Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ripartire una SD

di

Hai comperato da poco una scheda SD con l’intento di estendere la memoria del tuo smartphone o altri device in tuo possesso e, dopo esserti documentato su più forum, hai deciso di partizionare quest’ultima per destinarne le varie aree a dati di tipologia differente? Buona idea, ma scommetto che vuoi qualche delucidazione sulla procedura corretta da seguire per riuscire nell’impresa.

Ho indovinato? Sì? Bene, allora mettiamoci all’opera! Di seguito trovi tutte le istruzioni relative a come ripartire una SD. Quello che ti serve è solo qualche minuto di tempo libero, un lettore di schede SD da collegare al computer (nel caso in cui la tua postazione multimedia ne fosse sprovvista) e un minimo di attenzione e di concentrazione. Nient’altro. Ti anticipo già che la cosa è fattibile sia da Windows che da macOS e che non è assolutamente necessario essere degli ingegneri informatici per riuscirci.

Inoltre, ti dico subito che per compiere l’operazione in oggetto non hai necessariamente bisogno di ricorrere all’uso di software di terze parti, puoi fare tutto usando gli strumenti “di serie” de sistema operativo che stai impiegando. Ad ogni modo, se lo preferisci, puoi anche affidarti a tool di terze parti. Ora, però, basta chiacchierare e passiamo all’azione. Ti auguro, come mio solito, buona lettura e ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per ogni cosa. Are you ready?

Indice

Operazioni preliminari

Come ripartire una SD

Come ti dicevo in apertura, per poter ripartire una SD devi in primo luogo assicurarti di avere a tua disposizione un lettore di schede SD, appunto, collegato a tuo computer. La maggior parte dei computer portatili e fissi, sia di recente commercializzazione che più datati, ne integrano uno.

Se però questo non è il tuo caso, puoi facilmente far fronte alla cosa (qualora non avessi già provveduto preventivamente, ovviamente) comperando un lettore esterno da collegare al computer. Hanno prezzi abbastanza abbordabili (tra i 5 e i 30 euro a seconda della marca e del modello), molti di essi consentono di collegare anche altre tipologie di periferiche e possono essere acquistati nei negozi di elettronica oppure online, ad esempio su Amazon.

Vanja Lettore di Schede di Memoria SD/Micro SD, Adattatore Micro USB O...
Amazon.it: 12,99 € 6,99 €
Vedi offerta su Amazon
Philonext - Lettore di schede di Memoria SD/Micro SD e Adattatore Micr...
Amazon.it: 6,46 €
Vedi offerta su Amazon
UGREEN USB 3.0 Lettore Schede SD TF, Adattatore Schede Memoria Supersp...
Amazon.it: 11,99 €
Vedi offerta su Amazon
OneAudio USB C Hub 7 in 1 Adattatore Alimentazione PD, Lettore di sche...
Amazon.it: 89,99 € 32,99 €
Vedi offerta su Amazon
SanDisk Extreme PRO Lettore di Schede SD con Connettore USB 3.0
Amazon.it: 29,77 €
Vedi offerta su Amazon

A seconda del dispositivo su cui ritieni di utilizzare la scheda SD che intendi partizionare, devi altresì valutare l’uso di un file system differente. Se non sai quale file system scegliere per formattare le tue partizioni, qui di seguito trovi una breve panoramica di quelli più diffusi.

  • FAT32 – è il file system più “antico”, nonché quello che assicura il maggior grado di compatibilità con PC e dispositivi vari come smartphone, tablet, Smart TV, console per videogiochi ecc. Ha tuttavia molte limitazioni, ad esempio l’impossibilità di archiviare file più grandi di 4 GB.
  • NTFS – è il file system predefinito di Windows. Non è compatibile come il FAT32 con i dispositivi diversi dai PC Windows, almeno non anche in scrittura, ma offre un minor grado di frammentazione dei dati e permette di archiviare anche file più grandi di 4 GB.
  • ExFAT – è un file system compatibile quasi quanto il FAT32 ma è in grado di aggirare il limite dei 4 GB. È supportato da Windows, macOS e Linux.
  • HFS+ – è il file system di macOS. Non presenta limiti particolari per la grandezza dei file, non ha grandi problemi di frammentazione ma è supportato da pochissimi device al di fuori del mondo Mac.

Ripartire una SD su Windows

Stai usando un PC Windows e ti piacerebbe capire come ripartire una SD? Allora prosegui pure nella lettura. Nei passi qui di seguito, infatti, trovi spiegato come compiere l’operazione in oggetto sia utilizzando gli strumenti già inclusi nel sistema operativo che ricorrendo all’uso di risorse di terze parti. A te la scelta!

Gestione disco

Come ripartire una SD

Su Windows, il primo nonché più pratico strumento che ti suggerisco di prendere in considerazione per partizionare la tua scheda SD è Gestione disco. Si tratta dell’utility inclusa “di serie” in tutte le più recenti versioni del sistema operativo di casa Microsoft grazie alla quale, come intuibile dal nome stesso, è possibile gestire i dischi interni ed esterni del PC e altri dispositivi a esso collegati, il tutto in maniera abbastanza pratica.

Per servirtene, collega innanzitutto la scheda SD al lettore apposito del computer, fai clic sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) posto nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, digita “gestione disco” nel campo di ricerca e seleziona il primo risultato in elenco.

Nella finestra che si apre sul desktop, seleziona il nome della tua scheda SD dall’elenco al centro, dopodiché devi preoccuparti di rimpicciolire la partizione esistente in modo tale da poter poi sfruttare lo spazio libero ricavato per crearne una nuova. Per riuscirci, fai clic destro sul grafico che la riguarda posto in basso e seleziona la voce Riduci volume dal menu che compare.

Dopodiché devi specificare la quantità di spazio da ridurre (in MB) nell’apposito campo di testo e cliccare sul pulsante Riduci per salvare i cambiamenti. Successivamente, fai clic destro sul grafico dello spazio non allocato e seleziona la voce Nuovo volume semplice dal menu che compare.

Nella finestra che si apre, fai clic sul pulsante Avanti, indica le dimensioni (sempre in MB) che deve avere la partizione, la lettera da assegnare all’unità, il file system da usare per formattarla e l’etichetta. Per concludere, pigia sui pulsanti Avanti e Fine.

In caso di ripensamenti, potrai cancellare la partizione creata facendo clic destro sul grafico della stessa, selezionando la voce Elimina volume dal menu che si apre e pigiando sul bottone Si per confermare l’operazione. Tieni presente che la cancellazione della partizione comporta inevitabilmente la perdita dei dati in essa presenti. Prima di procedere, ti consiglio quindi di creare un backup, se non vuoi perderli, come ti ho spiegato nel mio tutorial dedicato all’argomento.

MiniTool Partition Wizard

Come ripartire una SD

In alternativa a Gestione disco, puoi ripartire la tua scheda SD ricorrendo all’uso di MiniTool Partition Wizard, un programma gratuito (solo per uso personale) che consente di compiere l’operazione oggetto di questa guida senza particolari difficoltà. Eventualmente ne esiste una variante a pagamento (costa 39 dollari) che si può impiegare anche per fini commerciali e che include funzioni extra, come la conversione dei dischi dinamici e la creazione di dischi auto-avvianti.

Per scaricare MiniTool Partition Wizard sul tuo PC, collegati al sito Internet del programma, e pigia sul pulsante Local Download che trovi in corrispondenza della dicitura Free Edition.

A download completato, apri il file .exe ottenuto e nella finestra che compare sul desktop fai clic sui pulsanti Si OK. In seguito, seleziona la voce I accept the agreement e pigia sul pulsante Next per quattro volte. Rimuovi poi la spunta relativa all’installazione di eventuali programmi extra (es. l’antivirus Avast), pigia ancora sul bottone Next e, per concludere, clicca sui pulsanti Install e Finish.

Ora che visualizzi la finestra principale del software sul desktop, collega la scheda SD al lettore del computer, clicca sul pulsante Disk & Partition Management e provvedi a formattare il contenuto della scheda selezionando con il tasto destro del mouse la voce relativa alla partizione principale dell’unità e pigiando sulla voce Delete presente nel menu che compare. Tieni presente che questo significa che devi cancellare tutti i file memorizzati sulla scheda, quindi provvedi a farne una copia di backup prima di procedere, come ti ho spiegato nella mia guida dedicata alla cosa.

Al termine dell’operazione, potrai creare le tue partizioni sulla SD. Per riuscirci, fai clic destro sulla voce relativa allo spazio non allocato presente sulla SD (*:) e seleziona la voce Create dal menu che compare. Nella finestra che si apre, scegli il tipo di file system dal menu a tendina File system e la lettera che vuoi assegnare alla partizione dal menu a tendina Driver Letter.

Utilizza poi la barra di regolazione che si trova in basso oppure i relativi menu per selezionare le dimensioni. Infine, per applicare i cambiamenti, clicca sui pulsanti OK Apply (in alto a sinistra).

Ripartire una SD su macOS

E su macOS? Come si fa per ripartire una SD? Scopriamolo subito. Qui di seguito trovi spiegato come riuscirci sia usando quanto già incluso nel sistema che mediante risorse di terze parti.

Utility Disco

Come ripartire una SD

Per partizionare una scheda su macOS, puoi in primo luogo avvalerti di Utility Disco, lo strumento già incluso su tutti i Mac grazie al quale è possibile gestire dischi, supporti esterni e relative partizioni.

Per servirtene, provvedi a collegare la scheda SD da partizionare al Mac, dopodiché avvia Utility Disco facendo clic sulla sua icona (quella con l’hard disk e lo stetoscopio) che trovi nella cartella Altro del Launchpad. In alternativa, puoi richiamare Utility Disco tramite Spotlight, Siri o dalla cartella Applicazioni di macOS.

Ora che visualizzi la finestra dell’utility sulla scrivania, seleziona il nome della scheda SD dall’elenco sulla sinistra, pigia sul bottone Partiziona situato nella parte in alto della finestra e sul pulsante [+] presente nella finestra che si apre.

Specifica poi la quantità di spazio che vuoi riservare alla nuova partizione tramite il campo Dimensioni oppure mediante il grafico a torta sulla sinistra, digita nel campo Nome il nome da assegnare alla partizione, scegli il file system con cui formattarla dal menu a tendina Formato e clicca sui pulsanti Applica, Partiziona e Continua situati in basso a destra.

Qualora dovessi avere dei ripensamenti, per cancellare la partizione creata seleziona il nome della scheda SD nell’elenco a sinistra nella finestra di Utility Disco, fai clic sul pulsante Partiziona posto in alto, seleziona la partizione da cancellare dal grafico a torta e clicca sul pulsante [-] posto in basso a sinistra.

Conferma poi l’esecuzione dell’operazione pigiando sui pulsanti Applica, Partiziona e Continua posti in basso a destra. La cancellazione della partizione, tienilo presente, comporta la perdita dei dati in essa presenti. Se vuoi evitare che ciò accada, effettuane prima un backup, come ti ho indicato nel mio tutorial dedicato alla cosa.

Paragon Hard Disk Manager

Come ripartire una SD

Se cerchi una valida alternativa a Utility Disco per ripartire una SD, puoi affidarti a Paragon Hard Disk Manager. Si tratta di un programma commerciale (costa 39,95 euro), eventualmente fruibile in versione di prova gratuita che risulta funzionante senza limitazioni per 10 giorni, il quale permette di gestire in maniera avanzata dischi esterni e interni e altri supporti collegati al Mac offrendo, dunque, la possibilità di effettuare partizionamenti, backup, copie e molto altro ancora

Per effettuarne il download sul tuo Mac, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Download. A scaricamento completato, apri il pacchetto .dmg ricavato e pigia sul pulsante Agree nella finestra comparsa sulla scrivania.

Sposta poi l’icona dell’applicazione nella cartella Applicazioni di macOS, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu visualizzato, in modo tale da avviare il software andando però ad aggirare le limitazioni di Apple verso gli sviluppatori non autorizzati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Se vedi comparire un avviso relativo al fatto che un’estensione di sistema è stata bloccata, pigia sul pulsante Apri le Preferenze sicurezza e fai clic sul bottone Consenti che trovi in basso a destra.

Ora che visualizzi la finestra del programma sulla scrivania, seleziona il nome della scheda SD dall’elenco al centro, fai clic sul simbolo dell’ingranaggio che trovi in corrispondenza dell’etichetta Libero e seleziona la voce Crea partizione dal menu che si apre.

Regola poi le dimensioni della partizione usando la barra di regolazione in cima oppure il campo che trovi in corrispondenza della voce Dimensioni partizione, scegli il file system da usare mediante il menu in basso, assegna un nome al volume compilando il campo sottostante e pigia sul pulsante OK.

Se vuoi eliminare una partizione creata, invece, pigia sempre sul simbolo dell’ingranaggio che trovi in corrispondenza della sua etichetta nella finestra principale del programma, scegli Elimina partizione dal menu che si apre e clicca sul pulsante OK per confermare la scelta fatta.

Se, invece, non c’è spazio disponibile per creare una nuova partizione, formatta quello già occupato pigiando sempre sul pulsante con l’ingranaggio in corrispondenza della relativa etichetta, selezionando la voce Formata partizione dal menu che si apre, indicando il nome che vuoi assegnare al volume e il relativo file system e pigiando sul pulsante Formatta.

Tieni presente che sia nel caso dell’eliminazione della partizione creata che della formattazione, i dati presenti sulla scheda andranno persi. Se vuoi evitare che ciò accada, effettuane prima un backup attenendoti alle istruzioni contenute nel mio tutorial sull’argomento.