci tengo poi a dirti che in genere non bisogna mai spruzzare la soluzione direttamente sullo schermo del computer, a meno che tu non abbia acquistato un prodotto pensato appositamente per essere applicato sugli schermi. Ad ogni modo, per quanto riguarda le soluzioni con acqua fatte in casa, queste vanno sempre e comunque spruzzate sul panno e poi passate sullo schermo.

Dopo la pulizia

Come collegare monitor a PC portatile: connessione tramite cavo

Una volta portata a termine la procedura per pulire lo schermo LCD del tuo portatile ti suggerisco, per cercare di tenere lo schermo il più a lungo possibile pulito quando non utilizzi il computer e al fine di evitare le tanto temute “macchie da tasti”, di procurarti un ulteriore panno in microfibra e di stenderlo sulla tastiera prima di chiudere il coperchio del laptop.

Per ulteriori dettagli sono felice di informarti che ho scritto due guide che ti aiuteranno a tenere pulito il tuo computer portatile. La prima è la mia guida su come pulire lo schermo del PC, mentre la seconda è la mia guida su come pulire il PC portatile e in quest'ultima ti ho dato dei validi suggerimenti su come pulire anche le restanti parti del computer e quindi non soltanto lo schermo.

In qualità di affiliati Amazon, riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati tramite i link presenti sul nostro sito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.